Animatori nella pastorale giovanile e vocazionale. Obiettivo formare nuove figure di riferimento

Il 29 agosto a Partinico lo spettacolo di Sand Art sul percorso umano e spirituale di Pina Suriano

Il 29 agosto a Partinico lo spettacolo di Sand Art sul percorso umano e spirituale di Pina Suriano

Monreale, 22 agosto 2017 – Si svolgerà quest’anno presso il Convento di Baida, nell’Arcidiocesi di Monreale, dal 28 al 30 agosto, il quinto percorso regionale per animatori nella pastorale giovanile e vocazionale: Fede-discernimento-vocazione.

L’obiettivo della serie di incontri è di trovare quelle “figure di riferimento” così come auspicate dal prossimo Sinodo dei Vescovi sui giovani: “Servono credenti autorevoli, con una chiara identità umana, una solida appartenenza ecclesiale, una visibile qualità spirituale, una vigorosa passione educativa e una profonda capacità di discernimento. A volte, invece, adulti impreparati e immaturi tendono ad agire in modo possessivo e manipolatorio, creando dipendenze negative, forti disagi e gravi contro-testimonianze, che possono arrivare fino all’ abuso” si legge nel Documento preparatorio.

Il rapporto tra i giovani, la fede e il discernimento vocazionale, sulla scorta del prossimo Sinodo 2018, si svolgerà sulle tracce della Beata Pina Suriano, laica partinicese di Azione Cattolica, beatificata da San Giovanni Paolo II nel 2004. In questi anni, infatti, le figure di santità siciliane sono state una guida e un faro a cui guardare per proporre ai giovani delle figure di grandi testimoni, che hanno percorso questa terra di Sicilia.

Per fare conoscere la figura della Beata Pina Suriano (1915-1950) ai partecipanti, provenienti dalle diocesi di Sicilia, il 29 agosto a Partinico alle ore 11,00, presso la sala Lucia Gianì, ci sarà una relazione tenuta da Don Giuseppe Ruggirello, direttore della Biblioteca “Torres” di Monreale, che sulla Beata aveva curato insieme a Giovanna Parrino, presidente dell’Azione Cattolica, l’edizione critica degli scritti. Si tratta di un volume di 878 pagine, edito dalla Biblioteca “Ludovico II De Torres” del Seminario arcivescovile di Monreale lo scorso 1 febbraio 2016.

Alle 11 ci sarà la celebrazione presieduta dall’Arcivescovo Mons. Michele Pennisi al santuario in cui riposano le spoglie della Beata. Quindi ci si sposterà a piedi, prima alla Chiesa madre presso il fonte battesimale e infine si visiterà la casa-museo. 

La sera alle 21 in Cattedrale a Monreale si terrà una veglia di preghiera, animata dai giovani e dai seminaristi; infine, l’artista della sabbia Stefania Bruno, che i monrealesi hanno avuto modo di conoscere e apprezzare per la festa del Crocifisso, attraverso gli scritti della Beata partinicese, tradurrà in una narrazione di sabbia in movimento, il percorso umano e spirituale di Pina Suriano.

Tutti sono invitati, particolarmente al momento serale in Cattedrale.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.