Oggi è 19/07/2018

Cultura

Giuseppe Flores, l’ultimo costruttore di “ciaramedde”

Dal suo piccolo laboratorio continua a produrre e ad aggiustare le cornamuse a quattro coni

Pubblicato il 20 agosto 2017

Giuseppe Flores, l’ultimo costruttore di “ciaramedde”

Monreale, 20 agosto 2017 – Giuseppe Flores è l’ultimo costruttore di “ciaramedde”. Monrealese, 82 anni, è ancora adesso il punto di riferimento per chi vuole acquistare una cornamusa e soprattutto l’unico in grado di ripararle.

Flores, nel suo piccolo laboratorio artigianale, nell’antico quartiere “Pozzillo” di Monreale, ad un centinaio di metri dal Duomo, con orgoglio illustra la sua arte. Lui ebanista, dopo avere costruito mobili per quarant’anni ai cantieri navali di Palermo, nel 1992 è andato in pensione. Da allora, dalla sua bottega di falegname, oltre a fare porte e armadi, cominciava a rispondere alle richieste dei ciaramiddari monrealesi prima, e della provincia poi, che chiedevano le riparazioni per le loro cornamuse. Un lavoro non alla portata di tutti perché servono torni particolari, con punte lunghe anche più di un metro. In alcuni casi è stato lui stesso a costruirsi gli utensili necessari.

Flores è appassionato di tutto quanto è riconducibile alla tradizione monrealese, religiosa e folkloristica. Nel suo laboratorio si dedica a creare modelli di carretti siciliani, di teatrini di pupi siciliani meccanizzati, il banco da gioco dai sei colori, così come della “vara” del SS. Crocifisso. Tutti rigorosamente realizzati in legno e dipinti a mano. Contemporaneamente comincia a dedicare sempre più tempo alle cornamuse. Il passo è breve. 

Da lì a poco comincerà a rispondere alle richieste di costruire di sana pianta le ciaramedde, quelle tipiche a quattro coni, che si differenziano da quelle a tre coni ancora visibili nel bergamasco. Diventa una passione. “Ho costruito e venduto circa 20 ciaramedde”. I tempi di costruzione sono abbastanza lenti. Per arrivare allo strumento definito necessitano anche tre mesi. I tempi sono dettati soprattutto dalla materia prima. “Utilizzo unicamente legno di ulivo stagionato dai 20 ai 30 anni. Per il suo contenuto di olio, dopo ogni lavorazione si deve attendere che asciughi per potervi intervenire nuovamente”. 

IMG_6456

Pino Flores mostra i progetti della ciaramedda che ha elaborato osservando, studiando e ricopiando pedissequamente le misure di quelle che gli venivano portate per la riparazione.

Ogni ciaramedda è costituita da 13 componenti in legno, alle quali si aggiunge il tasto in metallo che in base a quante volte viene pigiato restituisce un suono diverso. “La grande camera d’aria prima veniva fatta con la pelle di capra intera. All’animale venivano mozzate la testa, la coda e le zampe, rasato il pelo. Poi la pelle veniva svuotata degli organi interni, rivoltata e trattata. Con il tempo si deteriorava e veniva sostituita dopo 3/4 anni. Oggi all’interno della pelle viene invece inserita una camera d’aria sintetica che la rende più resistente”.

Le sue ciaramedde sono state commissionate anche negli Stati Uniti. Altre sono state vendute agli ultimi suonatori monrealesi. Ne sono rimasti solamente cinque, che allietano le novene di Natale. Mimmo Patellaro, Totò Carrozza, Totò Ferraro, Benedetto Miceli, Salvatore Modica. C’è chi preferisce quelle definite con i colori siciliani, chi invece quelle più grezze, con visibili le venature dell’ulivo.

L’artigiano con rammarico confessa che nessuno sta raccogliendo il testimone di questa arte. Dopo di lui questa antica tradizione siciliana rischia di perdersi. 

Ricevi tutte le news

Anonimo

Grazie dell’ articolo su mio padre.

20 agosto 2017 | 13:37 | Rispondi
    Anonimo

    Scusami, ma sto leggendo adesso la tua risposta. Non so di quale articolo e di quale persona, ma sicuramente tuo padre sarà stato uno dei tanti monrealesi degni di attenzione e che ha destato meraviglia tra coloro che l’hanno conosciuto.
    rispondimi alla mia email. grazie
    M.Albano

    26 settembre 2017 | 15:14 | Rispondi
Anonimo

Leggo questo articolo e mi commuove la figura di Pino Flores, ma mi commuovo di più la conclusione dell’articolista là dove dice che “dopo di lui, questa antica tradizione siciliana rischia di perdersi”. Io siggerisco che l’amministrazione comunale con finanziamenti propri, potrebbe istituire una piccola scuola artigiana ( corso per Maetro ciarameddaro) della durata di 300 ore, con unico insegnante: Pino Flores. A questa scuola possono iscriversi ragazzi più o meno giovani ed alla fine del corso sarà rilasciato un attestato/diploma che consentirebbe a coloro che hanno superato il corso, di potere aprire una attività artigianale ad hoc. Tra tante somme che l’Amministrazione Comunale spende a diverso titolo, il finanziamento di questo corso sarebbe un finanziamento a ritorno occupazionale. Non voglio indicare la somma del finanziamento, ma soltanto lanciare questa ipotesi di scuola artigiana, così pure potrebbe essere fatta una scuola artigiana per maestri cestai ( vi ricordate degli Anselmo, i cestai monrealesi?) e incrementare le scuole artigiane di mosaici per dare una maggiore impulso ai ragazzi che provengono dall’Istituto d’Arte per il Mosaico di Monreale.

26 settembre 2017 | 15:12 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Randagismo, spariti nel nulla i cani di via Pezzingoli. Dove sono finiti?

    Cultura

    [gallery ids="71105,71104,71103,71102,71100,71098,71097,71099,71096,71093,71091,71090"] Monreale, 18 luglio 2018 - Di loro non si trovano neppure i corpi, spariti nel nulla. Era il 19 giugno scorso quando alcuni animalisti lanciarono l’allarme dell'avvelenamento di alcuni cani nella zona alta d..

    Continua a Leggere

  • Previsioni meteo, caldo africano in arrivo. Nel week end si toccheranno i 44 gradi

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 - Il fine settimana avrà di nuovo come protagonista il caldo africano. Fino a venerdì mattino avremo caldo moderato mentre dalla sera il nuovo impulso africano porterà di nuovo il rovente alito sahariano sulle nostre terre. La giornata di sabato sarà infuocata con punte ..

    Continua a Leggere

  • Verso le elezioni del sindaco di Monreale. A Monreale nasce il gruppo di Diventerà Bellissima

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 – Nasce all'interno del Consiglio comunale monrealese il gruppo consiliare “Diventerà bellissima”, il movimento del presidente della Regione, Nello Musumeci. Il neonato gruppo sarà tenuto a battesimo, oggi pomeriggio, nel corso della seduta in programma in aula co..

    Continua a Leggere

  • Pitbull stacca il braccio a ragazza. É il cane del convivente

    Cultura

    Un pitbull ha aggredito una giovane di 23 anni in un’abitazione in via Agnetta a Villagrazia a Palermo. Il cane del convivente le ha staccato a morsi un braccio. I vicini hanno lanciato l’allarme sentendo le urla della donna. Sono intervenuti i sanitari ..

    Continua a Leggere

  • Cimitero di San Martino delle Scale bonificato. Cancelli di nuovo aperti

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 - Dopo due settimane di chiusura forzata, il cimitero di San Martino delle Scale è stato riaperto. Dentro il camposanto al centro dell'inchiesta che vede coinvolti i membri della famiglia Messina, sono state effettuate le opere di bonifica e sanificazione necessarie per ..

    Continua a Leggere

  • Nessuna infiltrazione mafiosa. I terreni di Tagliavia tornano alla Curia monrealese

    Cultura

    Monreale, 18 luglio 2018 - La Curia di Monreale torna in possesso dei beni di Tagliavia. In particolare dell’"Azienda agricola santuario Maria Santissima del Rosario di Tagliavia”, che, a luglio 2017, era stata sottoposta ad amministrazione giudiziaria, dopo che ne era stato dimostrato il contro..

    Continua a Leggere

  • Ricorso lavoratori precari del Comune: giovedì l’udienza in Corte d’appello

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Dopo un’attesa durata ben cinque anni, giovedì mattina sarà finalmente definito l’esito del ricorso presentato da un consistente gruppo di lavoratori precari del Comune di Monreale, nell’ormai lontano 2013, per aver riconosciuto il diritto alla trasformazione a tem..

    Continua a Leggere

  • Godrano. Spara alla moglie e si suicida dopo qualche giorno

    Cultura

    A Godrano, un uomo di 72 anni, originario di Marineo, si è ucciso dopo che lo scorso 9 luglio aveva sparato alla moglie.  Pasquale Orlando di 72 anni agli arresti domiciliari si è lanciato dal tetto di casa ed è morto. E’ successo ieri sera. Lo ha..

    Continua a Leggere

  • Scomparso Antonino Dragotto, ex segretario generale del comune di Monreale

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 -È venuto a mancare venerdì scorso 14 luglio, all’età di 84 anni, il dottore Antonino Dragotto, già Segretario Generale del Comune di Monreale dal 1977 al 1991, durante le giunte guidate dai Sindaci Li Calsi, Sirchia, Giangreco, Demma, Giacopelli, Mortillaro, Marc..

    Continua a Leggere

  • Anniversario della strage di via D’Amelio, ecco gli appuntamenti della Questura di Palermo

    Cultura

    In occasione della ricorrenza del 26° Anniversario della Strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino ed i componenti  della scorta, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli ed Emanuela Loi, il prossimo 19 luglio, la Questura di P..

    Continua a Leggere

  • Rifiuti: raccolta carta in Sicilia cresce del 16,1%. Assopirec: “Siamo sulla giusta strada”

    Cultura

    Palermo, 17 luglio 2018 – “L’incremento del 16.1% della raccolta di carta e cartone in Sicilia, registrato nel 2017, ci dice che siamo sulla giusta strada”. Lo dice Gaetano Rubino, presidente di Assopirec, l’associazione che raggruppa nume..

    Continua a Leggere

  • Monreale, si è insediata la Commissione straordinaria di liquidazione

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Si sono insediati stamane al Comune di Monreale i tre componenti della Commissione straordinaria di liquidazione. I rappresentanti dell’organismo composto dalla dottoressa Michela Giusti, dal dottor Vincenzo Salvatore Albanese e dal dottor Antonino Oddo, sono stati ..

    Continua a Leggere

  • Aquino e Fiumelato, nei due centri di raccolta i rifiuti differenziati si potranno conferire in un’unica volta

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Da domani 18 luglio esclusivamente presso i punti di raccolta in via Ponte Parco 12 e in contrada Fiumelato (ex casello ferroviario) sarà possibile conferire, dalle ore 6 alle ore 16 dal lunedì al sabato, tutte le tipologie di rifiuto opportunamente differenziate e confe..

    Continua a Leggere

  • Guasto al Pozzo Rinazzo: disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Previsti disagi per i residenti di San Martino Delle Scale, contrada Rinazzo,  via Regione Siciliana alta, contrada Caputo, contrada Caputello. La pompa sommersa del pozzo Rinazzo di in san Martino Delle scale lunedì scorso si è bruciata; pertanto in attesa che gli ..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato ricorda la strage di via D’Amelio con una seduta straordinaria di Consiglio comunale

    Cultura

    San Giuseppe Jato, 17 luglio 2018 - Anche la cittadinanza jatina ricorda l'anniversario della stessa di via D'Amelio. E’ convocato per Giovedì 19 luglio, alle ore 19.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di San Giuseppe Jato, un Consiglio Comunale in sessione Straordinaria in occasione del XX..

    Continua a Leggere

  • Monreale: Ecoincentivi, ispettori ambientali, orari di conferimento più flessibili. I cittadini scrivono una lettera al sindaco

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Ancora troppe le difficoltà per conferire nei centri di raccolta, a causa degli orari poco flessibili o per motivi logistici, ma soprattutto per un’informazione sulle modalità di suddivisione dei rifiuti e sul loro conferimento che non ha ancora raggiunto tutta la citt..

    Continua a Leggere

  • Avviso di garanzia per l’arcivescovo Francesco Micciché

    Cultura

    Monreale, 17 luglio 2018 - Emesso un avviso di garanzia nei confronti dell’ex arcivescovo Francesco Micciché a conclusione delle indagini preliminari condotte dal Pubblico Ministero, la dott.ssa Sara Morri del Tribunale di Trapani. Monsignor Micciché, originario di San Giuseppe Jato e residen..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia Delirio, fermati gli uomini del dopo Riina. Riciclaggio in bar e scommesse

    Cultura

    Palermo, 16 luglio 2018 - Operazione antimafia  questa mattina a Palermo. L'arrestato numero uno è Giuseppe Corona, personaggio chiave, finito nel mirino della Dda di Palermo che oggi  ha arrestato 24 persone tra mafiosi, prestanomi ed estortori di diversi clan della città. ..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com