Oggi è 22/04/2018

Cultura

Pregiudizi, sentenze arbitrarie, accanimento sulle donne. Atteggiamenti volgari e violenti che dilagano senza controllo sui social

Viviamo in una “società civile” o condizionata da ipocrisia, convenzioni e rigidi schemi culturali?

Pubblicato il 8 ottobre 2017

Pregiudizi, sentenze arbitrarie, accanimento sulle donne. Atteggiamenti volgari e violenti che dilagano senza controllo sui social

Monreale, 8 ottobre 2017 –  “È il 1642 a Boston. L’ambiente sociale è caratterizzato da severità morale a sfondo religioso tipica dell’epoca. Hester ha dato alla luce una bambina, Pearl, nonostante il marito sia assente da anni dalla città, e, per questa ragione, ha affrontato un processo per adulterio e, come punizione, viene esposta alla pubblica umiliazione su di un patibolo vestendo sul petto una lettera A scarlatta (che sta per “Adultera”). L’autore indugia sui discorsi delle comari, alcune delle quali vorrebbero che Hester venisse uccisa, in quanto la pena per l’adulterio sarebbe la morte.”

La Lettera Scarlatta è un romanzo del 1850 di Nathaniel Hawthorne, dal quale nel 1995 è stato tratto l’omonimo film con una bellissima Demi Moore come protagonista.

Una ragazza giovane e bella, vive una romantica e intensa storia d’amore, fuori dalle convenzioni e dai rigidi schemi del tempo, in un ambiente e in un’epoca, in cui l‘ipocrisia e il puritanesimo erano un fardello saldamente “ancorato” alle vite parecchio dure e sofferte della maggioranza, se non della quasi totalità, delle donne. La giovane è, infatti, costretta a marchiare a fuoco la sua dignità, come se avesse commesso crimini e misfatti, con quella bruciante A rossa, da adultera, esposta, come un tatuaggio infame sul suo petto…per sempre.

L’epoca descritta è davvero troppo lontana dalla nostra e per questo tiriamo un sospiro di sollievo e cacciamo il brivido lungo la schiena che proviamo al solo pensiero: le donne, infatti, tra lotte e sacrifici, sono riuscite a percorrere una lunga e tortuosa strada verso l’emancipazione, l’autonomia, la valorizzazione di sé stesse, raggiungendo, per fortuna, obiettivi di vita e realizzazioni personali anche ambiziosi, impegnativi, difficili, storicamente impensabili, in epoche meno recenti.

Viviamo in una “società civile”, dunque, aperta, moderna, tecnologica, ma siamo sicuri che quella A rossa, fiammeggiante come un fuoco che inghiotte e brucia, non aleggi ancora, quale spauracchio immateriale, sulla vita di parecchie donne e sulla loro dignità?

È cronaca di pochi giorni fa l’incredibile vicenda della giornalista e scrittrice Francesca Barra, presa di mira da alcuni frequentatori dei social network, con modalità invadenti, volgari e violente, senza un motivo plausibile (anche perché non esistono motivi plausibili per aggredire con tale acredine una donna, anzi qualsiasi essere umano), semplicemente per la sua relazione sentimentale, del tutto alla luce del sole, con l’attore Claudio Santamaria, conseguente alla separazione dal marito. Un fatto del tutto personale, umano, legittimo, diventa un’onta da lavare a suon di insulti, l’ennesima moderna lettera scarlatta da affiggere sul petto di una giovane donna, bella, intelligente e soprattutto libera.

In realtà inizia a preoccupare l’aumento esponenziale di certi atteggiamenti, prevalentemente maschili, ma non solo, che si sperava fossero largamente superati: pregiudizio, sentenze arbitrarie, accanimento sulle donne, il tutto con la complicità di un mondo virtuale, che appare come un iperuranio social, ove regna, in maniera sempre più inquietante, la percezione di poter agire all’interno di un’allegra impunità, per cui ciascuno, privo di freni, può dar libero sfogo sulla pelle degli altri, quasi fosse una sorta di terapia collettiva, a frustrazione, cattiverie e malesseri vari.

Su fb esistono persone e addirittura gruppi, i cui membri, in nome di una presunta satira sprezzante o di un, quasi sempre, finto-goliardismo da “birboni”, per intenderci, esercitano sulle donne un’ironia pesantemente volgare, stupida, offensiva, la quale, quando sfugge completamente di mano, sfocia nelle dolorose conseguenze proprie di una violenza senza limiti, magari non proprio quella fisica, di cui può, però, costituirne il presupposto, ma quella “delle parole crudeli dello scherno e dell’infamia”, altrettanto devastanti e prive di senso nella loro becera e superficiale gratuità.

Uomini contro donne e, dolorosamente, anche donne contro donne...vorrei riuscire a comprendere veramente quale vuoto di senso possa spingere esseri umani pensanti a collocarsi in una tale posizione di disprezzo conclamato.

Vorrei poter capire l’entità dell’odio che anima e fa muovere sulla tastiera certe mani, indifferentemente maschili o femminili, collegate, a menti che ritengo abbiano dimenticato o non abbiano mai conosciuto l’amorevole, tenera, salda carezza di un cuore femminile, il cuore meravigliosamente avvolgente di una madre, di una nonna, di una sorella, di un’amica, di una compagna, altrimenti non si potrebbe spiegare tale delirio inarrestabile e dilagante, apparentemente senza alcuna ratio, che non sia l’idiozia. Nessuno che abbia saputo riesumare il ricordo o che abbia sperimentato anche solo un pizzico di affetto, di solidarietà, di amore da parte di una donna, potrebbe tirar fuori simili campionari di crudeltà e di volgarità spesso oltre modo indecenti e intollerabili.

Le donne sanno a volte trasformarsi, diventando ancora meno solidali del più troglodita degli uomini ed allora mi chiedo come esse possano, a volte, lasciarsi andare a un odio davvero meschino oltre che triviale, senza pensare agli occhi sofferenti di chi sta per ricevere la valanga di “letame gratuito”, magari cercando di comparli con lo sguardo della propria madre, della propria figlia o di un’amica in difficoltà, che per non smarrirsi ha volto  i propri occhi verso la complicità e la solidarietà di altri occhi femminili, in quel momento forse vitali. Mi domando se abbiano dimenticato persino l’immagine dei propri stessi occhi angosciati dei momenti in cui hanno conosciuto la sofferenza, del riflesso di quel dolore lancinante che si prova inevitabilmente quando si cade, diversamente non si riuscirebbe a dare una spiegazione, se non attraverso questa sorta di amnesia, all’assurda cattiveria racchiusa in tutti i numerosi commenti di bassa lega.

Magari occorrerebbe avviare uno sforzo intellettuale o magari semplicemente accendere un po’ più di immaginazione e di empatia.

Allora potremmo ipotizzare un semplice esercizio, utile per molti, quello di immaginarli tutti questi sguardi femminili, di scrutarne i fantasmi, le gioie, i desideri, i dolori, prima di scrivere sotto un qualsiasi post, attraverso la dozzinale leggerezza del vuoto a perdere di alcune sinapsi che smettono o non hanno mai generato il pensiero: “Muori, brutta tr… te la sei cercata”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Cgil e Cisl esultano per elezione Rsu. Silvio Russo: «Ora pagare performance dei dipendenti»

    Cultura

    Monreale, 21 aprile 2018 - Ieri I dipendenti del comune di Monreale hanno eletto i 12 rappresentati sindacali che avranno il compito di farsi carico per i prossimi tre anni delle esigenze e del rapporto contrattuale con l’amministrazione cittadina. La Cgil FP ha ottenuto 8 seggi, 3 sono andati all..

    Continua a Leggere

  • Piana degli Albanesi. Taglia centinaia di alberi. Corpo Forestale denuncia allevatore

    Cultura

    Piana degli Albanesi, 21 aprile 2018 - Gli uomini del Corpo Forestale del distaccamento di Piana degli Albanesi e i Carabinieri hanno denunciato un allevatore, B.F. di anni 40, per il reato di taglio abusivo e danneggiamento aggravato di alberi e sequestrato un’area di 3 ettari circa.

    Continua a Leggere

  • Lucca, tutte le domande che farei al prof bullizzato

    Cultura

    Lucca, 21 aprile 2018 - “Prof, non mi faccia incazzare, non mi faccia incazzare”. A urlare davanti alla cattedra è un ragazzo di un istituto tecnico di Lucca. Davanti a lui c’è il suo insegnante 64enne di italiano e storia. Il primo urla, il secondo sta zitto. Il primo ..

    Continua a Leggere

  • La via dei librai, la città che legge al via stamattina sul Cassaro Alto

    Cultura

    Palermo, 21 aprile 2018 - Sono iniziate le 72 ore più divertenti e stimolanti dell’anno. La III edizione de LA VIA DEI LIBRAI, La città che legge – ha preso il via questa mattina sul Cassaro Alto. Da oggi e fino a lunedì 23 aprile, dalle 8 alle 24, tre giorni di festa, attività culturali, vi..

    Continua a Leggere

  • Chiusura centro per l’impiego, CISL, CGIL, UILA: disagio per decine di lavoratori forestali

    Cultura

    Monreale, 21 aprile 2018 - Una forte preoccupazione è stata espressa dalle segreterie CISL, CGIL, UILA per l'assenza, ad oggi, di una soluzione adeguata al tema degli avvenimenti dei lavoratori forestali che fanno riferimento all’ufficio per l'impiego di Monreale. Con una nota del 12 marzo a..

    Continua a Leggere

  • Chiusa la discarica di Bellolampo, sospesa la raccolta rifiuti a Corleone

    Cultura

    Corleone, 20 aprile 2018 - Sono stati chiusi nuovamente i cancelli della discarica di Bellolampo. Con la chiusura si ferma anche la raccolta nel comune di Corleone. A darne comunicazione è stato il Responsabile del III Settore Ing. Giuseppe Gennaro. ..

    Continua a Leggere

  • Coriandoli, musica e maschere per la parata di Primavera: “Monreale in Fiaba” – FOTO

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - Per le vie del centro storico coriandoli, maschere, musica ma anche messaggi importanti. Oggi pomeriggio si è svolta la parata di Primavera organizzata dagli assessorati comunali alla Cultura e alla Pubblica Istruzione in sinergia con le scuole del Territorio e con l..

    Continua a Leggere

  • Guzzo e Giuliano: “I risultati della raccolta differenziata sono fallimentari”. Cangemi ha una visione personalistica

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - La lunga nota dell'Assessore all'Igiene urbana ha fatto saltare dalla sedia i consiglieri di Forza Italia, Guzz..


  • Salvino e Mario Caputo tornano in libertà. Accolto il ricorso al tribunale del Riesame

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - Salvino Caputo e il fratello Mario Caputo tornano in libertà dopo essere stati posti agli arresti domiciliari il 4 aprile scorso su richiesta della Procura di Termini Imerese nell’ambito di presunti illeciti elettorali. Il tribunale del Riesame di Palermo ha proceduto a..

    Continua a Leggere

  • Il 25 aprile 60° Festa di Primavera a San Martino delle Scale

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - La Proloco di San Martino delle Scale con il patrocinio del comune di Monreale ha organi..

    Continua a Leggere

  • Cerimonia di premiazione del XIII Concorso nazionale “Tricolore Vivo” in piazza Guglielmo II

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - Grande successo ha ottenuto stamane la Cerimonia di premiazione del XIII Concorso nazionale “Tricolore Vivo”. Una manifestazione solenne che ha visto la partecipazione di numerose autorità civili, militari e religiose. Protagonisti veri sono stati gli alunni delle scu..

    Continua a Leggere

  • Salvo Vitale, amico e compagno di Peppino Impastato, lo racconta in un libro. Presentato oggi a Monreale

    Cultura

    [gallery ids="59580,59581"] Monreale, 20 aprile 2018 - Stamattina presso la Casa Cultura Santa Cateria di Monreale (ex Ospedale Santa Caterina), il professore Salvo Vitale, ha presentato il suo ultimo libro “Era di Passaggio..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Pericolo api a due passi dal Duomo (LE FOTO)

    Cultura

    [gallery ids="59557,59558,59559"] Monreale, 20 aprile 2018 - Pericolo api in via Agonizzanti. Alcune centinaia di api hanno pensato di prendere la residenza a due passi dal Duomo di Monreale. Alcuni passanti si sono accorti questa mattina della presenza di un grosso sciame di insetti che rendeva ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Elezioni RSU. 8 seggi vanno alla CGIL, 3 alla CISL, 1 alla UIL (I NOMI DEGLI ELETTI E LE PREFERENZE)

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - Si sono tenute questa mattina, presso i locali di Villa Savoia, le operazioni di scrutinio per il rinnovo delle cariche sindacali del comune di Monreale. Sono 12 le RSU da rinnovare. Le votazioni sono state aperte giorno 17 aprile e si sono concluse ier..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Andrea Palmeri e Francesco Di Maggio ordinati presbiteri

    Cultura

    Sabato 21 aprile 2018 Due nuovi presbiteri nell’Arcidiocesi di Monreale Monreale, 20 aprile 2018 - Due nuovi presbiteri a chiusura del giubileo della chiesa monrealese, nel 750° della Dedicazione della Basilica-Cattedrale di Monreale (1267-2017), che si concluderà il 26 aprile p.v. ..

    Continua a Leggere

  • I cittadini si sostituiscono alle istituzioni. Il 28 aprile alcuni volontari puliranno il cimitero di Monreale

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - Le condizioni in cui versa il Comune di Monreale sono ormai di dominio pubblico, difficoltà sotto ogni punto di vista dai servizi alle infrastrutture. Oggi torniamo ad occuparci del cimitero. Più volte ci sono giunte segnalazioni da parte dei nostri lettori per denunciar..

    Continua a Leggere

  • Raccolta differenziata. Cangemi: “Cambiamento senza precedenti. Valori in crescita”

    Cultura

    Monreale, 20 aprile 2018 - Riceviamo e pubblichiamo la nota inviataci dall'assessore all'Igiene Urbana, Giuseppe Cangemi. Gentile redazione, come ormai noto su tutto il centro urbano di Monreale a partire dal 16 ottobre scorso è stata avviata la raccolta differenziata porta a por..


  • Scooter contro auto, ragazza di 14 anni in codice rosso

    Cultura

    Palermo, 19 aprile 2018 - Un grave incidente stradale si è verificato questo pomeriggio in via Altofonte. Una ragazzina ha perso il controllo del suo scooter ed è finita contro le auto. Adesso si trova in ospedale in prognosi riservata.  La ragazzin..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com