Verso la prima Stella, la Taverna del Pavone di Marcello Pupella è “Piatto Michelin”

Il prossimo passo? Ottenere la segnalazione nella Guida Michelin con la prima stella.

Il prossimo passo? Ottenere la segnalazione nella Guida Michelin con la prima stella.

Monreale, 22 febbraio – Arriva oggi un riconoscimento che rappresenta un motivo di vanto e di orgoglio in più per i monrealesi. Monreale, meta turistica famosa per il suo splendido Duomo, ha già da 25 anni un ulteriore motivo per essere visitata: la qualità dei piatti offerti dal ristorante La Taverna del Pavone. Non a caso, per il 25esimo anno di fila, il ristorante monrealese ha ottenuto la menzione all’interno della celebre Guida Michelin.

L’inserimento, e l’eventuale conferma che avviene ogni anno, al termine di accurati controlli eseguiti da esperti i quali, in totale anonimato, fanno visita al ristorante. Come se fossero normali ospiti testano la qualità dei piatti, il servizio ai tavoli, la cortesia, la pulizia e il rapporto-qualità prezzo.

Il ristorante che si trova in Vicolo Pensato vede nel 2017 non solo una conferma dell’inserimento nella Guida ma anche un miglioramento della votazione. Il locale monrealese è stato infatti segnalato con il “Piatto Michelin” grazie all’alta qualità della cucina offerta. Nel 2007 il ristorante aveva raggiunto la segnalazione come “Bib Gourmand”, per il miglior rapporto qualità-prezzo.

“Siamo sulla guida Michelin ormai da molti anni e la conferma di quest’anno non può che inorgoglirci ulteriormente – afferma a Filodiretto il gestore Marcello Pupella – A Monreale siamo gli unici segnalati nella guida grazie alla passione e alla professionalità che mettiamo quotidianamente nel nostro lavoro. Siamo sempre desiderosi di fare un passo in più e cerchiamo di garantire sempre un alto e costante livello di qualità nonostante il periodo generale di crisi del nostro tempo”.

Quello raggiunto oggi dalla Taverna del Pavone non è certo l’obiettivo finale. Qual è il prossimo passo? Ottenere la segnalazione con la prima stella.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.