Finge di essere vittima di una rapina per non pagare la rata, denunciata una donna

«Erano in due, sicuramente mi hanno seguita perché appena ho ritirato i soldi della mia pensione mi hanno bloccato e si sono presi tutto»

0
Araba Fenice desk

Palermo, 7 settembre 2017 –  Triste epilogo per una vicenda verso la quale i Carabinieri si erano mostrati sin da subito particolarmente sensibili.

Il fatto risale al 6 luglio scorso: una signora si presenta presso  una stazione dei Carabinieri, agitata e spaventata, subito denuncia di aver subito una rapina: «Erano in due, sicuramente mi hanno seguita perché appena ho ritirato i soldi della mia pensione mi hanno bloccato e si sono presi tutto» – questo è quanto racconta ai militari dell’Arma. Da lì l’inizio delle indagini con l’acquisizione delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona: ma nei video, i Carabinieri ripercorrono il percorso fatto dalla signora, senza però riuscire a risalire alle fase dell’aggressione denunciata.

Nasce così il dubbio: la conferma arriva visionando i risultati della richieste dell’estratto conto. Quel giorno, infatti, non risulta nessun prelievo bancario effettuato.

La messa in scena dell’aggressione e della rapina subita doveva essere un escamotage per poter dilazionare il pagamento di una rata della finanziaria a cui non riusciva più a far fronte. Pertanto, la donna, una 69enne, dovrà ora rispondere di simulazione di reato.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com