Oggi è 15/06/2019

San Giuseppe Jato

Fiera degli animali a San Giuseppe Jato. Controlli dei Carabinieri sul rispetto del benessere animale

Riscontrato solamente un caso di violazione del regolamento di polizia veterinaria (art. 37) nei confronti di un soggetto che deteneva complessivamente otto furetti

Pubblicato il 18 agosto 2017

Fiera degli animali a San Giuseppe Jato. Controlli dei Carabinieri sul rispetto del benessere animale

San Giuseppe Jato, 18 agosto 2017 – Lo scorso Ferragosto, in occasione dell’ormai tradizionale fiera degli animali che si svolge annualmente a  San Giuseppe Jato (PA), giunta ormai alla 237^ edizione, i Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo, unitamente a militari della Stazione di San Giuseppe Jato, effettuavano una serie di controlli finalizzati a verificare il rispetto della normativa in materia di benessere animale da parte degli operatori commerciali presenti nonché il rispetto della normativa in materia di commercio e detenzione di specie di fauna in via di estinzione tutelata dalla Convenzione di Washington (c.d. CITES).

 

Nonostante il clamore suscitato dal mondo dell’associazionismo di categoria nelle precedenti edizioni della fiera, il recente controllo ha dato esito sostanzialmente negativo in quanto, da una parte, non veniva riscontrata la presenza di esemplari soggetti ai limiti e alle prescrizioni in materia CITES e, dall’altra, non venivano ravvisate negli esemplari posti in vendita situazioni di maltrattamento o di detenzione in condizioni incompatibili con la natura dell’animale produttive di gravi sofferenze.

Inoltre, gli esemplari sottoposti a controllo apparivano in condizioni generali di salute e di detenzione in linea con le previsioni normative e si rivelavano in buona parte in regola con gli obblighi di microchippatura (entro 180 giorni dalla nascita) e nel rispetto i limiti di età per la vendita/cessione previsti dalla norma a tutela degli animali di affezione (almeno 60 giorni dalla nascita).

Solamente in un caso veniva riscontrata una violazione del regolamento di polizia veterinaria (art. 37) nei confronti di un soggetto che deteneva complessivamente otto furetti (Mustela putorius furo) all’interno di alcune gabbie collocate nel vano portabagagli di un autoveicolo non idoneo, per caratteristiche costruttive, al trasporto degli animali in quanto oltre a essere privo di adeguate aperture utili all’aerazione e illuminazione dello spazio, non presentava un impianto di refrigerazione e di illuminazione all’interno.

Inoltre gli animali risultavano detenuti al suo interno unitamente a materiali verosimilmente destinati all’abbandono (rifiuti). 

 

A parte gli aspetti sopra menzionati per i quali il trasgressore è stato sanzionato, l’occasione è utile per segnalare alcuni aspetti interessanti relativi a questa specie relativamente poco nota agli appassionati di animali più “tradizionali”.

Il furetto è, anche giuridicamente, un animale domestico a tutti gli effetti, status ufficializzato dall’allora Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica (INFS) oggi ISPRA.

La specie di furetto oggetto del controllo di cui sopra è quella che vive comunemente in casa e non è presente in natura allo stato libero, in quanto deriva da un incrocio della puzzola con altri mustelidi verosimilmente risalente già in epoca anteriore alla nascita di Cristo.

I furetti allo stato selvatico attualmente esistono solo negli Stati Uniti occidentali (Mustela nigripes o c.d. furetto dai piedi neri) e appartengono a una specie diversa rispetto a quella più comune in pericolo in quanto con uno stato di conservazione in natura piuttosto precario.

La struttura fisica del furetto risulta adatta per la caccia di piccole prede in stretti cunicoli, infatti la colonna vertebrale è così flessibile da permettere al furetto di girarsi di 180° all’interno di una galleria.

Lo scopo della domesticazione era proprio quello di sfruttare questi animali per la caccia, in particolare per quella al coniglio, tradizione che è sopravvissuta in certe regioni fino ai giorni nostri, seppur vietata dalle previsioni della L. n. 157/1992 (c.d. legge sulla caccia).

Oltre all’anzidetto utilizzo, la passione per il furetto oggi si accompagna al carattere estremamente docile che questa specie presenta, specie se addomesticata e/o abituata sin dalla nascita al rapporto con l’uomo unitamente a un regime di detenzione che prevede la minor presenza possibile dell’animale all’interno di gabbie.

È opportuno segnalare che il furetto – come d’altronde traspare dal suo nome scientifico, la cui traduzione vuol dire “faina puzzolente ladra” – ha un comportamento che lo porta a raccogliere e nascondere cibo e altri oggetti nei posti più improbabili. Inoltre, i soggetti non sterilizzati  emanano un intenso e sgradevole odore.

Si raccomanda agli eventuali interessati all’acquisto di un furetto di recarsi esclusivamente presso strutture specializzate e solamente dopo essersi documentati sulle caratteristiche etologiche e comportamentali della specie onde evitare l’eventuale – nonché illegittimo – abbandono in natura che, oltre a determinare potenziali squilibri all’ecosistema e al locale patrimonio di biodiversità, potrebbe verosimilmente determinare la morte dell’esemplare in quanto inidoneo alla condizione selvatica.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Cantieri Culturali della Zisa: Saggio della Solidarietà organizzato dall’Associazione DONNATTIVA (FOTO)

    San Giuseppe Jato

    [gallery ids="106960,106961,106962,106963,106964,106965,106966,106967"] MONREALE - Una grande serata ha coronato il sogno di tantissimi ballerini che si sono esibiti ieri sera nello spettacolo di Danza ai Cantieri Culturali della Zisa. Il Sagg..

    Continua a Leggere

  • Monreale, caduta massi in via regione siciliana

    San Giuseppe Jato

    [gallery ids="106950,106951,106952,106953,106954,106955"] MONREALE - Nessun danno stato riportato da cose o persone, ma c’è voluto poco. Questa mattina dei massi si sono staccati dal costone che fiancheggia via regione siciliana, all’alte..

    Continua a Leggere

  • Laboratori, giochi e integrazione: torna il progetto “Tempo d’estate” presso l’ICS Veneziano di Aquino

    San Giuseppe Jato

    [gallery ids="106925,106926,106927,106928"]

    MONREALE - Partirà il 17 giugno il progetto “Tempo d’estate, integrazione junior” promosso dall’associazione Con.vi.vi l’autismo, un programma che vuole consentire ai bambini p..

    Continua a Leggere

  • Monreale, al via la settimana dello sport. Basket, scherma, ginnastica ritmica, pallavolo, scacchi, corsa

    San Giuseppe Jato

    MONREALE - Basket, scherma, ginnastica ritmica, pallavolo, scacchi, corsa. Ed ancora cheerleading Acrobatico, performance cheer, tenni. È la "settimana dello sport" che prenderà il via lunedì 17 a Monr..

    Continua a Leggere

  • Morto ammazzato a San Cipirello. Trovato esanime dal fratello il 41enne Nunzio Agnello

    San Giuseppe Jato

    SAN CIPIRELLO - È stato trovato esanime questa mattina, sul marciapiede di fronte la sua abitazione, Nunzio Agnello, 42 anni. Sul posto i carabinieri della compagnia di Monreale e gli esperti della scientifica. Il corpo presenta numerosi segni di percosse, le..

    Continua a Leggere

  • Forestali. Orari di lavoro modificati e posti vacanti: la Sifus alza la voce all’ispettorato

    San Giuseppe Jato

    PALERMO - Ieri mattina, presso l’ispettorato dipartimentale antincendio della forestale, i dipendenti del servizio antincendio si sono autoconvocati per ricevere risposte concrete rispetto diverse problematiche che da tempo si trovano costretti ad affrontare, senza r..

    Continua a Leggere

  • L’eredità di Paolo Giambruno a familiari ed ex soci, lo conferma la Corte d’appello

    San Giuseppe Jato

    MONREALE - Nessuno stop cautelare alla restituzione dei beni agli eredi ed ai soci di Paolo Giambruno, monrealese, ex presidente dell’Ordine dei medici veterinari, nonché ex direttore del Dipartimento di prevenzione dell’Asp, deceduto l’anno scorso. La Corte d’appello rigetta la richiest..

    Continua a Leggere

  • Incendio in via Santa Liberata, le fiamme rasentano le abitazioni (VIDEO)

    San Giuseppe Jato

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2019/06/video-incendio-case-popolari.mp4"][/video] [gallery ids="106891,106892,106893"] MONREALE - È divampato questa sera un incendio nei terreni adiacenti le case ..

    Continua a Leggere

  • Rosario Marfia, 81 anni, trovato morto carbonizzato nelle campagne del Monrealese

    San Giuseppe Jato

    MONREALE – Si chiama Rosario Marfia l’81enne trovato morto carbonizzato questo pomeriggio nelle campagne di Monreale. L’anziano pare stesse bruciando delle sterpaglie in un canneto quando, forse a causa di un malore, sarebbe stato avvolto dalle fiamme. La tragedia si è consumata in contrada M..

    Continua a Leggere

  • Monreale, brucia sterpaglie e muore: 81enne senza vita in contrada Miccini

    San Giuseppe Jato

    Un uomo è morto questo pomeriggio a Monreale. E' stato trovato dopo che i familiari avevano lanciato l'allarme. L'uomo di 81 anni non era rientrato a casa. Lo hanno trovato senza vita in contrada Vicinale Manca Miccini in territorio di Monreale. Sono intervenuti i vigili del fuoco, i forestal..

    Continua a Leggere

  • Salvo Campanella con un esoscheletro sul circuito del «Trofeo Città di Monreale»

    San Giuseppe Jato

    MONREALE - Domenica 23 giugno si correrà a Monreale il trofeo «Città di Monreale», intitolato per il terzo anno di fila a Michele Guzzo, scomparso all’età di 48 anni nel 2015. Era un fiero atleta sostenitore dell’associazione sportiva monrealese Marathon Monreale che è promotrice dell..

    Continua a Leggere

  • A Chiusa Sclafani la sagra delle ciliegie, una tradizione lunga 50 anni

    San Giuseppe Jato

    CHIUSA SCLAFANI - Torna la 50° Edizione della tradizionale Sagra delle Ciliegie a Chiusa Sclafani. La manifestazione, che segna l’arrivo della bella stagione, celebra il prodotto di pregio del luogo, denominato il paese delle ciliegie. L'event..

    Continua a Leggere

  • Allerta caldo, fino a domenica punte di 40 gradi

    San Giuseppe Jato

    MONREALE - Punte di 40 gradi previste per le prossime ore. Si preannuncia una nottata caldissima in Sicilia. Le minime non scenderanno sotto i 26°, l'aria sarà infuocata. Solo da domenica sera una lieve diminuzione. L’Anticiclone sub tropi..

    Continua a Leggere

  • Si schianta e rimane schiacciato dal tram, ricoverato d’urgenza a Villa Sofia

    San Giuseppe Jato

    È rimasto intrappolato sotto il tram dopo lo schianto, tanto che per liberarlo è stato necessario sollevarlo con l’ausilio dei vigili del fuoco. Si tratta di un ragazzo, vittima di uno scontro tra il tram di Palermo e il suo scooter. L'incidente stradale è avvenuto nel corso della tarda mat..

    Continua a Leggere

  • Palermo, lavori AMAP: mercoledì prossimo i quartieri di Mezzomonreale all’asciutto

    San Giuseppe Jato

    PALERMO - Mercoledì prossimo sarà una giornata difficile per i residenti di Villagrazia alta, corso Calatafimi alta, Pagliarelli, Borgo Molara, Boccadifalco, Borgo Nuovo e C.E.P.: l'AMAP ha dato notizia che, dalle ore 0:00 alle ore 20:00 del 19/06/2019, l'appro..

    Continua a Leggere

  • Alluvione del 2018, in arrivo un miliardo e 700 milioni per le aziende agricole siciliane

    San Giuseppe Jato

    MONREALE - Un miliardo e 700 milioni per riparare i danni alle aziende agricole della Sicilia colpite dagli eventi calamitosi dell’autunno del 2018. Una declaratoria che darà respiro alle realtà danneggiat..

    Continua a Leggere

  • Partinico. Violenze alla compagna anche durante la gravidanza. Uomo arrestato per stalking

    San Giuseppe Jato

    PARTINICO - Questa mattina la polizia di stato ha arrestato il 37enne P.F., residente in provincia di Palermo ritenuto responsabile di reiterate condotte violente, maltrattamenti e atti persecutori nei confronti della compagna; le violenze erano..

    Continua a Leggere

  • Report sull’abusivismo: Monreale al 4° posto nella provincia, più di 200 abusi. 1 mq ad abitante

    San Giuseppe Jato

    MONREALE - È stato recentemente pubblicato, sul sito del dipartimento regionale all’Urbanistica, il report contenente i dati sugli immobili abusivi costruiti in Sicilia dal 2009 al 2017. I numeri riportati non fa..

    Continua a Leggere