Oggi è 21/08/2019

Cultura

Il mio ricordo del Dott. BINO LI CALSI ad un anno dalla scomparsa

Monreale, 13 Marzo 2017 – Ho incontrato il dottor Bino Li Calsi, per l’ultima volta in perfette condizioni di salute, il 21 Dicembre del 2015..

Pubblicato il 13 marzo 2017

Il mio ricordo del Dott. BINO LI CALSI ad un anno dalla scomparsa
La visita a Monreale del Re Olav V di Norvegia, accolto da S.E. Mons. Corrado Mingo e dal dott. Bino Li Calsi, sindaco pro tempore.

Monreale, 13 Marzo 2017 – Ho incontrato il dottor Bino Li Calsi, per l’ultima volta in perfette condizioni di salute, il 21 Dicembre del 2015 per il consueto scambio di auguri e regali natalizi. Mi ha aperto la porta con l’abituale cordialità ed un caloroso abbraccio; era particolarmente raggiante in quell’occasione e pochi minuti dopo ne ho compresa la ragione. Tra i tanti documenti del suo archivio, non ancora del tutto ordinato, aveva rinvenuto, quella stessa mattina, un giornalino edito a Catania nel Maggio del 1966 – “Solidarietà col Sacro cuore” – in cui, in un articolo dal titolo “Vincenzo Bellini e l’organista”, si riportava un episodio vissuto dal suo nonno paterno, abilissimo organista, che avrebbe voluto avviare anche il nipote allo studio del pianoforte. Me lo porse invitandomi alla lettura di ciò che di seguito trascrivo:

[…] “Si recarono al Convento di San Martino delle Scale, nei dintorni di Palermo, nella chiesa del quale c’era un organo famoso che Bellini desiderava vedere. L’organista Li Calsi accolse con molta gentilezza la comitiva, tanto che gli allegri compagni gli avevano presentato Bellini come un costruttore di organi. Il brav’uomo mostrò loro l’organo con tutti i suoi congegni; poi volendo farne sentire la voce, sedette e suonò un pezzo dei Capuleti e Montecchi. Sorrisetti degli amici, che alla fine si complimentarono sinceramente con l’organista.
Solo Bellini rimase muto, e quando fu richiesto della sua impressione sull’organo come… competente, rispose che, sì, l’organo era bellissimo e anche l’organista aveva suonato bene, ma era la musica da lui suonata che non gli piaceva. «Ma lei non sa che questa musica è di Vincenzo Bellini?». «Ebbene, e con ciò»? «A me non piace». Seguì un battibecco durante il quale gli amici si divertirono un mondo perché il Li Calsi, che era un fanatico della musica belliniana, si era sentito punto sul vivo sentendola disprezzare e non sapeva che pensare di quel presuntuoso che dava giudizi così sballati. A un certo punto sentendo di non poter dominare più la propria collera, il buonuomo sollevò le braccia al cielo e piantò tutti lasciando l’organo aperto. Bellini calmo mentre gli amici continuavano a sbellicarsi dalle risa, sedette all’organo e intonò la Casta Diva. Le dolcissime note si levarono su per le severe arcate nella mistica penombra del Tempio e parevano avere adesso tutto un altro significato. In esse il musicista effondeva tutta la sua anima, forse in una sommessa invocazione non alla casta dea della luna, ma all’Ente supremo perché facesse discendere sulle anime quella pace, quella gioia in cui ognuno dei mortali istintivamente anela: «Spargi in terra quella pace che regnar tu fai nel ciel», dicono infatti i versi.
“Quando l’eco delle ultime note cessò di diffondersi per il tempio, i compagni applaudirono commossi. L’organista allora, che frattanto aveva saputo chi era il sedicente costruttore di organi, si avvicinò commosso e confuso a Bellini e chinandosi gli baciò le mani. Bellini lo abbracciò e lo invitò a pranzo.” […]

Finita la lettura, il dottor Li Calsi, esternata ancora una volta la gioia per quel ritrovamento, mi affidò quel foglio perché, seduta stante, ne curassi la trascrizione, da inserire successivamente nell’auto biografia alla cui stesura, di tanto in tanto, si stava dedicando. Archiviato il file, insieme a numerose altre vere e proprie perle, nella cartella che egli stesso aveva denominato “My life”, si allontanò per pochi attimi e tornò con in mano quello che sarebbe stato per me il suo ultimo regalo di Natale: un orologio da parete in cui le lancette segnano il tempo ruotando sulla vivace superficie impreziosita dalla riproduzione serigrafica di un’opera di Ugo Nespolo. Graditissimo regalo temporaneamente riposto, al ritorno a casa, in attesa di decidere quale fosse l’opportuna collocazione.

Trascorsero pochi giorni da quell’incontro e, nel pomeriggio dell’ultimo dell’anno, il dottor Li Calsi rimase vittima di quella banale caduta (o, forse dell’improvviso malore che ne fu causa) che dopo quasi tre mesi di sofferenze, sopportate senza un solo lamento, lo avrebbe condotto al definitivo congedo. Ero nel corridoio dell’ospedale Ingrassia in quel tardo pomeriggio del 13 Marzo 2016 e per la prima volta l’ho salutato senza ricevere in cambio la cordialità espressa con gli occhi fino alle sera precedente. Tornato a casa ho deciso qual’era la giusta collocazione per l’orologio di Ugo Nespolo; l’ho appeso, dopo aver inserito le pile, e le sue lancette, da quel momento, hanno battuto tutti i secondi, i minuti e le ore di un intero anno. E’ già passato un anno, constatano in molti. Un’assenza infinita per chi come me, da privilegiato, era abituato a godere ogni giorno alle 17, con la stessa puntualità dei telegiornali, della quotidiana e stimolante conversazione telefonica.

Ad un anno dalla scomparsa del dott. Bino Li Calsi lo ricordo, insieme alla redazione di Filodiretto Monreale, tratteggiando il percorso della sua esistenza e rendendo pubblici taluni preziosi documenti tratti dalla cartella “My life”, della quale legittimamente detengo copia.

Il dott. Bino Li Calsi, presidente pro tempore dell’Ente parco dell’Etna, accompagna il principe Carlo durante l’escursione sul vulcano.

La vita di un uomo di grande cultura e fortemente legato al mondo cattolico, appassionato del suo prestigioso lavoro, nel cui ambito ha raggiunto i vertici più elevati e lasciato tracce indelebili. Tutta la comunità cittadina dovrebbe trarre spunto dal suo impegno a favore della città, generosamente riversato nella politica, nella conduzione degli interessi comuni e anche nel gestire le relazioni afferenti alla sfera privata e all’amicizia. Una vita fitta di impegni gravosi tra i quali, tuttavia, riuscì sempre a creare gli spazi per coltivare la fede e alimentare le sue grandi passioni: la conoscenza, l’attenzione puntuale sui fatti della città e del resto del mondo, il forte legame con la sua Inter, il piacere attento e disinteressato nel frequentare l’Arte e gli artisti e la scelta di vivere tra le loro opere.
La vita esemplare di un concittadino la cui memoria è patrimonio dell’intera comunità; un’eredità che non dovrà frammentarsi e disperdersi. Ciascun cittadino deve farsi carico della sua integra conservazione. A beneficio di tutti!

La lettera indirizzata al dott. Bino Li Calsi, durante il periodo di permanenza all’Assessorato regionale all’Industria, dall’ing. Enrico Mattei assassinato la sera del 27 ottobre 1962 con il sabotaggio dell’aereo privato partito da Catania e precipitato a Bascapè (Pavia).

La lettera indirizzata al dott. Bino Li Calsi dall’allora colonnello Carlo Alberto Dalla Chiesa, assassinato a Palermo il 3 Settembre 1982.

Bino Li Calsi nasce a Monreale il 5 novembre 1927 da Giuseppe e Rosalia Fiacchetti.
Nel 1930 la famiglia, per ragioni connesse al lavoro del padre, si trasferisce a Polizzi Generosa ove, precocemente, inizia a frequentare le scuole private delle Suore Francescane.
Al rientro a Monreale, nel 1933, superato l’esame di ammissione, viene accolto presso l’istituto parificato del Collegio di Maria e iscritto, a 7 anni, alla terza classe elementare. All’età di 10 anni intraprende gli studi ginnasiali (fino al 1940 includevano l’attuale scuola media) che concluderà con l’ammissione al Liceo e una media altissima: 9 in latino e in greco e 8 in tutte le altre materie. Nel 1944, dopo l’interruzione imposta dall’intensificarsi dei bombardamenti e dall’aver contratto il tifo, in forma violentissima, per aver mangiato un gelato, conclude gli studi presso il Liceo Meli di Palermo.
Nel 1951 consegue presso l’Ateneo palermitano, con il massimo dei voti, la laurea in Giurisprudenza e una tesi sul tema “Revisione costituzionale”, assegnatagli, per i meriti già riconosciuti da studente di giurisprudenza, a distanza di soli due anni dalla promulgazione della Carta costituzionale.
Durante il ciclo di studi universitari frequenta le Associazioni della Gioventù Cattolica e nel 1948 Mons. Filippi Arcivescovo di Monreale lo nomina Presidente diocesano della GIAC. In quel periodo nasce il sodalizio con Mario Fasino, Presidente della GIAC per la Diocesi di Palermo, sodalizio che avrà incidenza sulle successive scelte di vita.
Nel 1953 è candidato alle elezioni per il Parlamento nazionale. Un’esperienza esaltante coronata da lusinghiero successo: quasi 18mila voti, non sufficienti, tuttavia, per fare scattare l’elezione.
Dopo il conseguimento della laurea inizia a frequentare da praticante lo studio palermitano del Notaio Antonino Leto; una scelta operata più per assecondare un progetto paterno che per dare corso alle proprie ambizioni.
Nel Luglio del 1955 la svolta: l’amico Mario Fasino, nel frattempo divenuto Assessore al Lavori Pubblici nel Governo regionale, gli comunica la decisione di nominarlo suo Segretario particolare. Durante la permanenza ai Lavori Pubblici conosce l’ing. Enrico Mattei, Presidente dell’ENI, con il quale instaura un cordiale rapporto di sintonia di idee e di opinioni.
Nel 1956 il passaggio all’Assessorato Enti Locali dal 27 e, da novembre 1957 a ottobre 1958 all’Assessorato Industria e Commercio.
Dal settembre 1962 all’ottobre 1962 e fino gennaio 1967 la permanenza all’assessorato Agricoltura e Foreste con la qualifica di Capo di gabinetto.
Dal febbraio 1969 al dicembre 1972 alla Presidenza della Regione ancora con la qualifica di Capo di Gabinetto.
Nell’agosto 1971 è nominato Commissario dell’Ente Siciliano per la Promozione Industriale (ESPI), ove rimane sino al dicembre 1972.
Nel marzo 1978, nel corso dell’Ottava Legislatura, Piersanti Mattarella forma il suo primo Governo e, subito dopo una breve crisi, il secondo. Bino Li Calsi è nuovamente Capo di gabinetto all’Assessorato al Territorio e Ambiente affidato a Mario Fasino.
Nel giugno 1978 la Giunta di Governo lo nomina Direttore regionale al “Territorio e Ambiente” dove lavora attivamente alla predisposizione dei disegni di legge per la tutela ambientale e la protezione del territorio, divenuti poi leggi fondamentali della Regione. Nel 1985 è incaricato di predisporre la proposta di istituzione del Parco dell’Etna. Istituito il Parco e costituito l’Ente Parco nel 1987, il governo della Regione lo nomina Commissario e poi Presidente.
Nel 1989 viene chiamato alla presidenza del Coordinamento nazionale dei parchi e delle riserve naturali (l’attuale FederParchi). Nel 1992, infine, la nomina a Presidente del gruppo di lavoro per il coordinamento dei parchi regionali operante in seno alla Federazione europea dei parchi (FNNPEE, oggi EUROPARC) con sede a Graffenau (Germania).
È stato Sindaco di Monreale dal 1965 al 1967 e, ancora, nel 1980.
Muore a Palermo il 13 Marzo 2016.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Crisi di governo, la palla passa al Quirinale: governo politico o voto subito

    Cultura

    Così a memoria, nella storia della Repubblica, le crisi di governo sono state tutte di tipo extra parlamentare e solo due parlamentari: nel 1998 e nel 2008, rispettivamente il Governo Prodi I e II. Due governi di chiara collocazione politica e quindi impossibilitati a trovare accordi con part..

    Continua a Leggere

  • Conte annuncia le dimissioni, durissimo con Salvini: “Irresponsabile, opportunismo politico”

    Cultura

    ROMA - Seduta tesissima quella di oggi in Senato: urla, esibizioni di simboli sacri, continue interruzioni. . Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato molto duramente dichiarando che salirà al Quirinale per consegnare le proprie dimissioni al Presi..

    Continua a Leggere

  • Stars Be Original: i vantaggi di lavorare nell’animazione turistica di qualità

    Cultura

    Fare l'animatore nei villaggi turistici è il sogno di moltissimi ragazzi, perché i vantaggi di questa professione sono evidenti a tutti anche se spesso e volentieri si sottovaluta il duro lavoro che c'è dietro. Se si entra a far parte di un'agenzia di animazione seria come

    Continua a Leggere

  • Ciaculli, i carabinieri scoprono una piantagione di canapa indiana

    Cultura

    PALERMO - Una piantagione di canapa indiana in piena regola è stata trovata dai Carabinieri del nucleo radiomobile di Palermo in un terreno a Ciaculli di proprietà di Francesco Tarantino. Rinvenute 18 piante in piena fioritura e grammi 530 d..

    Continua a Leggere

  • Grisì, accorpamento delle classi classi prima e terza media inferiore. Assessore Giannetto: “Ci stiamo attivando per trovare una soluzione”

    Cultura

    GRISÌ (Monreale) - Le classi prima e terza media inferiore della scuola di Grisì verranno accorpate nell’anno scolastico 2019/2020. È l’ufficio scolastico provinciale a dare la notizia che ha allarmato i cittadini della fr..

    Continua a Leggere

  • Anomalie al centro di raccolta rifiuti di piazzale Tricoli, multata la società F. Mirto

    Cultura

    MONREALE – Il legale rappresentante della società F. Mirto srl di San Cipirello è stato ..

    Continua a Leggere

  • Trucidati mentre passeggiavano a Ficuzza, ricordati Giuseppe Russo e Filippo Costa

    Cultura

    CORLEONE - Sono stati uccisi mentre stavano passeggiando. Giuseppe Russo, carabiniere, fu crivellato di colpi dalla mafia a Ficuzza, dove stava trascorrendo ..

    Continua a Leggere

  • A Monreale il campeggio vista «munnizza»: nuove frontiere nel campo del turismo

    Cultura

    MONREALE – Una città che combatte ogni giorno con i rifiuti è Monreale che oggi li trasforma in risorsa. Dopo l’autolavaggio «fai da te» allestito nella fontana dell’Abbeveratoio (


  • Grisì, conclusa la festa in onore del Sacro Cuore di Gesù

    Cultura

    [gallery ids="114948,114949,114950,114951,114952,114953,114954,114955"] GRISÌ (Monreale) - Si è appena conclusa una 4 giorni di festa a Grisì, frazione di Monreale. Una festa anche quest’anno molto partecipata che ha avuto il culmine con ..


  • Rimini. Il Duomo di Monreale protagonista al meeting di Comunione e Liberazione

    Cultura

    [gallery ids="114920,114921,114922,114923,114924,114925,114926,114927,114928,114929,114930,114931,114932,114933,114934,114935,114936,114937,114938,114939,114940,114941,114942"] RIMINI - Il Duomo di Monreale è in questi giorni protagonista del 40esimo mee..


  • Inizia alla grande l'”E…state@Monreale 2019″. Domani sera gli “Apollo” portano i Negramaro in città

    Cultura

    [gallery ids="114907,114908,114909,114910,114911,114912,114913"] MONREALE - Grande successo per i concerti che hanno aperto l'"E...state@Monreale 2019", la rassegna di 25 eventi di musica, spettacolo, cabaret, moda, danza, teatro e letteratura sviluppata e pro..


  • La fontana dell’Abbeveratoio tra degrado e rifiuti: ora è un autolavaggio

    Cultura

    Monreale - La fontana dell'Abbeveratoio ridotta a un autolavaggio. È la triste fine che ha fatto uno dei punti storici di approvvigionamento idrico dei monrealesi. E, come se non bastasse, rifiuti e un gazebo abbandonato da anni hanno perso ormai il sopravvento. Piange il cuore a vedere uno dei ..


  • Decreto Dignità come cambia il mondo delle scommesse sportive

    Cultura

    Il nuovo decreto ministeriali porta con sé molte novità che puntano a rivoluzionare completamente il settore delle scommesse sportive e regolamentare il mercato italiano con l’obiettivo di difenderlo dall’intrusione degli operatori offshore.


  • Stabilizzati ma risultano ancora precari, sono i dipendenti comunali monrealesi

    Cultura

    Monreale  - In base a quanto previsto dalla vigente normativa, tutti i lavoratori che prestano servizio a tempo determinato negli enti pubblici siciliani sono stati inseriti, a partire dal 2015, in un apposito elenco istituito presso l’assess..


  • Partinico, uomo aggredito da randagio mentre passeggia in piazza

    Cultura

    Un anziano è stato aggredito da un Pittbull a Partinico. Una passeggiata si trasforma così in attimi di terrore. La solita uscita con il suo pastore tedesco nei pressi di piazza Duomo ha rischiato di finire in tragedia. Un randagio ha attaccato il pastore tedesco. Nel tentavo di dividere i due..


  • Due cani lasciati dentro un furgone rovente, salvati dai carabinieri

    Cultura

    PALERMO - Due cani rinchiusi in un furgone sotto il sole hanno rischiato di morire ma sono stati salvati grazie all'intervento dei carabinieri. Ieri mattina, in via Principe di Palagonia, i carabinieri del nucleo radiomobile di Palermo hanno tratto in salvo due cani che erano stati lasciati all..


  • Oltre la crisi di governo, si gioca un’altra partita

    Cultura

    Una crisi di governo graduale, in cui uno dei due partiti della coalizione di governo chiede, non ufficialmente, il rimpasto e la sostituzione di alcuni ministri del partito alleato. Poi dalla volontà di un rimpasto si è passati alla mozione di sfiducia al Premier. Fatto anomalo, potrebbe sembr..


  • Boom di turisti a Monreale, ad agosto è record al Chiostro

    Cultura

    Monreale è la quinta attrazione turistica della Sicilia almeno secondo i dati relativi agli afflussi turistici in agosto in musei e parchi archeologici siciliani. Ad agosto nella città normanna il Chiostro dei Benedettini del Duomo di Monreale ha già staccato 1.800 biglietti e il mese non è anco..