Oggi è 21/07/2018

Cultura

Santa Rosalia e il pozzo dei miracoli

I devoti il 4 settembre dormivano sul Monte Pellegrino praticando l’antica terapia greca del “sogno guaritore”

Pubblicato il 6 dicembre 2016

Santa Rosalia e il pozzo dei miracoli

Monreale, 6 dicembre – Luogo sacro e di meditazione, così come lo fu per Santa Rosalia lo divenne anche per chi dopo il ritrovamento delle sue reliquie continuò a rifugiarsi. La storia religiosa di Monte Pellegrino è veramente lunga e complessa, fin dalla notte dei tempi la Montagna Sacra era considerata punto focale del simbolismo religioso e della fusione di componenti mitologici culturali e dottrinari delle diverse religioni. Un punto di contatto tra cielo e terra, considerato elemento sacro unificante dell’intera storia mitica, rituale e culturale con memorie terapeutico –oracolari riassunte nella figura della Santa Patrona di Palermo.

santa-rosaliaVenne chiamato il pozzo dei miracoli. Davanti l’edicola la presenza di una falda acquifera di derivazione meteorica, infiltrandosi sotto rocce, dava origine più a valle ad un piccolo specchio d’acqua chiamato poi Gorgo di Santa Rosalia. La disponibilità di acqua creò le condizioni favorevoli per dare ospitalità agli eremiti e successivamente per agevolare la costruzione della cappella e infine dell’incastonamento del Santuario. Tra l’altro la presenza del liquido salutare coincise con lo sviluppo di un antico culto: il “sogno guaritore”. Lo scaturire dell’acqua dal vivo della roccia è sempre stato considerato un fenomeno di natura divina, prova ne è che ancora in epoca moderna esiste la tradizione dell’incubatio. Quella del sonno guaritore era un’antica terapia sacra che ancora oggi, in forme limitate, perdura sul Monte Pellegrino. L’acqua viva che guarisce e assicura la vita eterna non si poteva avere facilmente, né si trovava ovunque. Il culto delle acque, specialmente delle fonti ritenute curative venne praticato per un periodo (intorno all’1800) anche a Monreale nella contrada Santa Rosalia, dove vi è testimonianza del passaggio della pellegrina, tant’è che la sorgente del luogo porta il suo nome: “Acqua della Monaca”.

Tormentati da mali del corpo e dell’anima sempre più cittadini smarriti guardavano con speranza al Monte, e salivano per trovare conforto e guarigione nel silenzio e nella luce soffusa della grotta, che si apre tra le pieghe della roccia. I pellegrini salivano fino alla grotta, che custodisce le ossa della Santa, talvolta era la confusione spirituale a tormentarli, più spesso malattie del corpo. Vivo era il ricordo della Santa, i devoti guardavano il cielo, oltre la parete rocciosa a picco su di loro, pregavano, bevevano con fede l’acqua del pozzo, dormivano accanto alla grotta. Coricarsi, dormire in un luogo sacro per ricevere, per mezzo di sogni, informazioni dalla divinità sull’avvenire e istruzioni sulla malattia.

Come si svolgeva il rito? Il malato si presentava ai sacerdoti di uno dei quasi trecenti templi dedicati ad Esculapio, il Dio della guarigione e della medicina, i quali lo avviavano verso un itinerario fatto di isolamento, preghiera e digiuno, che culminava, da ultimo, nella notte passata all’interno del luogo sacro. Praticamente i devoti, dopo intense preghiere, si addormentavano nello spazio sacro del Santuario (spesso vicino a pozzi o a sorgenti) per favorire durante il sogno visioni mandate dalla Divinità o dal Santo del luogo, che lo avrebbero guarito in modo diretto o indiretto (fornendogli consigli per la cura). Più anticamente la pratica dell’addormentamento chiamata “incubazione onirica”, era diffusa nell’antica Grecia, i santuari cattolici e ortodossi continuarono e cristianizzarono questa tradizione: celebri le chiese di Cosma e Damiano a Bisanzio, di San Martino a Tours. Fondamentale era trovare un luogo tranquillo lontano da distrazioni che potessero ostacolare l’induzione onirica. L‘incubazione intesa come un’intensa forma di concentrazione e di raccoglimento che richiede un minimo di tranquillità, sia esteriore che interiore.

img_20161205_184611La grotta di Monte Pellegrino com’è oggi è il risultato degli scavi per trovare le ossa della Santa che iniziarono nel Cinquecento e culminarono durante la peste del 1624. Prima c’era solo un cunicolo, stretto e umido. È il solo luogo in tutto il Monte Pellegrino, in cui si trova l’acqua. Ancora oggi chi sosta nella grotta prova una forte impressione. Nel silenzio, nella semi-oscurità, si sentono stillare gocce. La roccia umida trasuda, l’acqua cola. Questo luogo fin dalla preistoria ha ispirato culti. La parete ove si trova incrostato il Santuario.

Una montagna Sacra, un pozzo che fa miracoli, una grotta stillante acqua e piena di ossa calcinate: questi elementi di antichissime credenze confluirono nel culto di Santa Rosalia. Culto che rimane associato a quello di Monte Pellegrino, il quale già in epoca precristiana e cristiana, è stato considerato costantemente un luogo sacro, sede di culti dedicati a divinità femminili, che in ambito cristiano si sono tradotti nel culto della Verginità. Si può dire che il culto di S.Rosalia a Palermo, sembra configurarsi come una rinascita urbana di un sentimento religioso che si manteneva latente in città e vivo fuori di essa. Il ritrovamento delle reliquie consentì però il passaggio del culto da periferico ad urbano. Nonostante il corpo riposa in cattedrale il Monte continua ad avere un valore sacro, continuando a rappresentare un luogo di salvezza e di rigenerazione.

 

 

 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “Non portate i vostri rifiuti a Palermo”. Orlando scrive anche a Monreale

    Cultura

    Palermo  21 luglio 2018 - Il Sindaco Leoluca Orlando ha scritto una lettera, indirizzata ai sindaci dei Comuni limitrofi alla Città di Palermo e per conoscenza al Presidente della Regione siciliana e commissario ai rifiuti, al Prefetto di Palermo, all’Assessore Regionale ai Rifiuti ed al Dir..

    Continua a Leggere

  • Declassamento dell’ospedale di Corleone. Sindaci, sindacati e movimenti preoccupati

    Cultura

    Corleone, 21 luglio 2018 - Il corleonese dice No al taglio all’Ospedale dei Bianchi di Corleone.  La Commissione Straordinaria del Comune di Corleone, i Sindaci di Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Giuliana, Marineo, Prizzi, Roccamena, i rappresentanti sindacal..

    Continua a Leggere

  • Cementificazione e consumo suolo, in Sicilia è allarme 

    Cultura

    20 luglio 2018 - Continua la cementificazione in tutta Italia, e per la Sicilia si rinnova il rischio di dissesto idrogeologico a causa dell’erosione del terreno: la conferma arriva dall’ultimo rapporto Ispra, che evidenzia come un quarto del suolo naturale perduto a li..

    Continua a Leggere

  • Belvedere di Monreale, per domani prevista l’apertura alle 10,00

    Cultura

    Monreale, 20 luglio 2018 - Dopo l’input dato dal sopralluogo e dalla conseguenziale relazione tecnica redatta dal Prof. Giuseppe Schicchi e dal Prof. Manlio speciale, rispettivamente Direttore e Curatore dell’Orto Botanico di Palermo, dopo aver aperto e ridato ai visitatori circa 40 m. di affacc..

    Continua a Leggere

  • Un impianto di gestione di rifiuti pericolosi scoperto a Palermo. Legami con il mercato nero dei metalli

    Cultura

    [gallery ids="71299,71300"]

    I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e forestale del Centro Anticrimine Natura di Palermo, supportati dai colleghi della Compagnia Carabinieri di San Lorenzo, hanno sequestrato – all’interno di un p..

    Continua a Leggere

  • XXXI Festival Organistico San Martino delle Scale. Sabato 21 luglio iniziano i concerti

    Cultura

    Monreale, 12 luglio 2018 - Il XXXI Festival Organistico di San Martino delle Scale, come tradizione, avrà inizio il giorno precedente la festa “esterna” di San Benedetto, che quest’anno coincide con sabato 21 luglio; anche quest’anno il programma avrà protagonista lo storico “organetto L..

    Continua a Leggere

  • La legalità non ha età

    Cultura

    [gallery ids="71281,71279,71278,71277,71276,71275,71274,71269,71268,71267,71266,71264,71263,71262,71260,71259"] Palermo, 20 luglio 2018 - La manifestazione "Coloriamo via d'Amelio", che da ormai diversi anni ha luogo a Palermo giorno 19 Luglio per commemorare l'anniversario di morte di Paolo Bors..

    Continua a Leggere

  • Stephen e Silvia Vaglica con l’Orchestra Sinfonica in concerto al Duomo di Monreale

    Cultura

    Monreale, 20 luglio 2018 - Arriva dall’America anche se ha origini monrealesi e viene a realizzare un suo grande desiderio, quello di esibirsi al Duomo di Monreale, uno dei siti più belli del mondo inserito nel patrimonio dell’Unesco. Questa sera, alle ore 21,00, Stephen Vaglica, uno dei musici..

    Continua a Leggere

  • Monreale, scatta la tagliola sui rifiuti. Telecamere nascoste, vigili e carabinieri contro gli incivili

    Cultura

    Monreale, 19 luglio 2018 - Coloro che continuano a perseverare con il conferimento selvaggio di rifiuti indifferenziati nel territorio saranno beccati dalle telecamere nascoste disseminate nel territorio. Le immagini saranno trasmesse al comando dei vigili urbani che faranno scattare sanzioni salati..

    Continua a Leggere

  • RESPINTO L’APPELLO DEI PRECARI DEL COMUNE, confermata la sentenza di primo grado

    Cultura

    Monreale, 19 luglio 2018 - Nell’udienza che si è tenuta stamani al Tribunale di Palermo, la Corte d’Appello ha pienamente confermato la sentenza di primo grado: dunque, è stato ancora una volta respinto il ricorso presentato nel 2013 da un folto gruppo di dipendenti precari del C..

    Continua a Leggere

  • Strage di via d’Amelio, per ricordare Borsellino non servono le passerelle dei politici

    Cultura

    Oggi a Palermo alle 16,58 come ogni anno sarò in via D’Amelio per fare memoria di Paolo Borsellino e degli agenti di scorta Agostino CatalanoEmanuela&nbs..

    Continua a Leggere

  • Frate Mauro Billetta: “Fare memoria non significa vivere di nostalgia”

    Cultura

    Danisinni (Palermo), 19 luglio 2018 - Mauro Billetta è il frate cappuccino da diversi anni alla guida della parrocchia di Sant'Agnese, nel popoloso quartiere di Danissini, a pochi passi da piazza Indipendenza. Giornalmente alle prese con emergenze sociali, si trova..

    Continua a Leggere

  • Il 2018 sarà un’estate calda tra amichevoli di lusso e calciomercato 

    Cultura

    Chi l’ha detto che il Mondiale di Russia è stato l’evento calcistico più importante dell’estate? Senza voler sminuire un torneo come la Coppa del Mondo, ma dal punto di vista di Paesi come Italia, Olanda o la stessa Germania, che si è fermata alla fase a gironi, già durante le scorse setti..

    Continua a Leggere

  • Palermo: aprire e promuovere una nuova attività nel settore turistico

    Cultura

    Certe regioni italiane, da sempre, sono oggetto di grande interesse da un punto di vista turistico. Non a caso, la Sicilia rappresenta da sempre una delle destinazioni più apprezzate sia dai turisti italiani che da quelli stranieri. Città come Palermo dimostrano di essere ancora oggi particolarmen..

    Continua a Leggere

  • Scuolabus a pagamento a Monreale? Il consiglio boccia la proposta. Latita la maggioranza

    Cultura

    Monreale, 19 luglio 2018 - In consiglio comunale la maggioranza si sgretola e va ancora sotto. Nel corso della seduta di ieri sui due punti votati dall’assemblea, l’opposizione ha avuto la meglio, votando prima favorevolmente alla richiesta di rinvio del punto riguardante le entrate proprie in s..

    Continua a Leggere

  • “I Rifiuti sono roba nostra”: la lettera di un cittadino

    Cultura

    Riceviamo e pubblichiamo  L’11 Luglio 2018 é partita la raccolta differenziata e la raccolta porta a porta nel Comune di Monreale. Vivaddio c’era da dire! Ed invece a meno di una settimana dal suo inizio si é scatenato il putiferio. Social, giornali locali, bar, supermercati, ..

    Continua a Leggere

  • Immatricolazioni, tasse e offerta formativa: le novità dell’Università di Palermo

    Cultura

    Palermo, 19 luglio 2018 - “Il nostro è un Ateneo in ottima salute – ha commentato il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – lo confermano il piano delle assunzioni, che prevede l’inserimento di ben 110 nuove unità di personale docente e ricercatore e un ..

    Continua a Leggere

  • Nascerà a Palermo il più grande porto dell’Europa del Sud, ecco come sarà nel progetto dell’Eurispes

    Cultura

    ..                <span class=

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com