Bilancio di previsione 2017. Rossella Pica (PD) non voterà l’approvazione e spiega il perché

"Grisì ancora senza fondi in bilancio dal parco eolico e abbandonata persino sulla questione idrica"

0
Elettorale Russo

Monreale, 19 aprile 2017 – L’Amministrazione Capizzi non riceverà il voto favorevole del consigliere comunale Rossella Pica durante la votazione che si terrà oggi Consiglio Comunale chiamato ad approvare il bilancio di previsione 2017.  “Nel bilancio di previsione 2017 – afferma Pica in una nota – mancano i fondi derivanti dal parco eolico per la frazione di Grisì. A questo si aggiunge il pessimo approccio dell’amministrazione verso la frazione sulla perdurante crisi idrica”.

Rossella Pica, dopo i voti contrari ai precedenti bilanci, da residente nella frazione di Grisì, mantiene la propria posizione politica e annuncia: “L’amministrazione non potrà contare sul mio voto per approvare il bilancio di previsione 2017. Non prenderò parte alla discussione sul bilancio di previsione 2017. Tale scelta è una responsabilità del capo della coalizione, il Sindaco”.

Della questione, il consigliere PD ha già informato il commissario locale del PD Antonio Rubino e i tutto il gruppo consiliare inviando la seguente nota:

“Ad oggi non ho ottenuto i risultati cercati insistentemente: l’amministrazione ha continuato col giochetto di voler stare con due piedi in una scarpa, maggioranza e opposizione (in vista del bilancio…?), tentando di far prendere agli altri l’acqua calda con le mani.

E così prendendo tempo o rimandando la presenza agli incontri pubblici nella frazione.

Ai problemi del bilancio e della crisi idrica, si aggiunge la questione dei fondi ex terremoto che non trova slancio, condivisione e unità programmatiche. Anzi devo rilevare come il presidente, già in passato scelto autonomamente o con pochi, della commissione ex art. 5, è ancora in carica nonostante la legge Madia stabilisca che per i dipendenti pubblici in pensione è prevista la nomina per un solo anno. E questo anno è di imminente scadenza! Ma anche questa discussione viene evitata.

La questione idrica ormai, a fasi alterne, dura dal mese di agosto.

E in questo tempo non ho avuto il piacere di sedermi attorno a un tavolo con carte alla mano: il tema non è stato affrontato insieme come ho sempre chiesto e dimostrato di voler fare, con la legittimità di chi ha il diritto di rivendicare la presenza e l’autorevolezza politica in maggioranza.

L’amministrazione ha provato a stare con due piedi in una scarpa, con la maggioranza e l’opposizione.

Avendo però cura di prendere tempo, sempre e comunque, o disertare le assemblee pubbliche.

Così, come in passato ho detto a chiare lettere, annuncio che non prenderò neppure parte alla discussione di questo bilancio così fatto”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Acquapark Monreale