Oggi è 23/07/2018

Corleone

Il boss (non) è solo. «I mafiosi devono essere isolati»

Il racconto di un’altra Corleone, che esiste, è bella, viva, impegnata, è ad oggi meno interessante

Pubblicato il 27 novembre 2017

Il boss (non) è solo. «I mafiosi devono essere isolati»

Riceviamo e pubbliciamo una nota di Elisa Marino a nome del CIDMA di Corleone, Centro Internazionale Di Documentazione sulla Mafia e Movimento Antimafia.

Le telecamere si sono spente, la notizia della morte di Riina è stata “digerita”, il mondo dell’informazione è passato finalmente a parlare di altro e Corleone è ritornata alla sua quotidianità di paese dell’entroterra siculo alle prese con emergenze sociali tanto annose quanto lontane da una soluzione (disoccupazione giovanile con conseguente emigrazione, servizi carenti, strade dissestate solo per citarne alcune). Periodicamente un ciclone mediatico investe il paese. Puntualmente riguarda la mafia: che si tratti di indagini, arresti, morti, sempre e solo di mafia si parla. Sembra che questo paese, che pure ha una sua storia e una sua bellezza, sia incapace di far parlare di sé per altro. 

Il racconto di un’altra Corleone, che esiste, è bella, viva, impegnata, è ad oggi meno interessante. 
Se la narrazione è sempre la stessa, di certo la responsabilità non è solo dei cronisti. Spesso esagerano, è vero, leggendo tutto secondo una visione distorta e tendenziosa (si è parlato, ad esempio, di una Corleone deserta e di locali chiusi per lutto), ma non si può negare che molti nostri compaesani alimentino, con la loro omertà, la loro ignoranza e la loro reticenza, il racconto di una Corleone irriducibile terra di mafia. L’ambientazione è sempre la stessa: villa comunale, panchine occupate da anziani con o senza coppola, San Francesco che allarga le braccia (credo in segno di rassegnazione). Dai corleonesi che trascorrono il loro tempo indolenti tra panchina e bar non mi aspettavo niente di diverso: ignoranza e paura, cordoglio e, addirittura, orgoglio per un compaesano che hanno definito “galantuomo”. Un assassino feroce, condannato in via definitiva a decine di ergastoli, un “galantuomo”. Sì, perché la mafia ha un suo “lessico” che rimanda a un sistema di “valori” alla rovescia: di un criminale si può dire che era un galantuomo perché è rimasto “coerente”, “fedele” al suo “credo”, perché non si è mai pentito, non ha mai indietreggiato. Riina non era un “infame” e per questo meriterebbe “rispetto”. Alcuni si sono rifiutati di rilasciare dichiarazioni verbali compensando con dichiarazioni gestuali o dandosi alla fuga davanti ai cronisti. Per imbarazzo, forse. Per paura, sicuramente. 

Sono anziani, si dirà, appartengono a un’altra generazione, quella che le sparatorie per strada le ha viste, quella che gli anni bui della scalata sanguinaria dei “corleonesi” al potere li ha vissuti. Sono ignoranti. Sono “addestrati” dall’abitudine a difendersi rispondendo che non sanno niente, deformando il viso in un’espressione interrogativa, omertosa, diffidente verso lo “straniero” che con le sue domande “tendenziose” turba il lento scorrere di una vita tranquilla, senza infamia e senza lode. Nella peggiore e più veritiera delle ipotesi, hanno interiorizzato la subcultura mafiosa che si nutre di negazione e reticenza.

Non è a loro, agli irriducibili della panchina, della coppola e dell’omertà, che è rivolta la mia riflessione, ma a tutti quelli che hanno espresso in questi giorni cordoglio e vicinanza alla famiglia Riina. Corleonesi ai quali non si può riconoscere l’ “attenuante generazionale”, più o meno istruiti, “insospettabili” che dimostrano con il loro atteggiamento quanto lunga sia ancora la strada da percorrere per questo paese. 
A voi chiedo: davvero ritenete Riina degno di cordoglio in quanto uomo? Quale delle sue “imprese” criminali lo rende ai vostri occhi meritevole di “rispetto”? Può la morte da sola trasformare un assassino che non ha mai mostrato alcun segno di pentimento in un uomo degno di compassione? Può la morte da sola annullare ciò che si è stati in vita? In virtù di quale cortocircuito mentale un individuo che fino all’ultimo respiro è stato un mafioso convinto, esalato l’ultimo respiro, diventerebbe un uomo degno di rispetto? “In quanto morto”, si risponderà. È una motivazione sufficiente?

La morte spegnerà tutti indistintamente. È il ricordo di ciò che si è stati, delle tracce lasciate, delle parole dette, delle azioni compiute, che fa la differenza. Riina era un assassino, ha costruito la sua “brillante” carriera criminale col sangue. Questa è la sua eredità immorale. E in virtù di questa eredità non merita “onore di pianti” né condoglianze fuori luogo. Il cordoglio non è un “omaggio doveroso” ma una forma di consenso pericolosa: i mafiosi, al contrario, devono essere isolati, non devono sentire intorno a sé una solidarietà che rischia di sconfinare nell’approvazione.

Mi rivolgo ai corleonesi per tacere delle centinaia di messaggi che la famiglia del boss defunto ha ricevuto da ogni parte della Sicilia, dell’Italia, del mondo. Chi vive fuori dal nostro territorio è probabilmente legato alla “mitologia” della mafia alimentata da film e serie televisive. Ma ogni corleonese, come ogni siciliano, dovrebbe sapere che l’arretratezza in cui versa il nostro territorio è strettamente legata alla presenza della mafia: dove c’è mafia non c’è sviluppo economico. Purtroppo il radicamento della mafia è possibile dove la presenza dello Stato non è forte, dove la politica, quella chiamata a garantire diritti e giustizia sociale, ha abdicato alla sua vocazione per diventare altro: un sistema di potere che mira all’ “autoconservazione”, difende interessi particolari, nega diritti e li trasforma in privilegi, alimenta le ingiustizie sociali. 

(Cari corleonesi, ricordatevene quando torneremo a votare per la prima volta dopo lo scioglimento del Comune per mafia!)
La morte di Riina ha fatto riemergere contraddizioni latenti nella comunità corleonese: il dato preoccupante è il pericolo concreto che la mafia non abbia perso il consenso ma che, al contrario, possa conquistarlo sfruttando il disagio sociale, la mancanza di prospettive future, l’ignoranza. La buona battaglia non può che essere combattuta sul piano politico (lavoro, diritti, servizi) e sul piano culturale (istruzione, lotta alla dispersione scolastica, educazione alla cittadinanza). Abbiamo tutte le risorse per farcela!

E vediamo di farcela perché non se ne può più!

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Ragazzina di 14 anni violentata dal branco. È accaduto in provincia di Palermo

    Corleone

    In tre avrebbero violentato una ragazzina di 14 anni in paese della provincia di Palermo. Gli agenti della polizia di Stato hanno notificato tre provvedimenti di permanenza in casa per un diciassettenne e due quindicenni accusati di violenza sessuale di gruppo. I 

    Continua a Leggere

  • XVI Rally Valle dei Templi. La coppia Ferreri Polizzi si piazza prima nel suo raggruppamento

    Corleone

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=5yXOMamf1AM&feature=youtu.be[/embed] Agrigento, 23 luglio 2018 - Si è tenuto ieri notte il XVI Rally Valle dei Templi. La gara ha preso il via alle 00.01 di domenica, per terminare intorno alle 13,00. La prova rientra nel campionato siciliano, ma è val..

    Continua a Leggere

  • Accoglienza, una storia di semplice umanità

    Corleone

    Milano, 23 luglio 2018:  - Cosa posso fare per te, desideri qualcosa...un gelato? - No....vorrei solo fare una doccia. Ecco apparentemente un dialogo senza senso: due interlocutori che discutono su una ipotetica scelta, a dire il vero piuttosto bizzarra, tra una coccola ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Crediti nei confronti del comune? Ora possibile presentare istanza di rimborso (iscrizione alla massa passiva)

    Corleone

    Monreale, 23 luglio 2018 - Il 17 luglio scorso si è insediata la Commissione straordinaria di liquidazione del comune di Monreale che provvederà a gestire il pagamento dei debiti pregressi contratti dal comune fino a dicembre 2017. Come stabilito dalla normativa vigente, l’organismo straordin..

    Continua a Leggere

  • Spaccio, furti ed estorsioni. Quattro ragazzi in arresto tra Carini e Terrasini

    Corleone

    I Carabinieri della Compagnia di Carini  nei comuni di Cinisi e Terrasini (PA), hanno dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della misura cautelare nei confronti di quattro soggetti (di cui 1 agli  arresti domiciliari, 2 destinatari di obbligo di ..


  • Altofonte, Festa di Sant’Anna. Lunedì la Notte Bianca

    Corleone


  • Malta. Alla “The Chamber Of Fashion” sfilano le modelle della Vanity Models Management del monrealese Francesco Pampa (LE FOTO)

    Corleone

    [gallery ids="71484,71485,71486,71487,71488,71489,71490,71491,71492"] Malta 22 luglio 2018 - Si è svolto giovedì 19 luglio nella stupenda cornice di Palazzo Verdala a Malta, "The Chamber Of Fashion", una serata internazionale della cultura attraverso la moda.  Tra le tante modelle hanno..


  • “Estate…Pirandello mio ti conosco”. Da lunedì a Casa Cultura Santa Caterina alcune opere dello scrittore siciliano

    Corleone

    [gallery ids="71474,71475,71477,71478"] Monreale, 22 luglio 2018 - Anche durante l’estate Casa Cultura Santa Caterina continua con la sua offerta culturale alla città. Lunedì 23 luglio 2018 verrà inaugurata una piccola esposizione sulle opere di Pirandello (dopo quella su Ignazio Buttit..


  • Monreale. Parte l’incendio per i botti della festa del quartiere Carmine

    Corleone

    Monreale, 22 luglio 2018 - I fuochi d'artificio si trasformano in un incendio. Tutto avviene quando già alle 7 del mattino la temperatura segna già 30 gradi e mentre soffia il vento di scirocco. Stamattina Monreale è stata svegliata dall'alborata per i festeggiamenti in onore della Madonna del..


  • Monreale, incendio minaccia villette a Giacalone. Sul posto i Forestali con pochi mezzi

    Corleone

    Monreale, 21 luglio 2018 - Questo pomeriggio a Monreale un grosso incendio ha minacciato diverse abitazioni, a peggiorare la situazione è stato non solo il vento che ha alimentato le fiamme ma anche la grave carenza di mezzi in dotazione alle squadre antincendio. Il rogo si è sviluppato in loca..


  • Monreale. Applausi per il concerto di Silvia Vaglica e Stephen Vaglica (LE IMMAGINI)

    Corleone

    [gallery ids="71429,71430,71431,71432,71433,71434,71435,71436,71437,71438,71439,71440,71441,71442,71443,71444,71445,71446,71447"] Monreale, 21 luglio 2018 - Un caloroso pubblico ha assistito ieri sera all’interno del duomo di Monreale al concerto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana nel duomo d..


  • Monreale. Il belvedere riaperto a cittadini e visitatori. Oggi l’inaugurazione (LE FOTO)

    Corleone

    [gallery ids="71407,71408,71409,71410,71411,71412,71413"] Monreale, 21 luglio 2018 - Dopo circa sette anni è stato ufficialmente riaperto questa mattina il belvedere della villa di Monreale. Un risultato ottenuto grazie alla collaborazione di tanti volontari che nel corso degli ultimi mesi ..


  • Vuoi visitare il Chiostro di Monreale? Devi pagare un sovrapprezzo per la mostra di Jan Fabre. Lo stop della Regione

    Corleone

    Monreale, 21 luglio 2018 - I visitatori del Chiostro di Monreale obbligati a pagare un supplemento anche se non interessati a una mostra allestita al suo interno. La Regione stoppa il provvedimento dopo che all'interno del monumento monrealese si è è registrato un brusco calo di accessi. Le polemi..


  • “Non portate i vostri rifiuti a Palermo”. Orlando scrive anche a Monreale

    Corleone

    Palermo  21 luglio 2018 - Il Sindaco Leoluca Orlando ha scritto una lettera, indirizzata ai sindaci dei Comuni limitrofi alla Città di Palermo e per conoscenza al Presidente della Regione siciliana e commissario ai rifiuti, al Prefetto di Palermo, all’Assessore Regionale ai Rifiuti ed al Dir..


  • Declassamento dell’ospedale di Corleone. Sindaci, sindacati e movimenti preoccupati

    Corleone

    Corleone, 21 luglio 2018 - Il corleonese dice No al taglio all’Ospedale dei Bianchi di Corleone.  La Commissione Straordinaria del Comune di Corleone, i Sindaci di Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Giuliana, Marineo, Prizzi, Roccamena, i rappresentanti sindacal..


  • Cementificazione e consumo suolo, in Sicilia è allarme 

    Corleone

    20 luglio 2018 - Continua la cementificazione in tutta Italia, e per la Sicilia si rinnova il rischio di dissesto idrogeologico a causa dell’erosione del terreno: la conferma arriva dall’ultimo rapporto Ispra, che evidenzia come un quarto del suolo naturale perduto a li..


  • Belvedere di Monreale, per domani prevista l’apertura alle 10,00

    Corleone

    Monreale, 20 luglio 2018 - Dopo l’input dato dal sopralluogo e dalla conseguenziale relazione tecnica redatta dal Prof. Giuseppe Schicchi e dal Prof. Manlio speciale, rispettivamente Direttore e Curatore dell’Orto Botanico di Palermo, dopo aver aperto e ridato ai visitatori circa 40 m. di affacc..


  • Un impianto di gestione di rifiuti pericolosi scoperto a Palermo. Legami con il mercato nero dei metalli

    Corleone

    [gallery ids="71299,71300"]

    I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e forestale del Centro Anticrimine Natura di Palermo, supportati dai colleghi della Compagnia Carabinieri di San Lorenzo, hanno sequestrato – all’interno di un p..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com