Leggerezza e solidità nelle sculture di Giuseppe La Bruna

Inaugurata ieri la personale dell’artista monrealese

acqua park

Monreale, 30 aprile – Si è svolta ieri al complesso monumentale, alla presenza del sindaco, Piero Capizzi, e dell’assessore alla cultura, Giuseppe Cangemi, l’inaugurazione di “Piccola raccolta per una Retrospettiva”, mostra dello scultore monrealese Giuseppe La Bruna che raccoglie 28 opere rappresentative di un’attività artistica snodatasi nell’arco di un quarantennio.

Il percorso figurativo allestito all’interno della Galleria civica è stato presentato dalla prof.ssa Marina Manfredi, storica dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Venezia dove lo stesso prof. La Bruna ricopre la cattedra di Scultura nonché la direzione accademica.
A partire dall’esperienza giovanile nella rinomata ebanisteria paterna, Giuseppe La Bruna scopre il linguaggio dell’arte scultorea e ne fa uno strumento espressivo privilegiato e duttile a dare voce alle forme che la materia, nel suo continuo divenire, assume.
La ricerca plastica dello scultore passa attraverso i materiali della tradizione, quali il ferro, la terracotta, il legno, il marmo e il bronzo, fino all’utilizzo di resine e nuovi ritrovati, raccontando, nella pluralità delle opere, il movimento delle forme suscitato da quello che l’artista definisce il “vento cosmico”, quella forza vitale che scompone e ricompone la materia e che rimanda al materialismo lucreziano e all’ ”anemos” come energia creativa.
Molteplici sono infatti le suggestioni della cultura classica e classicistica evocate dall’itinerario figurativo: l’euritmia di Platone come traduzione della misura del tempo e della sua continuità; il rapporto dialettico tra il pieno e il vuoto di ascendenza rinascimentale e bruneschelliana come espressione della creazione materistica dal grembo fertile dell’aria; la “res extensa” permeata dalla “res cogitans”cartesiana come significante della struttura semantica attribuita all’arte.
Forte appare infine l’azione di sintesi composta dall’influenza del sincretismo culturale della natale Sicilia, che ancora alla terra la fluidità delle forme intrepretando la continua tensione tra solidità e leggerezza, cifra stilistica della creatività di La Bruna e metafora universale dello scorrere del tempo.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale