Oggi è 18/07/2018

Cultura

Pregiudizi, sentenze arbitrarie, accanimento sulle donne. Atteggiamenti volgari e violenti che dilagano senza controllo sui social

Viviamo in una “società civile” o condizionata da ipocrisia, convenzioni e rigidi schemi culturali?

Pubblicato il 8 ottobre 2017

Pregiudizi, sentenze arbitrarie, accanimento sulle donne. Atteggiamenti volgari e violenti che dilagano senza controllo sui social

Monreale, 8 ottobre 2017 –  “È il 1642 a Boston. L’ambiente sociale è caratterizzato da severità morale a sfondo religioso tipica dell’epoca. Hester ha dato alla luce una bambina, Pearl, nonostante il marito sia assente da anni dalla città, e, per questa ragione, ha affrontato un processo per adulterio e, come punizione, viene esposta alla pubblica umiliazione su di un patibolo vestendo sul petto una lettera A scarlatta (che sta per “Adultera”). L’autore indugia sui discorsi delle comari, alcune delle quali vorrebbero che Hester venisse uccisa, in quanto la pena per l’adulterio sarebbe la morte.”

La Lettera Scarlatta è un romanzo del 1850 di Nathaniel Hawthorne, dal quale nel 1995 è stato tratto l’omonimo film con una bellissima Demi Moore come protagonista.

Una ragazza giovane e bella, vive una romantica e intensa storia d’amore, fuori dalle convenzioni e dai rigidi schemi del tempo, in un ambiente e in un’epoca, in cui l‘ipocrisia e il puritanesimo erano un fardello saldamente “ancorato” alle vite parecchio dure e sofferte della maggioranza, se non della quasi totalità, delle donne. La giovane è, infatti, costretta a marchiare a fuoco la sua dignità, come se avesse commesso crimini e misfatti, con quella bruciante A rossa, da adultera, esposta, come un tatuaggio infame sul suo petto…per sempre.

L’epoca descritta è davvero troppo lontana dalla nostra e per questo tiriamo un sospiro di sollievo e cacciamo il brivido lungo la schiena che proviamo al solo pensiero: le donne, infatti, tra lotte e sacrifici, sono riuscite a percorrere una lunga e tortuosa strada verso l’emancipazione, l’autonomia, la valorizzazione di sé stesse, raggiungendo, per fortuna, obiettivi di vita e realizzazioni personali anche ambiziosi, impegnativi, difficili, storicamente impensabili, in epoche meno recenti.

Viviamo in una “società civile”, dunque, aperta, moderna, tecnologica, ma siamo sicuri che quella A rossa, fiammeggiante come un fuoco che inghiotte e brucia, non aleggi ancora, quale spauracchio immateriale, sulla vita di parecchie donne e sulla loro dignità?

È cronaca di pochi giorni fa l’incredibile vicenda della giornalista e scrittrice Francesca Barra, presa di mira da alcuni frequentatori dei social network, con modalità invadenti, volgari e violente, senza un motivo plausibile (anche perché non esistono motivi plausibili per aggredire con tale acredine una donna, anzi qualsiasi essere umano), semplicemente per la sua relazione sentimentale, del tutto alla luce del sole, con l’attore Claudio Santamaria, conseguente alla separazione dal marito. Un fatto del tutto personale, umano, legittimo, diventa un’onta da lavare a suon di insulti, l’ennesima moderna lettera scarlatta da affiggere sul petto di una giovane donna, bella, intelligente e soprattutto libera.

In realtà inizia a preoccupare l’aumento esponenziale di certi atteggiamenti, prevalentemente maschili, ma non solo, che si sperava fossero largamente superati: pregiudizio, sentenze arbitrarie, accanimento sulle donne, il tutto con la complicità di un mondo virtuale, che appare come un iperuranio social, ove regna, in maniera sempre più inquietante, la percezione di poter agire all’interno di un’allegra impunità, per cui ciascuno, privo di freni, può dar libero sfogo sulla pelle degli altri, quasi fosse una sorta di terapia collettiva, a frustrazione, cattiverie e malesseri vari.

Su fb esistono persone e addirittura gruppi, i cui membri, in nome di una presunta satira sprezzante o di un, quasi sempre, finto-goliardismo da “birboni”, per intenderci, esercitano sulle donne un’ironia pesantemente volgare, stupida, offensiva, la quale, quando sfugge completamente di mano, sfocia nelle dolorose conseguenze proprie di una violenza senza limiti, magari non proprio quella fisica, di cui può, però, costituirne il presupposto, ma quella “delle parole crudeli dello scherno e dell’infamia”, altrettanto devastanti e prive di senso nella loro becera e superficiale gratuità.

Uomini contro donne e, dolorosamente, anche donne contro donne...vorrei riuscire a comprendere veramente quale vuoto di senso possa spingere esseri umani pensanti a collocarsi in una tale posizione di disprezzo conclamato.

Vorrei poter capire l’entità dell’odio che anima e fa muovere sulla tastiera certe mani, indifferentemente maschili o femminili, collegate, a menti che ritengo abbiano dimenticato o non abbiano mai conosciuto l’amorevole, tenera, salda carezza di un cuore femminile, il cuore meravigliosamente avvolgente di una madre, di una nonna, di una sorella, di un’amica, di una compagna, altrimenti non si potrebbe spiegare tale delirio inarrestabile e dilagante, apparentemente senza alcuna ratio, che non sia l’idiozia. Nessuno che abbia saputo riesumare il ricordo o che abbia sperimentato anche solo un pizzico di affetto, di solidarietà, di amore da parte di una donna, potrebbe tirar fuori simili campionari di crudeltà e di volgarità spesso oltre modo indecenti e intollerabili.

Le donne sanno a volte trasformarsi, diventando ancora meno solidali del più troglodita degli uomini ed allora mi chiedo come esse possano, a volte, lasciarsi andare a un odio davvero meschino oltre che triviale, senza pensare agli occhi sofferenti di chi sta per ricevere la valanga di “letame gratuito”, magari cercando di comparli con lo sguardo della propria madre, della propria figlia o di un’amica in difficoltà, che per non smarrirsi ha volto  i propri occhi verso la complicità e la solidarietà di altri occhi femminili, in quel momento forse vitali. Mi domando se abbiano dimenticato persino l’immagine dei propri stessi occhi angosciati dei momenti in cui hanno conosciuto la sofferenza, del riflesso di quel dolore lancinante che si prova inevitabilmente quando si cade, diversamente non si riuscirebbe a dare una spiegazione, se non attraverso questa sorta di amnesia, all’assurda cattiveria racchiusa in tutti i numerosi commenti di bassa lega.

Magari occorrerebbe avviare uno sforzo intellettuale o magari semplicemente accendere un po’ più di immaginazione e di empatia.

Allora potremmo ipotizzare un semplice esercizio, utile per molti, quello di immaginarli tutti questi sguardi femminili, di scrutarne i fantasmi, le gioie, i desideri, i dolori, prima di scrivere sotto un qualsiasi post, attraverso la dozzinale leggerezza del vuoto a perdere di alcune sinapsi che smettono o non hanno mai generato il pensiero: “Muori, brutta tr… te la sei cercata”.

Ricevi tutte le news

Anonimo

Cara prof. Maria Rosa, vorrei tanto che le tue amare riflessioni sulla pericolosa deriva verso cui va vorticosamente la nostra ( e non solo la nostra! ) società venissero condivise da tutte le donne e da tutti gli uomini. So bene che questa è un’utopia, ma non uccidiamo la speranza e i sogni! Grazie per le tue analisi sempre attente e lucide. FRANCESCO NOTO

8 ottobre 2017 | 21:01 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Randagismo, spariti nel nulla i cani di via Pezzingoli. Dove sono finiti?

    Cultura

    [gallery ids="71105,71104,71103,71102,71100,71098,71097,71099,71096,71093,71091,71090"] Monreale, 18 luglio 2018 - Di loro non si trovano neppure i corpi, spariti nel nulla. Era il 19 giugno scorso quando alcuni animalisti lanciarono l’allarme dell'avvelenamento di alcuni cani nella zona alta d..

    Continua a Leggere

  • Previsioni meteo, caldo africano in arrivo. Nel week end si toccheranno i 44 gradi

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 - Il fine settimana avrà di nuovo come protagonista il caldo africano. Fino a venerdì mattino avremo caldo moderato mentre dalla sera il nuovo impulso africano porterà di nuovo il rovente alito sahariano sulle nostre terre. La giornata di sabato sarà infuocata con punte ..

    Continua a Leggere

  • Verso le elezioni del sindaco di Monreale. A Monreale nasce il gruppo di Diventerà Bellissima

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 – Nasce all'interno del Consiglio comunale monrealese il gruppo consiliare “Diventerà bellissima”, il movimento del presidente della Regione, Nello Musumeci. Il neonato gruppo sarà tenuto a battesimo, oggi pomeriggio, nel corso della seduta in programma in aula co..

    Continua a Leggere

  • Pitbull stacca il braccio a ragazza. É il cane del convivente

    Cultura

    Un pitbull ha aggredito una giovane di 23 anni in un’abitazione in via Agnetta a Villagrazia a Palermo. Il cane del convivente le ha staccato a morsi un braccio. I vicini hanno lanciato l’allarme sentendo le urla della donna. Sono intervenuti i sanitari ..

    Continua a Leggere

  • Cimitero di San Martino delle Scale bonificato. Cancelli di nuovo aperti

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 - Dopo due settimane di chiusura forzata, il cimitero di San Martino delle Scale è stato riaperto. Dentro il camposanto al centro dell'inchiesta che vede coinvolti i membri della famiglia Messina, sono state effettuate le opere di bonifica e sanificazione necessarie per ..

    Continua a Leggere

  • Nessuna infiltrazione mafiosa. I terreni di Tagliavia tornano alla Curia monrealese

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 - La Curia di Monreale torna in possesso dei beni di Tagliavia. In particolare dell’"Azienda agricola santuario Maria Santissima del Rosario di Tagliavia”, che, a luglio 2017, era stata sottoposta ad amministrazione giudiziaria, dopo che ne era stato dimostrato il contro..

    Continua a Leggere

  • Ricorso lavoratori precari del Comune: giovedì l’udienza in Corte d’appello

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Dopo un’attesa durata ben cinque anni, giovedì mattina sarà finalmente definito l’esito del ricorso presentato da un consistente gruppo di lavoratori precari del Comune di Monreale, nell’ormai lontano 2013, per aver riconosciuto il diritto alla trasformazione a tem..

    Continua a Leggere

  • Godrano. Spara alla moglie e si suicida dopo qualche giorno

    Cultura

    A Godrano, un uomo di 72 anni, originario di Marineo, si è ucciso dopo che lo scorso 9 luglio aveva sparato alla moglie.  Pasquale Orlando di 72 anni agli arresti domiciliari si è lanciato dal tetto di casa ed è morto. E’ successo ieri sera. Lo ha..

    Continua a Leggere

  • Scomparso Antonino Dragotto, ex segretario generale del comune di Monreale

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 -È venuto a mancare venerdì scorso 14 luglio, all’età di 84 anni, il dottore Antonino Dragotto, già Segretario Generale del Comune di Monreale dal 1977 al 1991, durante le giunte guidate dai Sindaci Li Calsi, Sirchia, Giangreco, Demma, Giacopelli, Mortillaro, Marc..

    Continua a Leggere

  • Anniversario della strage di via D’Amelio, ecco gli appuntamenti della Questura di Palermo

    Cultura

    In occasione della ricorrenza del 26° Anniversario della Strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino ed i componenti  della scorta, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli ed Emanuela Loi, il prossimo 19 luglio, la Questura di P..

    Continua a Leggere

  • Rifiuti: raccolta carta in Sicilia cresce del 16,1%. Assopirec: “Siamo sulla giusta strada”

    Cultura

    Palermo, 17 luglio 2018 – “L’incremento del 16.1% della raccolta di carta e cartone in Sicilia, registrato nel 2017, ci dice che siamo sulla giusta strada”. Lo dice Gaetano Rubino, presidente di Assopirec, l’associazione che raggruppa nume..

    Continua a Leggere

  • Monreale, si è insediata la Commissione straordinaria di liquidazione

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Si sono insediati stamane al Comune di Monreale i tre componenti della Commissione straordinaria di liquidazione. I rappresentanti dell’organismo composto dalla dottoressa Michela Giusti, dal dottor Vincenzo Salvatore Albanese e dal dottor Antonino Oddo, sono stati ..

    Continua a Leggere

  • Aquino e Fiumelato, nei due centri di raccolta i rifiuti differenziati si potranno conferire in un’unica volta

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Da domani 18 luglio esclusivamente presso i punti di raccolta in via Ponte Parco 12 e in contrada Fiumelato (ex casello ferroviario) sarà possibile conferire, dalle ore 6 alle ore 16 dal lunedì al sabato, tutte le tipologie di rifiuto opportunamente differenziate e confe..

    Continua a Leggere

  • Guasto al Pozzo Rinazzo: disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Previsti disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello. La pompa sommersa del pozzo Rinazzo di in san Martino Delle scale lunedì scorso si è bruciata; pertanto in attesa che gli ..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato ricorda la strage di via D’Amelio con una seduta straordinaria di Consiglio comunale

    Cultura

    San Giuseppe Jato, 17 luglio 2018 - Anche la cittadinanza jatina ricorda l'anniversario della stessa di via D'Amelio. E’ convocato per Giovedì 19 luglio, alle ore 19.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di San Giuseppe Jato, un Consiglio Comunale in sessione Straordinaria in occasione del XX..

    Continua a Leggere

  • Monreale: Ecoincentivi, ispettori ambientali, orari di conferimento più flessibili. I cittadini scrivono una lettera al sindaco

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Ancora troppe le difficoltà per conferire nei centri di raccolta, a causa degli orari poco flessibili o per motivi logistici, ma soprattutto per un’informazione sulle modalità di suddivisione dei rifiuti e sul loro conferimento che non ha ancora raggiunto tutta la citt..

    Continua a Leggere

  • Avviso di garanzia per l’arcivescovo Francesco Micciché

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Emesso un avviso di garanzia nei confronti dell’ex arcivescovo Francesco Micciché a conclusione delle indagini preliminari condotte dal Pubblico Ministero, la dott.ssa Sara Morri del Tribunale di Trapani. Monsignor Micciché, originario di San Giuseppe Jato e residen..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia Delirio, fermati gli uomini del dopo Riina. Riciclaggio in bar e scommesse

    Cultura

    Palermo, 16 luglio 2018 - Operazione antimafia  questa mattina a Palermo. L'arrestato numero uno è Giuseppe Corona, personaggio chiave, finito nel mirino della Dda di Palermo che oggi  ha arrestato 24 persone tra mafiosi, prestanomi ed estortori di diversi clan della città. ..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com