Trasporto pubblico, riduzione delle corse e disagi per i residenti di San Martino delle Scale

Ridotti i trasferimenti regionali al trasporto pubblico. Passeggeri costretti a lunghe camminate a piedi. “Orari non compatibili per i ragazzi che escono da scuola, né per quelli che vogliono svolgere in paese attività pomeridiane”

Monreale, 3 gennaio 2018 – Corse del trasporto pubblico pomeridiane ridotte, studenti e altri passeggeri costretti a raggiungere Monreale a piedi. Il disagio viene segnalato dai residenti delle aree urbane di San Martino delle Scale e Piano Geli. Ma anche lunghe attese e disagi per alcuni passeggeri che il 31 dicembre dovevano spostarsi a Palermo e hanno dovuto farlo a piedi. L’autobus della linea 389 dell’Amat troppo affollato e senza posti liberi.

Da settembre 2017 la ditta delle autolinee Giordano, che collega Monreale con le frazioni, ha rimodulato gli orari, mentre la domenica e i festivi il servizio non è previsto. Per i residenti della comunità montana, ma anche per chi abita lungo via Regione Siciliana, la non continuità delle corse genera gravi difficoltà. “Vado ad aiutare una zia anziana, finisco alle 18 e sono costretta a tornare a piedi a casa con il buio pesto, diversamente devo attendere la corsa delle 19,50”, racconta una passeggera della linea 2, che serve San Martino e Piano Geli. “Non ci sono orari compatibili per i ragazzi che escono da scuola, né per quelli che vogliono svolgere in paese attività pomeridiane”, dice una mamma residente in via Regione Siciliana. 

La limitazione delle corse limita soprattutto i giovani studenti che vogliono nel pomeriggio intraprendere attività sportive nelle palestre di Monreale.

La causa delle corse non continue? I tagli da parte della Regione Siciliana che ha ridotto già da tempo i fondi destinati al trasporto pubblico locale. “Diversificando partenze e arrivi in base alle esigenze dell’utenza, soprattutto scolastica, abbiamo cercato di servire tutto il territorio”, spiega Loredana Giordano responsabile delle Autolinee Giordano. “Non ci sono abbastanza contributi, una situazione che non riguarda solo Monreale – continua -, in ogni caso se emergono necessità la nostra sede è disponibile a prenderle in considerazione”. 

Le problematiche nelle aree servite dalla ditta monrealese dovranno essere sottoposte al vaglio dell’amministrazione comunale.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.