Oggi è 13/12/2017

Cultura

Ecco perché Lady Di non si dimentica

La favola triste di una donna carismatica che infranse le regole di Corte. Amata da tutti, una figura anche banale che divenne un’icona di stile

Pubblicato il 1 settembre 2017

Ecco perché Lady Di non si dimentica
Monreale, 1 settembre 2017 – Una cospicua fetta di persone, nello specifico di adolescenti anni ottanta, (data la generazione a cui appartengo) ha subito, in misura più  o meno variabile, il fascino di Lady Di.
 
Io ad esempio, anche se ai tempi (solo per darmi un tono pseudo-alternativo-intellettuale) non lo avrei mai ammesso neppure se mi fossi trovata in una pozza di sabbie mobili circondata da belve feroci e sbavanti, in realtà nutrivo per “questa ragazza” una certa simpatia.
 
Quando esordì agli onori della cronaca mondiale e del conseguente gossip, mi colpì  subito quella sua espressione timida e mite, che rappresentava un po’ tutte noi, ragazzine normali del tempo. Mi sembrò umana, una ragazza come tante, tranquilla e un po’ frastornata per ciò che le stava accadendo: sposare Carlo, figlio di Queen Elizabeth, non proprio un adone e neppure “un vero principe azzurro da fiaba”, almeno non per i nostri standard, ma pur sempre un principe. Una ventenne come tante, con un nobile gentilizio, che accedeva alla Corte più rappresentativa del mondo.
 
Lady Di, da ragazza ordinaria, forse anche un po’ banale, si trasformò, ben presto in cigno, cioè in raffinata icona di stile,  ma la sua allure malinconica, la dignità di voler essere autenticamente una moglie e non solo un “regale accessorio ostentato” le fecero conquistare prima la simpatia, successivamente l’amore incondizionato del suo popolo, grazie a quel particolare carisma che riescono a manifestare solo le persone autenticamente vere, con espressioni vere, con sentimenti veri, quelle  persone che non nascondono nulla, neppure le fragilità, men che meno le angosce, le vicissitudini e i dolori della vita .
La “favola” le mostrò ben presto, oltre ai protocolli, una realtà triste: un marito distratto, legato sentimentalmente ad un’altra donna e una Corte imbalsamata, a cui lei non si adattò mai, infrangendo più di una regola.
 
Prima regola infranta: partorì i suoi figli in ospedale e se ne occupò personalmente. Seconda regola infranta: si fece portavoce, da vera protagonista, di diverse cause umanitarie, andò tra i malati di AIDS (si fece fotografare mentre stringeva la mano ad uno di loro), tra i bambini malati di lebbra, nei campi disseminati di mine anti-uomo.
 
Possedeva uno stile naturale e un carisma che attraeva perché induceva tutti, anche gli individui con un ego sofferente, con una vita complessa, con condizioni non idilliache, a immedesimarsi in Lei,  non nella sua vita dorata, non nei suoi privilegi da Altezza Reale, ma nella semplicità  del suo essere in qualche modo trasparente, autenticamente partecipe e per questo inevitabilmente empatica e accogliente.
 
La gente normale, la povera gente, i “poveri disgraziati”,  reietti di una società distratta la amavano, forse perché Lady Di sapeva offrire con naturalezza carezze, sorrisi e gesti d’affetto capaci di riaccendere flebili speranze, senza la necessità di servirsi di inutili giri di parole, gesti attraverso cui le persone reali, con problemi reali trovavano “un blando ma piacevole, a volte necessario sollievo” proprio in quel sorriso discreto, empatico, spesso timidamente accennato, ma sempre profondamente umano.
Ecco perché Lady Di non si dimentica.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Dieci persone sotto le macerie del Collegio di Maria, Altofonte ricorda dopo 60 anni

    Cultura

    Altofonte, 13 dicembre 2017 - Un crollo che ha lasciato il segno nella comunità di Altofonte, che non può e non deve essere cancellato dalla memoria. Era il 13 dicembre 1957, era mattina, i bambini entravano a scuola accompagnati dai genitori. Dopo pochi minuti lo scricchiolio del tetto, il crollo..

    Continua a Leggere

  • Castrense Ganci continuerà a ricoprire l’incarico di Comandante della Polizia Municipale al Comune di Castellammare. Arriva la proroga

    Cultura

    Monreale, 13 dicembre 2017 - Prorogato il servizio del Commissario Capo Castrense Ganci al Comune di Castellammare del Golfo, dove continuerà a ricoprire l’incarico di Comandante della Polizia Municipale.

    Continua a Leggere

  • Nella notte 13 arresti. Scoperta una banda organizzata di rapinatori NOMI E FOTO

    Cultura

    I nomi e le foto degli arrestati dell'Operazione Commando 

      [gallery ids="44949,44950,44951,44952,44953,44954,44955,44956,44957,44958,44959,44960,44961"]

    Palermo, 13 dicembre 2017 - I carabinieri di Palermo, nell'ambito dell'indagine Commando, ha..

    Continua a Leggere

  • Un commando organizzava violente rapine a Palermo, arrestate 13 persone VIDEO

    Cultura

    Palermo, 13 dicembre 2017 - Dopo i recenti blitz di mafia, continua l’azione di prevenzione e contrasto ..

    Continua a Leggere

  • Inaugurata la rassegna della Settimana di Musica Sacra. Presente vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Gaetano Armao (LE IMMAGINI)

    Cultura

    Monreale, 13 dicembre 2017 - Con la Nona sinfonia in re minore e il Te Deum per soli, coro e orchestra di Joseph Anton Bruckner è stata inaugurata ieri sera la rassegna della Settimana di Musica Sacra nella fantastica cornice del Duomo di Monreale. Il direttore ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. PD: il sindaco Capizzi decida, o con noi o con Saverio Romano

    Cultura

    Monreale, 12 dicembre 2017 - Si è concluso con una posizione unanime l’incontro tenutosi ieri sera in casa PD, alla presenza del commissario Antonio Rubino. E’ un aut aut da presentare al sindaco Piero Capizzi: o con noi del PD o con il centro destra afferente all’area di Saverio Romano. I..

    Continua a Leggere

  • Monreale, abbandonati 4 cuccioli. Ora rischiano di andare in canile

    Cultura

    [gallery ids="44877,44875"] Monreale, 12 dicembre 2017 – Sono piccoli, indifesi e hanno tanto bisogno di qualcuno che possa dare loro tanto affetto. Quattro cuccioli sono stati ritrovati questo pomeriggio a Monreale da un gruppo di volontari. Erano stati gettati in mezzo ai rovi, al freddo, e s..

    Continua a Leggere

  • Nel bene confiscato alla mafia sorge il centro antiviolenza dell’associazione Le Onde

    Cultura

    Palermo, 12 dicembre 2017 - Il Centro antiviolenza, gestito dall'associazione, ha offerto dagli anni '90 alle donne un luogo dove pensare un nuovo progetto di vita per sé e per i figli e le figlie attraverso un insieme di attività che iniziano con l’ascolto telefonico e la valutazione del r..

    Continua a Leggere

  • Green way Palermo-Monreale, insediata la Commissione del concorso internazionale VIDEO

    Cultura

    Monreale, 12 dicembre 2017 - Dopo il tram a Palermo, arriverà un collegamento tra Palermo e Monreale che ripercorre un collegamento storico oggi innovat..

    Continua a Leggere

  • Petizione online per la SP4 San Cipirello-Corleone. «Urgente intervento del governo regionale»

    Cultura

    Corleone, 12 dicembre 2017 – Una petizione online per sensibilizzare gli amministratori siciliani e dare nuovamente dignità ad un’importante via di comunicazione. È la strada provinciale numero 4 che collega San Cipirello a Corleone, una strada pericolosa e difficilmente transitabile a causa d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, aumentano le sanzioni agli automobilisti privi del ticket parcheggio

    Cultura

    Monreale, 12 dicembre 2017 - 28,70€ per sosta senza esposizione dell’apposito tagliando. E’ questo l’importo della contravvenzione che diversi automobilisti monrealesi si sono ritrovati sul parabrezza della loro auto nell’ultimo mese. Si è infatti registrato un significativo aumento delle..

    Continua a Leggere

  • In Stand-by la prosecuzione del servizio del Commissario Capo Ganci al Comando di Castellammare

    Cultura

    Monreale, 12 dicembre 2017 - Il Comune di Castellammare del Golfo chiede al Comune di Monreale il nulla osta per la prosecuzione dell’utilizzo temporaneo e parziale in regime di comando del Commissario Capo Castrense Ganci, ma il comune normanno rinvia la proposta chiedendo una rimodulazione. L..

    Continua a Leggere

  • Monreale, danni per il forte vento. Strade interrotte e linee elettriche compromesse

    Cultura

    [gallery ids="44843,44842,44841"]

    Monreale, 12 dicembre 2017 – Alberi caduti, oggetti volati via dai balconi, linee elettriche danneggiate, cartelloni portati via dalle forti raffiche di vento. Da ieri sera si registrano danni e numerosi disagi a causa del forte vento in tutt..

    Continua a Leggere

  • Fiera natalizia al Parco Villa Filippina

    Cultura

    Palermo, 12 dicembre 2017 -Non c’è una vera e propria atmosfera natalizia e un clima di feste senza luci colorate, addobbi e fiere a tema. Lo scorso 8 Dicembre è stata inaugurata “Natale in villa 2017”, la fiera al Parco Villa Filippina (Piazza San Francesco 18, Palermo), la nuova area dedic..

    Continua a Leggere

  • Istruzione e pari opportunità: linee guida per il diritto allo studio delle alunne e degli alunni fuori dalla famiglia di origine

    Cultura

    Monreale, 12 dicembre 2017 - Per garantire “Pari opportunità nell’istruzione per le persone minori d’età” sono state siglate dalla Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e dalla garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Filomena A..

    Continua a Leggere

  • Morì per un’embolia all’Ingrassia. Chiesti 2 anni per 4 medici

    Cultura

    Condanna a due anni di carcere ciascuno per omicidio colposo. Lo ha chiesto la Procura di Palermo per quattro medici dell'ospedale Ingrassia di Palermo. Rosanna Giaramidaro, Rosalba Tantillo, Florinda Bascone e Sebastiano Scalzo sono accusati di aver provocato la morte di un ragazzo di 28 anni,Emili..

    Continua a Leggere

  • Determine senza nomina di vicesindaco. Lo Biondo: «Affermazioni gravi? L’assessore mi denunci»

    Cultura

    Monreale, 11 dicembre 2017 - Dall’assessore Giuseppe Cangemi erano state bollate come «Affermazioni gravi», le dichiarazioni di Massimiliano Lo Biondo. Il componente dell’Assemblea provinciale del PD aveva tirato in causa l’amministratore monrealese che avrebbe partecipato, secondo quanto af..

    Continua a Leggere

  • Bari Vs Palermo: 0-3. I rosanero squadra solida e concreta

    Cultura

    Bari, 11 dicembre 2017 - Il Palermo si conferma squadra solida e concreta e con una rosa giocatori assolutamente competitiva. Vince e convince con autorevolezza da prima della classe. Mister Tedino ha il merito di avere creato un gruppo solido e concreto, sfruttando le caratteristiche dei singoli gi..

    Continua a Leggere

  • Acquapark Monreale