Oggi è 25/05/2018

Cronaca

Operazione “Falco”. Nessuna vittima del racket ha mai denunciato gli estorsori. Lezioni di mafia per i giovani affiliati

Una mafia capace di rigenerarsi e perpetrare le sue regole. Un dovere il sostentamento per detenuti e loro familiari

Pubblicato il 21 novembre 2017

Operazione “Falco”. Nessuna vittima del racket ha mai denunciato gli estorsori. Lezioni di mafia per i giovani affiliati

Palermo, 21 Novembre 2017 – “Nonostante il momento storico abbia dimostrato segnali di cambiamento di direzione della Sicilia, questa volta non si è registrata la stessa collaborazione dei commercianti che hanno denunciato i loro estortori”. E’ amaro il commento del Colonnello dei Carabinieri Di Stasio, al termine dell’operazione “Falco” che ha decimato la cupola di Santa Maria di Gesù a Palermo.

Nessuna delle vittime della pratica estorsiva ha mai denunciato le imposizioni subite

Nessuna delle vittime della pratica estorsiva perpetrata dalla famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù ha mai denunciato le imposizioni subite.

Invece gli imprenditori hanno spesso fatto ricorso agli indagati al fine di ottenere la commissione di lavori presso terzi. Quella dell’“imprenditore colluso”con la mafia è una figura ampiamente presente nel territorio

La famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù – ha spiegato il Colonnello Di Stasio – è storicamente tra le più antiche e influenti di cosa nostra. E’ stata capace di riorganizzarsi internamente dopo ogni operazione delle Forze dell’Ordine e della Magistratura, tramandando regole e tradizioni ferree ai nuovi affiliati, ricostruendo di volta in volta la sua gerarchia con elezioni dei rappresentanti ai vari livelli, controllando il territorio, ricorrendo all’uso della violenza nella pratica estorsiva e sostenendo gli affiliati detenuti e le rispettive famiglie”.

I minori livelli della famiglia erano delegati anche all’esercizio della violenza necessaria per esercitare il controllo sul territorio. E’ stato documentato un pestaggio ai danni di un soggetto non identificato a cui partecipavano TINNIRELLO Giuseppe, SCARANTINO Lorenzo e PROFETA Antonino, raggiunti poi da PEDALINO Francesco.

Le intercettazioni, eseguite in luoghi considerati assolutamente sicuri dagli indagati, hanno consentito di avere cognizione del ferreo ed ortodosso rispetto delle regole di cosa nostra.

Vere e proprie lezioni di mafia per i giovani affiliati

PROFETA Salvatore e GAMBINO Giuseppe Natale si sono profusi in vere e proprie lezioni di mafia da impartire ai più giovani affiliati, con riferimento a regole di comportamento e di interrelazione gerarchica.

Proprio in occasione di un rimprovero mosso da GRECO Giuseppe a GAMBINO, relativamente ad una estorsione affidatagli, le propalazioni utilizzate dal rimproverato per discolparsi hanno rappresentato il primo caso in cui indagati intercettati hanno esplicitato l’esistenza in termini di cosa nostra, peraltro invocandola come entità d’appartenenza di supremo e incondizionato rispetto e in ossequio alla quale l’affiliato mai avrebbe disatteso gli ordini ricevuti (“Quando parliamo di cosa nostra… parliamo di cosa nostra! Quando dobbiamo babbiare …babbiamo!”).

Il sostentamento dei detenuti e dei familiari è per gli affiliati un dovere, al quale assolvere attraverso gli introiti provenienti dalle estorsioni.

Sono state in tal senso puntualmente documentate dagli investigatori le elargizioni di denaro in favore della coniuge di GRECO Carlo, fratello di Giuseppe, storico capo mandamento attualmente detenuto all’ergastolo.

Le intercettazioni, infine, rivelavano l’esistenza di una cassa comune gestita per conto dell’intera famiglia; in merito è stato possibile documentarne il passaggio da GAMBINO Giuseppe Natale a PEDALINO Francesco in seguito alla determinazione delle cariche e dei ruoli e, dopo l’arresto di PEDALINO, a COCCO Pietro il quale provvedeva a registrare entrate e uscite e a custodire il denaro occultandolo.

“Invito nuovamente a non cedere alla paura – dichiara il Colonnello Di Stasio -ad abbattere il muro di omertà e ad affidarsi allo Stato: questo è l’unico modo per liberarsi dal giogo del pizzo e questa è l’unica strada percorribile, così come ci è stata indicata da memorabili magistrati quali Falcone e Borsellino e da eroici imprenditori quali Libero Grassi”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Fuori uscita liquami in via San Martino. La replica di Gelsomino e Zingales a Moncada

    Cronaca

    Monreale, 25 maggio 2018 - “Non so chi ha dato queste notizie mi assumo la responsabilità nel dire che non corrispondono a verità e che gli assessori presenti si sono semplicemente impegnati ad esaminare la problematica e cercare di trovare una soluzione dopo avere esaminato la pratica inerente ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Accertare responsabilità? Concordo con Caputo, ma necessario fare un’analisi approfondita su chi ha provocato danni già giudizialmente accertati, con sentenze emesse in via definitiva”

    Cronaca

    Monreale, 25 maggio 2018 - “Poche volte mi sono trovato d'accordo con l’avv. Caputo, e questa è una di quelle. Nella vita di ognuno di noi accadono talvolta dei fatti che danno una scossa, lasciano un segno, molto spesso in positivo, perché conducono a nuove r..

    Continua a Leggere

  • Fuoriuscita di liquami in via San Martino intervengono i tecnici

    Cronaca

    Monreale, 25 maggio 2018 -Fuoriuscita di liquami in via San Martino, zona Ponticelli. Su segnalazione dei cittadini questa mattina sono intervenuti sul posto i tecnici dell'Amap, rimane da verificare se il problema riguarda la fognatura del comune di Monreale.  Per risolvere una volta e..

    Continua a Leggere

  • A San Cipirello arriva il colore. Una piazza dedicata a Caronia, medico antifascista, e a Sonnino

    Cronaca

    San Cipirello, 25 maggio 2018 - Quegli edifici, un tempo grigi e anonimi, diventano il trionfo del colore e del ricordo di due personalità che hanno portato in alto il nome di San Cipirello. L’artista romano Eliseo Sonnino ha creato, in una piazza della città della Valle dello Jato, il murale da..

    Continua a Leggere

  • L’antimafia dei fatti. Una mietitrebbiatrice per le sorelle Napoli. Un dono per ricominciare

    Cronaca

    Mezzojuso, 25 maggio 2018 -   Il 23 maggio è stata la giornata delle celebrazioni antimafia. Incontri, convegni, discussioni, cortei, foto in bella vista e tante parole in occasione del ricordi delle stragi di mafia. Mentre in molte città siciliane si sprecavano parole, ..

    Continua a Leggere

  • Pioppo, la delegazione senza anagrafe e stato civile. Lo Coco interroga il sindaco

    Cronaca

    Monreale, 25 maggio 2018 - I servizi di anagrafe e stato civile non vengono ancora garantiti presso la delegazione municipale di Pioppo. Da oltre un anno, in seguito al trasferimento di personale, i pioppesi devono recarsi a Monreale per usufruire dell’ufficio. Sulla questione il capogruppo del gr..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Salvino Caputo: “Campo sportivo ad Aquino, parcheggio Cirba e lease back caserma Carabinieri. Un danno alle casse comunali”

    Cronaca

    Monreale, 25 maggio 2018 – “Presenterò un esposto alla Corte dei Conti e alla Magistratura ordinaria perché venga fatta luce su scelte politiche che hanno avuto ripercussioni notevoli sugli equilibri finanziari del Comune oltre ad avere privato la città di due strutture fonda..

    Continua a Leggere

  • “Danisinni Circus”, domenica si inaugura il primo circo sociale permanente senza animali

    Cronaca

    Palermo, 25 maggio 2018 - Grande festa di quartiere con eventi aperti a tutti e gratuiti per inaugurare ‘Danisinni Circus’, il primo circo sociale permanente senza animali in città. È il ‘Museo Sociale di Danisinni’. Domenica 27 maggio 2018, Piazza Danisinni, dalle ore 16:00 sino a tard..

    Continua a Leggere

  • Migliorano le condizioni di Arianna Badagliacca, vittima di un incidente stradale a Vercelli

    Cronaca

    Vercelli, 25 maggio 2017 - Dopo giorni di apprensione, le condizioni mediche di Arianna Badagliacca stanno lentamente migliorando. La donna, rimasta vittima di un grave incidente stradale, è sotto costante osservazione da parte dei medici del reparto rianimazione dell’Ospedale di Novara. Ad annun..

    Continua a Leggere

  • Monreale, elezioni amministrative. Il Pd uscirà dalla crisi e resterà nella Terza Repubblica?

    Cronaca

    Monreale, 25 maggio 2018 - La Terza Repubblica è cominciata il 5 marzo. Un quadri-polarismo, una forza il M5s che spiazza i vecchi partiti con il 32 per cento, sia alla Camera sia al Senato, e tre partiti di medie dimensioni: il Pd al 19 per cento, la Lega con il ..

    Continua a Leggere

  • Torna la Fiera Campionaria del Mediterraneo dal 26 maggio a Palermo

    Cronaca

    Palermo 24 maggio - Tutto pronto per la nuova edizione, la 67esima, della Fiera Campionaria di Palermo.  Solo dopo la Fiera di Bari, per spazi espositivi e numero di visitatori, la Fiera del Mediterraneo si trova al secondo posto nella lista delle più grandi Fiere italian..

    Continua a Leggere

  • A San Giuseppe Jato si ricorda il giurista jatino Salvatore Riccobono

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 24 maggio 2018  - Un convegno in ricordo del giurista jatino Salvatore Riccobono si terrà questo fine settimana a San Giuseppe Jato. Sabato 26 Maggio alle ore 9.30, presso il Centro Diurno “11 Settembre” in via Giorgio La Pira è in programma convegno “Attualità del m..

    Continua a Leggere

  • Monreale, sicurezza urbana: il Comune chiede un finanziamento per la videosorveglianza

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 - Firmato il patto di intenti per la sicurezza urbana tra il comune di Monreale, il comune di Palermo e la Prefettura di Palermo. Attraverso il finanziamento, previsto dal Ministero degli Interni che ha stabilito un apposito capitolo per la sicurezza urbana dei comuni, la ci..

    Continua a Leggere

  • Monreale, discarica a cielo aperto in via Pezzingoli

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 - L'ennesima discarica abusiva è stata scoperta nella periferia di Monreale. A segnalare gli abbandoni illeciti sono stati alcuni iscritti al gruppo civico "Occupiamoci di Monreale". La denuncia è stata raccolta da Benedetto Madonia che ha segnalato il caso al Co..

    Continua a Leggere

  • Palermo. A Ballarò smantellato il call center della droga. I nomi e le foto degli arrestati

    Cronaca

    [gallery ids="64508,64509,64510,64511,64512,64513,64514,64515,64516,64517"] Palermo, 24 maggio 2018 - I telefoni erano sempre accesi, non smettevano mai di squillare. Gli ordinativi di droga dovevano essere sempre disponibili per la consegna a domicilio, a tutte le ore del giorno. La polizia di P..

    Continua a Leggere

  • Trapani, sequestro di beni a Pietro Funaro, è ritenuto colluso con la mafia

    Cronaca

    Nella giornata di oggi, Agenti di Polizia della Divisione Anticrimine e Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Trapani, hanno iniziato le operazioni di esecuzione del decreto emesso dal Tribunale Sezione Misure di Prevenzione di Trapani, nell’ambito del ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Le case di Cosa nostra diventeranno uffici comunali. Ecco quali

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 – Il comune di Monreale ha manifestato all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata il proprio interesse all’utilizzo di alcuni immobili, ricadenti nel territorio di Monreale, per utiliz..

    Continua a Leggere

  • Commemorare le stragi di mafia. Operazione lodevole, ma che rischia di non raggiungere i risultati attesi

    Cronaca

    24 maggio 2018 - Commemorare le stragi di mafia, come quella di Capaci o quella dei Georgofili, nell’ambito delle numerose iniziative scolastiche, che hanno luogo in tutto il Paese, è senz’altro lodevole, ma rischia di non raggiungere i risultati attesi, poiché, tali i..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com