Oggi è 21/09/2018

Cultura

Monreale, dall’unione civile di Teresa e Lia una riflessione sulla legge sulle famiglie omosessuali

Un passaggio che ricopre un’importanza sociale, culturale e politica, non trascurabile. Ma ancora in troppi hanno problemi con le libertà e i diritti altrui, credendo che la libertà di altri intacchi la propria

Pubblicato il 31 dicembre 2016

Monreale, dall’unione civile di Teresa e Lia una riflessione sulla legge sulle famiglie omosessuali

Monreale, 31 dicembre – Giorno 22 dicembre, poco più di una settimana fa, a Monreale, si univano le amiche Teresa e Lia. Sono state le prime due donne, la prima coppia monrealese, ad aver utilizzato la nuova legge nazionale n.76 del 20 maggio 2016, denominata “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”. Gli auguri alle due amiche, a queste due splendide donne, a questa famiglia che ha scelto di essere tale anche per lo Stato Italiano, sono già stati fatti abbondantemente. Per Teresa e Lia è stato un passo importante ma naturale, si è trattato di un momento bellissimo ed emozionante che ha sancito ciò che già esisteva da anni, ciò che era vissuto serenamente: la loro famiglia. Gli amici, la cittadinanza, tantissimi utenti delle testate di informazione monrealesi, a seguito degli articoli, hanno manifestato affetto, gioia, vicinanza, hanno dato un grande abbraccio virtuale alle due donne.

Per Monreale, altresì, è stato un passo importante, è stato un passaggio che ricopre un’importanza sociale, culturale e politica, non trascurabile. La misura del fatto che questo sia stato un passaggio importante è data anche da alcune reazioni scomposte, irritate, adirate direi, di alcuni utenti dei vari social network che hanno ritenuto di fare gli auguri alla coppia con frasi del tipo “Mi fa schifo” oppure “L’idea di due donne o di due uomini che si sposano mi va vomitare” e altre frasi sullo stesso livello di civiltà. Frasi che non solo non erano portatrici di argomentazioni e/o di riflessioni, ma che non possono che essere definite inopportune e di una cattiveria inaudita, proprio perché scritte con l’intenzione di intaccare il momento di profonda gioia di una nuova famiglia.

Ad una settimana da questo passaggio, però, possiamo permetterci di riflettere sulla legge in questione, sui suoi contenuti, sugli effetti. La legge è di importanza storica per l’Italia, su questo non vi è dubbio. La legge è stata il frutto di una campagna avversa violenta e vergognosa, con frasi pesantissime, frasi e offese ad intere categorie di persone e di cittadini, frasi che in un paese civile non avrebbero avuto spazio e che, invece, nel nostro Paese sono state presenti sui quotidiani, nei TG, nei programmi di approfondimento politico, nei talk show del mattino, del pomeriggio e della sera. Tra un servizio sul nuovo seno della showgirl dimenticata e poi ricomparsa e un dibattito sul politico che cornifica la moglie con una minorenne che si vende per comprare il nuovo smartphone, era sempre presente qualche opinionista, politico, giornalista, pronto a parlare di gender, di genderizzazione dei giovani, di scardinamento della famiglia, di lobby gay, etc. Il tutto accompagnato dalle frasi talmente note che non val la pena di riproporre. Basta solo pensare che le “teorie gender” tanto utilizzate come cavallo di battaglia da taluni, in realtà neppure esistono e non hanno neppure senso linguisticamente. Esistono gli “gender studies” che sono ben altra cosa e che mirano a superare le discriminazioni di genere, a contrastare la sottomissione della donna all’uomo, a capire i condizionamenti culturali che, partendo dal genere anagrafico di appartenenza, incidono sul libero sviluppo della persona, spesso imprigionandola in ruoli precodificati. Ma questo non è il topic della riflessione, quindi passiamo avanti.

Tornando alla legge, alla luce di quanto detto, contrattazione dopo contrattazione, paletto dopo paletto, compromesso dopo compromesso, con tanti decenni di ritardo rispetto ad altri paesi della nostra stessa Europa, si è arrivati ad una legge che finalmente riconosce delle famiglie che esistono da sempre ma che lo Stato Italiano non ha mai riconosciuto: quelle composte da persone omosessuali. Non che tutte le coppie di fatto vogliano contrarre matrimonio, tutt’altro, molte sono legate all’idea di rifiutare convenzioni sociali quali il matrimonio ma, se il matrimonio è un istituto che permette di accedere ad una serie di diritti e doveri, allora, in quanto diritto, non può essere riservato ad una parte di cittadini ma deve essere accessibile a tutti, altrimenti finisce per essere un privilegio. La legge parrebbe superare parte di questa discriminazione.

Su cosa si deve riflettere allora? Su tanto! Sui principi, sulla forma, sul contenuto. I principi sarebbero quelli presenti già da settanta anni negli articoli 2 e 3 della Costituzione Italiana, cioè riconoscere e garantire i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità (art.2) e di riconoscere che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali (art.3). I principi sono stati rispettati dalla legge? Diciamo che la proponente, la senatrice Monica Cirinnà, ha provato a farli rispettare anche sé, per dirla tutta, già dalle prime proposte di legge si presentava un doppio binario: il primo capo trattava di unioni civili per le coppie composte da persone omosessuali e il secondo capo regolamentava le convivenze di fatto, sia tra persone di sesso diverso che di egual sesso. L’ultima versione della legge è cambiata in alcune cose ma l’impostazione rimane quella iniziale. Che ben venga il fatto che si regolamentino, finalmente, le convivenze di fatto. Ben altra riflessione andrebbe fatta sul fatto che viene creato un nuovo istituto giuridico di diritto pubblico che istituisce le unioni di fatto solo per le persone omosessuali, quindi, e qui la forma coincide con il contenuto, si crea un istituto ad hoc che è un quasi matrimonio ma senza chiamarsi matrimonio, che permette di accedere a quasi tutti i doveri e i diritti di un matrimonio ma che non li prevede tutti. Si formalizza e si mette nero su bianco una discriminazione di Stato con la creazione di un istituto giuridico speciale per le persone omosessuali ma si promette che è uguale ad un matrimonio, con formule quasi identiche, con dichiarazioni di reciproco supporto, etc., qualcosa che ricorda molto il “si fa ma non si dice”, l’ipocrisia borghese, l’ipocrisia di Stato che tanto è stato combattuto da chi crede nella trasparenza, nella coerenza, negli onesti e corretti rapporti tra istituzioni e cittadini.

Adesso, riflettendo su tutto questo, si può realmente parlare di pari trattamento di tutti i cittadini di fronte allo Stato? Si può realmente dire che i principi fondamentali presenti all’art.2 e all’art.3 della Costituzione siano stati rispettati? Se i contenuti tra due istituti giuridici sono quasi identici, davvero si può ignorare o accettare la forma discriminante? Davvero avere una legge che riconosce i diritti della coppia omosessuale scavalcando (unico caso tra tutti i paesi europei) la questione del contrasto alla discriminazione verso le persone LGBTI (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali, Transgender e Intersessuali) ha senso? Ovviamente è solo un giudizio personale ma io credo che la risposta possa essere sia sì che no, dipende dalla prospettiva da cui si guarda.

Se si guarda dalla prospettiva di una coppia che vuole vedere riconosciuta la propria unione, che vuole ufficializzare il proprio amore, che vuole accedere (perché no?) ai diritti e ai doveri oggi riconosciuti alle altre coppie nei rapporti con lo Stato e con tutti quegli ambiti che possono essere il lavoro, la tassazione, la sanità, etc., allora questa legge è un passo enorme, è un avanzamento storico che può dare risposta alle differenze di trattamento che sono esistite fino a ieri. La coppia, se decide di voler accedere all’istituto dell’unione civile per qualsiasi dei motivi suddetti o di altri non elencati, deve poterlo fare. Farlo in un’aula comunale, di fronte alle istituzioni, di fronte ai concittadini, è un traguardo importante e, a conti fatti, gli articoli fondamentali della Costituzione vengono rispettati.

Se si guarda dalla prospettiva politica, dalla prospettiva della comunità LGBTI e di tutte quelle persone omosessuali ed eterosessuali che da decenni si battono per i diritti umani e civili, allora questa legge non è una vittoria ma una sconfitta. Non si è di fronte ad un matrimonio egualitario, non si è di fronte ad uno stesso istituto aperto a tutti i cittadini. Si è di fronte ad un istituto giuridico discriminante in quanto affonda le fondamenta sulla natura omosessuale dei contraenti (come se ci fosse una unione civile per le persone di pelle nera, una per le persone alte, una per le persone sopra i 90 chili, una per le persone con gli occhi blu, etc.). Inoltre, questa legge, sembra essere più un modo per legiferare tardivamente in merito alle unioni di fatto etero ed omosessuali, cosa che l’Europa ormai ci chiede da più di due decenni, che per dare reale risposta ad una domanda sociale e culturale di giustizia. Da questa prospettiva, gli articoli 2 e 3 della Costituzione, sono stati rispettati? Tutti i cittadini sono uguali di fronte allo Stato? La risposta credo che sia: no!

Queste sono solo riflessioni che in seno alla comunità LGBTI sono già state fatte abbondantemente con posizioni molto diverse tra loro, con persone di tutte le età, di tutte le formazioni, con percorsi di rivendicazione simili o diversi, che hanno scambiato opinioni sulla legge, sul suo percorso, sui suoi effetti. Il dibattito è ancora aperto e vivace. Queste sono quindi riflessioni personali che porto in questa sede perché spero possano essere un input ad una riflessione più ampia, ad una riflessione che coinvolga tutti i cittadini e non solo i diretti interessati, perché i diritti civili non sono tema legato ad una, due, tre o mille minoranze ma riguardano tutti i cittadini.

Infine, alle prime due donne che si sono unite civilmente a Monreale, a Teresa e Lia, non posso che rinnovare gli auguri: è stato bellissimo, è stato emozionante, nei vostri sguardi c’era luce, amore, complicità, tutti coloro che vi erano attorno hanno percepito questo amore, ne hanno goduto e a voi ne hanno restituito. Che ancora qualcuno abbia dei problemi con le libertà e i diritti altrui, credendo che la libertà di altri intacchi la propria, che la gioia di alcune coppie sminuisca quella di altre, è un problema non trascurabile e a chi è colpito dall’omofobia, non si può che augurare di superare questo momento, di aumentare il grado di consapevolezza, di maturare in amore, di crescere in rispetto.

Ricevi tutte le news

Lorenzo Canale

Spero che questa riflessione possa essere utile al dibattito culturale, alla crescita di tutte e tutti noi come comunità nei riguardi del tema dei diritti civili, del ruolo dello Stato e della uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alle istituzioni.
Lorenzo.

31 dicembre 2016 | 11:13 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Raccolta differenziata al 32%. Presto il vetro dovrà essere separato dai metalli, in arrivo i mangia plastica

    Cultura

    Monreale, 21 settembre 2018 - Si è parlato di differenziata. Lanciato dal Comitato Pioppo Comune si è svolto ieri l'appuntamento tra cittadini, sindaco Capizzi, assessore all'igiene Urbana Cangemi e Fabio Adimino, il capo squadra della ditta Mirto. In poco più di due mesi, da luglio ad oggi, Monr..

    Continua a Leggere

  • Lotta ai furbetti dei rifiuti. Due sole telecamere presenti in tutto il territorio. Gelsomino: “Presto ne installeremo altre”

    Cultura

    Monreale, 21 settembre 2018 - Due sole telecamere funzionanti in tutto il vasto territorio monrealese per combattere i furbetti dei rifiuti. Si tratta di quella montate sulla SP20, sopra Giacalone, e di quella installata in contrada Pezzenti, i punti maggiormente soggetti all’inci..

    Continua a Leggere

  • Cultura

    21 settembre 2018 - Il porto di Barcellona rappresenta uno dei porti europei più importanti per chi vuole partire per una crociera; la città catalana, d'altro canto, è una delle destinazioni turistiche più frequentate e apprezzate del Vecchio Continente. Collocata nell..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Spacciava droga in piazza. Arrestato giovane 25enne

    Cultura

    Monreale, 21 settembre 2018 - Spacciava in piazza, a Monreale, marijuana. Arrestato con in tasca 2 dosi. In casa, in seguito a perquisizione, i Carabinieri hanno trovato, occultata all’interno di un condizionatore, 10 grammi di cocaina e  2 bilancini di precisione, vario materiale per il tagl..

    Continua a Leggere

  • “Van Gogh Digital Experience”. Ancora nessun introito per il Comune di Monreale. Avviata azione legale

    Cultura

    Monreale, 21 settembre 2018 - Si conclude nel peggiore dei modi, e cioè con l'avvio di un'azione giudiziaria, l'idillio che era nato tra il comune di Monreale e la Bicubo digital marketing S.r.l., la società che aveva portato a Monreale la mostra multimediale su Van Gogh, la “Van Gogh Digital Ex..

    Continua a Leggere

  • Palermo Pride, il programma delle iniziative di venerdì

    Cultura

    Entra nel vivo con numerose iniziative il Palermo Pride in attesa della grande parata per le strade della città del 22 settembre. Ecco le iniziative previste per domani.
    PALERMO PRIDE VILLAGE Piazza Sant’Anna – Piazza Croce dei Vespri | ..

    Continua a Leggere

  • Festa del pane di Monreale, il presidente dell’ACM annuncia le novità

    Cultura

    [embed]https://youtu.be/1UyhBoMtvlo[/embed] Monreale, 20 settembre 2018 -Nella cittadina normanna il 22 e 23 Settembre Monreale bread festival 2018, due giornate dedicate al pane, prodotto tipico locale. Se nel 2017 erano i gazebo a ospitare i prodotti, in occasione della nuova edizio..

    Continua a Leggere

  • Vandalismo nel corso del musical su padre Puglisi. Amara sorpresa per decine di spettatori

    Cultura

    Palermo, 20 settembre 2018 - Dopo il musical dedicato a Padre Pino Puglisi gli spettatori trovano l’automobile vandalizzata. È accaduto nel corso della serata di ieri, (19 settembre ndr), in viale del Fante, nei pressi del Teatro di Verdura.

    Decine di auto parchegg..

    Continua a Leggere

  • Monreale, piazze vuote e negozi chiusi di giorno, caos e posteggiatori abusivi la sera

    Cultura

    Monreale, 20 settembre 2018 - “Siamo passati dalla solitudine di piazze vuote e negozi chiusi di giorno al caos automobilistico delle ore serali con tanto di posteggiatore abusivo che armato di fischietto accompagna gli automobilisti a posteggiare davanti il Duomo..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Scrutatori e presidenti di seggio elettorale, possibile presentare le domande per l’iscrizione all’albo

    Cultura

    Monreale, 20 settembre 2018 – E’ in corso di aggiornamento l’Albo unico del comune di Monreale in cui sono incluse le persone idonee all’Ufficio di scrutatore e presidente di seggio elettorale. Per il ruolo di scrutatore basta essere elettore del comune di Monreale ed essere in possesso d..

    Continua a Leggere

  • Forza Italia: “Premio di risultato al segretario generale per noi è illegittimo”

    Cultura

    Monreale, 20 settembre 2018 - La notizia, pubblicata ieri, del riconoscimento del premio di risultato relativo al 2016 da liquidare al Segretario Generale del comune di Monreale, la dott.ssa Domenica Ficano, ha sollevato alcune critiche tra i banchi dell'opposizione. Ad inviare una nota in redazione..

    Continua a Leggere

  • Sospesa la caccia in Sicilia, ambientalisti vincono il ricorso

    Cultura

    Con un’articolata ordinanza il TAR Palermo ha accolto totalmente il ricorso presentato da Legambiente Sicilia, LIPU e WWF, con il patrocinio degli avvocati Antonella Bonanno e Nicola Giudice del Foro di Palermo, contro il calendario venatorio 2018/2019 emanato ad agosto da..


  • Roccamena tra i rifiuti. Il sindaco Ciaccio: “Solleverò dall’incarico il dirigente dell’ufficio tecnico. Bisogna fare la gara”

    Cultura

    Roccamena, 19 settembre 2018 - Da ieri a Roccamena non si raccolgono più i rifiuti. Cumuli di spazzatura e cassonetti sovraccarichi fanno bella mostra di sé negli angoli delle strade. Chi può li deposita nei propri garage. La società addetta alla raccolta e allo smalt..


  • Il “Sette e Mezzo” a Palermo, ieri l’incontro-dibattito a Casa Cultura Santa Caterina

    Cultura

    [gallery ids="76777,76776,76775,76774,76773,76772,76771,76770,76769"] Monreale , 19 settembre 2018 - Quattro giornate, tra mostre e documenti storici, in ricordo dell’insurrezione del “Sette e Mezzo”. Questa la proposta del Centro Studi Zabùt, in collaborazione con la Fondazione Ign..


  • Nominata consulente del sindaco, l’Ing Dora Ferreri si occuperà di elettrotecnica

    Cultura

    Monreale, 19 settembre 2018 - A fianco del primo cittadino ci sarà un nuovo esperto, si tratta dell'Ing Dora Ferreri alla quale è stato conferito l‘incarico di consulente del sindaco, a titolo gratuito, per occuparsi delle attività connesse all'elettrotecnica. Il rapporto durerà fino alla..


  • Drammatico incidente in via Paruta, tanta paura per un automobilista (FOTO)

    Cultura

    Salvo per miracolo dopo un terribile scontro sul palo. È successo in via Paruta nella zona di Corso Calatafimi (Foto Gabriele Visocaro). Il conducente nonostante l’impatto e l’auto distrutta è salvo. Una notte piena di incidenti è stata quella trascorsa. Uno dei più gravi in corso C..


  • “Dipinti su Vetro”, inaugurata la mostra di Francesca Guicciardi

    Cultura

    Monreale, 19 settembre 2018 - Una esposizione di “Dipinti su Vetro” dell’artista e collezionista Francesca Guicciardi, è stata presentata ieri dal sindaco Piero Capizzi e dall’assessore alla cultura Giuseppe Cangemi negli splendidi spazi della sezione di Arte Antica del Comples..


  • Monreale. In arrivo premio di risultato 2016 per il segretario generale. Per il sindaco Capizzi conseguito il 100% degli obiettivi

    Cultura

    Monreale, 19 settembre 2018 - Come era successo per l’anno 2015, il sindaco Piero Capizzi ha assegnato al segretario generale, la dott.ssa Domenica Ficano, una valutazione con punteggio massimo sull’operato svolto nel corso del 2016. Questo, dopo che l’Organismo Intern..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com