Monreale. Il PD si riorganizza: domenica 10 il tesseramento. Il 17 il congresso per eleggere segretario e direttivo

“Continuiamo con il sindaco Piero Capizzi. Alternativi a Saverio Romano”

Monreale, 7 dicembre 2017 – Il Partito Democratico monrealese prova a ripartire. Dopo i forti scossoni ricevuti, prima la sconfitta elettorale del 5 novembre, poi l’emorragia di consiglieri comunali e comunque il trasloco di una parte rilevante, quella del gruppo che fa riferimento a Toti Zuccaro, il partito riavvia la macchina organizzativa. Innanzitutto con il tesseramento 2017. Domenica 10 dicembre, in corso Pietro Novelli (altezza chiasso Cavallaro), dalle ore 9.30 alle 13.00 ci sarà la giornata pubblica conclusiva del tesseramento 2017.

Passo propedeutico per convocare il congresso cittadino per eleggere il segretario ed il direttivo, che si terrà la domenica successiva, 17 dicembre, a partire dalle 10.00, nella sala Millunzi del collegio di Maria.

Ieri sera si è riunita la commissione del pd monrealese composta da Tonino Russo, Silvio Russo, Ignazio Davì, Vittorio Di Salvo e Biagio Cigno. All’ordine del giorno anche una riflessione sugli sviluppi politici di questi ultimi giorni. “La fuoriuscita del gruppo legato a Toti Zuccaro ci consente di fare chiarezza – dichiara la commissione in una nota ufficiale -. Il PD monrealese può finalmente superare l’ambiguità identitaria e le contraddizioni che la presenza degli esponenti ora legati a Saverio Romano finora gli avevano impedito. 

Il Partito Democratico con determinazione e fermezza continuerà a rispettare l’impegno assunto con gli elettori in occasione delle elezioni amministrative in cui venne eletto il sindaco Piero Capizzi. Per tale ragione apprezziamo le sue testuali parole che a nostro avviso non lasciano alcun dubbio interpretativo: “Ribadisco che il mio progetto civico vede il Pd come interlocutore privilegiato […] “considero il Pd un grande partito con quale riapriremo un confronto nei prossimi giorni. Chiederò di sapere chi c’è e chi non c’è per portare avanti gli obiettivi programmatici del mio programma elettorale”. 

“Per quanto ci riguarda, – proseguono gli esponenti Dem – siamo pronti ad assumerci fino in fondo le nostre responsabilità nell’ottica della massima chiarezza e del rilancio dell’azione amministrativa. Con altrettanta nettezza precisiamo che il Partito Democratico è ontologicamente alternativo al “progetto politico” ed al mondo dei vari Saverio Romano di turno. Quindi, siamo pronti ad un incontro costruttivo ma indisponibili a perdite di tempo”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.