Droga e Mafia dai quartieri di Palermo a San Giuseppe Jato e Partinico NOMI e FOTO

All'interno i nomi degli arrestati dai carabinieri di Monreale e dalla polizia di Palermo in una operazione antidroga congiunta

All’interno i nomi degli arrestati dai carabinieri di Monreale e dalla polizia di Palermo in una operazione antidroga congiunta

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”60″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_imagebrowser” ajax_pagination=”0″ template=”default” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]Monreale, 30 maggio 2017 – Gli investigatori della polizia di Stato di Palermo, in un’operazione congiunta con i carabinieri di Monreale, hanno scoperto una vasta attività di spaccio di droga che si dipartiva dai quartieri del capoluogo siciliano fino all’entroterra della provincia, dalla Kalsa a Brancaccio, allo Zen, fino a San Giuseppe Jato, Partinico ed Altavilla Milicia.

In tutto sono 13 le persone sottoposte ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo, per il reato di traffico di sostanze stupefacenti. Gli investigatori sono riusciti a smantellare una fitta rete di spaccio che traeva le proprie origini dai quartieri di Palermo per poi inondare le città dell’hinterland della provincia.

Le indagini sono state eseguite dai poliziotti del Commissariato di P.S. “Oreto-Stazione” che hanno registrato un’attività di spaccio particolarmente dinamica, segnata dai vorticosi spostamenti di numerosi coindagati lungo gli itinerari dello spaccio, impegnati in “consegne a domicilio” e richieste di nuove “forniture”.

Dall’indagine è emerso il nome di Ottavio Abbate, pluripregiudicato legato in passato ad ambienti mafiosi, già condannato per spaccio di droga. Abbate, ritenuto affiliato alla mafia di “Porta Nuova”, è il fratello di Luigi, detto “Gino u mitra”, attualmente detenuto al regine del “416 bis”.

I carabinieri di Monreale contestualmente hanno arrestato, in esecuzione della stessa Ordinanza, i due coniugi Giovanni Pilo e laura Pirinei. I due sono accusati a vario titolo di reati attinenti agli stupefacenti. Fermato anche Filippo D’Angelo. Gli investigatori hanno eseguito diverse intercettazioni nel corso dei mesi durante i quali sono stati effettuati approfondimenti investigativi mirati su alcuni pregiudicati contigui alla famiglia mafiosa di San Giuseppe Jato, i quali sono risultati pienamente inseriti nel traffico di sostanze stupefacenti nei Comuni della Valle dello Jato, con propaggini anche in quelli di Partinico e Montelepre.

Nell’ambito delle indagini sono stati eseguiti 11 fermi nei confronti di persone colte in flagranza di reato. Tre esse 7 sono stati arrestati per spaccio di sostanze stupefacenti, 3 per evasione e 1 per furto di energia elettrica. Denunciate anche altre 4 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di munizioni. Nell’operazione sono stati inoltre sequestrati 400 grammi di hashish, 111 di marijuana, uno di cocaina e 47 cartucce calibro 22 corto.

I Nomi degli arrestati:  Ottavio Abbate, 51 anni, Antonino Augello, 41 anni, Andrea Di Giovanni, 48 anni, Francesco Paolo Augello, 36 anni, Gaspare Rizzuto, 23 anni, Gaetano Musicò, 38 anni, Eddine Salah Janane, 33 anni, Rita Di Giovanni, 38 anni, Giovanna di Giovanni, 38 anni, Raffaele Catanzaro, 48 anni, Giovanni Pilo, 48 anni, Laura Pirinei, 45 anni, Filippo D’Angelo, 28 anni.

1 Commento
  1. […] quartiere Kalsa. Il gruppo, gestito dal clan Abbate, secondo la ricostruzione degli investigatori, commerciava hashish all’ingrosso e al […]

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.