Oggi è 18/07/2018

Altofonte

Altofonte, l’ex assessore Castellese: “Il comune garantisca gli abbonamenti AST agli studenti. È possibile ripristinarli”.

“Ho sentito la necessità di scrivere queste righe sia per l’importanza della questione, ma anche per le numerose inesattezze che sono state dette in questi ultimi tempi”

Pubblicato il 27 settembre 2017

Altofonte, l’ex assessore Castellese: “Il comune garantisca gli abbonamenti AST agli studenti. È possibile ripristinarli”.
Altofonte, 27 settembre 2017 – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO una nota del Prof. Giuseppe Castellese, già vicesindaco nell’amministrazione di Altofonte Di Matteo, con delega alla pubblica istruzione ed ai trasporti. 

Lo scorso anno il costo del trasporto scolastico extraurbano per circa 440 studenti, che da Altofonte si recavano a Palermo o in altri comuni vicini per continuare gli studi superiori, ha raggiunto la cifra di circa 223.000 euro.

Il bilancio 2016 approvato durante l’amministrazione Di Matteo aveva previsto l’intera somma, appostando nel pluriennale per il 2017 e per il 2018 la previsione di 180.000 euro. Tale previsione nel bilancio pluriennale dell’ente ha permesso di garantire gli abbonamenti agli studenti fino allo scorso mese di maggio.

l bilancio adottato dalla giunta De Luca, per quanto è possibile capire dalle dichiarazioni ufficiali, riduce tale cifra per l’anno in corso a quanto già speso per i primi 5 mesi dell’anno e pensa di garantire per gli ultimi 3 mesi del 2017 solo un rimborso di 30.000 euro con delle modalità molto discutibili e sulle quali è stato detto tanto; anch’io, alla fine di questo articolo, tornerò sull’argomento.

La cosa più grave, però, è stata quella di avere azzerato tale previsione nel bilancio pluriennale 2018-2019, sostituendola interamente con una somma, oltretutto ridotta drasticamente (si parla di un taglio di circa l’85% e quindi di una somma di circa 30.000 euro), appostata interamente come contributo piuttosto che come acquisto abbonamenti; questo significherà scordarsi, almeno fino all’approvazione del bilancio del prossimo anno (2018), gli abbonamenti gratuiti per gli studenti come previsto dalla legge regionale sul diritto allo studio (art.9 della L.R. n.14/2002).

Ma veniamo all’anno in corso: se ipotizziamo che il costo annuale per gli abbonamenti per l’anno corrente si attesti sulla stessa cifra dello scorso anno (223.000 euro), di fatto sappiamo che i 5 ottavi della stessa (i primi 5 mesi dell’anno sul totale di 8 mesi scolastici) non può che essere già prevista nel bilancio 2017 perché già spesa, mentre occorre trovare la restante cifra; ma ormai non più per 3 mesi, in quanto ottobre sarà di fatto a carico dei genitori (non essendoci i tempi tecnici per l’acquisto degli abbonamenti da parte del Comune), ma per soli 2 mesi (novembre e dicembre). Questi 2 ottavi di 223.000 euro ammontano a 55.750 euro [(223.000 : 8) x 2 = 55.750 euro], che potrebbero ridursi leggermente con un accordo con l’AST, visto che i giorni di scuola nel mese di dicembre sono in numero minore.

Ma anche considerando 55.750 euro, di fatto la somma che occorrerebbe reperire per garantire a tutti gli studenti l’abbonamento gratuito sarebbe soltanto di 25.750 euro, in quanto i rimanenti 30.000 euro dovrebbero essere già previsti in bilancio sotto forma di contributi ed occorrerebbe soltanto spostarli, con un emendamento in fase di approvazione, alla voce acquisto abbonamenti scolastici.
Fare una manovra di 25.750 euro, in un bilancio di oltre 6 milioni di euro, non è una cosa impossibile, ma richiede scelte consapevoli ed un lavoro certosino di ricognizione di tutti i capitoli per reperire possibili economie da spostare, anch’esse con un emendamento al bilancio in fase di approvazione; senza disdegnare l’ipotesi (anzi!) di una intensificazione della lotta all’evasione fiscale che possa portare al reperimento di buona parte della somma necessaria (se non tutta), da iscrivere (con prudenza e certezza) nel bilancio corrente come ulteriore entrata.
Tra l’altro continuare un’azione di recupero dell’evasione fiscale è oltremodo necessario per ridurre quelle somme di dubbia esigibilità che creano non pochi problemi al bilancio dell’ente e può aiutare (assieme ad altre scelte amministrative da fare) a sistemare anche le previsioni del bilancio pluriennale 2018-2019.

Amministrare significa fare scelte assumendosi delle responsabilità e, in una situazione di riduzione delle risorse (che per la verità è già avvenuta negli scorsi anni, mentre per l’anno in corso si è stabilizzata), significa ancora di più farle evitando di creare danni alla comunità ed alle famiglie.
Quello a cui abbiamo assistito è stata una scelta miope, perché il taglio degli abbonamenti si tradurrà in una ulteriore riduzione dei trasferimenti regionali che comprendono anche il rimborso di queste somme, ma soprattutto lede un diritto di tutti i giovani a poter continuare gli studi superiori a prescindere dalla situazione economica delle famiglie.

Oggi molte famiglie hanno già notevoli difficoltà economiche e queste ulteriori spese, che ammontano in un anno scolastico a quasi 500 euro a studente, sono una batosta grossissima; l’aver previsto con il regolamento di dare un contributo minimo e l’aver legato questo stesso alla regolarità nel pagamento dei tributi è (oltre che incostituzionale e non conforme a quanto previsto dall’art.9 della legge regionale n.14 del 2002) di una illogicità unica perché non garantisce né maggiori entrate per poter usufruire del contributo, né il diritto allo studio proprio per quelle fasce più deboli della popolazione. Che colpa ha un giovane se la propria famiglia non è a posto con il pagamento dei tributi? Come si possono eliminare quegli ostacoli di carattere economico e sociale per garantirgli il diritto allo studio? Davvero si pensa di tornare ai tempi in cui studiavano soltanto coloro che avevano alle spalle una famiglia benestante? Tutto questo è molto ingiusto e non può essere sottovalutato!

L’amministrazione De Luca, invece, ha sottovalutato tutto ciò, e quando si è accorta del danno non ha cercato di porre rimedio immediatamente, ma si è arroccata in questa scelta cercando in tutti i modi di giustificarla, arrivando persino a paventare, in caso di mantenimento degli abbonamenti gratuiti, danni al bilancio e necessità di innalzare altri tributi. Ha fatto quello che da sempre fanno le politiche di destra e conservatrici che cercano di dividere e contrapporre i diversi interessi sociali delle fasce più deboli della popolazione per ridurre i diritti.
Ma, come ho dimostrato all’inizio, è ancora possibile, se si vuole, cancellare questa scelta ingiusta e frettolosa!

Per fare ciò il primo passo consiste nella revoca del regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n.49 del 28 agosto 2017, perché senza questo passo un emendamento che trovi le risorse da spostare alla voce abbonamenti scolastici avrebbe il parere negativo degli uffici, in quanto quel regolamento rappresenta un atto di indirizzo e di regolazione della materia, a cui gli uffici stessi devono attenersi.
Tolto questo macigno si possono apportare le modifiche al bilancio di previsione in fase di approvazione, senza essere bloccati dal parere negativo e senza chissà quali problemi al bilancio stesso, come ho già detto prima.

Tutto ciò necessità un serio ripensamento da parte dell’amministrazione comunale che deve fare, assieme alla sua maggioranza, il lavoro di dettaglio e le scelte che le competono. La minoranza in Consiglio comunale, d’altronde, ha già dichiarato di voler revocare il regolamento approvato e di voler ripristinare il diritto allo studio leso dallo stesso, in ciò concordando con “Altofonte Bene Comune” e con il comitato dei genitori e degli studenti sorto spontaneamente per sollecitare questa modifica.

La successiva azione amministrativa non può fermarsi solo a questo.  Occorre continuare a chiedere, anche attraverso l’ANCI, di avere rimborsate al cento per cento le somme spese dal Comune per gli abbonamenti scolastici, così come prevede la legge. Occorre soprattutto, ora che la Città Metropolitana dovrebbe cominciare a fare i primi passi, chiedere che Altofonte rientri in un nuovo assetto della mobilità pubblica, apportando le opportune modifiche alle concessioni ed alle linee, ma, soprattutto, creando una sinergia tra le diverse modalità di trasporto che consenta a tutti i cittadini di Altofonte di potersi spostare da e verso la città senza utilizzare a tutti i costi i mezzi privati, ma potendo usufruire di un sistema di trasporto pubblico efficiente!

Ho sentito la necessità di scrivere queste righe sia per l’importanza della questione, ma anche per le numerose inesattezze che sono state dette in questi ultimi tempi, chiamando in causa responsabilità non meglio precisate della passata amministrazione, della quale facevo parte come vicesindaco con delega alla P.I. ed ai trasporti pubblici. Io stesso sono stato tacciato di dire falsità per aver ripetuto in un’assemblea pubblica queste stesse cose che sono ampiamente documentate.

Spero vivamente che si voglia trovare (da parte di tutti) una soluzione a questo problema che incide sul futuro dei nostri giovani e della nostra comunità, perché non può lasciare indifferenti il fatto che oggi, nel 2017, ci siano ancora famiglie che hanno difficoltà a far proseguire gli studi ai propri figli. La nostra Costituzione riconosce il diritto allo studio anche a coloro che sono privi di mezzi e le leggi statali e regionali hanno specificato tale diritto in diverse forme; tra queste l’art.9 della Legge Regionale n.14 del 2002 dice chiaramente, al comma 1, che “La Regione siciliana  garantisce attraverso i comuni il trasporto gratuito agli alunni della scuola dell’obbligo e delle scuole medie superiori che si recano presso altro comune per frequentare scuole pubbliche statali o paritarie qualora non esista nel comune di residenza la corrispondente scuola pubblica.”
Quindi si parla di un diritto, non di una possibilità! Occorre ricordare, inoltre, che per gli studenti fino a 16 anni è un obbligo la frequenza e tutte le famiglie devono essere messe nelle condizioni di poter rispettare ciò.

I tempi sono molto stretti! C’è già una richiesta di convocazione straordinaria e urgente del Consiglio comunale (che porta la data dello scorso 21 settembre!) per affrontare nuovamente la questione, a partire dalla revoca del regolamento. È pur vero che ciò si poteva far prima, ma si colga questa occasione e si faccia subito!
Come ho suggerito già nel corso dell’assemblea del 14 settembre scorso al comitato dei genitori e degli studenti (sorto spontaneamente per affrontare la questione), l’alternativa è quella di richiedere subito la convocazione di un referendum propositivo per ottenere quanto già illustrato in questo articolo, qualora l’amministrazione continui a non voler ascoltare; sottolineo PROPOSITIVO e non ABROGATIVO, perché la proposta c’è ed è chiara e percorribile! Anche se la ricerca di una soluzione non dovrebbe essere neanche compito dei cittadini, ma onere di chi amministra, avendo avuto mandato dagli elettori proprio perché ritenuto all’altezza di risolvere i problemi!
Ci sono ancora i tempi tecnici per raccogliere le circa 900 firme necessarie per poter convocare la consultazione referendaria per il prossimo 5 novembre, in occasione delle elezioni regionali, non gravando, così, con ulteriori spese, sulle casse comunali.
Confido ancora, però, nel buon senso dei nostri amministratori al fine di raggiungere comunque e nel modo più veloce possibile il medesimo obiettivo: continuare a garantire a tutti gli studenti il trasporto scolastico extraurbano gratuito.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Randagismo, spariti nel nulla i cani di via Pezzingoli. Dove sono finiti?

    Altofonte

    [gallery ids="71105,71104,71103,71102,71100,71098,71097,71099,71096,71093,71091,71090"] Monreale, 18 luglio 2018 - Di loro non si trovano neppure i corpi, spariti nel nulla. Era il 19 giugno scorso quando alcuni animalisti lanciarono l’allarme dell'avvelenamento di alcuni cani nella zona alta d..

    Continua a Leggere

  • Previsioni meteo, caldo africano in arrivo. Nel week end si toccheranno i 44 gradi

    Altofonte

    Monreale, 18 luglio 2018 - Il fine settimana avrà di nuovo come protagonista il caldo africano. Fino a venerdì mattino avremo caldo moderato mentre dalla sera il nuovo impulso africano porterà di nuovo il rovente alito sahariano sulle nostre terre. La giornata di sabato sarà infuocata con punte ..

    Continua a Leggere

  • Verso le elezioni del sindaco di Monreale. A Monreale nasce il gruppo di Diventerà Bellissima

    Altofonte

    Monreale, 18 luglio 2018 – Nasce all'interno del Consiglio comunale monrealese il gruppo consiliare “Diventerà bellissima”, il movimento del presidente della Regione, Nello Musumeci. Il neonato gruppo sarà tenuto a battesimo, oggi pomeriggio, nel corso della seduta in programma in aula co..

    Continua a Leggere

  • Pitbull stacca il braccio a ragazza. É il cane del convivente

    Altofonte

    Un pitbull ha aggredito una giovane di 23 anni in un’abitazione in via Agnetta a Villagrazia a Palermo. Il cane del convivente le ha staccato a morsi un braccio. I vicini hanno lanciato l’allarme sentendo le urla della donna. Sono intervenuti i sanitari ..

    Continua a Leggere

  • Cimitero di San Martino delle Scale bonificato. Cancelli di nuovo aperti

    Altofonte

    Monreale, 18 luglio 2018 - Dopo due settimane di chiusura forzata, il cimitero di San Martino delle Scale è stato riaperto. Dentro il camposanto al centro dell'inchiesta che vede coinvolti i membri della famiglia Messina, sono state effettuate le opere di bonifica e sanificazione necessarie per ..

    Continua a Leggere

  • Nessuna infiltrazione mafiosa. I terreni di Tagliavia tornano alla Curia monrealese

    Altofonte

    Monreale, 18 luglio 2018 - La Curia di Monreale torna in possesso dei beni di Tagliavia. In particolare dell’"Azienda agricola santuario Maria Santissima del Rosario di Tagliavia”, che, a luglio 2017, era stata sottoposta ad amministrazione giudiziaria, dopo che ne era stato dimostrato il contro..

    Continua a Leggere

  • Ricorso lavoratori precari del Comune: giovedì l’udienza in Corte d’appello

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 - Dopo un’attesa durata ben cinque anni, giovedì mattina sarà finalmente definito l’esito del ricorso presentato da un consistente gruppo di lavoratori precari del Comune di Monreale, nell’ormai lontano 2013, per aver riconosciuto il diritto alla trasformazione a tem..

    Continua a Leggere

  • Godrano. Spara alla moglie e si suicida dopo qualche giorno

    Altofonte

    A Godrano, un uomo di 72 anni, originario di Marineo, si è ucciso dopo che lo scorso 9 luglio aveva sparato alla moglie.  Pasquale Orlando di 72 anni agli arresti domiciliari si è lanciato dal tetto di casa ed è morto. E’ successo ieri sera. Lo ha..

    Continua a Leggere

  • Scomparso Antonino Dragotto, ex segretario generale del comune di Monreale

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 -È venuto a mancare venerdì scorso 14 luglio, all’età di 84 anni, il dottore Antonino Dragotto, già Segretario Generale del Comune di Monreale dal 1977 al 1991, durante le giunte guidate dai Sindaci Li Calsi, Sirchia, Giangreco, Demma, Giacopelli, Mortillaro, Marc..

    Continua a Leggere

  • Anniversario della strage di via D’Amelio, ecco gli appuntamenti della Questura di Palermo

    Altofonte

    In occasione della ricorrenza del 26° Anniversario della Strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino ed i componenti  della scorta, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli ed Emanuela Loi, il prossimo 19 luglio, la Questura di P..

    Continua a Leggere

  • Rifiuti: raccolta carta in Sicilia cresce del 16,1%. Assopirec: “Siamo sulla giusta strada”

    Altofonte

    Palermo, 17 luglio 2018 – “L’incremento del 16.1% della raccolta di carta e cartone in Sicilia, registrato nel 2017, ci dice che siamo sulla giusta strada”. Lo dice Gaetano Rubino, presidente di Assopirec, l’associazione che raggruppa nume..

    Continua a Leggere

  • Monreale, si è insediata la Commissione straordinaria di liquidazione

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 - Si sono insediati stamane al Comune di Monreale i tre componenti della Commissione straordinaria di liquidazione. I rappresentanti dell’organismo composto dalla dottoressa Michela Giusti, dal dottor Vincenzo Salvatore Albanese e dal dottor Antonino Oddo, sono stati ..

    Continua a Leggere

  • Aquino e Fiumelato, nei due centri di raccolta i rifiuti differenziati si potranno conferire in un’unica volta

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 - Da domani 18 luglio esclusivamente presso i punti di raccolta in via Ponte Parco 12 e in contrada Fiumelato (ex casello ferroviario) sarà possibile conferire, dalle ore 6 alle ore 16 dal lunedì al sabato, tutte le tipologie di rifiuto opportunamente differenziate e confe..

    Continua a Leggere

  • Guasto al Pozzo Rinazzo: disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 - Previsti disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello. La pompa sommersa del pozzo Rinazzo di in san Martino Delle scale lunedì scorso si è bruciata; pertanto in attesa che gli ..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato ricorda la strage di via D’Amelio con una seduta straordinaria di Consiglio comunale

    Altofonte

    San Giuseppe Jato, 17 luglio 2018 - Anche la cittadinanza jatina ricorda l'anniversario della stessa di via D'Amelio. E’ convocato per Giovedì 19 luglio, alle ore 19.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di San Giuseppe Jato, un Consiglio Comunale in sessione Straordinaria in occasione del XX..

    Continua a Leggere

  • Monreale: Ecoincentivi, ispettori ambientali, orari di conferimento più flessibili. I cittadini scrivono una lettera al sindaco

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 - Ancora troppe le difficoltà per conferire nei centri di raccolta, a causa degli orari poco flessibili o per motivi logistici, ma soprattutto per un’informazione sulle modalità di suddivisione dei rifiuti e sul loro conferimento che non ha ancora raggiunto tutta la citt..

    Continua a Leggere

  • Avviso di garanzia per l’arcivescovo Francesco Micciché

    Altofonte

    Monreale, 17 luglio 2018 - Emesso un avviso di garanzia nei confronti dell’ex arcivescovo Francesco Micciché a conclusione delle indagini preliminari condotte dal Pubblico Ministero, la dott.ssa Sara Morri del Tribunale di Trapani. Monsignor Micciché, originario di San Giuseppe Jato e residen..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia Delirio, fermati gli uomini del dopo Riina. Riciclaggio in bar e scommesse

    Altofonte

    Palermo, 16 luglio 2018 - Operazione antimafia  questa mattina a Palermo. L'arrestato numero uno è Giuseppe Corona, personaggio chiave, finito nel mirino della Dda di Palermo che oggi  ha arrestato 24 persone tra mafiosi, prestanomi ed estortori di diversi clan della città. ..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com