Oggi è 22/07/2019

Cultura

“La via dell’Educare”, seminario sull’educazione a Santa Teresa

Monreale, 9 marzo 2017 – Educare dal latino “educere”, traduce l’arte della levatrice: il “tirar fuori”, ossia il chiamare alla vita. In questo articolo..

Pubblicato il 9 marzo 2017

“La via dell’Educare”, seminario sull’educazione a Santa Teresa

Monreale, 9 marzo 2017 – Educare dal latino “educere”, traduce l’arte della levatrice: il “tirar fuori”, ossia il chiamare alla vita. In questo articolo sintetizzo l’intervento condiviso questa settimana con la Comunità di S. Teresa, a Monreale, dal titolo “La via dell’Educare”.

Il significato etimologico della parola “educare” ci rimanda ad una prospettiva relazionale in cui viene favorita la formazione e l’espressione della persona. Il venire alla vita, infatti, presuppone la custodia e cioè la graduale formazione così come una pianticella che prima deve germogliare e fortificarsi nella sua propensione alla luce e nel radicarsi in profondità, e poi arrivare a fruttificare. La crescita in superficie senza radici profonde rischierebbe la caduta di fronte alle prime intemperie, così come le radici senza allungamento del fusto priverebbero la pianta dei frutti.

Tale responsabilità oggi pare sottovalutata, probabilmente perché l’agire educativo presuppone l’esplicitazione delle finalità e dei valori che stanno alla base. Il cortocircuito educativo proprio dei nostri giorni è, in buona parte, da ricondursi ai nuovi paradigmi culturali che hanno messo in discussione il senso della relazione e dell’apporto vitale che ne deriva. Essi si basano su indici performativi quali il piacere, la produttività, il successo, il nutrimento ego-centrato.

L’individuo viene ad essere schiacciato sul piano del bisogno, sacrificato al “tutto e subito” o all’”usa e getta” e, pertanto, reso dipendente dal mercato dei consumi fino ad essere utilizzato a seconda delle promozioni di turno!

L’essere umano, immerso in tale contesto, non riesce più a trovare il limite che lo distanzia dalle cose e dall’altro, di conseguenza è reso incapace di dare significati alle esperienze e alle conoscenze che fa. Il conoscere viene posto sul piano del piacere o dell’emozione di un momento, mentre il desiderio è spento così come il senso dell’attesa o del legame.

È quel che accade fin dai primi anni quando il cucciolo d’uomo viene subissato di giocattoli o attenzioni. Ciò sembrerebbe il riflesso dell’incapacità del mondo adulto a reggere il pianto e la frustrazione per il malcontento altrui. I genitori finiscono, così, col perdere il loro ruolo educativo scivolando in un rapporto simmetrico, da “buoni amici”, per averne gratificazione e sentirsi “a posto” nei confronti dei figli.

In tale scenario non c’è educazione al desiderio, alla bellezza, allo stupore. Piuttosto l’agire educativo viene subordinato alla spinta-minaccia del fallimento performativo, cioè al timore di non apparire perfetti o capaci di reggere la competizione con l’altro. L’atto educativo viene pensato, allora, come programmazione e l’educando come un mero contenitore passivo da riempire. Viene confuso, così, il ‘tirar fuori’ con il ‘rinchiudere dentro’.

Questa modalità rispecchia gli stili di vita, l’organizzazione degli spazi e delle giornate. La tecnica assunta quale nuovo artefice di cultura ha mutato i paradigmi e le categorie per leggere la realtà. È così che l’uomo ha cambiato la percezione di sé nel tempo e nello spazio, grazie ai veloci mezzi di trasporto e agli strumenti di comunicazione che, contemporaneamente, possono connettere con miriadi luoghi nel mondo. Vengono ridefiniti i valori ed i significati, ad esempio l’indice dell’amicizia è il risultato dei like riportati su un social e la comunicazione viene mediata dai smartphone personali pur trovandosi, quanti comunicano, a pochi metri di distanza.

Assistiamo, inoltre, ad un’organizzazione degli spazi pensata secondo questo modello a-relazionale in cui le nuove abitazioni sono progettate quali dormitori ove stare solo di notte per poi spostarsi nei centri commerciali, nuove cattedrali di consumo in cui trascorrere la vita diurna e festiva. Le case vengono arredate in modo da avere al centro di ogni singolo ambiente, che sia la cucina, il soggiorno o le camere da letto, un monitor da cui attingere “cultura”  e cioè il modo di pensare e stare nelle cose della vita, quindi, consegnati al grande occhio dell’ “opinione pubblica”.

Anche il contesto lavorativo sotto la spinta della competizione viene a generare sempre più individui solitari. Si pensi a come la turnazione, in funzione delle vendite continue, sia venuta ad impedire tempi di incontro ricreativo tra i membri della stessa famiglia. L’individuo, sempre più isolato dai legami affettivi e dagli spazi naturali di recupero  e di nutrimento emotivo, si indebolisce diminuendo la sua capacità volitiva ed assertiva.

In tal modo la popolazione, passivizzata, è maggiormente manipolabile ed inibita nel cercare il gusto delle cose. Insieme al desiderio viene estinto lo stupore e la visione della vita secondo una direzione di senso, un fine che esprime l’orizzonte del cammino. Il valore personale e la realizzazione di sé, all’interno di questo sistema, sempre più viene consegnato allo sguardo critico dell’altro.

La veloce disamina fin qui esposta ci mostra quanti ostacoli possa trovare l’agire educativo e, ancora, come venga minacciata la coscienza dell’essere umano. So che parlando di “coscienza” risulterò impopolare, eppure ritengo che il punto debole nella nostra società stia proprio in questo misconoscimento: l’avere negato la cittadinanza alla coscienza dell’uomo equivale ad averlo lasciato in balia della proposta di turno che, ci rendiamo ben conto, ha alle spalle una precisa strategia di potere socio-economico.

Nel linguaggio comune utilizziamo spesso espressioni del tipo “è incosciente” o “ha perso coscienza” attribuendo loro il significato della perdita di autonomia o di responsabilità, l’incapacità a stare in relazione. Si impone, a questo punto, un interrogativo: È possibile educare senza formare le coscienze?

Senza coscienza l’individuo non è capace di percepirsi vivo di fronte alla realtà che gli si oppone, non è capace di discernere i propri ed altrui comportamenti, perde il desiderio e, di conseguenza, la capacità di conoscere. L’agire educativo è in primo luogo un favorire l’espressione del desiderio e questo scaturisce dalla relazione con l’altro, dall’incontro in cui c’è reciprocità e non dominio dell’ego.

Per affrontare questo passaggio è necessario abbandonare il pregiudizio che guarda la coscienza quale occhio giudicante che induce a sensi di colpa. Ciò significherebbe imbrigliarsi sotto il giogo della  paura e del nascondimento volto a difendere la propria grandezza.

Distinguo, inoltre, la coscienza dalla consapevolezza. Oggi si fa un gran parlare di “consapevolezza”, magari frutto di pratiche meditative e di tecniche di rilassamento, ma questa non garantisce la dimensione relazionale rischiando, così, di assolutizzare l’individualismo.

La persona è complessità e mistero, mai conoscibile in modo esaustivo, e la coscienza apre a questa percezione di sé, delle cose e di Dio, in cui lo sguardo si amplia cogliendo la realtà nella sua interezza ed andando aldilà dell’evidente. Danilo Dolci, grande pensatore che spese parecchi anni nel nostro territorio, concludeva una sua poesia con la mirabile espressione: “ciascuno cresce solo se sognato”.

Tale competenza è richiesta all’educatore, chiamato a stare nelle questioni della vita mantenendo viva la passione del desiderio, l’apertura a vie inedite, la ricerca dell’unicità di vita che appartiene ad ogni creatura.

La coscienza si forma nel mentre del cammino, non è opera dottrinale, ma il frutto di un percorso in cui si entra, con interesse, in rapporto con le cose e la loro vita nascosta.

Non si tratta di una presunta conoscenza, oggi ridotta al nozionismo e all’astrazione, piuttosto è lo sguardo attento ed interessato, connotato da misericordia e tenerezza. Nel tempo delle etichette diagnostiche in cui si pretende di inquadrare e ben definire ogni cosa, per poi fornire ricette e soluzioni, la coscienza apre alla sosta nelle relazioni, a non dare nulla per scontato e a ripartire dall’ascolto.

Misericordia e tenerezza declinano questo processo: la prima esprime l’accoglienza per custodire e, successivamente, restituire alla vita dopo avere rigenerato; la tenerezza, invece, mostra quel di più che dice l’interesse, l’andare verso l’altro rimanendo attenti alla sua presenza.

La coscienza, inoltre, orienta verso la meta e, in questo modo, verifica la condizione attuale.  Non si tratta di esaminare la propria fragilità per piangersi addosso ma di prendersene cura per rimettersi in cammino.

La via dell’educare, in sintesi, favorisce la resistenza al male e apre all’armonia del bene.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    Cultura

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..

    Continua a Leggere

  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    Cultura

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..

    Continua a Leggere

  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    Cultura

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..

    Continua a Leggere

  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    Cultura

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cultura

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cultura

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cultura

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Cultura

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Cultura

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Cultura

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Cultura

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Cultura

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Cultura

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Cultura

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Cultura

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Cultura

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Cultura

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Cultura

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere