Oggi è 17/10/2018

Cultura

I siciliani non sono tutti mafiosi, i musulmani non sono tutti terroristi. Quando la gestione della paura sfugge al controllo della ragione

Solo la forza della ragione vera e del pensiero riflessivo e obiettivamente critico possono salvarci da questa deriva superficiale e forcaiola

Pubblicato il 22 agosto 2017

I siciliani non sono tutti mafiosi, i musulmani non sono tutti terroristi. Quando la gestione della paura sfugge al controllo della ragione

Monreale, 22 agosto 2017 – Una delle più profonde e potenti emozioni umane è sicuramente la paura. Immediata, intensa e, a tratti, deflagrante, coinvolge ogni piccolo meandro del nostro essere e del nostro scoprirci individui piuttosto deboli, esposti e potenzialmente in costante pericolo. In qualsiasi forma si manifesti, sia come esperienza connotata dall’ansia, spesso pervasiva o addirittura paralizzante nei riguardi di certi aspetti particolarmente delicati e intimi del vissuto personale di ciascuno di noi, sia come inevitabile reazione ad uno specifico evento traumatico, la paura o il vero e proprio terrore si presentano attraverso manifestazioni esterne complesse e diversificate. La paura può manifestarsi, infatti, in  maniera piuttosto subdola e invasiva o in modo dirompente e improvviso, nel quotidiano di ogni individuo, sempre e comunque come un’emozione tra le più incontrollabili, a cui nessun uomo può resistere e da cui nessuno può ritenersi immune. Una corda salda che tende al massimo la nostra anima, una voragine dal fondo buio e incerto, che spesso temiamo più degli stessi effetti deleteri che essa produce: infatti può capitare di aver paura della paura stessa. Talvolta consapevole, più di rado irrazionale, la paura ci orienta, comunque, verso l’ignoto, verso ciò che ci risulta oscuro o impenetrabile, verso l’inimmaginabile e persino verso il più misterioso, imprevedibile e per certi versi spaventoso tra gli eventi umani: la morte. I condizionamenti di un percorso educativo e formativo spesso fondato sulla paura sviluppano a volte fobie preventive e diffidenze soggettive per nulla o solo marginalmente concrete. Ad esempio, quando mi trasferii a Palermo, alcuni amici fidati mi descrissero la città come un luogo difficile, pieno di delinquenza spicciola e insidie di ogni tipo, esortandomi, conoscendo bene la mia abitudine a girovagare e la mia fervida curiosità, a stare molto attenta qualora fossi uscita da sola a piedi lungo le strade o, ancora peggio, le stradine. Ebbene le prime volte mi muovevo con circospezione, non utilizzavo la borsa, ma il marsupio o lo zainetto posto davanti, come si vede fare di solito ai turisti particolarmente diffidenti e soprattutto percorrevo a piedi esclusivamente vie principali e perennemente affollate. Dopo un po’ di tempo il richiamo della bellezza diventò troppo forte per essere ignorato, la città rappresentava uno scrigno colmo di tesori da scoprire di varia umanità. Smisi quindi di essere così guardinga, mi addentrai nei mercati, nei vicoli, nel cuore pulsante di questa splendida città unica, decadente e incantevole nel contempo, con la normalità e la semplice volontà di sentirmi a casa, senza più quell’aria di circospezione da agente segreto ma con la naturalezza tipica di chi diventa un tutt’uno con il luogo in cui abita. Per fortuna non mi è mai successo nulla e la paura è diventata ormai uno sbiadito ricordo un po’ buffo perso nell’oblio dei mie presagi più cupi, definitivamente smentiti dai fatti. Questo perché quando si conosce veramente e soprattutto direttamente ciò che magari per troppo tempo é stato oggetto di paure indotte, coltivate con il concime del “pregiudizio” e sedimentate dal racconto di esperienze negative di altri o più semplicemente dal classico serpeggiante “sentito dire”, si superano anche i pregiudizi più ostinati, ribaltando le diffidenze più ombrose in illuminante fiducia nei riguardi di nuove modalità sociali pienamente accolte nella nostra vita, nelle nostre giornate. La conoscenza vera induce, giocoforza, ad abbassare la guardia, come succede per ciascuna situazione che ci diventa piano piano amica, fino a trasformarsi in comune routine del tutto familiare. 

In questo preciso momento storico la paura incombente verso un “abnorme” ignoto è diventata un elemento condiviso e radicato nelle nostre vite: troppi eventi tragici e oscuri, troppe incomprensibili contraddizioni, troppa sofferenza sociale, troppa politica spesso scellerata, troppe fobie radicate, amplificate dal quel “mare magnum” che il web rappresenta, in “rete” con i nostri peggiori incubi. Tale complessità difficile da districare ci ha trasformati in personaggi inquieti, alla ricerca di un capo espiatorio che plachi l’ansia e ci indichi una possibile via d’uscita, attraverso l’individuazione di un nemico concreto, vicino a noi, quindi immediatamente tangibile, cui indirizzare le nostre angoscianti e frustranti accuse frutto probabile ed esclusivo di mal celate fragilità.Tutto ciò, in realtà, può rappresentare, anche se ingiusto e ingiustificato ad un occhio attento e soprattutto obiettivo, un iter psicologico piuttosto naturale nella gestione della paura, soprattutto quando essa sfugge al controllo della ragione. La cosa fondamentale é, a mio avviso, costituita dal cercare di rimanere comunque umani (to be human dicono gli inglesi)  e saper reagire alla tentazione, per certi versi plausibile e giustificabile, di farsi trascinare dalla rabbia collettiva, dal delirio di una giustizia più vendicativa che reale. Diventa invece impellente cercare di scansare le influenze più nefaste e deleterie a cura di chi intende strumentalizzare, tenendo costantemente alta la tensione generale, con lo scopo di implementare la propria popolarità, la propria ambizione, la propria voglia di potere, sobillando il popolo, con mezzi leciti e con altri subdoli, appositamente confezionati con toni falsamente allarmistici. Individui presenti un po’ dovunque, abbastanza bipartisan, consapevolmente irresponsabili che con intenti che di sociale hanno ben poco, gettano, con compiaciuta astuzia, benzina su quel  “fuoco” rappresentato proprio dalle nostre paure più recondite e irrazionali, offrendo ad esse ciò che esse richiedono, cioè una ratio liberatoria, fondata sull’odio verso specifiche categorie umane, cui attribuire enormi responsabilità relative a ogni possibile ingiustizia, nefandezza o disparità sociale. Veri e propri tsunami populisti che travolgono e spazzano via i nostri valori più profondi, la nostra antica, anche se ormai ipotetica cultura della pace e della fratellanza, la nostra naturale vocazione all’altruismo ed alla solidarietà. Ogni epoca ha generato “mostri” e tali mostri sono entità specifiche, personaggi con una storia a sé, sicuramente terribile ma non necessariamente collegabile alla semplice appartenenza etnica o a condizioni di presunta affinità collettiva, per ideali o modus vivendi comuni: i siciliani non sono tutti mafiosi, gli zingari non sono tutti ladri, i musulmani non sono tutti terroristi, i profughi non sono semplicemente gente che bivacca nelle nostre città, mantenuta col sacrificio dei nostri tributi, ma, prevalentemente, persone che recano con sé e in sé strazianti ferite emotive difficilmente cancellabili, per situazioni estreme del tutto inimmaginabili e quindi incomprensibili per noi cittadini di quel comunque “opulento” e spesso respingente occidente. Solo la forza della ragione vera e del pensiero riflessivo e obiettivamente critico possono salvarci da questa deriva superficiale e forcaiola, da questa diffusa e disarmante assenza di empatia, da un imbarbarimento senza precedenti e da un mondo malato, diffidente e privo di umanità che drammaticamente stiamo destinando ai nostri figli.

“Viviamo nella paura, ed è così che non viviamo”

Cit. buddista

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Taccuini di viaggio. A Monreale 5 tappe per scoprire gli angoli più significativi

    Cultura

    Monreale, 17 ottobre 2018 - L’evento, “Taccuini di viaggio-Monreale-Disegni e parole -Paesaggi, Monumenti, Giardini, Cibo, Artigianato” , patrocinato dal Comune di Monreale e promosso dall’Associazione ARTES ripropone per il secondo anno consecutivo un viaggio a Monreale.

    Continua a Leggere

  • Raccolta differenziata: Sabato 20 ottobre distribuzione gratuita dei mastelli a Villaciambra

    Cultura

    Monreale, 17 ottobre 2018 - Prevista per sabato mattina dalle ore 8 la distribuzione dei mastelli per la raccolta differenziata. Verranno assegnati gratuitamente ai residenti della frazione che si presenteranno nello spazio antistante la scuola materna di Villaciambra. Per ritirare i mast..

    Continua a Leggere

  • Aperte le selezioni per la Massimo Kids Orchestra

    Cultura

    [gallery ids="79619,79620,79618"] La Fondazione Teatro Massimo di Palermo indice nei giorni 27 e 28 ottobre, con inizio alle ore 10, una selezione volta all'accertamento dell'idoneità artistica finalizzata alla formazione della Massimo Kids Orchestra per l'anno 2018/2019. La partecipazione ..

    Continua a Leggere

  • Assunzioni, 300 posti nel colosso Club Med e 60 nel tour operator Aeroviaggi

    Cultura

    17 ottobre 2018 - L'estate si è conclusa ma gli operatori del settore programmano le assunzioni stagionali per l'inverno e l'autunno 2019. Trecento posti disponibili nel settore turistico alberghiero per la stagione della catena internazionale Club Med a Cefalù, altri 60 posti con Aeroviaggi che h..

    Continua a Leggere

  • Aquino. 16 appartamenti, viabilità, sistemazione spazi a verde pubblico. Affidati i lavori di completamento

    Cultura

    Monreale, 17 ottobre 2019 - Riprenderanno a breve gli interventi di completamento, nella frazione di Aquino, per la realizzazione di 16 appartamenti, per la riqualificazione della viabilità comunale, la sistemazione di spazi a verde pubblico, e per la razionalizzazione della rete di smaltimento del..

    Continua a Leggere

  • Romanotto (Credici Monreale): “Differenziata al 32%? I conti non tornano. Mancano all’appello 460 tonnellate di rifiuti urbani”

    Cultura

    Monreale, 17 ottobre 2019 - Il consigliere comunale Giuseppe Romanotto (Credici Monreale), in una nota che integralmente pubblichiamo, solleva una serie di dubbi sui dati riportati dall’assessore Cangemi sui livelli di raccolta differenziata raggiunti dal comune di Monreale, e chi..

    Continua a Leggere

  • “Artigianato e gusto d’autunno”. Sabato 20 e Domenica 21 a Villa Savoia in scena creazioni artigianali e prelibatezze tipiche autunnali

    Cultura

    Monreale, 17 ottobre 2019 - Dopo la splendida organizzazione della Via Crucis, la Pro Loco di Monreale propone un’altra iniziativa alla città di Monreale, con l’intento, soprattutto, di attrarre visitatori e turisti. Adesso è la volta di una mostra mercato sulle creazioni artigianali e sull..

    Continua a Leggere

  • Erbe infestanti, arbusti fino al secondo piano. I condomini chiedono interventi

    Cultura

    [gallery ids="79515,79516,79517,79518,79519,79520,79521,79522"] Monreale, 16 ottobre 2018 - Non hanno più luce nel soggiorno per colpa degli arbusti che giungono quasi fino al secondo piano. “È impossibile respirare e affacciarsi al balcone” riferiscono alcuni condomini dell’immobile d..

    Continua a Leggere

  • Solange lascia il Comando di Polizia Municipale: ha trovato una famiglia

    Cultura

    Monreale, 16 ottobre 2018 - Stamattina bella e pimpante Solange - così è stata battezzata dal comando della Polizia..

    Continua a Leggere

  • Gli effetti della Manovra sul settore del gioco d’azzardo per il 2018

    Cultura

    Nuovo colpo ai danni del settore dei giochi da parte del Governo: all’interno della Manovra già approvata, ci sono delle modifiche poste a ottenere mag..

    Continua a Leggere

  • Olio d’oliva. Quest’anno il prezzo non scende sotto gli 8 €. Ma attenzione alle contraffazioni

    Cultura

    [gallery ids="79485,79484,79483,79482"] Monreale, 16 ottobre 2018 - I più fortunati riusciranno a comprarlo ad 8 € al litro o a 8,5 € al chilo. Quasi il doppio di quanto hanno speso l’anno scorso. Parliamo dell’olio extravergine di oliva fresco di frantoio. Se a Monreale il prezzo si ..

    Continua a Leggere

  • Faldoni inzuppati d’acqua, pagine incollate, acqua che cola sui pavimenti. È l’archivio dell’ufficio tecnico di Monreale (LE IMMAGINI)

    Cultura

    [gallery ids="79407,79408,79409,79410,79411,79412,79413,79414,79415,79416,79417,79418,79419,79420,79421,79422,79423,79424,79425,79426,79427,79428"] Monreale, 16 ottobre 2018 - Decine di faldoni accatastati l’uno sull’altro sul pavimento del piano interrato, zuppi d’acqua, fradici, c..


  • “Brezi poesie”, a Piana Degli Albanesi la presentazione del volume

    Cultura

    Piana degli Albanesi, 16 ottobre 2018 -Nella chiesa dell'Odigitria il 27 ottobre, in piazza Vittorio Emanuele alle ore 18, avverrà la presentazione del volume "Brezi poesie" di Stefano Schirò. 

  • Con il centro per l’impiego anche lo sportello INPS e la sede di Riscossione Sicilia. Ma è tutto fermo per un cambio di destinazione d’uso

    Cultura

    Monreale, 16 ottobre 2018 - “Oggi saranno consegnati i lavori all’impresa. Nel giro di due settimane il centro per l’impiego potrà riaprire”.


  • La VENDEMMIA alla Badiella

    Cultura

    [gallery ids="79386,79387,79388,79389,79390,79391,79392,79393,79394,79395"] Monreale, 15 ottobre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo Tutti sanno che l’uva è uno dei frutti più dolci e gustosi della stagione autunnale. Il giorno 9 ottobre 2018 al plesso della Badiella della Guglielm..


  • La morte di Pupetto è servita a qualcosa. Recuperata cucciola di pastore tedesco

    Cultura

    [gallery ids="79356,79357,79355,79354,79353,79352"] Monreale, 15 ottobre 2018 - Il rischio di essere investita era alto, così come era elevato il rischio di possibili incidenti su una strada abbastanza pericolosa e trafficata come la Statale 186. Da questa mattina una cucciola di pastore tedesco..


  • Ousman Keita è arrivato con il barcone. Gli studenti lo intervistano e scoprono esempi virtuosi di integrazione

    Cultura

    [gallery ids="79312,79313,79314,79315,79316,79317,79318,79319,79320,79321,79322,79323,79324,79325,79326,79327,79328,79329,79330,79331,79332"] Monreale, 15 ottobre 2018 - Momanke Luntanti - Nessuno è straniero. Questa frase, scritta in lingua mandinka e in italiano


  • A Monreale si parla di Mafia e dei suoi rapporti con le istituzioni

    Cultura

    Monreale, 15 ottobre 2019 - A Monreale per parlare di mafia, ed in particolare modo dei rapporti tra mafia e istituzioni. Il libro scritto da Fabio Giallombardo, dal titolo “Cosa Vostra - Mafia e istituzioni in Italia”, editrice “Autodafé”, è un’antologi..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com