Tim Cup, Cagliari-Palermo 5-3

Sfuma ai calci di rigore il sogno del Palermo di sovvertire il pronostico. Prova di carattere e coraggio dell'undici di Tedino capace di tenere testa ad un avversario di categoria superiore

0
Elettorale Russo

Palermo cede ai rigori il passaggio del turno in Coppa Italia, continuano gli ottimi segnali visti con la prima uscita al Barbera. Il Palermo viene eliminato ai rigori e finisce 5-3 per il Cagliari fatali gli errori di Aleesami e Jajalo, i sardi al quarto turno troveranno l’ex squadra del mister del Palermo, il Pordenone che ha superato in rimonta il Lecce, ottima prova in generale del Palermo.

In fase d’attacco qualche lacuna nel primo tempo ma va meglio nella ripresa con l’ingresso del palermitano La Gumina che ha dato più equilibrio nella manovra. Dopo il gol del vantaggio di Joa Pedro, lo stesso La Gumina pareggia con un gran gol, finisce con un pari. Ai supplementari la situazione non si sblocca e si procede con i calci di rigore il Cagliari non sbaglia un colpo dal dischetto mentre il Palermo fallisce due calci di rigori con Aleesami e Jajalo.

Tedino spedise in campo una versione riveduta e correta del Palermo visto nella prima fase, l’assenza di Coronado costringe il mister ha schierare un centrocampista in più Murawski. Posavec alterna ottime uscite ed i soliti svarioni da brividi.

Il Palermo esce molto bene dal confronto con una compagine di serieA. La difesa e attenta le verticolarizzazioni sono il tallone d’achille di questa squadra, Mister Tedino dovra lavorare su questo fronte. La Gumina ha fornito un ottima prestazione e ci sono i presupposti che diventi la bandiera di questa squadra.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Acquapark Monreale