A Casaboli è una catastrofe. L’incendio distrugge ettari di bosco

A Casaboli un grave incendio distrugge il bosco dalle 16.30 di ieri. Momenti di panico per un gruppo di giovani boy scout. A rischio l'Ecocampus e l'area attrezzata

A Casaboli un grave incendio distrugge il bosco dalle 16.30 di ieri. Momenti di panico per un gruppo di giovani boy scout. A rischio l’Ecocampus e l’area attrezzata

Monreale, 3 agosto – A Casaboli si sta consumando uno degli incendi più gravi dell’ultimo decennio. La mano del crimine ha nuovamente colpito al cuore uno dei boschi più belli del territorio monrealese, anche uno degli ultimi per la verità. E non può che non essere la mano del crimine quella che ieri, attorno alle 16.30, ha dato alle fiamme l’area boscata nei pressi di valle Tajo, proprio nel punto in cui gli occhi attenti degli uomini di guardia nelle torrette d’avvistamento della forestale non possono arrivare. È bastata la colonna di fumo a far dare l’allarme alle torrette; gli operatori antincendio sono subito accorsi ma la trappola era lì, dietro l’angolo: qualcuno continuava a dare alle fiamme il bosco in almeno altri 6 punti.

In pochi minuti quindi il bosco è stato circondato da un lungo fronte di fuoco che ha inghiottito la pineta di Casaboli, troppe volte presa di mira da vili atti incendiari. A rischio ci sarebbe l’area attrezzata, l’Ecocampus e il maneggio AD Equitazione che si trovano nel cuore di Casaboli. Pizzo Pinorio, Valle dell’Uomo Morto, Valle Vigna le località attraversate dalle fiamme.

L'incedio a Casaboli visto da Pioppo
L’incedio a Casaboli visto da Pioppo

Nel pomeriggio è stato richiesto con urgenza l’intervento di due elicotteri. Al calar della sera però i due velivoli hanno dovuto fare rientro alla base lasciando il lavoro alle squadre di terra. Gli operatori hanno lavorato sodo con estrema difficoltà a causa della morfologia difficile del territorio. Sul posto hanno operato almeno 7 squadre dei forestali

Durante i primi minuti dell’incendio si sono registrati anche alcuni momenti di panico per un gruppo di giovani boy scout che si era accampati nel bosco per trascorrere qualche giorno in mezzo alla natura. Il gruppo ha deciso di scappare temendo il peggio.

1 Commento
  1. Anonimo scrive

    Bisogna assolutamente ascrivere l’incendio doloso e altri atti criminosi verso l’ambiente tra i crimini contro l’umanità e la vita in genere.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.