Oggi è 20/07/2018

Cronaca

Il fuoco brucia e alimenta le mafie

L’Italia brucia per bloccare le concessioni edilizie che le organizzazioni criminali usano per ricattare le amministrazioni pubbliche

Pubblicato il 4 agosto 2017

Il fuoco brucia e alimenta le mafie

Monreale, 4 agosto 2017 – In quest’ultimo periodo in cui l’Italia brucia, ovunque nei telegiornali, sulle testate giornalistiche non si parla d’altro. I Social che da tempo sono diventati un catalizzatore di inutilità, ma per fortuna anche di divulgazione ed informazione. Si legge di tutto e si fanno ipotesi di ogni genere e su quelli che possono essere i motivi per cui l’Italia va a fuoco. Sono tante le domande e le supposizioni che gli utenti si pongono e molte possono anche apparire fantasiose o sono semplicemente delle leggende metropolitane. “Perché brucia tutto?”; “Com’è possibile?”; “Chi sono i responsabili?”; “Perché non si spegne in tempo?”; “Potrebbe essere un attacco alle istituzioni?”; “Con questo caldo basta una cicca di sigaretta per incendiare tutto?”; “È responsabilità di piromani?”; “Si dà fuoco a poveri animali che poi correndo incendiano intere boschi?”.

Ieri il bosco di Casaboli che negli anni, in qualche modo era rimasto “illeso” da quella che si può definire una catastrofe ambientale è andato in fumo. Un polmone dove si andava a respirare aria pulita, un luogo dove intere famiglie trascorrevano giornate all’insegna dello star bene, uno spazio dove vi erano zone riservate al picnic, dove sorgeva un parco avventura meta costante di flotte di scolaresche di genitori che accompagnavano i figli a provare l’ebbrezza di percorsi che si alternavano tra gli alberi distrutti. Sede di un maneggio che per fortuna è scampato a quella mano sporca di fango che non curante di tutto questo ha voluto con un solo gesto cancellare il verde dipingendo di nero tutto ciò che gli è capitato tra le sue sporche mani. 

Ci chiediamo continuamente perchè si arriva a cosi tanto disprezzo verso ciò che la natura ci ha regalato. Ho cercato di darmi una risposta, ho letto, ho ascoltato ed alla fine credo di aver trovato la risposta anche se so di non aver scoperto l’acqua calda. 
L’Italia brucia per bloccare le concessioni edilizie che le organizzazioni criminali usano per ricattare le amministrazioni pubbliche. Sì proprio così, credevate forse che bruciare servisse a incenerire pini, noci e ulivi per far spazio a palazzotti e ville abusive? Questo accadeva 20 anni fa. Dopo la legge- quadro per la lotta agli incendi boschivi non si può edificare per 15 anni e quindi cosa fanno i clan? Appena vengono a sapere che una zona può diventare edificabile, bruciano per bloccarla. Il messaggio: “prima di decidere se rendere edificabile o meno un terreno bisogna mettersi d’accordo con noi o negoziare un prezzo con noi, altrimenti con il fuoco blocchiamo tutto”. Questa è la pratica. Ma la legge, come spesso accade, lascia spazio a strategie in grado di poterla aggirare.

“Le zone boscate ed i pascoli i cui soprassuoli siano stati percorsi dal fuoco non possono avere una destinazione diversa da quella preesistente all’incendio per almeno quindici anni”. Se così recita la legge, sapete cosa spesso accade e soprattutto al Sud? Che non vengono definiti i territori bruciati zona boscata o pascolo ma zona agricola. E per le zone agricole la legge non entra in vigore. Quindi bruci e puoi costruire. L’Italia brucia perché le agenzie private, che forniscono sicurezza e monitoraggio del territorio, vengano ingaggiate e preferite alla sicurezza pubblica. Se non si appalta la sicurezza di un’area boschiva a specifiche agenzie private, la vendetta è il fuoco. Ma l’Italia brucia anche per molti altri motivi, privati e di rivalsa personale. Il fuoco viene appiccato, come mostrano le recenti indagini dei carabinieri, anche per un permesso edilizio non concesso, un divieto di caccia applicato ad aree adibite alla caccia per anni.

in Sicilia e in Toscana sono state evacuate strutture turistiche, Calampiso è l’esempio più recente. Gli ultimi dati sull’affluenza turistica nella nostra isola sono confortanti, ma non perché è migliorata l’accoglienza, perché sono migliorati i trasporti ma perché altrove per paura non si va più. Se oggi c’è un piano eversivo, gestito da una regia unica, domani in mancanza d’altro resterà solo puzza di bruciato, devastazione e silenzio. Ed è risaputo che dove c’è silenzio le mafie proliferano.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Cementificazione e consumo suolo, in Sicilia è allarme 

    Cronaca

    20 luglio 2018 - Continua la cementificazione in tutta Italia, e per la Sicilia si rinnova il rischio di dissesto idrogeologico a causa dell’erosione del terreno: la conferma arriva dall’ultimo rapporto Ispra, che evidenzia come un quarto del suolo naturale perduto a li..

    Continua a Leggere

  • Belvedere di Monreale, per domani prevista l’apertura alle 10,00

    Cronaca

    Monreale, 20 luglio 2018 - Dopo l’input dato dal sopralluogo e dalla conseguenziale relazione tecnica redatta dal Prof. Giuseppe Schicchi e dal Prof. Manlio speciale, rispettivamente Direttore e Curatore dell’Orto Botanico di Palermo, dopo aver aperto e ridato ai visitatori circa 40 m. di affacc..

    Continua a Leggere

  • Un impianto di gestione di rifiuti pericolosi scoperto a Palermo. Legami con il mercato nero dei metalli

    Cronaca

    [gallery ids="71299,71300"]

    I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e forestale del Centro Anticrimine Natura di Palermo, supportati dai colleghi della Compagnia Carabinieri di San Lorenzo, hanno sequestrato – all’interno di un p..

    Continua a Leggere

  • XXXI Festival Organistico San Martino delle Scale. Sabato 21 luglio iniziano i concerti

    Cronaca

    Monreale, 12 luglio 2018 - Il XXXI Festival Organistico di San Martino delle Scale, come tradizione, avrà inizio il giorno precedente la festa “esterna” di San Benedetto, che quest’anno coincide con sabato 21 luglio; anche quest’anno il programma avrà protagonista lo storico “organetto L..

    Continua a Leggere

  • La legalità non ha età

    Cronaca

    [gallery ids="71281,71279,71278,71277,71276,71275,71274,71269,71268,71267,71266,71264,71263,71262,71260,71259"] Palermo, 20 luglio 2018 - La manifestazione "Coloriamo via d'Amelio", che da ormai diversi anni ha luogo a Palermo giorno 19 Luglio per commemorare l'anniversario di morte di Paolo Bors..

    Continua a Leggere

  • Stephen e Silvia Vaglica con l’Orchestra Sinfonica in concerto al Duomo di Monreale

    Cronaca

    Monreale, 20 luglio 2018 - Arriva dall’America anche se ha origini monrealesi e viene a realizzare un suo grande desiderio, quello di esibirsi al Duomo di Monreale, uno dei siti più belli del mondo inserito nel patrimonio dell’Unesco. Questa sera, alle ore 21,00, Stephen Vaglica, uno dei musici..

    Continua a Leggere

  • Monreale, scatta la tagliola sui rifiuti. Telecamere nascoste, vigili e carabinieri contro gli incivili

    Cronaca

    Monreale, 19 luglio 2018 - Coloro che continuano a perseverare con il conferimento selvaggio di rifiuti indifferenziati nel territorio saranno beccati dalle telecamere nascoste disseminate nel territorio. Le immagini saranno trasmesse al comando dei vigili urbani che faranno scattare sanzioni salati..

    Continua a Leggere

  • RESPINTO L’APPELLO DEI PRECARI DEL COMUNE, confermata la sentenza di primo grado

    Cronaca

    Monreale, 19 luglio 2018 - Nell’udienza che si è tenuta stamani al Tribunale di Palermo, la Corte d’Appello ha pienamente confermato la sentenza di primo grado: dunque, è stato ancora una volta respinto il ricorso presentato nel 2013 da un folto gruppo di dipendenti precari del C..

    Continua a Leggere

  • Strage di via d’Amelio, per ricordare Borsellino non servono le passerelle dei politici

    Cronaca

    Oggi a Palermo alle 16,58 come ogni anno sarò in via D’Amelio per fare memoria di Paolo Borsellino e degli agenti di scorta Agostino CatalanoEmanuela&nbs..

    Continua a Leggere

  • Frate Mauro Billetta: “Fare memoria non significa vivere di nostalgia”

    Cronaca

    Danisinni (Palermo), 19 luglio 2018 - Mauro Billetta è il frate cappuccino da diversi anni alla guida della parrocchia di Sant'Agnese, nel popoloso quartiere di Danissini, a pochi passi da piazza Indipendenza. Giornalmente alle prese con emergenze sociali, si trova..

    Continua a Leggere

  • Il 2018 sarà un’estate calda tra amichevoli di lusso e calciomercato 

    Cronaca

    Chi l’ha detto che il Mondiale di Russia è stato l’evento calcistico più importante dell’estate? Senza voler sminuire un torneo come la Coppa del Mondo, ma dal punto di vista di Paesi come Italia, Olanda o la stessa Germania, che si è fermata alla fase a gironi, già durante le scorse setti..

    Continua a Leggere

  • Palermo: aprire e promuovere una nuova attività nel settore turistico

    Cronaca

    Certe regioni italiane, da sempre, sono oggetto di grande interesse da un punto di vista turistico. Non a caso, la Sicilia rappresenta da sempre una delle destinazioni più apprezzate sia dai turisti italiani che da quelli stranieri. Città come Palermo dimostrano di essere ancora oggi particolarmen..

    Continua a Leggere

  • Scuolabus a pagamento a Monreale? Il consiglio boccia la proposta. Latita la maggioranza

    Cronaca

    Monreale, 19 luglio 2018 - In consiglio comunale la maggioranza si sgretola e va ancora sotto. Nel corso della seduta di ieri sui due punti votati dall’assemblea, l’opposizione ha avuto la meglio, votando prima favorevolmente alla richiesta di rinvio del punto riguardante le entrate proprie in s..

    Continua a Leggere

  • “I Rifiuti sono roba nostra”: la lettera di un cittadino

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo  L’11 Luglio 2018 é partita la raccolta differenziata e la raccolta porta a porta nel Comune di Monreale. Vivaddio c’era da dire! Ed invece a meno di una settimana dal suo inizio si é scatenato il putiferio. Social, giornali locali, bar, supermercati, ..

    Continua a Leggere

  • Immatricolazioni, tasse e offerta formativa: le novità dell’Università di Palermo

    Cronaca

    Palermo, 19 luglio 2018 - “Il nostro è un Ateneo in ottima salute – ha commentato il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – lo confermano il piano delle assunzioni, che prevede l’inserimento di ben 110 nuove unità di personale docente e ricercatore e un ..

    Continua a Leggere

  • Nascerà a Palermo il più grande porto dell’Europa del Sud, ecco come sarà nel progetto dell’Eurispes

    Cronaca

    ..                <span class=

    Continua a Leggere

  • Cefalù: operazione antidroga “Porta Giudecca”. Arrestate 5 persone. Il rifornimento degli stupefacenti avveniva a Ballarò (FOTO DEGLI ARRESTATI)

    Cronaca

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=b7Rd94gdL10&feature=youtu.be[/embed] Cefalù, 19 luglio 2018 - Spaccio di Cocaina, Eroina, Crack, Hashish e Marijuana. Con questa accusa i Carabinieri della Compagnia di Cefalù hanno tratto in arresto nelle prime ore dell’alba cinque uomini, che gesti..

    Continua a Leggere

  • Randagismo, spariti nel nulla i cani di via Pezzingoli. Dove sono finiti?

    Cronaca

    [gallery ids="71105,71104,71103,71102,71100,71098,71097,71099,71096,71093,71091,71090"] Monreale, 18 luglio 2018 - Di loro non si trovano neppure i corpi, spariti nel nulla. Era il 19 giugno scorso quando alcuni animalisti lanciarono l’allarme dell'avvelenamento di alcuni cani nella zona alta d..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com