“C’è da spostare la 500? Rivolgersi alla terza C”, arte di arrangiarsi e caos cittadino?

Per molti residenti della zona l'abitudine di alcuni insegnanti è diventata un elemento di grave disagio.

1
Araba Fenice desk

IMG-20170406-WA0003

Monreale, 12 aprile 2017 – A Monreale, cosa ormai nota, il parcheggio è diventato una vera e propria occasione di frustrazione per gli automobilisti. Chi può cerca di evitare il traffico cittadino, caratterizzato spesso da caos ed ingorghi che rendono infernale la vita di chi malauguratamente è costretto a dover entrare all’interno dell’area urbana o perché vi risiede o per acquistare qualcosa o perchè il posto di lavoro si trova all’interno della “zona rossa”. Quest’ultimo è il caso di alcuni insegnanti delle scuole Francesca Morvillo e Mario D’Aleo che hanno trovato una soluzione a dir poco ingegnosa per risolvere l’annoso problema della mancanza di posteggi nella zona di via Biagio Giordano. Ecco l’arte di arrangiarsi. Basta infatti un foglietto posto sul cruscotto dell’auto posizionata in doppia fila per sentirsi autorizzati al parcheggio. Basta scrivere nome, cognome e classe in cui si sta tenendo lezione per parcheggiare comodamente nei pressi delle due scuole.

C’è da spostare la 500? Rivolgersi alla terza C. C’è da spostare una Citroen? Rivolgersi alla seconda B. Per molti residenti della zona è diventato un elemento di grave disagio. Chi rimane imbottigliato all’interno del parcheggio è obbligato a recarsi all’interno della scuola per chiedere la rimozione del veicolo che ostruisce l’uscita. Cosa accadrebbe in caso di emergenza?

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

1 Commento
  1. Anonimo dice

    Al giornalista che ha scritto quest’ articolo : gentile signore prima di scrivere un articolo che offende la professionalità dei docenti tutti, sia della Morvillo che della D’Aleo, sarebbe opportuno informarsi bene su ciò che avviene giornalmente davanti le due scuole : intanto dovrebbe informarsi sui numeri dell’ utenza scolastica, ( solo la Morvillo conto più di 800 alunni….) e cercare di fare uno sforzo per immaginare cosa può succedere la mattina all’ingresso quando i genitori sostano davanti la scuola per lasciare i propri figli. Ma sopratutto vorrei informarla che tutto il personale scolastico di entrambe le scuole la mattina posteggia ben lontano dalla scuola per poter arrivare a scuola in orario. Parliamo più di 200 persone circa. Sarebbe stato opportuno prima di scrivere un articolo che mortifica pesantemente una categoria di lavoratori già fin troppo bersagliata da tutti i fronti, che giornalmente invece spende la propria vita ed impegno nel proprio mestiere che vive come missione, verificare di persona la reale situazione. Se invece vogliamo risolvere il problema della viabilità della via B.Giordano mi permetto di suggerirle di rivolgersi al Comune di Monreale . Nonostante i commenti negativi di alcuni genitori che inveiscono contro i docenti , per fortuna la stragrande maggioranza di loro apprezza e continua ad avere fiducia in noi, nonostante tutto.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale