Spese pazze all’Ars, archiviato il caso di Salvino Caputo

Come chiedeva la procura la posizione dei parlamentari è stata archiviata.

Immobiliare Max

Palermo, 5 aprile 2017 – L’ex deputato monrealese Salvino Caputo ottiene l’archiviazione della procedura giudiziaria che lo vedeva coinvolto, insieme ad altri 17 parlamentari regionali, nell’inchiesta delle “spese pazze” all’ARS. I fatti risalgono alla precedente legislatura quando Caputo, oggi con il movimento Noi con Salvini, era schierato nel PdL.

I deputati coinvolti erano stati denunciati dalla Guardia di finanza, e indagati nell’inchiesta sulle spese pazze della Regione. Tutti hanno chiesto di essere interrogati e sono riusciti a spiegare come i soldi messi a disposizione dei gruppi parlamentari siano stati spesi per sole finalità politiche e istituzionali. Come chiedeva la procura la posizione dei parlamentari è stata archiviata.

Caso chiuso anche per l’attuale assessore regionale alla Formazione Bruno Marziano, del Pd, e per i suoi compagni di partito Filippo Panarello e Concetta Raia. Archiviazione per Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia, e per Vincenzo Vinciullo, Ncd, presidente della Commissione Bilancio dell’Ars. Stesso provvedimento del gip per Alessandro Aricò (ex deputato di Futuro e libertà), Carmelo Currenti (ex deputato di Sicilia Democratica), Carmelo Incardona (ex Grande Sud), Antonino Scilla (ex Grande Sud), Giovanni Di Mauro (eletto anche nell’attuale legislatura, con l’Mpa), Marco Lucio Forzese (attuale deputato di Centrisi per la Sicilia), Riccardo Savona (anche lui ancora all’Ars, con Forza Italia), Salvatore Giuffrida (ex deputato dell’Udc), Mario Parlavecchio (ex Mpa), Giuseppe Picciolo (deputato in carica di Sicilia Futura), Salvino Caputo (ex Popolo delle libertà), Giuseppe Buzzanca (ex Pdl) e Orazio D’Antoni (ex Mpa).

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale