Oggi è 26/04/2019

Cultura

Dj Fabo e il “diritto di morire con dignità”: cosa intendiamo per dignità e libertà?

A favore o contro l’eutanasia, una questione riduttiva. Dal caso di Dj Fabo una riflessione sul valore della vita e della sofferenza

Pubblicato il 5 marzo 2017

Dj Fabo e il “diritto di morire con dignità”: cosa intendiamo per dignità e libertà?
Euthanasia,conceptual image

Monreale, 5 marzo 2017 – Dire da che parte stai, se a favore o contro l’eutanasia, mi pare una questione alquanto riduttiva che non tiene conto della complessità dell’esistenza umana e dell’unicità di ciascuno.

Zumare l’obiettivo sul trattamento del “fine vita” di Fabiano Antoniani per disquisire, poi, su leggi generali da applicare al particolare è davvero artificioso perché, a mio avviso, il fatto in sé rimanda in primo luogo ad una riflessione sul valore della vita e della sofferenza all’interno di essa.

Intendo bene che il tessuto culturale contemporaneo cerca in tutti i modi di esorcizzare il tema del dolore così come quello della morte e, di conseguenza, del limite umano. L’individuo è contemplato nella sua capacità produttiva o nel tratto estetico e socialmente affascinante.

Si assiste, cioè, alla negazione della fragilità umana colta come insostenibile e da evitare ad ogni costo. È comprensibile questo assetto nella prospettiva del “tutto e subito” o dell’“usa e getta”, ove l’umano è schiacciato sul piano del bisogno immediato, quello che apparentemente può lenire ogni malessere. L’individuo il cui valore viene, così, equiparato a quello della merce di consumo, si trova spinto a ricercare continue strategie difensive per garantirsi l’elisir della lunga vita, e per dimostrare a sé stesso e agli altri che il suo esserci in questo mondo ha un senso.

Eppure quando si nasce tutto diventa probabile e, paradossalmente, solo la morte rimane  il dato certo. Eluderla non significa risolverla, anzi potremmo supporre che tale pretesa fa organizzare il vivere sociale secondo la paura di morte e, quindi, con una particolare spinta all’euforia, allo sballo per non sentire, all’edonismo come piacere di superficie per non stare a contatto con i sentimenti profondi o, ancora, caricare di una malinconia irriducibile.

Oggi vengono a mancare le parole e la morte non si racconta, non è più un fatto naturale, è tabù e quando viene trattata lo si fa per una eventuale battaglia da condurre e non per il fatto in sé. È così che si parla di Dj Fabo in termini di “diritto di morire con dignità” o in quanto costretto ad “andare all’estero per affermare la propria libertà”. Mi chiedo: cosa intendiamo per dignità e libertà?

È sacra la vita di Fabiano, tale preziosità non è venuta meno prima, malgrado la grave infermità, e non verrà meno neanche ora che ha lasciato il cammino terreno.

Riconosco, per chi non nutre un’esperienza di fede e cioè una relazione di dialogo con Dio, che la sofferenza e la malattia possono essere totalmente prive di significato, e solo d’impedimento alla realizzazione personale. Il cristianesimo offre a tutti uno spunto di riflessione, proprio perché nasce dall’offerta di un uomo che ha lottato sino alla fine per donare la sua vita sulla Croce. Lui ha compiuto la sua esistenza, trovando pienezza di senso, proprio in quel momento in cui tutto anziché finire trovava un fine!

È questa la prospettiva che segna la nostra riflessione. Il fine della vita è l’amore e la comunione, altrimenti saremmo tanti individui ego-centrati ed incapaci di relazione.

Il cattolicesimo, con questo, non professa certo la fede nella sofferenza o nella mestizia. Al contrario esorta a nutrire la gioia del vivere, quella che niente e nessun accadimento può strappare, in quanto frutto della relazione di tenerezza col Padre.

Scoprire l’interesse di Dio su di sé cambia la postura di vita, la persona assume un assetto esistenziale connotato da gratitudine e, perciò, da condivisione di quel che si è. La sofferenza, quale sintomo della precarietà umana, allora viene attraversata ma non nella solitudine (altrimenti chiunque ne rimarrebbe schiacciato), piuttosto guardando la meta e orientati al volto di Dio.

Questo rapporto precede la questione etica ed è pertanto che il cattolicesimo nella società contemporanea è quanto mai controcorrente. Il mondo laico ha un’altra etica e finalità di vita ben diverse. Il potere prima che il denaro, il successo o l’avere, sono valori cardini di quest’altro sistema per cui l’indice di valutazione della realtà viene fondato su di essi e il criterio di discernimento è ben diverso.

Non credo nell’utilità dei proclami e rispetto le scelte altrui, ma sono le testimonianze di vita ad avermi trasmesso questo insegnamento. Ho imparato, negli anni, che ciascuno conduce le sue battaglie, quelle che ritiene davvero preziose, ed è vero che l’esistenza resta lotta per tutti.

La differenza, però, è data dalle conquiste che si difendono, quelle per cui ciascuno decide che vale la pena spendere la propria vita lasciando perdere tutto il resto. Incredibilmente il cammino di ogni cristiano nasce da un’esperienza di morte o, meglio, dal passaggio che attraverso la morte battesimale arriva alla vita nuova.

Ogni credente è depositario di una promessa di immortalità, e tale qualità di vita l’ho riconosciuta in quanti hanno lottato fino in fondo. Ricordo l’inedita eloquenza di Giovanni Paolo II quando ormai gravemente debilitato a motivo del Parkinson continuava a farsi presente con tutte le sue energie anche se reso incapace di proferire parola. O, ancora, la testimonianza di don Pino Puglisi quando minacciato avrebbe potuto ribellarsi al sicario che gli stava annunciando la morte e, anziché aggredirlo, ha preferito donargli il suo ultimo sorriso. Mi permetto di citare, in ultimo, l’umile espressione della cara Rosaria, giovane sorella dei nostri giorni, che sfinita dalla malattia si è consegnata alla morte esortando, ciascuno, a fare la propria parte in questa vita.

Frate Mauro Billetta, frate cappuccino

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Salvini a Monreale. Roberto Saviano: “Grazie alle donne e agli uomini resistenti di Monreale. Sono con voi!”

    Cultura

    Monreale, 26 aprile 2019 - La presenza del vicepremier Matteo Salvini a Monreale ha avuto un’eco a livello nazionale. Giornalisti di varie testate, anche nazionali, erano presenti sotto il palco allestito in piazza Guglielmo II per ascoltare le su..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Domenica la città deciderà sul suo futuro. 8 i candidati sindaco. Li abbiamo messi a confronto

    Cultura

    Monreale, 26 aprile 2019 - Domenica prossima, 28 aprile, i circa 33.ooo elettori del comune di Monreale saranno chiamati al rinnovo della classe politica che governerà la città, presumibilmente, per altri 5 anni. 8 i candidati alla carica di sindaco, 342 quelli ai 24 scranni del consiglio comun..

    Continua a Leggere

  • Videogame: il 2019 è l’anno del mobile?

    Cultura

    Il mobile gaming si sta affermando una vera e propria tendenza e si appresta a rivoluzionare il mondo dei videogiochi. Un cambiamento così epocale che tanto non sanno se, presto o tardi, potrebbero dire definitivamente addio alle console. Sembra che in futuro, infatti, si giocherà so..

    Continua a Leggere

  • Monreale, il sindaco diserta le visite di Musumeci e di Salvini. Capizzi: “Non sono venuti in veste istituzionale”

    Cultura

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, oggi il Ministro dell’Interno e Vicepremier Matteo Salvini. Due visite importanti per la cittadina normanna, connotate di una forte valenza politica. Il governatore, fondatore del movimento “Diventerà Bellissi..

    Continua a Leggere

  • Salvini show a Monreale. “Il futuro dei siciliani è in mano vostra”

    Cultura

    [gallery ids="99843,99844,99845,99846,99847,99848,99849,99851,99852,99853"]

    Monreale, 25 aprile 2019 - Si è tenuto oggi pomeriggio, in piazza Guglielmo II alle 16.30, l’incontro tra Matteo Salvini e i monrealesi. Il ministro dell’Interno oggi ha avuto una giornat..

    Continua a Leggere

  • “800A”, “Monreale is not Lega”. Protesta anti Salvini dinanzi al Duomo, ma la Digos sequestra le magliette

    Cultura

    Monreale, 25 aprile 2019 - Volevano inscenare una piccola protesta pacifica indossando alcune magliette con scritte pro Sicilia ma la Digos le sequestra. È accaduto anche questo nel corso di questo 25 aprile caratterizzato dalla visita a Monreale del ministro dell'interno Matteo Salvini, venuto per..

    Continua a Leggere

  • Salvini al bar Italia e Ciro Giangrande gli passa al telefono il fratello Giuseppe

    Cultura

    Il ministro dell’Interno Matteo Salvini nella sua tappa a Monreale ha sostato e deposto un mazzo di fiori davanti alla lapide dedicata ad Emanuele Basile, ufficiale dei carabinieri assassinato proprio a Monreale dalla mafia la sera del 3 maggio 1980. Dopo la visita al Duomo, è entrato all’inte..

    Continua a Leggere

  • Matteo Salvini è a Monreale, visita il Duomo e poi a pranzo (FOTO)

    Cultura

    [gallery ids="99806,99810,99805,99807,99808,99809,99811,99812,99813,99814,99815,99816,99817"] Il vicepremier Matteo Salvini dopo aver fatto visita a Corleone è arrivato a Monreale. Il ministro dell'interno, una volta giunto in città, ha visitato la piazza e il Duomo. Salvini si è anche prestat..

    Continua a Leggere

  • 25 aprile, Palermo antifascista alza la voce. Orlando: “Siamo partigiani della Costituzione”

    Cultura

    [gallery ids="99793,99794,99795,99796,99797,99798,99799,99800,99801,99803"]

    Palermo, 25 aprile 2019 - Esattamente 74 anni fa, il 25 aprile del 1945, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama l’insurrezione in tutti i territori italiani ancora occupat..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Nello Musumeci in visita per la candidatura di Alberto Arcidiacono (VIDEO)

    Cultura

    https://www.youtube.com/watch?v=jmVdAmWF-QA&feature=youtu.be..

    Continua a Leggere

  • In tempo di elezioni … ridiamoci un po’ su

    Cultura

       ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Nella notte affissi cartelli contro Salvini. Rimossi dai Carabinieri

    Cultura

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri i carabinieri di Monreale, assieme alla Digos, hanno proceduto alla bonifica della piazza Guglielmo II e delle aree adiacenti per metterle in sicurezza in occasione dell’arrivo del vice premier e ministro dell’interno Matteo Salvini. La piazza è stata sgombrata d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, buco da 360 mila euro. La Corte dei Conti condanna la Cooperativa Aurora

    Cultura

    Monreale, 25 aprile 2019 - Secondo la Corte dei Conti è stato commesso danno erariale nei confronti del comune di Monreale, al quale è stato causato un buco di 360 mila euro. I magistrati contabili hanno condannato la Cooperativa Aurora, di Ragusa, che aveva otten..

    Continua a Leggere

  • Delio Rossi il nuovo allenatore del Palermo

    Cultura

    Palermo, 24 aprile 2019 - Da oggi il nuovo allenatore del Palermo è Delio Rossi che a Palermo ha lasciato un grande ricordo.  Nella sala stampa del Barbera non promette la luna, ma cercherà di ottimizzare il lavoro di Stellone, con qualche aggiustamento già nella prossima partita contro il L..

    Continua a Leggere

  • Musumeci a sostegno di Arcidiacono, ma niente condizionamenti. “Chiunque verrà eletto troverà le porte aperte alla Regione”

    Cultura

    Monreale, 17 aprile 2019 - Oggi pomeriggio il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci è venuto a Monreale per sostenere il candidato sindaco Alberto Arcidiacono, appoggiato appunto dal movimento Diventerà Bellissima di cui Musumeci è presidente.

    ..

    Continua a Leggere

  • Toninelli visita le provinciali più pericolose di Palermo e Trapani. “Massimo impegno da parte del governo nazionale”

    Cultura

    Corleone, 24 aprile 2019 - Si è tenuta oggi la visita di Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, presso strada provinciale che collega Corleone, San Cipirello e Partinico.

    Continua a Leggere

  • Blitz dei Carabinieri, sequestri e confische per 3 milioni di euro

    Cultura

    Palermo, 24 aprile 2019 - In data odierna i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno dato esecuzione all’ultimo di una serie di provvedimenti di sequestro e di confisca, emessi nel mese in corso dal Tribunale di Palermo Sezione Misure di Prevenzione, inere..

    Continua a Leggere

  • “Fotomodella dell’anno”, la monrealese Gabriella Fragasso tra le tre finaliste

    Cultura

    [gallery ids="99710,99709,99708,99707,99706,99705,99704,99703,99702,99701,99700"]

    Monreale, 24 aprile 2019 - Si è svolta ieri pomeriggio, in sala rossa, una sobria cerimonia che ha visto la giovane monrealese Maria Gabriella Fragasso, classe 2004, ricevere le congratulazioni ufficiali..

    Continua a Leggere

  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com