Crisi idrica a Grisì. Guzzo e Giuliano a Lo Biondo: “Mai stati soli. Informeremo tutti i cittadini sulle nostre azioni”

"Non ci siamo mai tirati indietro dall'investire la magistratura o i vari organi competenti"

“Non ci siamo mai tirati indietro dall’investire la magistratura o i vari organi competenti”

MONREALE, 28 marzo 2017 – Riceviamo e pubblichiamo la replica dei consiglieri comunali Giuseppe Guzzo e Antonella Giuliano (Cambiamo Monreale) alle dichiarazioni rese oggi da Massimiliano Lo Biondo, componente della commissione provinciale del Partito democratico.

“Apprezziamo sempre quando comuni cittadini come Massimiliano lo Biondo sono attenti e condividono la nostra azione politica e vogliamo comunque rassicurarlo sul fatto di non essere mai stati soli nella nostra azione ma sempre supportati da una buona schiera di cittadini di cui siamo contenti Lo Biondo sia entrato a far parte.

Per il dovere che il nostro ruolo ci impone ascoltiamo con attenzione tutte le segnalazioni ma abbiamo l’abitudine (ed il buon senso) di approfondire quanto ci viene detto per comprendere la fondatezza delle affermazioni a noi rese ed agire di conseguenza. Non ci siamo mai tirati indietro dall’investire la magistratura o i vari organi competenti ma supportando sempre tale investitura su basi concrete. Riteniamo infatti che i sensazionalismi non siano utili a nessuno e che le autorità non debbano perdere tempo dietro a voci magari dettate da conoscenze dei fatti presunte ma prive di fondamento.

Questo lo abbiamo sempre lasciato fare ad altri e proprio per mantenere la nostra linea di condotta abbiamo inoltrato le nostre richieste di verifica agli organi amministrativi e politici che ci daranno quelle risposte concrete, (anche su eventuali azioni o autorizzazioni improprie) ufficiali e preliminarmente determinanti per le decisioni future. Sarà nostra cura tenere informati tutti i cittadini, Massimiliano lo Biondo compreso, sugli esiti di tali verifiche e sulle opportune azioni che noi decideremo di mettere in campo”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.