Partinico, ricordato Turiddo Termine, storico segretario della Camera del Lavoro

Turiddu Termini resta sempre un esempio da seguire e da imitare nelle lotte  per il lavoro e il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori

Turiddu Termini resta sempre un esempio da seguire e da imitare nelle lotte  per il lavoro e il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori

Palermo 30 ottobre 2017 – La Cgil di Partinico ha ricordato sabato Salvatore Termine, nel 44esimo anniversario della sua morte.  Turiddo Termine, morto il 29 ottobre 1973,  fu segretario della Camera del Lavoro di Partinico dai primi anni 50 e fino al 1971. «Una figura di  spessore, un sindacalista di grande generosità e prestigio», secondo il segretario della Camera del Lavoro di Partinico,  Giuseppe Gagliano.

Dopo la strage della Camera del Lavoro di Partinico del 22 giugno 1947, Turiddu Termine collabora alla riapertura della sede dell’organizzazione sindacale e dopo un po’ ne diventa il segretario. Ha un ruolo di primo piano nell’organizzare lo sciopero alla rovescia del 2 febbraio 1956 e in quell’occasione viene arrestato assieme a Danilo Dolci, Carlo Zanini, Ignazio Speciale, Francesco Abate, Domenico Macaluso e Gaetano Ferrante. L’8 giugno del 1960, con molti lavoratori di Partinico, partecipa alle manifestazioni che si svolgono a Palermo contro il governo Tambroni”.  Sempre in quegli anni Turiddo organizza lo sciopero dei panettieri a Partinico, che allora percepivano 500 lire al giorno,  raggiungendo  un accordo per portare la retribuzione a mille  lire al giorno. Organizza anche lo sciopero dei netturbini di Partinico e dopo 26 giorni di sciopero la retribuzione dei netturbini passa  da 630 lire a mille  lire al giorno e si avvia la municipalizzazione dei netturbini di Partinico.

Durante la costruzione della diga sul fiume Jato e della strada statale 113 Partinico-Alcamo,  Turiddu Termine e la Camera del Lavoro di Partinico sono un punto di riferimento per la contrattazione aziendale e per il miglioramento delle condizioni di lavoro dei lavoratori edili. «Fra le tante iniziative da ricordare c’è quella del 9 maggio del 1967 – aggiunge Gagliano –  Turiddu Termine organizza lo stato di agitazione presso la ditta Bresciana per rivendicare il rispetto del contratto di lavoro e della tabella paga. Per la Camera del Lavoro di Partinico, Turiddu Termini resta sempre un esempio da seguire e da imitare nelle lotte  per il lavoro e il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori e dei cittadini di Partinico e della zona».

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.