Oggi è 25/01/2020

Cultura

Dj Fabo e il “diritto di morire con dignità”: cosa intendiamo per dignità e libertà?

A favore o contro l’eutanasia, una questione riduttiva. Dal caso di Dj Fabo una riflessione sul valore della vita e della sofferenza

Pubblicato il 5 marzo 2017

Dj Fabo e il “diritto di morire con dignità”: cosa intendiamo per dignità e libertà?
Euthanasia,conceptual image

Monreale, 5 marzo 2017 – Dire da che parte stai, se a favore o contro l’eutanasia, mi pare una questione alquanto riduttiva che non tiene conto della complessità dell’esistenza umana e dell’unicità di ciascuno.

Zumare l’obiettivo sul trattamento del “fine vita” di Fabiano Antoniani per disquisire, poi, su leggi generali da applicare al particolare è davvero artificioso perché, a mio avviso, il fatto in sé rimanda in primo luogo ad una riflessione sul valore della vita e della sofferenza all’interno di essa.

Intendo bene che il tessuto culturale contemporaneo cerca in tutti i modi di esorcizzare il tema del dolore così come quello della morte e, di conseguenza, del limite umano. L’individuo è contemplato nella sua capacità produttiva o nel tratto estetico e socialmente affascinante.

Si assiste, cioè, alla negazione della fragilità umana colta come insostenibile e da evitare ad ogni costo. È comprensibile questo assetto nella prospettiva del “tutto e subito” o dell’“usa e getta”, ove l’umano è schiacciato sul piano del bisogno immediato, quello che apparentemente può lenire ogni malessere. L’individuo il cui valore viene, così, equiparato a quello della merce di consumo, si trova spinto a ricercare continue strategie difensive per garantirsi l’elisir della lunga vita, e per dimostrare a sé stesso e agli altri che il suo esserci in questo mondo ha un senso.

Eppure quando si nasce tutto diventa probabile e, paradossalmente, solo la morte rimane  il dato certo. Eluderla non significa risolverla, anzi potremmo supporre che tale pretesa fa organizzare il vivere sociale secondo la paura di morte e, quindi, con una particolare spinta all’euforia, allo sballo per non sentire, all’edonismo come piacere di superficie per non stare a contatto con i sentimenti profondi o, ancora, caricare di una malinconia irriducibile.

Oggi vengono a mancare le parole e la morte non si racconta, non è più un fatto naturale, è tabù e quando viene trattata lo si fa per una eventuale battaglia da condurre e non per il fatto in sé. È così che si parla di Dj Fabo in termini di “diritto di morire con dignità” o in quanto costretto ad “andare all’estero per affermare la propria libertà”. Mi chiedo: cosa intendiamo per dignità e libertà?

È sacra la vita di Fabiano, tale preziosità non è venuta meno prima, malgrado la grave infermità, e non verrà meno neanche ora che ha lasciato il cammino terreno.

Riconosco, per chi non nutre un’esperienza di fede e cioè una relazione di dialogo con Dio, che la sofferenza e la malattia possono essere totalmente prive di significato, e solo d’impedimento alla realizzazione personale. Il cristianesimo offre a tutti uno spunto di riflessione, proprio perché nasce dall’offerta di un uomo che ha lottato sino alla fine per donare la sua vita sulla Croce. Lui ha compiuto la sua esistenza, trovando pienezza di senso, proprio in quel momento in cui tutto anziché finire trovava un fine!

È questa la prospettiva che segna la nostra riflessione. Il fine della vita è l’amore e la comunione, altrimenti saremmo tanti individui ego-centrati ed incapaci di relazione.

Il cattolicesimo, con questo, non professa certo la fede nella sofferenza o nella mestizia. Al contrario esorta a nutrire la gioia del vivere, quella che niente e nessun accadimento può strappare, in quanto frutto della relazione di tenerezza col Padre.

Scoprire l’interesse di Dio su di sé cambia la postura di vita, la persona assume un assetto esistenziale connotato da gratitudine e, perciò, da condivisione di quel che si è. La sofferenza, quale sintomo della precarietà umana, allora viene attraversata ma non nella solitudine (altrimenti chiunque ne rimarrebbe schiacciato), piuttosto guardando la meta e orientati al volto di Dio.

Questo rapporto precede la questione etica ed è pertanto che il cattolicesimo nella società contemporanea è quanto mai controcorrente. Il mondo laico ha un’altra etica e finalità di vita ben diverse. Il potere prima che il denaro, il successo o l’avere, sono valori cardini di quest’altro sistema per cui l’indice di valutazione della realtà viene fondato su di essi e il criterio di discernimento è ben diverso.

Non credo nell’utilità dei proclami e rispetto le scelte altrui, ma sono le testimonianze di vita ad avermi trasmesso questo insegnamento. Ho imparato, negli anni, che ciascuno conduce le sue battaglie, quelle che ritiene davvero preziose, ed è vero che l’esistenza resta lotta per tutti.

La differenza, però, è data dalle conquiste che si difendono, quelle per cui ciascuno decide che vale la pena spendere la propria vita lasciando perdere tutto il resto. Incredibilmente il cammino di ogni cristiano nasce da un’esperienza di morte o, meglio, dal passaggio che attraverso la morte battesimale arriva alla vita nuova.

Ogni credente è depositario di una promessa di immortalità, e tale qualità di vita l’ho riconosciuta in quanti hanno lottato fino in fondo. Ricordo l’inedita eloquenza di Giovanni Paolo II quando ormai gravemente debilitato a motivo del Parkinson continuava a farsi presente con tutte le sue energie anche se reso incapace di proferire parola. O, ancora, la testimonianza di don Pino Puglisi quando minacciato avrebbe potuto ribellarsi al sicario che gli stava annunciando la morte e, anziché aggredirlo, ha preferito donargli il suo ultimo sorriso. Mi permetto di citare, in ultimo, l’umile espressione della cara Rosaria, giovane sorella dei nostri giorni, che sfinita dalla malattia si è consegnata alla morte esortando, ciascuno, a fare la propria parte in questa vita.

Frate Mauro Billetta, frate cappuccino

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “Cambio rotta”, la presentazione del libro nel Circolo Cultura Italia

    Cultura

    MONREALE - Martedì 28 gennaio, alle ore 17, presso il circolo Cultura Italia, Daniela Balsano, docente presso l’istituto Comprensivo Armaforte di Altofonte, presenterà il libro di Marco Rossato e Simona Merlo: “Cambio rotta”. Non è uno dei soliti libr..

    Continua a Leggere

  • Grande successo per lo spettacolo di beneficenza al Cineteatro Golden

    Cultura

    PALERMO - Grande successo di pubblico al Cine Teatro Golden, per la manifestazione organizzata da alcune associazioni benefiche a favore del progetto di ricerca e screening contro le aritmie pericolose in età pediatrica. Diversi artisti dal c..

    Continua a Leggere

  • Fine settimana nuvoloso su Palermo, possibili piogge

    Cultura

    Una nuova perturbazione, che in queste ore sta attraversando l’Italia, porterà sulla Sicilia molta nuvolosità con possibili precipitazioni che da domani potrebbero determinare un lieve calo termico.  Andiamo a vedere nel dettaglio che tempo ci a..

    Continua a Leggere

  • Monreale, aumentano le soste blu in via Venero, cresce il malcontento tra residenti e commercianti

    Cultura

    Aumenta il numero dei parcheggi a pagamento a Monreale in via Venero, e monta la protesta tra commercianti e residenti. Una rimodulazione delle nuove zone blu che entrerà in vigore già a partire da lunedì.  Nel Comune normanno la gestione della aree di sosta a pagamento è affidata ai dip..

    Continua a Leggere

  • Vitalizi all’ARS: violato il principio di uguaglianza e ragionevolezza, il Consiglio dei Ministri impugna la legge della Regione siciliana

    Cultura

    ROMA - Il Consiglio dei Ministri ha impugnato la legge della Regione siciliana sugli assegni vitalizi. Ancora una volta la mannaia è caduta su un provvedimento approvato dall’Assemblea regionale siciliana.

    Continua a Leggere

  • Monreale, due uomini cadono dal balcone mentre trasportano un mobile

    Cultura

    Tragedia a Villaciambra, frazione di Monreale, questo pomeriggio dove due uomini sono caduti da un balcone. Secondo le prime ricostruzioni, i due stavano trasportando un mobile dal secondo piano verso l'esterno ma sono caduti, forse a causa del cedimento della ringhiera. La casa sar..

    Continua a Leggere

  • “Prendi ciò che vuoi”, in Sala Novelli l’evento per le famiglie bisognose

    Cultura

    MONREALE - L’associazione “Casa delle Gioie” anche quest’anno torna a proporre “Prendi ciò che vuoi”. L' evento si svolgerà sabato 25 gennaio, dalle 10,30 alle 12,30, in sala Novelli nel complesso Guglielmo ed è rivolto a tutte le ..

    Continua a Leggere

  • “Echi di Memoria e semi di coscienza”, il recital delle scuole monrealesi a Casa Cultura

    Cultura

    MONREALE - Andrà in scena a Casa Cultura un recital di poesie, lettere e canzoni. L’evento si terrà lunedì 27 gennaio alle ore 9 . Invece, il giorno dopo sarà proiettato il film "La Vita è bella". Per le due giornate sono stati coinvolti i..

    Continua a Leggere

  • Ad agosto il maxi incendio, ora a Monreale piovono fondi per 4 milioni di euro

    Cultura

    A Monreale arrivano 4 milioni di euro per i lavori di messa in sicurezza del versante del Monte Caputo interessato dal violento incendio che nel mese di agosto del 2019 ha devastato alberi, macchia mediterranea e un'abitazione. (


  • InformaGiovani potenzia lo staff, cerca due figure per la sede di Palermo

    Cultura

    PALERMO - L’associazione InformaGiovani, ente di coordinamento di un network europeo di organizzazioni giovanili che si occupano di volontariato e mobilità internazionale, educazione non formale ed informazione giovanile, sta selezionando due ..


  • Giornata della Memoria, gli alunni del Basile incontrano la scrittrice Elita Romano

    Cultura

    [gallery ids="132460,132459,132458,132457,132453,132454,132456,132451,132450"] MONREALE - Si è tenuto oggi nel liceo Basile-D’Aleo l’incontro tra gli alunni delle classi VC L.S, VA, IVA e IIA L.C. e la scrittrice agrigentina Elita Romano,..


  • Mario Caputo all’ARS, la prossima settimana la Commissione Verifica dei Poteri dell’ARS dovrebbe prendere atto della sentenza

    Cultura

    PALERMO - Monreale avrà a breve un nuovo rappresentante all’Assemblea Regionale Siciliana. L’avvocato Mario Caputo


  • Violenza sulle donne, a Monreale collaborazione tra Centro “Donna” e Carabinieri

    Cultura

    MONREALE - Si è svolto ieri pomeriggio, nei locali del centro d’ascolto “Donna”, nella sede della Caritas Diocesana di Monreale, l’incontro tra l’avvocato Rosaria Messina, responsabile legale del centro, la psicologa Teresa Pupella, l’assistente sociale Angela Ganci e i..


  • Altofonte, anziano imbavagliato e rapinato in piena notte da due banditi

    Cultura

    ALTOFONTE - Un anziano sarebbe stato sorpreso nel sonno, legato a una sedia e rapinato. E' accaduto ad Altofonte in Contrada Piano Maglio, nelle campagne tra Monreale e la città del Parco.  E' stata una notte di terrore per un anziano di..


  • Mario Caputo entra all’ARS, prenderà il posto di Antonino Rizzotto

    Cultura

    PALERMO - L’avvocato monrealese Mario Caputo entrerà all’ARS. Prenderà il posto del collega di partito Antonino Rizzotto. La Corte d‘Appello di Palermo, presidente Antonio Novara, ha accolto il ricorso presentato dallo stesso Caputo Mario Caputo, difeso ..


  • Schianto tra Altofonte e Giacalone, un uomo trasportato al Civico

    Cultura

    Un uomo è stato trasportato all'ospedale Civico di Palermo ieri mattina dopo che la sua Fiat Punto si è andata a schiantare contro un guard rail della Palermo-Sciacca.  L'incidente è avvenuto lungo lo scorrimento veloce tra gli svincoli di Giacalone (Monreale) e Altofonte.  L'auto..


  • Serie A: le previsioni delle retrocessioni

    Cultura

    Come ogni anno, anche in Serie A si accendono due autentiche sfide nella sfida. Al fianco della competizione per lo Scudetto, infatti, vi sono la sfida alla zona Champions League/Europa League e soprattutto la lotta salvezza, dove alcune delle squadre sono destinate a..


  • La Sicilia è ufficialmente in esercizio provvisorio, bloccata per mesi la programmazione finanziaria

    Cultura

    PALERMO - La Sicilia è ufficialmente in esercizio provvisorio e lo resterà per quattro mesi. Una procedura che è ormai diventata standard perché sono anni, indipendentemente dal governo in carica, che si fa ricorso a questa pratica, che di fa..