Oggi è 16/01/2018

Scuola

I ragazzi della scuola Morvillo a lezione di legalità: “Cittadinanza per la Magitratura”

Al Palazzo di Giustizia, i ragazzi hanno avuto un cicerone d’eccezione, un uomo che per la legalità ha rischiato di morire: Giovanni Paparcuri, autista del giudice Rocco Chinnici

Pubblicato il 4 aprile 2017

I ragazzi della scuola Morvillo a lezione di legalità: “Cittadinanza per la Magitratura”

Monreale, 4 aprile – Ieri i ragazzi della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo “F. Morvillo”, classi seconde e terze, hanno avuto modo di vivere una mattinata densa di sensazioni, emozioni e conoscenze poiché hanno visitato il museo “G. Falcone e P. Borsellino” presso il Palazzo di Giustizia di Palermo, più noto come il “bunkerino” dei due grandi magistrati. L’opportunità è nata nell’ambito della partecipazione al progetto “Cittadinanza per la Magistratura – Concorso Giovanni Palazzotto” 2016/2017.

In un precedente incontro, svoltosi nel salone della nostra scuola lo scorso 7 Marzo, i ragazzi sono stati intrattenuti dal dott. Gozzo e dalla dott.ssa De Luca su temi quali: mafia e legalità, bullismo e cyberbullismo. Il giudice ha parlato del suo lavoro e di come sia necessario essere eroi ogni giorno nello svolgimento del proprio dovere.

Ieri, al Palazzo di Giustizia, i ragazzi hanno avuto un cicerone d’eccezione, un uomo che per la legalità ha rischiato di morire: Giovanni Paparcuri, autista del giudice Rocco Chinnici, unico sopravvissuto alla strage che nel 1983 uccise il magistrato, due agenti della scorta ed il portiere dello stabile. Rimasto gravemente ferito, dopo la convalescenza, non potendo più fare il lavoro di autista, Giovanni Paparcuri ha iniziato a collaborare con i Giudici Falcone e Borsellino. Raccontando della sua attività, ha detto anche di aver informatizzato tutto il materiale del maxi processo e di averlo fatto con mezzi che oggi definiremmo rudimentali. È Paparcuri che ha voluto fortemente che gli uffici dei due magistrati, assassinati dalla mafia, divenissero un museo e oggi ne cura ogni aspetto con amore.

“È un museo particolare quello che visitiamo – raccontano i docenti – un mondo che sembra essersi fermato a trent’anni fa, pieno di documenti, libri, fascicoli e di tutti gli oggetti utilizzati quotidianamente dai due giudici. Un’emozione fortissima per i ragazzi e per noi insegnanti entrare nei luoghi dove questi due grandi uomini hanno lavorato per cercare di fermare il fenomeno mafioso. Nelle sedie, dietro le scrivanie, si possono notare le sagome dei loro corpi – raccontano – che per tanto tempo vi si sono seduti, sudando sulle carte con la voglia di capire e di trovare il bandolo della matassa che porta alla legalità”.

Le riflessioni dei ragazzi

“Oggi, durante la visita, mi sono sentito orgoglioso di essere siciliano, di vivere nello stesso paese in cui hanno lavorato i due magistrati che hanno dato la loro vita per noi…” (Vincenzo Rizzo 2 A)

“Entrare negli uffici dei due giudici che sono morti per difendere la legalità mi ha fatto riflettere sul fatto che tocca a noi ora dare senso al loro sacrificio e per onorare la loro memoria dovremmo continuare a combattere la mafia per costruire un mondo migliore.” (Elena Lo Bianco 2 A)

“Voglio ricordare i giudici Falcone e Borsellino così come li ho immaginati oggi: seduti sulle loro poltrone, con il loro sorriso, fermi come se fossero ancora lì. In realtà questi due grandi uomini non moriranno mai, ciò che hanno fatto li ha resi immortali.” (Giulia Rampulla 3 A)

“È stata un’esperienza unica e indimenticabile, aver avuto la possibilità di ascoltare i fatti così come sono andati da una persona che ha vissuto tutto in prima persona e che ha saputo descriverci la passione con la quale queste persone svolgevano il loro lavoro “per passione e per affetto”. Falcone e Borsellino sapevano per cosa “combattevano”: per noi, per assicurarci un futuro e un destino migliore. Ora però tocca a noi onorare il loro sacrificio e continuare a lottare.” (Cecilia Pulvino 2 A)

“Ciò che, attraverso il racconto del sig. Paparcuri, ho appreso mi ha fatto apprezzare ancora di più quello che i giudici Falcone e Borsellino hanno fatto per la Sicilia e per tutti noi.” (Greta Marino 3 A)

“È stato molto interessante visitare il museo Falcone e Borsellino, ripercorrere la loro storia attraverso il racconto di una guida molto speciale, Giovanni Paparcuri che a lungo ha collaborato con i due magistrati.” (Gabriele Bonafede e Daniele Perna 2 C)

“Una visita, un viaggio emozionante nella storia della mafia e dell’antimafia, nel ricordo di tanti eroi, vittime della mafia, ritratti da Paparcuri nella loro quotidianità di uomini e magistrati.” (Angela Cortigiani e Giorgia Cerzosimo 2 C)

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Scuola

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..

    Continua a Leggere

  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Scuola

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..

    Continua a Leggere

  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Scuola

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Scuola

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..

    Continua a Leggere

  • Ryanair rivoluziona le regole per il bagaglio a mano

    Scuola

    Scatta la rivoluzione dei bagagli a mano su Ryanair, si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Siamo lieti di lanciar..

    Continua a Leggere

  • Al via l’Open week nella scuola Morvillo: organizzati laboratori, mostre e attività didattiche

    Scuola

    Monreale, 15 Gennaio 2018 - Si è aperto oggi e si concluderà venerdì 19 Gennaio l’open week che, come ormai da t..

    Continua a Leggere

  • Una cena per 700 poveri del centro di Biagio Conte. Tra gli chef il monrealese Nicola Venturella

    Scuola

    Palermo, 15 gennail 2018 - Una cena la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte. A organizzarla è lo chef e pasticcere di Partinico Massimo Giambelluca che ha chiamato a ..

    Continua a Leggere

  • «Cacciatori di storie bellissime». A Monreale i Percorsi Virtuosi di So.Svi.Le. e Maghweb

    Scuola

    Monreale, 15 gennaio 2018 - All’interno di Villa Savoia le testimonianze di chi ha puntato sulla bellezza, molto spesso nascosta, del territorio siciliano. Dai Sicani, fino alla Via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, la Sicilia può offrire ancora innumerevoli spunti per convincere i rag..

    Continua a Leggere

  • Monreale a sostegno di Biagio Conte. Padre Elisée incontra il frate laico

    Scuola

    Palermo, 15 gennaio 2018 - Tanta è ancora la gente che vive per strada che non ha un tetto, un lavoro, una dignità e sopravvive ai margini della società. Sono gli invisibili, non solo clochard,  costretti a dormire nelle auto o per le vie di Palermo sono anche le famiglie sfrattate, i padri ..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

    Scuola

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit. La giunta jatina attiva per il riordino: «Serve fronte comune»

    Scuola

    San Giuseppe Jato, 15 gennaio 2017 - I monrealesi che vogliono diventare cittadini di San Giuseppe Jato sono circa 160, tutti residenti nelle borgate di Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. Pagano le tasse alla città normanna ma usufruiscono dei servizi della città a Valle dello Jato


  • Romanotto (Credici Monreale): “Debiti azzerati? Solo a dicembre deliberato ricorso a Fondo di Riserva per 50.000 €”

    Scuola

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Azzeramento dei debiti del comune. Un’operazione di risanamento dei conti dell’ente portata come fiore all’occhiello della sua gestione amministrativa dal sindaco di Monreale, Piero Capizzi, e da lui sbandierato in tutti i consessi ..


  • Discipline in lingua straniera, laboratori, buone prassi innovative. É l’Open Day del Pietro Novelli

    Scuola

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Anche quest'anno la D.D. "P. Novelli" apre le sue porte alle famiglie, ai bambini, al territorio per far conoscere i dettagli della sua organizzazione didattica: attività laboratoriali curriculari, buone prassi innovative, sperimentazioni inclusive.


  • Monreale. Sfratto al Circolo Italia. Burgio: “Posizione del Sindaco denigratoria e offensiva”

    Scuola

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Claudio Burgio è il commissario pro tempore dell’associazione culturale “Circolo Italia”, che ha ricevuto dal comune l’ordinanza di sfratto dai locali di Piazza Vittorio Emanuele 2,4 e 6. Al circolo culturale viene richiesto anche il pagamento di €24.734,35 pi..


  • Quadrante: “Il PD responsabile, abbiamo consentito l’approvazione del “Salva Napoli”. Gestione del Sindaco approssimativa”

    Scuola

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Sull'adesione alla procedura di salvataggio dal dissesto finanziario (cosiddetto "Salva Napoli") da parte del comune di Monreale, portata in aula venerdì scorso, il PD si è astenuto, con la sola eccezione del consigliere Ignazio Davì che, divergendo dalla posizione del..


  • Adesione di Monreale al “Salva Napoli”. Marco Intravaia: “Una manovra diversiva o una trappola per il Consiglio”. Lo Biondo: “Dov’è la politica?”

    Scuola

      Monreale, 13 gennaio 2018 - “L’adesione del Comune di Monreale alle norme che consentono una rimodulazione del Piano di riequilibrio finanziario (meglio noto come “Salva Napoli”), lungi dall’allontanare dalla città lo spettro del dissesto, rischia di farla precipitare ne..


  • MONREALEXIT, 160 monrealesi vogliono diventare jatini. Monreale fa “orecchie da mercante”

    Scuola

    Monreale, 13 gennaio 2017 - «Non vogliamo essere cittadini monrealesi, vogliamo essere annessi al comune di San Giuseppe Jato», l’urlo proviene da Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. È passato già un anno da quando i 160 residenti delle lontane borgate monrealesi hanno redatto, grazie alla..


  • La Notte del Liceo al Basile D’aleo: balli, rappresentazioni teatrali, performances artistiche e coreutiche (LE IMMAGINI)

    Scuola

    Monreale, 13 gennaio 2018 - Balli, canti, spettacoli teatrali, recite, letture classiche, per fare rivivere il pensiero di filosofi e scrittori dell’età classica, e per fare comprendere l’attualità degli studi classici. [gallery ids="48528,48527,48526,48524,48523,48522,4852..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale