Oggi è 16/11/2018

Cultura

Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

La testimonianza di un monrealese che da ragazzo accorse nei territori colpiti dal sisma del 1968

Pubblicato il 15 gennaio 2018

Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: <em>«A Camporeale c’era un silenzio surreale».</em>

Monreale, 15 gennaio 2018 – Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla sensazione che il letto barcollasse, sensazione che si tramutò in realtà non appena sveglio perché lo sentivo ancora dondolare.

Mia madre, che dormiva con mia sorella in un’alta stanza anch’esse svegliatesi, si guardavamo impaurite e non sapevano cosa fare anche se mia madre cercava di tranquillizzarci ripetendo continuamente: «È il terremoto, non preoccupatevi». Mio fratello maggiore invece, dormiva e continuava a dormire.

Dopo pochi minuti un forte bussare alla porta. Erano i vicini di casa, marito e moglie i quali, preoccupati, volevano sapere nostre notizie e ci intimavano di vestirci; ci avrebbero condotto nella loro campagna, nei pressi di Isola delle Femmine. Da quando era morto mio padre qualche anno prima, da parte di tutti, parenti, amici e vicini, c’era un’attenzione particolare nei confronti della nostra famiglia e stante le sofferenze di mia madre, soprattutto a livello cardiaco, tutti si prodigavano per esserci d’aiuto. Ci vestimmo e, presi alcuni generi di prima necessità ed alcune coperte, con la macchina dei vicini ci indirizzammo verso il paesino di Isola.

Nelle strade c’era un traffico insolito ma procedemmo speditamente ed una volta arrivati, notai che tutta la campagna (a quel tempo non esistevano le centinaia di villini che poi avrebbero deturpato il territorio) era un insieme di vari focolai sparsi e vari aggruppamenti di persone che bivaccano, forse provenienti dal paese o dalle zone vicine. Anche noi allestimmo un fuoco per riscaldarci. Era una nottata fredda e da bravi siciliani le donne si preoccuparono di preparare da mangiare, scambiando viveri e portate con le famiglie vicine, come fosse una gara di solidarietà reciproca, dove non esisteva nessuna differenza di classe o di ceto sociale. Noi ragazzi e ragazze invece, forse spinti dalla comunanza giovanile, giravamo di fuoco in fuoco, non tanto per chiedere notizie, bensì per cercare di fare nuove conoscenze al fine di potersi poi vantare di improbabili conquiste. Così passò la notte e all’indomani, a giorno fatto, ritornammo a casa con l’auspicio di poter conoscere il succedersi degli avvenimenti ed il da farsi.

Tornati a casa, grazie alla radio ed alla televisione apprendemmo il vero fenomeno del dramma ma anche allora non percepii la vera portata del fenomeno che ai miei occhi era come non mi riguardasse, come se la tragedia che coinvolgeva vari paesi fosse distante, in un altro mondo. Con le scuole chiuse, gli unici punti di incontro di noi giovani erano l’oratorio e l’Associazione dei boy scout che frequentavo nella chiesa di San Domenico.

Qui l’ASCI (Associazione Scoutistica Cattolica Italiana, poi sciolta d’autorità negli anni seguenti per infiltrazioni di idee di “sinistra”) organizzò, erano appena passati otto/dieci giorni dall’accaduto, una spedizione di soccorso che doveva portare viveri e vestiario ed anche giocattoli alle popolazioni colpite dal sisma. Alla mia squadra di 8 ragazzi I Castori di cui ero il caposquadriglia, stipati in un camion, con la sola copertura di un telone e dove gli spifferi di vento entravano in continuazione, il prete che ci accompagnava stava seduto accanto all’autista, toccò andare a Camporeale, per me paese sconosciuto che si trovava dopo San Giuseppe Jato e San Cipirrello e che molti chiamavano u masciddaru.

Appena arrivati notai subito che non vi era nessuna forma di organizzazione e coordinamento. I carabinieri, alle porte del paese,  ci indirizzarono alla periferia dell’agglomerato dove era stato allestito un minimo centro di raccordo e qui notai camion con viveri chiusi e presidiati dall’esercito, altri camion provenienti da vari paesi dell’Italia con indumenti e coperte, una tenda della Croce Rossa e soprattutto soldati in uniforme che provenendo dal paese si davano il cambio con le fresche leve, in quanto le operazioni di scavo e di soccorso erano da qualche giorno cominciate e non tendevano a smettere. E poi un silenzio, quasi surreale. Il parlare tra tutti era pacato, appena lieve, ogni tanto si sentiva urlare qualche comando o la musica di qualche radiolina portatile accesa in attesa di ascoltare le notizie del radiogiornale.

Venivano persone dallo sguardo spento che chiedevano del pane fresco o delle coperte e maglioni. Non c’era ressa, si avvicinavano quasi con timore. I bambini prima di accettare un giocattolo volgevano lo sguardo verso il proprio parente per averne il consenso. Ci chiedevano piatti o bicchieri ma noi non ne avevamo. Tra il vario scatolame preferivano la carne in scatola, la caponata e lo sgombro, il formaggio ed i salumi. Dei pelati, che rifiutavano, ci dicevano che era difficoltoso per loro cucinare in quanto non avevano più la cucina e soprattutto mancava l’acqua corrente. Molti ci chiesero che militari fossimo, perché la divisa e lo strano cappello che indossavamo per loro era ignoto, e come mai fossimo così giovani. Chiedevano notizie degli altri paesi ma noi non sapevamo cosa rispondere. Si preoccupavano di quelli degli altri paesi che erano rimasti vivi e se lo Stato fosse intervenuto o provvedesse a loro. Ci dicevano che volevano ricostruire Camporeale in un altro posto ma loro non volevano essere sfrattati dalle loro case o dai ruderi che erano rimasti. Prendevano quasi l’essenziale, malgrado noi li sforzassimo ad accettarne di più e ci ringraziavano oltre che a parole con lo sguardo o una stretta di mano più calorosa.

Al pomeriggio verso le 16 ci preparammo per ritornare a Palermo, dopo aver consegnato quello che restava delle provviste in una tenda impiantata lì vicino. Sul camion l’euforia del mattino era scomparsa. Un mesto silenzio ci avvolgeva. Non avevamo voglia di scherzare o quantomeno di commentare il vissuto della giornata, forse con la triste consapevolezza che non sarebbe cambiato nulla e che tutto sarebbe rimasto nell’abbandono, tale e quale poi si è avverato.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “Ricominciamo da qui”, Monreale tra le tappe delle “Giornate dell’Economia del Mezzogiorno”

    Cultura

    Monreale, 15 novembre 2018 - Si terrà a Monreale il 23 novembre una delle "Giornate dell'Economia del Mezzogiorno", una serie di eventi che si svolgeranno in varie località e che avranno come temi lo sviluppo economico e l'occupazione. Nella giornata del 23 novembre, dal titolo "Ricomin..


  • Via Aldo Moro si risveglia sommersa dai rifiuti. Residenti stanchi chiedono interventi incisivi

    Cultura

    [gallery ids="82850,82849,82847"] Monreale, 15 novembre 2018 -"In via Aldo Moro ci sono residenti onesti che, come noi, fanno la differenziata e siamo stanchi di vedere questo tutti i giorni". Una mancanza di rispetto per il prossimo, per il proprio vicino di casa, ma anche per i nostri stessi fi..


  • Approvazione del rendiconto 2017, manca la relazione dei Revisori dei conti. FI: “Di cosa dobbiamo discutere senza un documento tanto importante?”

    Cultura

    Monreale, 15 novembre 2018 - "Ancora una volta assistiamo all’ennesima mortificazione del consiglio comunale come organo rappresentativo dell’interesse dei cittadini. Ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, sottolineiamo come questa amministrazione sia inadeguata ed incapace nel portare avanti..


  • Monreale, approvazione rendiconto 2017. Romanotto (Lega): “Manca la relazione del Collegio dei revisori. Il documento non si potrà votare”

    Cultura

    Monreale, 15 novembre 2018 - Questa sera il consiglio comunale è chiamata ad approvare il rendiconto 2017. Un unico punto all’ordine del giorno, intorno al quale si prevede un ampio e acceso dibattito. Ma già prima di avviare la seduta è il consigliere comunale della Lega, Giuseppe Romanotto..


  • Monreale, saldo TARI 2018. Come e quando pagare le rate

    Cultura

    Monreale, 15 novembre 2018 - Sono stati messi in distribuzione i modelli fiscali F24 per effettuare il pagamento delle rate a saldo TARI2018. Il pagamento va effettuato entro il 31 dicembre 2018, ma potrà essere suddiviso anche in due rate. La prima va pagata entro il 30 ..


  • Centro per l’impiego, Capizzi: “Da oggi c’è l’ok all’agibilità dei locali”

    Cultura

    È stato definito stamane l'iter amministrativo per l’agibilità dei locali di via Venero che ospiteranno il nuovo Centro per l’Impiego. Lo rende noto il sindaco di Monreale Piero Capizzi che ha trasmesso al Dipartimento regionale dell’Assessorato al Lavoro il certificato di agibilità dell’..


  • Aquino, case popolari. Cornicioni pericolanti e muri consumati da muffa e umidità

    Cultura

    Monreale, 15 novembre 2018 — Non c’è requie per i residenti di via Santa Liberata, nella frazione di Aquino. Oltre al già trattato problema delle tubature idriche, le condizioni generali degli edifici non sono meno preoccupanti.


  • Strazzasiti: “Strada a rischio frana. Il comune intervenga”

    Cultura

    [gallery ids="82780,82781,82782,82783,82784,82785,82786,82787,82788,82789,82790,82791,82792"] Monreale, 15 novembre 2018 - “Via esterna Strazzasiti è una strada di competenza comunale” - dichiarano i residenti della contrada monrealese, che chiedono che venga fatto un intervento per ripristi..


  • Rivoluzione nel sistema di gestione dei rifiuti. Via le SRR. Salvataggio per tutto il personale, anche amministrativi e tecnici

    Cultura

    Palermo, 15 novembre 2018 - Si tratta di una vera e propria rivoluzione del sistema di gestione dei rifiuti in Sicilia. Di fronte all’emergenza sanitaria, legata alla saturazione delle discariche, e ai costi di conferimento, e quindi alle tasse elevate, l’Assemblea Regionale Siciliana sta lavora..


  • Truffelli a Monreale per parlare di politica

    Cultura

    Monreale, 14 novembre 2018 - L'Azione Cattolica "Beata Pina Suriano" di Monreale, presenterà il libro "La P maiuscola. Fare politica sotto le parti" di Matteo Truffelli (docente universitario e Presidente nazionale dell'Azione Cattolica Italiana). L'evento si svolgerà il 15 novembre alle 17 nel Pa..


  • Aquino, case popolari senza gas. Intervengono gli operai COM.EST.

    Cultura

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2018/11/WhatsApp-Video-2018-11-14-at-13.26.16.mp4"][/video] Monreale, 14 novembre 2018 - Ancora disagi per i residenti delle case popolari di Aquino. Da ieri sera, infatti, le famiglie dei 4 padiglioni si s..


  • Assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Ecco come richiederla

    Cultura

    Monreale, 14 novembre 2018 - Il Distretto Socio Sanitario 42 provvederà agli interventi ammissibili per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. A darne notizia è il Comune di Monreale.  Gli interessati possono rappresentare la propria situazione pres..


  • Via Olio di Lino riapre al transito, terminati i lavori di ripristino del manto stradale

    Cultura

    Palermo, 14 novembre 2018 - Da questa sera sarà di nuovo possibile transitare in via Olio di Lino. I lavori di ripristino della strada termineranno nel pomeriggio, dopo più di una settimana di disagi per i residenti e per chi quotidianamente utilizza questo tratto. Una settimana impegnativa, co..


  • Tetra Pak, “La Buona Compagnia non si Rifiuta”. Parte oggi la campagna di comunicazione ambientale promossa dal Comune di Monreale

    Cultura

    Monreale, 14 novembre 2018 - È stata presentata stamane in aula consiliare la campagna di comunicazione ambientale promossa dal Comune di Monreale, in collaborazione con Tetra Pak Italia che  prende il via oggi e si concluderà nel gennaio 2019, pronta a coinvolgere circa 40.000 abit..


  • Strade Provinciali 94, 95, 103 e 42 travolte dal fango, viabilità bloccata e terreni irraggiungibili

    Cultura

    Piana degli Albanesi, 14 novembre 2018 - Restano impraticabili le arterie che collegano tra loro Piana degli Albanesi, San Cipirello e le contrade di Arcidocale, Mondaperto e Manali per poi proseguire verso Contrada Aquila e Santuario Madonna di Tagliavia.


  • Affidamento del campo di calcio “Conca d’Oro”. Per Russo (PD) troppe ombre: “Errori nell’attribuzione di punteggi, danno economico per il comune”

    Cultura

    Monreale, 13 novembre 2018 - A distanza di alcuni mesi dalla sentenza del TAR della Sicilia che aveva annullato la gara di affidamento del campo di calcio “Conca d’Oro” alla Polisportiva Dilettantistica Calcio Sicilia (


  • Via Olio di Lino, prevista per domani la riapertura

    Cultura

    [gallery ids="82653,82652,82651,82650,82649"] Monreale, 13 novembre 2018 - Riaprirà domani via Olio di Lino, entro oggi sarà chiuso lo scavo mentre domani la ditta provvederà ad asfaltare.  Dopo otto giorni dall'apertura della voragine, l'impresa incaricata dall'Amap ha sostituito..


  • Roccamena richiede lo stato di calamità naturale. Ingenti danni all’agricoltura

    Cultura

    Roccamena, 13 novembre 2018 - Anche la Giunta Comunale di Roccamena ha approvato la proposta per richiedere lo stato di calamità naturale a causa dei gravi danni subiti durante i giorni di forte maltempo che hanno interessato la Sicilia. [caption id="attachment_76791" align="alignleft" width="30..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com