Oggi è 19/08/2018

Cultura

Uomini maturi con ragazze giovanissime: rispetto o condanna?

Dal caso della relazione tra il prof di Partinico e l’allieva minorenne una riflessione su convenzioni e regole sociali.
Rapporti autentici o da censurare sempre? E un insegnante può lasciarsi coinvolgere?

Pubblicato il 1 ottobre 2017

Uomini maturi con ragazze giovanissime: rispetto o condanna?

Monreale, 1 ottobre 2017 – Il binomio ragazze giovanissime e uomini maturi non é certo una sparuta realtà: di solito sia lo star system ma, come ben conosciamo, anche la politica ci hanno offerto, e ci offrono costantemente, numerosi esempi di coppie nelle quali la differenza d’età tra l’uomo e la donna (ma anche, quella, un po’ più sporadica, tra uomini giovani e donne decisamente agè) si pone in un segmento temporale molto ampio, addirittura tra i venti e i trent’anni e anche oltre.

Coppie sbilanciate, ove anche il dato puramente estetico diventa significativo. Unioni che riscuotono, a seconda delle riflessioni effettuate dalle variegate porzioni di individui che costituiscono precisi tasselli di questa società odierna, il plauso, soprattutto quello tipico di un certo orgoglio maschile o il giudizio scandalizzato di chi ritiene da condannare, senza appello, le coppie in cui la compagna risulta essere di età inferiore rispetto alla figlia del proprio partner, ovvero il cui compagno ostenta un’età anagrafica di parecchi lustri più esigua, rispetto a quella della dolce metà. 

 Decisamente più allarmante, grave e controversa diventa la questione età (anche per il reato che si configura in tale specifico caso), nel rapporto sentimentale e soprattutto sessuale, che può determinarsi tra professore e studentessa, soprattutto quando quest’ultima non ha ancora raggiunto la maggiore età.

É di cronaca recentissima la notizia dell’arresto di un prof in servizio presso una scuola di un comune limitrofo a quello di Monreale, che aveva, a quanto pare, intrapreso una relazione non solo sessuale, ma probabilmente anche sentimentale (comprovata, si dice, dai numerosi messaggi in chat) con una studentessa minorenne. Una notizia che ha suscitato inquietudine, ma anche comprensibile sconcerto tra la popolazione.

Da insegnante e madre provo l’immediata, quasi istintiva tendenza a collocarmi in una posizione sicuramente critica e poco tollerante nei riguardi del prof, poiché ritengo che in qualsiasi rapporto uomo/donna, soprattutto quando uno dei due protagonisti della coppia è un individuo ancora in formazione, la componente etica, la correttezza, il rispetto assoluto dell’età ma anche dei ruoli, siano il cardine fondamentale cui un adulto deve necessariamente ispirarsi.

Tale considerazione diventa la condicio sine qua non,  per chi intende “abbracciare”, con la massima cura e dedizione, la professione di docente. L’insegnante, come indica il termine stesso, deve cercare di lasciare un “signum”, cioè una preziosa eredità di vita e di apertura verso il futuro, a tutti gli allievi. 

Chi ha un compito educativo dovrebbe, a mio avviso, soffermarsi a riflettere profondamente prima di decidere di superare certi confini, soprattutto con minorenni quasi al traguardo della maggiore età, quindi non più bambine/i, ma comunque spesso adolescenti ancora conflittuali, deboli o semplicemente confusi, rispetto ai quali l’insegnante devrebbe assumere tutt’altro ruolo.

Di contro, un certo numero di individui, esprime sull’argomento pareri diametralmente opposti, ritenendo che l’amore e la felicità debbano risultare legittimamente prioritari su tutto e su tutti, oltre le convenzioni e le comuni regole sociali. Se si dovessero provare sentimenti autenticamente coinvolgenti o travolgenti emozioni, perché non seguirne la scia, dato che moltissima gente che conta davvero, tra cui politici, banchieri e industriali, magari di ottant’anni, amano ostentare unioni con  donne giovanissime? Perché una larga fetta di opinione pubblica censura con particolare veemenza e severità il rapporto sentimentale tra professore/ssa, allievo/a, anche quando lo studente/ssa risulta aver raggiunto la maggiore età?

Provo a dare una opinabilissima spiegazione: nei rapporti umani in cui si crea un legame emotivo e sentimentale sbilanciato, tra un soggetto “inferiore” per esperienza, età anagrafica, e posizione sociale, ed un altro “predominante” per ruolo ormai consolidato, per capacità di affabulazione e per carisma, si verifica, tra il soggetto più debole e quello più forte, una sorta di fascinazione, di dipendenza sentimentale, di trasfert emotivo, che induce a confondere la realtà tipica di ogni “innamoramento” tra persone pressoché paritarie per età e percorsi di vita simili, con ben altro.

Pertanto si intuisce facilmente, analizzando lo specifico fatto di cronaca,  la possibile drammatica confusione, determinata dall’insegnante (soggetto predominante) nei riguardi della studentessa (soggetto debole),  quindi l’influenza dannosa esercitata su di essa.  La ragazza, infatti, tra le varie ripercussioni, viene privata, sul piano formativo e quindi fondamentalmente etico, di una tra le più importanti e autorevoli figure educative.

Il tal caso, infatti,  l’insegnante evidenzia un ruolo formativo, irrimediabilemte  svilito nella sostanza,  poiché deviato verso un’altra pericolosissima dimensione. Tale tortuoso  percorso “tra le sabbie mobili” può facilmente orientare il soggetto “da educare e formare”, verso la probabile deriva, costituita da destabilizzanti conseguenze personali. Si tratta, con una certa probabilità, non di un amore reale, maturo ed  equamente  bidirezionale, ma di una sorta di “trasferimento” inconsapevole da parte dell’adolescente di una serie di emozioni particolarmente intense, per certi versi simili a quelle vissute durante l’infanzia nei riguardi delle figure genitoriali e magari non del tutto soddisfatte, ad un’altra “imponente” figura di riferimento, che, quindi, si configura, inevitabilmente, non più come una preziosa guida, un saggio  magister, ma come un pericoloso ibrido.

Dal fronte adulto invece cosa spinge solitamente uomini maturi se non decisamente attempati, a imbastire complesse relazioni con adolescenti o poco più?

La necessità di parecchi esponenti del sesso maschile di aderire a una sorta di consuetudine sempre più consolidata, un approccio inversamente proporzionale, all’interno di un certo tipo di unioni, secondo cui più aumenta l’età maschile più diminuisce quella femminile, si spiega, in parte, con quella tanto temuta crisi di mezza età. Essa induce una certa fascia di “maschietti”, soprattutto over 50, a comportamenti ambivalenti e immaturi, supportati dall’impellente esigenza di dimostrare a se stessi di essere ancora giovani e in grado di poter rivivere le sensazioni tipiche dei venti/trent’anni.

Uomini convinti che la giovinezza possa trasmettersi automaticamente, attraverso  rapporti sentimentali con ragazze nel fiore degli anni, se non addirittura adolescenti, sperando di trarne nuova linfa, alimentata da quelle tensioni emotive, spesso quasi del tutto sopite dalle responsabilità che una vita “da adulti” comporta. Uomini che amano sentirsi adulati incondizionatamente e che, pertanto, hanno, spesso, difficoltà a instaurare un dialogo schietto, sereno e paritario con compagne della propria età, ricercando tali attenzioni negli atteggiamenti ancora immaturi di giovanissime che ne subiscono il fascino, non di rado più fittizio che reale, in quanto frequentemente veicolato dall’ostentazione di un determinato “status” che determina un particolare ascendente.

Con la tranquilla serenità di chi traduce in parole le proprie personali (quindi opinabili) riflessioni, mi viene da dire che forse occorrerebbe ritrovare il coraggio di mettersi in discussione e di comparare le proprie legittime aspettative e necessità con quelle degli altri, evitando l’individualismo più assoluto.

Perché se è vero che l’amore non ha età, il plagio, il coinvolgimento pretestuoso, i conseguenti drammi spesso indelebili determinati dall’egoismo e dalla superficialità di certi uomini, l’età ce l’hanno eccome…o no?

Ricevi tutte le news

Yusuf Drake

E’ piuttosto ipocrita arrestare un insegnante per avere avuto una relazione con una studentessa minorenne,ma comunque in piena eta’ del consenso,e quindi nella legalita’(nel caso di un insegnante,la ragazza deve avere compiuto 16 anni).Questa e’ la prova che non solo in Italia sono ignorante in materia e che non sono ben informati a tal proposito,ma anche il sistema legale agisce come e quando e con chi cazzo gli pare e piace!

11 dicembre 2017 | 23:17 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Meteo, possibili rovesci domenica. Temporali lunedì

    Cultura

    Monreale, 18 agosto 2018 - In queste ore una goccia fredda in quota è posizionata sulle coste franco-spagnole. Con il passare delle ore si avvicinerà fino al inglobare tutta la Sicilia, causando il guasto del tempo domenica e lunedì.  Le prime ore di Domenica saranno tranquille ma da..

    Continua a Leggere

  • Pro Loco Monreale, domani la presentazione in piazza Guglielmo II

    Cultura

    Monreale, 17 agosto 2018 - Sarà presentata domani, sabato 18 agosto in piazza Guglielmo II alle ore 11, l’attività della Pro Loco Monreale che si è da poco tempo costituita. Il gruppo inizierà adesso il proprio percorso di attività socio-culturali. La presentazione avverrà presso la pizzeri..

    Continua a Leggere

  • Sorpresi a scaricare rifiuti in viale Regione siciliana e allo svincolo Belgio, multati (FOTO)

    Cultura

    Continua a Leggere

  • Il branco picchia gli extracomunitari, ricostruita l’aggressione della Ciammarita

    Cultura

    Non solo una battibecco con qualche offesa e qualche spintone ma una vera e propria aggressione da parte di giovani, probabilmente partinicesi, nei confronti di quattro ragazzi di colore ospitati in comunità. Questo quello che è successo nei pressi della spiaggia della Ciammarita ..

    Continua a Leggere

  • “Senza Rita Borsellino a Palermo siamo più soli”, l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice (FOTO)

    Cultura

    Palermo, 17 luglio 2018 - “Quando mi è giunta notizia della morte di Rita Borsellino ho provato un sentimento interiore, una sorta di solitudine e mi sono detto: ora a Palermo siamo più soli.  Ma mi è venuto in mente il ricordo ancora lo sguardo di Rita del 19 Luglio quando lei stessa ha v..

    Continua a Leggere

  • “Comportati bene o muori”. Il sindaco Agostaro: “Non ho paura”

    Cultura

    San Giuseppe Jato, 17 agosto 2018 - “Caro sindaco comportati correttamente altrimenti muori”, è un atto intimidatorio in piena regola quello ricevuto da Rosario Agostaro, primo cittadino di San Giuseppe Jato.

    Continua a Leggere

  • Lettera con proiettile al sindaco di San Giuseppe Jato Rosario Agostaro

    Cultura

    San Giuseppe Jato, 17 agosto 2018 - Una lettera contenente alcune minacce e un proiettile è stata recapitata al sindaco di San Giuseppe Jato Rosario Agostaro.

    LEGGI QUI IL RA..


  • Caccia aperta in Sicilia dal 1 settembre, a Monreale i tesserini dal 20 agosto

    Cultura

    Monreale, 17 agosto 2018 - Doppiette in azione dal primo settembre in Sicilia. Pubblicato sulla gazzetta ufficiale di oggi il calendario venatorio per la stagione 2018/2019. I giorni di caccia e le specie animali che possono finire nel mirino dei fucili sono elencati in un decreto dell’Assessor..

    Continua a Leggere

  • Piana degli Albanesi, progetto di 1 milione per migliorare l’impianto d’illuminazione pubblica

    Cultura

    Piana degli Albanesi, 17 agosto 2018 - Il comune di Piana degli Albanesi partecipa ad un bando per l'approvazione di un progetto di efficientamento energetico del costo di quasi un milione di euro. A renderlo noto è il primo cittadino della città del lago Rosario Petta. "Abbiamo presentato all'..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Incendio sul Monte Caputo. Intervento dei vigili del fuoco

    Cultura

    Monreale, 17 agosto 2018 - Un principio d'incendio sul Monte Caputo è stato segnalato al centralino dei vigili del fuoco di Palermo. Le fiamme si sono sviluppate a Monreale, in via strada Vicinale San Martino, vicino ad alcune villette, qualche minuto prima della mezzanotte. Sul posto si sono reca..

    Continua a Leggere

  • Rita Borsellino: “solo” una donna, una mamma, una nonna che ha creduto in tanti di noi

    Cultura

    Scrivo queste righe mentre mi trovo al confine tra Georgia e Arzebajgian, in un monastero ortodosso che da secoli sopravvive qui nelle montagne. La preghiera di questi monaci, la loro fede così sconfinata, mi aiuta a pensare in questo momento a Rita Borsellino, giunta all’ultima tappa del suo cam..

    Continua a Leggere

  • Il Quartiere Pagliarelli scrive all’assessore Mattina: “Sostanziale incoerenza tra i valori che dice di possedere e la sua azione politica”

    Cultura

    Palermo, 16 agosto 2018 -In risposta alla lettera dell’Assessore Giuseppe Mattina del Comune di Palermo, pubblicata da altra testata giornalistica 

    Continua a Leggere

  • Venerdì i funerali di Rita Borsellino, oggi e domani la camera ardente

    Cultura

    La camera ardente per un ultimo saluto a Rita Borsellino è stata allestita presso la Casa della memoria operante del Centro studi Paolo Borsellino a partire da giovedì 16 agosto dalle 11.00 alle 20.00 e venerdì dalle 7.00 alle 9.00 (via Bernini n. 52 – Palermo).  <..

    Continua a Leggere

  • Ciammarita (Partinico). A ferragosto 4 extracomunitari vittima di un caso di razzismo

    Cultura

    Partinico, 16 agosto 2018 - Ennesimo caso di razzismo a Partinico. È stata presentata formale denuncia ai Carabinieri dai responsabili di una comunità di accoglienza de comune palermitano dopo che 4 giovani ospiti del centro sono rimasti vittima di un caso di maltrattamento, sembra a sfondo razzis..

    Continua a Leggere

  • Come si scrive il curriculum: consigli e suggerimenti

    Cultura

    16 agosto 2018 - Il curriculum, si sa, è il primo mezzo con cui ci si presenta a un'azienda per la quale si è interessati a lavorare: esso può essere paragonato a un biglietto da visita attraverso il quale viene raccontato il percorso di studi del candidato e viene descritta..

    Continua a Leggere

  • È morta a 73 anni Rita Borsellino. Sorella del giudice Paolo Borsellino

    Cultura

    È morta Rita Borsellino, 73 anni, la sorella del giudice Paolo Borsellino, ucciso nella strage di via D’Amelio il 19 luglio 1992. Rita Borsellino era malata da tempo e negli ultimi mesi le sue c..

    Continua a Leggere

  • Duomo di Monreale. Aperta ai visitatori la passeggiata sulla terrazza Settentrionale (LE IMMAGINI)

    Cultura

    [gallery ids="73629,73630,73631,73632,73633,73634,73635,73636,73637,73638,73639,73640,73641,73642,73643,73644,73645,73646"] Monreale, 15 agosto 2018 - Da lunedì 13 agosto i numerosi turisti a passeggio sul tetto della Cattedrale di Monreale potranno prolungare la camminata lungo una sezione fino..

    Continua a Leggere

  • Bisacquino, il 16 agosto arriva Generation of Talent

    Cultura

    Bisacquino, 14 agosto 2018 - La cornice è quella delle grandi occasioni, piazza Triona l’indomani del Ferragosto. Alle 21,30 i talenti che si esibiranno sono tra i più promettenti. Il presentatore è una garanzia, Antonio Pandolfo, attore, autore, cabarettista e regista. Il premio è tra i più ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com