Oggi è 22/03/2019

Cronaca

Mons. Pennisi: “Riina può morire anche in carcere con una morte dignitosa”

L’arcivescovo di Monreale: “Assurdo che Riina risieda a Corleone. Rischio che la sua casa diventi un santuario negativo, ma lo Stato non può applicare la legge del taglione”

Pubblicato il 8 giugno 2017

Mons. Pennisi: “Riina può morire anche in carcere con una morte dignitosa”
Mons. Michele Pennisi

Monreale, 8 giugno 2017 – Disteso su una barella, in videoconferenza dal carcere di Parma, Totò Riina ha seguito l’udienza, a Firenze, del processo d’appello per la strage del treno 904, in cui è imputato come mandante. Riina, 87 anni, non era presente in aula a causa delle sue critiche condizioni di salute, argomento questo di forti polemiche negli ultimi giorni, dopo il richiamo della Cassazione al diritto di morire dignitosamente per tutti i detenuti, compreso Riina che sconta 17 ergastoli. Dichiarazione che ha aperto un aspro dibattito sulla opportunità o meno di scarcerare il boss mafioso. Francesca Sabatinelli, di Radio Vaticana, ha intervistato mons. Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, arcidiocesi a cui appartiene Corleone.

R. – La sentenza della Corte va rispettata, perché non fa altro che ribadire dei principi costituzionali, perché lo Stato nei confronti della barbarie mafiosa non può e non deve amministrare la giustizia con spirito di vendetta: deve rispettare la dignità di ogni persona e quindi anche il diritto a morire dignitosamente. Devo dire che però questa sentenza della Corte deve essere ben letta, perché la Corte non dice che deve essere scarcerato, dice che la sentenza del giudice di sorveglianza deve essere meglio motivata per far sì che Riina, al quale si riconosce ancora un ruolo criminale di primo piano, possa rimanere in carcere. In base alla Costituzione, lo Stato deve riservare ad una persona malata un adeguato trattamento di cura, lo Stato non può applicare né la legge del taglione, né la legge del contrappasso, né entrare in una faida perché la violenza genera violenza. Detto questo, sentendo anche i vari esperti, le strutture carcerarie odierne, penso forse anche il carcere di Parma, contengono al loro interno delle sezioni ospedaliere attrezzate dove è possibile che la persona sia curata, perché il diritto alla salute e alla cura è un diritto fondamentale della persona. Quindi una persona può morire anche in carcere con una morte dignitosa e non deve necessariamente essere liberato dal carcere.

D. – La polemica si è innestata proprio sul fatto che l’interpretazione di ciò che la Cassazione ha detto poteva far pensare che Riina dovesse morire nel letto di casa sua …

R. – Corleone fa parte della mia diocesi. Sarebbe assurdo che Riina potesse risiedere a Corleone. È già abbastanza strano che qui a Corleone persone dall’estero vengono a visitare non le case dei due santi canonizzati, San Leoluca e San Bernardo da Corleone, ma la casa di Totò Riina. In questo caso ci potrebbe essere il rischio che la sua casa diventi una specie di santuario negativo. Bisogna evitare questo nel modo più assoluto, anche perché Totò Riina è ancora considerato il capo di Cosa Nostra. Fino ad alcuni mesi fa ha rivolto minacce sia al procuratore Nino di Matteo, sia a don Ciotti  e poi, soprattutto, non ha mai manifestato la volontà di dissociazione.

D. – Ciò che è stato sottolineato da molti è proprio questo: Totò Riina è un simbolo ed è comunque ancora un personaggio influente della mafia. Lei lo conferma …

R. – Certo lo confermo.  Anche se è in fase terminale, il fatto che lui possa liberamente anche soltanto parlare con alcune persone potrebbe essere un problema, potrebbe indicare delle vendette quindi, secondo me, questa è una cosa che va esclusa. Però va trattato con dignità all’interno del carcere o di altre strutture ospedaliere perché il diritto alla salute non si nega a nessuno. Totò Riina è stato più volte invitato dai vescovi, ma soprattutto dai Papi – ricordiamo Papa Giovanni Paolo II e Papa Francesco – alla conversione. I Papi si sono rivolti agli uomini della mafia per invitarli alla conversione. Però vorrei dire che la conversione nel caso del mafioso, certamente non potrà ridare la vita a coloro che sono stati uccisi, ma comporta comunque un impegno fattivo affinché sia debellata la struttura organizzativa della mafia. Per cui è necessario, perché ci sia un’effettiva conversione, che ci si distacchi dalla mafia, si chieda perdono alle vittime e, per quanto è possibile, ci sia la volontà di riparare, altrimenti una presunta conversione sarebbe soltanto qualcosa di  parata non una conversione reale. L’invito che io rivolgo, non solo a Totò Riina ma a tutti gli uomini della mafia, è quello dei Papi, l’invito a convertirsi perché come ha detto  San Giovanni Paolo II, “un giorno arriverà il giudizio di Dio” e come ha detto Papa Francesco il 21 marzo 2014, “convertitevi per non finire all’inferno. È quello che vi aspetta, se continuate su questa strada”

Ricevi tutte le news

Anonimo

La mentalità della sopraffazione che va estirpata dal modo di operare dei siciliani

18 giugno 2017 | 22:35 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Operazione “Artemisia”, Lagalla: “Le mie azioni istituzionali ispirate a criteri di correttezza e rispetto della legge”

    Cronaca

    Palermo, 21 marzo 2019 - La politica nella bufera a seguito dell’operazione "Artemisia”, messa a segno dai Carabinieri del Comando Provinciale di Trapani contro un vasto sistema corruttivo guidato da una loggia segreta in grado di condizionare la politica. Sono 27 gli ordini di a..


  • Partinico, incendiate le auto della famiglia del sindacalista Nicola Barone

    Cronaca

    Partinico, 21 marzo 2019 - D

    Continua a Leggere

  • Elezioni sindaco, ballottaggio Capizzi-Madonia secondo un sondaggio di Monrealenews

    Cronaca

    Monreale, 21 marzo 2018 – Sono ben 18.406 le persone che hanno espresso la propria preferenza in un sondaggio proposto dalla testata online Monrealenews e il risultato è sorprendente. A superare il primo turno elettorale e a contendersi la fascia tricolore del comune di Monreale, secondo i let..

    Continua a Leggere

  • “La stagione culturale del MAM”: eventi per valorizzare il patrimonio artistico di Monreale

    Cronaca

    Monreale, 21 marzo 2019 - Il museo d'arte del mosaico di Monreale inaugura  "La stagione culturale del MAM".  Inaugurato nel Dicembre del 2017 e situato all’interno del complesso monumentale “Guglielmo II”, il ..

    Continua a Leggere

  • A Partinico la Marcia della Legalità. Don Inzerillo: “Non avere paura e ritrovare il coraggio per andare avanti”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo "Carissimi, quest’anno l’Arcivescovo ha scelto la Città di Partinico come luogo per la “Marcia della Legalità” che si terrà sabato 23 marzo 2019, con inizio alle ore 16.30 dal Monumento ai Caduti, con una seconda tappa in Piazza D..

    Continua a Leggere

  • Rosanna Giannetto: Un piano straordinario per il tempo pieno ed il tempo prolungato. Assicurare 40 ore settimanali anziché le 27 o 30 ore attuali di studio a scuola

    Cronaca

    Monreale, 21 marzo 2019 - “Un piano straordinario per il tempo pieno ed il tempo prolungato. Assicurare 40 ore settimanali anziché le 27 o 30 ore attuali di studio a scuola”. Rosanna Giannetto, candidata al consiglio comunale con la lista Monreale Bene Comune, nonché designata assessore dal..

    Continua a Leggere

  • Aquino. Fondo Pasqualino. Centro per disabili tra rifiuti, topi e degrado. Caputo: “Situazione ai limiti della civiltà”

    Cronaca

    [gallery ids="95542,95541,95540,95539,95538,95537,95536"] Monreale, 21 marzo 2019 - "Vedere un centro per disabili chiuso, trasformato in un deposito, vandalizzato e circondato da topi, rifiuti anche pericolosi, erbacce e strade divelte, da il senso del degrado e di abbandono in cui l’Amministr..

    Continua a Leggere

  • Operazione Artemisia, pensioni in cambio di voti. Francesco Cascio tra gli arrestati. Avviso di garanzia per l’assessore Roberto Lagalla

    Cronaca

    Palermo, 21 marzo 2019 - I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribun..

    Continua a Leggere

  • Gli studenti della Guglielmo II alla finale provinciale di calcio a 5 

    Cronaca

    [gallery ids="95500,95501,95502,95503,95504,95505"]   Palermo, 20 marzo 2019 - In occasione della finale provinciale di calcio a 5, inserita nel progetto dei campionati studenteschi, venerdì 15 marzo ben dieci studenti del nostro istituto, provenienti dalle classi della secondaria di pri..

    Continua a Leggere

  • Partinico, sabato la marcia della legalità

    Cronaca

    Partinico, 20 marzo 2019 - La Cisl Palermo Trapani parteciperà anche quest’anno alla marcia della legalità che si terrà sabato 23 marzo a Partinico. La manifestazione è organizzata dall’Arcidiocesi di Monreale, in collaborazione con le parrocchie e le sigle sindacali. Il corteo partirà alle..

    Continua a Leggere

  • Presentazione del libro “IL PICCOLINO” al Circolo di Cultura Italia

    Cronaca

    Monreale, 20 marzo 2019 - Nuovo appuntamento culturale Giovedì 21 Marzo, alle ore 17:00, presso la sede del  Circolo di Cultura Italia a Monreale, dove si terrà la presentazione del libro “IL PICCOLINO” dello scrittore Dariush Baghi, Presidente e..

    Continua a Leggere

  • Sabato 23 il candidato sindaco Alberto Arcidiacono si presenta agli elettori

    Cronaca

    Monreale, 20 marzo 2019 - Si terrà sabato prossimo, 23 marzo, alle ore 17,00, l’apertura della campagna elettorale di Alberto Arcidiacono, candidato sindaco di Monreale alle prossime amministrative del 28 aprile. Sono quattro i movimenti che hanno deciso di sostenere Arcidiacono. Diventerà Be..

    Continua a Leggere

  • In arrivo 65mila euro per l’Oreto. Adesso tocca ai comuni di Monreale, Altofonte e Palermo

    Cronaca

    Monreale, 19 marzo 2019 - Grazie al coinvolgimento di oltre 80mila persone, il fiume Oreto ha vinto il secondo premio del concorso "I Luoghi del cuore", indetto dal Fondo Ambiente Italiano che serve proprio a riqualificare monumenti e aree di interesse ambientale, storico, artistico e culturale. Ade..

    Continua a Leggere

  • Monreale, i tassisti da anni nel limbo. Vertice all’assessorato alle Infrastrutture

    Cronaca

    Monreale, 19 marzo 2019 – "Probabilmente il percorso Arabo Normanno potrà essere la chiave di volta per risolvere l’annoso problema dei collegamenti tra Monreale e Palermo che da anni limita l’attività dei sette tassisti della cittadina". Questa mattina il Dirigente regionale dell’Assessor..

    Continua a Leggere

  • “Tifiamo Europa” sceglie l’Adelkam, il gemellaggio sarà con la Romania

    Cronaca

    “Un progetto europeo di gemellaggio con la Romania che vede protagonista in tutta la Sicilia l’ASD Costa Gaia Adelkam”, spiega il dirigente Giovanni Tinervia. “Tifiamo Europa” è rivolto alle scuole calcio affiliate alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, società con sede in tutto il ter..

    Continua a Leggere

  • In tre mesi donate sessanta parrucche alle pazienti oncologiche

    Cronaca

    Monreale, 19 marzo 2019 - Sessanta parrucche donate in tre mesi, con richieste da tutta la Sicilia. È il bilancio dell'iniziativa avviata a dicembre da Assoacconciatori e rivolta alle pazienti oncologiche. I professionisti della categoria, parte integrante dell'Area Produzione di Confeserce..

    Continua a Leggere

  • Lagalla: “Se volete essere liberi nella vita dovete apprendere”. L’assessore alla formazione a Monreale invitato da TED

    Cronaca

    [gallery ids="95378,95377,95376,95375,95374,95372,95369,95368,95367,95366,95365,95364,95363,95362,95361,95360,95359,95358,95357,95356,95380,95381,95382"] Monreale, 19 marzo 2019 - Si è tenuto questa mattina il convegno “Tra devozione e folklore” organizzato dalla scuola di formazione TED, al..

    Continua a Leggere

  • Corleone. Si gira il film “Il delitto Mattarella”

    Cronaca

    Corleone, 19 marzo 2019 - A Corleone un consiglio comunale in piazza con due ospiti d’eccezione, in una giornata particolare, quella dedicata al ricordo delle vittime delle mafia. Il 21 marzo saranno ospiti della città il regista Aurelio Grimaldi e l’attore David C..


  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com