Oggi è 17/07/2018

Politica

Tonino Russo, “solo” 1503 preferenze. Ho commesso una “fatale imprudenza”. Conducevamo una battaglia persa in partenza

Su Monrale: “A Capizzi non ho rimproveri da fare. Scelgo il dialogo”. L’uscita dei consiglieri dal PD? “Spettacolo indecoroso che ha poco di politico. Sono le conseguenze tipiche dei pugili suonati, in profondo stato confusionale”

Pubblicato il 15 novembre 2017

Tonino Russo, “solo” 1503 preferenze. Ho commesso una “fatale imprudenza”. Conducevamo una battaglia persa in partenza
Tonino Russo

Monreale, 15 novembre 2017 – Tonino Russo, ex deputato nazionale, dirigente del Partito Democratico, è stato candidato alle regionali del 5 novembre nella lista “Arcipelago Sicilia-Micari Presidente”. Ha conseguito 1503 preferenze, 337 nella sua città, Monreale. Un risultato al di sotto delle sue aspettative, così come deludente è stato l’esito delle urne per tutta l’area di centro sinistra. Con lui abbiamo provato a fare un’analisi del voto, e della deriva del partito, in Sicilia come a Monreale.

D: Il centro sinistra è uscito sconfitto dalle regionali siciliane. Le responsabilità sono solamente del governo uscente, o hanno nomi e cognomi?

R: In politica non ci sono mai responsabilità singole o individuali. È più facile che queste siano collegiali. Certamente a causa della forte personalizzazione della politica, ci sono responsabilità di Matteo Renzi che ha tradito molte aspettative; ci sono quelle di Crocetta, un onesto pasticcione incapace di governare; e ci sono quelle di chi ha voluto sostenere tale esperienza fino alle conseguenze estreme che oggi lasciano macerie fumanti. Ed il Pd siciliano è tra questi.

D: A Monreale, come in tutta la provincia, Lei ha conseguito un risultato deludente e inaspettato. Come se lo spiega? 

“Ho commesso una “fatale imprudenza”

R: Purtroppo, ho commesso una “fatale imprudenza”. La lista Micari Presidente, nella quale mi sono candidato, è stata una catastrofe. Nata come alternativa e discontinuità col governo Crocetta, si è poi ritrovata Crocetta stesso dentro la lista. Come se non bastasse sono state fatte saltare ad arte e con dolo, all’ultimo minuto, le liste nei collegi di Siracusa e Messina. Era dunque impossibile che la lista nel suo complesso superasse lo sbarramento del 5% su scala regionale. Di conseguenza è stato delegittimato il candidato presidente Fabrizio Micari e la lista. Per gli sciacalli della coalizione ed anche più a sinistra è diventato un gioco da ragazzi chiedere il “voto utile” sostenendo che sarebbe stato inutile votare candidati di una lista che non ce l’avrebbe fatta. In questo quadro, abbiamo fatto il possibile, consapevoli che conducevamo una battaglia persa in partenza per la quale non valeva la pena di sprecare tutto il carburante e perfino la riserva.  Comunque, non nascondo che il risultato lo giudico al di sotto delle mie aspettative.

D: Questa disaffezione da parte degli elettori nei suoi confronti potrebbe porre un’ipoteca al suo futuro in politica?

R: Io non vivo di politica. Da cinque anni mi occupo delle mie attività lavorative che mi danno molte soddisfazioni sotto ogni profilo e mi consentono una vita abbastanza dignitosa. Se ho continuato dopo il 2013, al termine del mandato di deputato, a occuparmi di politica è per pura passione iniziata a 15 anni sui banchi di scuola e che si spegnerà solo quando lo deciderò io. Continuo a ritenere che ci si dovrebbe impegnare tutti sempre, senza delegare o sfogare il proprio ardore soltanto dietro una tastiera.

Io non vivo di politica

Ho sempre pensato che ognuno debba fare la propria parte a prescindere dal ruolo che si possa avere dentro le istituzioni o meno. Infine, le assicuro che c’è sempre tempo per tornare a misurare il grado di affezione in città e fuori. Il punto di domanda mio personale è se ne valga la pena!

D: La destra avanza, i cinque stelle crescono su tutto il territorio. I siciliani hanno optato per l’alternanza. Quali sono le sue preoccupazioni dinanzi a cinque anni di governo di centro destra?

R: In democrazia è giusto che sia così. E non c’è nemmeno da demonizzare gli avversari. Mi auguro che non si torni al peggior passato che il centrodestra ha fatto conoscere alla Sicilia e che ci ha ridicolizzato nel paese tutto. Speriamo che dopo 5 anni di sete e fame di potere patiti, gli esponenti della destra non sprechino gli sforzi sinceri, fatti di lacrime e sangue, per avviare il risanamento dei conti pubblici, operati dal governo uscente. 

D:  Lei è un uomo di partito. Cosa pensa dei 5 consiglieri usciti dal PD all’indomani dalle elezioni, dopo le dichiarazioni di Toti Zuccaro, dallo stesso ritrattate e dal quale avrebbero almeno in apparenza preso le distanze i 5?  Sono in antitesi con se stessi? 

R: Guardi io mi sono cimentato nella scrittura di un libro andato molto bene e per il quale siamo in ristampa per la 2ª edizione. Ho altri due libri ai quali sto lavorando nei ritagli di tempo rispetto ai cantieri edili dove lavoro.

Pugili suonati, in profondo stato confusionale

Non ho tempo né voglia per dedicarmi ad uno scadentissimo teatro dell’assurdo, di livello ancor meno che paesano, forse neppure da sottoscala. Ma questo purtroppo è lo spirito dei tempi! È uno spettacolo indecoroso che ha poco o nulla di politico. Sono le conseguenze tipiche dei pugili suonati, in profondo stato confusionale. Mi spiace perché anche le sconfitte, spesso più delle vittorie, dovrebbero aiutare a crescere e capire.

D: Il Partito Democratico monrealese sta implodendo su se stesso. Il commissariamento ne è prova e forse anche concausa. Qual è la ricetta per recuperare stabilità tra gli attivisti e consenso tra i cittadini?

R: Diciamo che il Pd non gode di buona salute in questo momento. Ma nulla accade per caso. Anzi credo che ci siano gravi responsabilità di chi ha operato strappi su strappi e forzature su forzature.

O si torna ad essere una comunità di valori con una progettualità che da questi discende o è meglio dedicarsi ad altro

Il nostro elettorato, i nostri iscritti e militanti o hanno motivazioni alte e forti nelle quali identificarsi o ci mandano a quel paese. Inoltre, o si torna ad essere una comunità di valori con una progettualità che da questi discende o è meglio dedicarsi ad altro. Il commissariamento in genere dovrebbe essere un atto straordinario, transitorio e temporaneo. Mi pare che si stia protraendo eccessivamente e con esiti non proprio lusinghieri. Credo sia meglio ripristinare l’ordinarietà.

D:  Durante la campagna elettorale Lei ha tacciato l’amministrazione comunale di incompetenza, sottolineandone gli scarsi risultati conseguiti in questi anni. Cosa rimprovera e cosa può suggerire al sindaco Capizzi?

R: Continuo a ritenere che nonostante gli sforzi del sindaco e di qualche assessore, i risultati sono al di sotto delle aspettative in ambiti vitali per una città dalla spiccata vocazione turistica e titolare di un territorio estesissimo. Su questo bisognerebbe riflettere e con coraggio correggere ciò che non va.

Capizzi? Non ho rimproveri da fare. Scelgo il diaologo. Proverò a dargli una mano

Una scossa alla economia della città può venire solo da questa consapevolezza e dall’esser consequenziali. Non ho rimproveri da fare. La pedagogia moderna insegna che il dialogo è la migliore pratica per correggere e correggersi. Semplicemente gli consiglio vivamente di seguire in prima persona le vicende finanziarie del comune. Io per quel che potrò proverò a dargli una mano nel tentativo di veder riconosciuti i sinceri sforzi di risanamento, affinché possa esser evitato il dissesto del nostro comune.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Ricorso lavoratori precari del Comune: giovedì l’udienza in Corte d’appello

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 - Dopo un’attesa durata ben cinque anni, giovedì mattina sarà finalmente definito l’esito del ricorso presentato da un consistente gruppo di lavoratori precari del Comune di Monreale, nell’ormai lontano 2013, per aver riconosciuto il diritto alla trasformazione a tem..

    Continua a Leggere

  • Godrano. Spara alla moglie e si suicida dopo qualche giorno

    Politica

    A Godrano, un uomo di 72 anni, originario di Marineo, si è ucciso dopo che lo scorso 9 luglio aveva sparato alla moglie.  Pasquale Orlando di 72 anni agli arresti domiciliari si è lanciato dal tetto di casa ed è morto. E’ successo ieri sera. Lo ha..

    Continua a Leggere

  • Scomparso Antonino Dragotto, ex segretario generale del comune di Monreale

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 -È venuto a mancare venerdì scorso 14 luglio, all’età di 84 anni, il dottore Antonino Dragotto, già Segretario Generale del Comune di Monreale dal 1977 al 1991, durante le giunte guidate dai Sindaci Li Calsi, Sirchia, Giangreco, Demma, Giacopelli, Mortillaro, Marc..

    Continua a Leggere

  • Anniversario della strage di via D’Amelio, ecco gli appuntamenti della Questura di Palermo

    Politica

    In occasione della ricorrenza del 26° Anniversario della Strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino ed i componenti  della scorta, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli ed Emanuela Loi, il prossimo 19 luglio, la Questura di P..

    Continua a Leggere

  • Rifiuti: raccolta carta in Sicilia cresce del 16,1%. Assopirec: “Siamo sulla giusta strada”

    Politica

    Palermo, 17 luglio 2018 – “L’incremento del 16.1% della raccolta di carta e cartone in Sicilia, registrato nel 2017, ci dice che siamo sulla giusta strada”. Lo dice Gaetano Rubino, presidente di Assopirec, l’associazione che raggruppa nume..

    Continua a Leggere

  • Monreale, si è insediata la Commissione straordinaria di liquidazione

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 - Si sono insediati stamane al Comune di Monreale i tre componenti della Commissione straordinaria di liquidazione. I rappresentanti dell’organismo composto dalla dottoressa Michela Giusti, dal dottor Vincenzo Salvatore Albanese e dal dottor Antonino Oddo, sono stati ..

    Continua a Leggere

  • Aquino e Fiumelato, nei due centri di raccolta i rifiuti differenziati si potranno conferire in un’unica volta

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 - Da domani 18 luglio esclusivamente presso i punti di raccolta in via Ponte Parco 12 e in contrada Fiumelato (ex casello ferroviario) sarà possibile conferire, dalle ore 6 alle ore 16 dal lunedì al sabato, tutte le tipologie di rifiuto opportunamente differenziate e confe..

    Continua a Leggere

  • Guasto al Pozzo Rinazzo: disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 - Previsti disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello. La pompa sommersa del pozzo Rinazzo di in san Martino Delle scale lunedì scorso si è bruciata; pertanto in attesa che gli ..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato ricorda la strage di via D’Amelio con una seduta straordinaria di Consiglio comunale

    Politica

    San Giuseppe Jato, 17 luglio 2018 - Anche la cittadinanza jatina ricorda l'anniversario della stessa di via D'Amelio. E’ convocato per Giovedì 19 luglio, alle ore 19.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di San Giuseppe Jato, un Consiglio Comunale in sessione Straordinaria in occasione del XX..

    Continua a Leggere

  • Monreale: Ecoincentivi, ispettori ambientali, orari di conferimento più flessibili. I cittadini scrivono una lettera al sindaco

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 - Ancora troppe le difficoltà per conferire nei centri di raccolta, a causa degli orari poco flessibili o per motivi logistici, ma soprattutto per un’informazione sulle modalità di suddivisione dei rifiuti e sul loro conferimento che non ha ancora raggiunto tutta la citt..

    Continua a Leggere

  • Avviso di garanzia per l’arcivescovo Francesco Micciché

    Politica

    Monreale, 17 luglio 2018 - Emesso un avviso di garanzia nei confronti dell’ex arcivescovo Francesco Micciché a conclusione delle indagini preliminari condotte dal Pubblico Ministero, la dott.ssa Sara Morri del Tribunale di Trapani. Monsignor Micciché, originario di San Giuseppe Jato e residen..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia Delirio, fermati gli uomini del dopo Riina. Riciclaggio in bar e scommesse

    Politica

    Palermo, 16 luglio 2018 - Operazione antimafia  questa mattina a Palermo. L'arrestato numero uno è Giuseppe Corona, personaggio chiave, finito nel mirino della Dda di Palermo che oggi  ha arrestato 24 persone tra mafiosi, prestanomi ed estortori di diversi clan della città. ..


  • Cumuli di rifiuti accatastati per strada. Emergenza tra via SP20 e Poggio San Francesco

    Politica

    Monreale, 16 luglio 2018 - I cassonetti sono scomparsi dalle strade ma ancora i rifiuti stentano a sparire, nonostante sia partita la raccolta differenziata e sono attivi dei centri di raccolta per il conferimento, nelle periferie e lontano da occhi indiscreti c'è chi continua a lasciare i rifiuti ..


  • Caldo africano, ancora poche ore poi ci sarà un calo termico

    Politica

    Monreale, 16 luglio 2018 - Tra la tarda sera e la mattina di domani arriverà carico di frescura il Maestrale, quindi si tornerà a temperature normali. Ma il caldo africano è sempre lì. Si attende una nuova visita per il fine settimana. Da valutare intensità e durata. La perturbazione farà a..


  • Monreale. La mostra di Padre Pio si rivela un flop economico. Pochi visitatori. Chiusura anticipata al 31 luglio

    Politica

    Monreale, 16 luglio 2018 - Nel business plan era stato stimato un afflusso di ben 7.000.000 (proprio così, sette milioni) di visitatori. Ma i numeri di questo primo mese hanno ribaltato nettamente le stime. E così gli organizzatori della mostra "La Grande luce Padre Pio tra Scienza e Fede”, inau..


  • Operazione antimafia, 28 arresti. Molti sono insospettabili

    Politica

    Palermo, 16 luglio 2018 - Maxi operazione antimafia della guardia di finanza. Sono finite in carcere 24 persone e quattro ai domiciliari.

    Tra questi Giuseppe Corona cassiere di un bar di fronte al porto, ma che secondo  le indagini del nucleo specia..


  • Aiutano i più bisognosi, nasce a Monreale una nuova realtà: “La Casa delle gioie”

    Politica

    Monreale, 15 luglio 2018 - Si occupano delle famiglie bisognose, sostengono le neo mamme ad organizzare l'arrivo del nascituro. Al momento non hanno una sede ma sperano di allestirla a breve, tra i loro programmi futuri é prevista anche l'apertura di una ludoteca, dove vorrebbero organizzare il dop..


  • Conferisci bottiglie e guadagni, accade a San Cipirello. Presto a Monreale e San Giuseppe Jato

    Politica

    San Cipirello, 15 luglio 2018 - A San Cipirello chi ricicla le bottiglie riceverà da oggi buoni spesa da utilizzare nei negozi convenzionati. Questo accada grazie a Legambiente Palermo. Obiettivo del piccolo centro jatino è quello di continuare a incrementare il record di raccolta differenziata, ..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com