Cuoche combattenti, in cucina un prodotto con un’etichetta antiviolenza

“Mai più silenzio e mai più paura, non siamo vittime ma combattenti”. Dal pesto di radicchio e noci alla gelatina di vino Merlot, in cucina contro la violenza sulle donne

Monreale, 23 gennaio 2018 – Confettura di pera e cannella, confettura di pera e noci, pesto di radicchio e noci, gelatina di vino Merlot, marmellata di cipolle rosse. A contraddistinguere il prodotto un’etichetta contenente una frase contro la violenza sulle donne. Questi sono solo alcuni dei prodotti artigianali confezionati dalle Cuoche Combattenti di Palermo. Un progetto messo a segno da Nicoletta, la fondatrice, e dal gruppo di donne che hanno sposato l’iniziativa che nasce da un’elaborazione di un percorso di fuoriuscita dalla violenza e di autodeterminazione personale femminile.

“L’amore non mette catene”; “Chi ti ama non ti controlla”; “L’amore non ammette minacce mai”; “Tu vali e sei libera sempre”; “Sei perfetta così come sei”. Le etichette hanno il compito di ricordare alla donna chi è e quanto vale, di girare per la cucina e per le mani delle donne che hanno bisogno di ricordarselo, “per portare un attimo di luce nelle case di chi ne ha bisogno”.

La violenza non è solo fisica ma soprattutto psicologica, inoltre ha tantissimi alleati come il silenzio. La cultura dell’amore romantico spesso lega la donna a degli stereotipi e a dei ruoli relazionali che contemplano il possesso e ancora la dipendenza economica. Il progetto si sviluppa e prende forza da queste ed altre importanti consapevolezze acquisite durante il percorso svolto dalle donne che hanno subito violenza.

“Quindi mai più silenzio e mai più paura, non siamo vittime ma combattenti”. Sono le ragioni  dalla quale è nata l’idea. Dalla consapevolezza prende forma il progetto che prevede un laboratorio di trasformazione alimentare che possa dare autodeterminazione alle donne vittime di violenza. 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.