​Monreale e la magica notte di Dolce & Gabbana LE FOTO

Alta Sartoria ha esaltato l'immagine di Monreale nel mondo

Alta Sartoria ha esaltato l’immagine di Monreale nel mondo

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”92″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_imagebrowser” ajax_pagination=”0″ template=”default” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Monreale, 8 luglio 2017. È appena terminata la sfilata Alta Sartoria organizzata dagli stilisti più in voga del momento: Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Quello appena terminato, non ce ne vogliano alcuni lettori che hanno tanto criticato l’evento dal giorno dell’annuncio fino all’ultima ora, potrà essere annoverato in futuro come uno dei momenti più belli della storia monrealese. Monreale per un’intera giornata si è trovata al centro del vortice multicolore della moda, delle pagine satinate dei giornali, nelle pagine web dei fashion blogger più importanti.  E non è cosa da poco per una città, già conosciuta nel mondo per il suo prezioso Duomo peraltro inserito all’interno del percorso Unesco Arabo-Normanno, ritrovarsi al centro dei grossi obiettivi di fotografi arrivati da ogni angolo della terra che esporteranno il nome di Monreale e che descriveranno la città come palcoscenico spettacolare e irripetibile per un evento di rango mondiale come quello organizzato da Dolce e Gabbana. 
I nostri lettori, nel corso delle giornate che hanno anticipato l’evento, in un susseguirsi di notizie più o meno veritiere proposte dai giornali locali, si sono divisi in due opposti schieramenti: gli scettici e i favorevoli. Chi parteggiava per il No riteneva esigua l’offerta della produzione D&G. 12.000 euro per occupare due piazze intere erano ritenuti troppo pochi. La balconata del complesso Guglielmo è stata tagliata. Il paese è stato vittima di caos per troppi giorni. Monreale non avrà riscontro dall’evento. Il sindaco poteva chiedere di più. Questi i motivi principali del No. Addirittura c’è chi ha parlato di dignità svenduta della città. 

Monreale sarà annoverata da numerose riviste internazionali. L’evento non farà altro che far accrescere la fama della città. Si avrà un ritorno economico dall’evento in termini di turismo. Monreale potrà essere scelta anche da altri imprenditori come meta di altri importanti eventi vista l’ottima riuscita di Alta Sartoria. Queste le principali tesi a sostegno del si. 

Filodiretto in questi giorni ha dato il proprio contributo, garantendo le opinioni del si e del no, dando sfogo alle critiche e agli elogi ai due stilisti e agli amministratori. Abbiamo anche cercato di sdrammatizzare, invitando Davide Tusa, alias Mago Plip, a inscenare l’arrivo a Monreale di Dolce e Gabbana. I numeri parlano chiaro e adesso possiamo dirlo con certezza: l’evento Dolce & Gabbana ha scosso Monreale, nel bene e nel male. La notte magica della moda di Monreale è servita a far entrare, si spera, la città nel circuito in cui già sono entrate altre città italiane, vedi Taormina alla quale Monreale non avrebbe nulla da invidiare. Se solo la città mostrasse un pizzico di autostima in più.

1 Commento
  1. Gianni scrive

    Volevo complimentarmi con Filodiretto per come ha gestito l’evento. Ha dato spazio a tutti. Grazie anche per le foto bellissime e per le dirette.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.