Oggi è 19/01/2019

Cronaca

Referendum, Gianni Squadrito: “Perché voto Sì”. Le riflessioni di un Monrealese all’estero

Il punto di vista sulla riforma di chi osserva l’Italia da Bruxelles

Pubblicato il 2 dicembre 2016

Referendum, Gianni Squadrito: “Perché voto Sì”. Le riflessioni di un Monrealese all’estero

Monreale 2 dicembre 2016 – Lo dico subito, sono uno degli italiani che, votando all’estero, in questi giorni sono accusati di brogli. Ebbene sì, io ho già votato, nel salotto di casa mia, e…  con una penna blu! Se non è broglio questo…

A parte gli scherzi, la mia condizione di italiano all’estero da più di dieci anni, ma con lo sguardo sempre rivolto a quello che succede al di là (o al di qua) delle Alpi, mi porta spesso a ricevere domande su “come si vede l’Italia” da dove mi trovo.

“Di Renzi che si dice all’estero? E della riforma della costituzione?“ Per la verità la mia permanenza all’estero  mi ha portato a vivere per alcuni mesi o anni in quasi una ventina di paesi, negli ultimi tempi soprattutto in Africa. E nei paesi africani la riforma della costituzione è un tema ricorrente, ma quando si parla di riforma della carta costituzionale è per eliminare i limiti alla terza o quarta rielezione dell’ottuagenario presidente in carica. Che naturalmente vuole essere rieletto dopo venti anni di duro lavoro per completare il lavoro a favore del proprio popolo. O quasi….

E in Europa? Nel vecchio continente è diverso. In realtà in Europa dopo secoli di terrore e guerre, ci sono dei sistemi democratici. O quasi…   Si vabbè, non esageriamo, se avete avuto la sorte di girare per l’Africa, ha notato l’enorme differenza. La democrazia in Europa, pur se malata, è ancora in piedi. O quasi…

“E quindi che si dice di Renzi e del referendum? E’ vero che in Europa hanno paura?”

A parte che questo termine “Europa” genericamente utilizzato significa tutto e niente. Anche Monreale, come Tallinn o Salonicco sono Europa. Ma se la domanda è cosa si pensa negli ambienti delle istituzioni europee, allora qualche risposta la posso tentare.

Innanzitutto su Renzi: il nostro primo ministro viene visto in generale positivamente perché percepito come un elemento di stabilità. E anche come un leader che sta tentando (per la verità solamente piuttosto di recente) di contrastare l’austerità, pensiero dominante nella UE. Io faccio notare che in Italia non è cosi amato, anzi, in molti lo odiano. “Come con Berlusconi?” mi dice Marc, un collega tedesco alla Commissione. “Forse peggio – rispondo – Berlusconi ha diviso l’Italia tra chi lo amava e chi lo odiava, ma almeno il suo campo, il centro destra, era compatto per lui. Renzi invece ha contro di lui le destre ma i suoi principali nemici sembrano essere nel suo stesso partito…. E al referendum vincerà il no, perché per molti piuttosto che un voto sul merito è un voto a favore o contro Renzi. E la maggioranza in Italia sembra contro Renzi”.

Marc mi guarda perplesso. Mi chiede della riforma, gli spiego a grandi linee, non gli sembra che sia rivoluzionaria, né positivamente né negativamente. Ma lui come tanti all’Unione Europea vede nel voto in Italia contro la riforma un’affermazione del voto di protesta, che seppure alimentata da alcune buone ragioni, è pervasa in varie componenti da uno spirito populista e distruttore. Che si traduce nel togliere di mezzo quello e quelli che ci sono adesso, le regole attuali, forse anche il modello che l’Europa con fatica ha costruito.

L’Europa, nonostante tanti difetti e imperfezioni, resta la casa comune degli europei. “Io sono critico verso la Merkel, – continua – ma non per questo rinuncio ad essere tedesco. Molti sono critici con l’Unione Europea, ma invece di cambiarla vogliono distruggerla”.

Purtroppo c’è molto di vero. Oggi l’Europa è pervasa da forti venti di populismo: in Ungheria e in Polonia ci sono governi nazionalisti e superpopulisti, che della solidarietà, ma anche di certi valori democratici, vogliono fare a meno. E le forze populiste antisistema crescono ovunque in Europa: nei paesi del nord, come in Olanda e in Scandinavia o in Belgio dove al potere c’è una sorta di Lega nord fiamminga, nei paesi dell’est, in Germania, in Francia.

E questo fa paura. Perché non sono venti forieri di novità positive, ma di arroccamenti sempre più individualisti e per nulla democratici.

E’ vero che c’è un malessere economico e sociale che è poco compreso e poco trattato, ma affidarsi a slogan semplicistici, a formule magiche che possano risolvere d’un colpo tutti i problemi può essere davvero pericoloso.

La voglia di distruggere lo status quo, con la speranza che si possa ricostruire su nuove basi (ma cosa non si sa bene) ricorda da vicino quello che l’Europa ha già vissuto nella prima parte del ventesimo secolo. Crisi economica, insoddisfazione sociale, senso di abbandono da parte di chi dovrebbe rappresentare i cittadini, portano a scegliere la strada della protesta dura e cruda. “Ma poi – mi dice Marc – il rischio è la tentazione o la voglia di un uomo forte che possa risolvere i problemi una volta per tutte. E noi italiani e tedeschi sappiamo bene come è andata a finire quasi cento anni fa”.

La storia non si ripete ma certe similitudini sono preoccupanti. E Trump che vince in America non è uno scherzo della storia, ma la realtà di questi giorni.

Quindi il referendum in questo contesto fa paura. La posizione di Marc è condivisa da tanti colleghi. Forse è esagerata, forse sarà solo un passaggio politico come tanti, ma è vero che l’Italia non è un piccolo paese dell’UE e ha una situazione economica delicata. Potrebbe andare meglio se si sparigliano le carte? Forse, ma quello che viene visto con più probabilità è una situazione di instabilità che potrebbe aggravare la situazione attuale. E a pagare di più, come spesso accade, potrebbero essere quelli che oggi stanno peggio e che magari più di altri puntano sul cambiamento.

“Si ma tu, dall’Europa, cosa pensi di Renzi e del referendum?”

Per quello che conta (per di più ho già votato) lo dico con chiarezza: non vado pazzo per Renzi, anzi. Non mi entusiasma, certe uscite berlusconesche e scaltre non mi piacciono affatto, un certo accentramento del potere, il suo privilegiare i canali diretti con gli elettori come il “Matteo risponde” piuttosto che una partecipazione dei cittadini nel partito e oltre. E poi la personalizzazione della disputa sul referendum è lui che l’ha cominciata. Ma mi piacerebbe fosse giudicato alle politiche sui risultati, che al momento sembrano con alti e bassi, e non su questo referendum.

 

“Si ma allora sulla riforma costituzionale, cosa ha segnato sulla scheda quella penna blu a Bruxelles?”

Ha segnato un si, tiepido e insipido, ma un si.

Non vedo nella riforma né la portata distruttiva antidemocratica paventata dal fronte del no, né il cambiamento definitivo e positivo decantato dai fautori del si.

Ci sono alcune buone idee, la fine del bicameralismo perfetto, le leggi di iniziativa popolare, l’abolizione del CNEL, il referendum propositivo e quello abrogativo con minore quorum. Qualcos’altro è invece più confuso e forse pasticciato, come i poteri del Senato, mi convince a metà la distribuzione dei poteri tra stato e regioni (ma noi, siciliani, sappiamo che i poteri alla regione non sono stati positivi).

Quello che non mi piace affatto è l’Italicum. E’ vero che non è materiale del referendum, però in buona misura vi è legato perché alla fine conta chi e come viene eletto. Ma su questo, anche se forse troppo tardi e un po’ furbamente, sembra esserci una volontà per modificare la legge elettorale. O quasi…

Comunque vada, sarà l’esito della volontà popolare e speriamo che gli scenari che si temono in Europa non siano così negativi se vincerà il no. Per come la vedo io, anche dall’Europa, vinceranno i no nettamente. O quasi….

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “C’è un complotto contro Papa Francesco per chiudere questo pontificato”

    Cronaca

    "Ci sono persone alle quali semplicemente non piace questo pontificato. Vogliono che finisca il prima possibile, per poi avere – per così dire – un nuovo conclave. Vogliono anche questo termini a loro favore, con un risultato in linea con le loro idee". L’accusa è forte: un complotto cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Amministrative 2019. Tanti i candidati, pochi i contenuti

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2019 - La piena assoluzione incassata dal sindaco Piero Capizzi con la sentenza di mercoledì scorso lascia cadere le sue ultime riserve sulla ricandidatura a sindaco di Monreale. Già preannunciata, adesso diviene una certezza. Non ci sono altri ostacoli alla sua corsa, per la ..

    Continua a Leggere

  • Giacalone, incidente stradale: auto si cappotta

    Cronaca

    [gallery ids="89454,89453,89452"] Monreale, 19 gennaio 2019 - L'incidente stradale è avvenuto nella tarda mattinata di oggi, sulla SP20 in direzione San Giuseppe all'altezza del civico 23 nei pressi di Giacalone, in cui è rimasta coinvolta solo un'automobile. Il conducente non ha riportato feri..

    Continua a Leggere

  • Palermo vs Salernitana  1-2 

    Cronaca

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 19 gennaio 2019 - Il Palermo stecca la prima di ritorno e si ferma la serie positiva che ha permesso di raggiungere quota 37 e titolo di campione d’inverno. Stellone a fine partita ha dichiarato che questa sconfitta ci può stare ma la testa e già a Cremona. Il ..

    Continua a Leggere

  • La primavera tragica di Jan Palach. Cosa ne resta oggi?

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2019 - Nel pomeriggio del 16 gennaio 1969 a Praga, in piazza San Venceslao, Jan Palach, studente di filosofia cecoslovacco, si cosparse il corpo di benzina immolandosi col fuoco (come i monaci buddisti in Vietnam, nel ’64, contro un altro impero: quello americ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, il consigliere Moscarelli passa alla Lega

    Cronaca

    Roccamena, 18 gennaio 2019 - La Lega entr..

    Continua a Leggere

  • La Primula dona Kit Volley S3 alla Veneziano

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019- Lunedì 21 gennaio la Primula donerà alla Scuola “A.Veneziano”  il Kit Volley S3, contenente la rete per tre campi di gioco, palloni di volley e materiale didattico per i docenti. All’incontro saranno presenti i Dirigenti della S..

    Continua a Leggere

  • CPI di Monreale, poche offerte di lavoro e nessun servizio di inserimento per lavoratori disabili e categorie protette

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019 - È attivo il Centro per l’Impiego di Monreale, ma resta scarsa l'offerta lavorativa proposta, come anche nei centri delle altre città. L'ufficio di Monreale ha sede in via Venero presso l’ex Serit, e i cittadini monre..

    Continua a Leggere

  • Cancro io ti boccio

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Il 25 Gennaio 2019 la scuola Antonio Veneziano aderirà alla manifestazione promossa dell’associazione AIRC “Cancro io ti boccio” che vuole promuovere la prevenzione delle malattie oncologiche. Le classi seconde e terze, nell’arco della mattinata, parteciperanno a..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Tossicodipendente arrestato dai Carabinieri. A denunciarlo i suoi stessi genitori

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019 - A presentare formale denuncia presso la stazione dei Carabinieri di Monreale sono stati i suoi stessi genitori. E così F. I., un giovane di 25 anni residente a Monreale in via Aquino Molara, è stato tratto in arresto. I genitori erano stanchi, non riuscivano a sost..

    Continua a Leggere

  • Meteo, da sabato finisce la tregua. Bufera di pioggia in arrivo

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Preparatevi ad un lungo e persistente periodo freddo e perturbato. Si tratterà di più giorni con temperature sotto media per quasi tutta la Sicilia. Gennaio ricorda a tutti che è il mese invernale per eccellenza. Da sabato finisce la tregua anticiclonica, piogg..

    Continua a Leggere

  • Blitz nel circo Sandra Orfei, sequestrata una tigre. Aveva il microchip di un altro animale

    Cronaca

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Oggi I Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo, a seguito di un controllo amministrativo presso una struttura circense, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, V.C. classe 1974, gestore del circo presente in città, poiché deteneva un esemplare di panth..

    Continua a Leggere

  • Collegio di Maria, arrivano i ringraziamenti per la soluzione raggiunta. Ma i genitori sono divisi

    Cronaca

    Monreale, 17 gennaio 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in Redazione da parte di un gruppo di mamme che si sono battute affinché i figli potessero avere quello che una scuola normale offre. I genitori delle classi IV e V F dell'istituto Pietro Novelli chiedevano all'amministrazione ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Cantieri di lavoro. Chi verrà chiamato (All’interno la graduatoria definitiva)

    Cronaca

    Monreale, 17 gennaio 2019 - È stata pubblicata la graduatoria (CLICCA QUI PER LEGGERLA) definitiva dei soggetti che verranno occupati nei cantieri di lavoro per il Comune di Monreale.

    Continua a Leggere

  • Centri per l’impiego, 4mila posti di lavoro disponibili

    Cronaca

    La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’..

    Continua a Leggere

  • Ecco tutti i vantaggi dei servizi di carrozzeria online

    Cronaca

    17 gennaio 2019 - Avete appena subìto un danno alla carrozzeria della vostra auto e non sapete cosa fare? La vostra officina di fiducia è chiusa, oppure è semplicemente lontana anni luce dal luogo in cui state patendo il problema di cui sopra? Ebbene, questo è l'articolo che fa al ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, emergenza loculi. Il sindaco procede alle estumulazioni anche di loculi con concessioni a 99 anni. Le opposizioni “Mancanza di progettualità e lungimiranza”

    Cronaca

    Roccamena, 17 gennaio 2019 - “Ampliamento del cimitero comunale e sistemazione dell’esistente”. È uno dei punti programmatici con il quale il sindaco Ciaccio nel 2014 aveva vinto le amministrative del comune di Roccamena, alla guida della lista "Noi per Roccamena”. In paese quello della ..

    Continua a Leggere

  • Assolto perché il fatto non sussiste. Il sindaco Capizzi scagionato dall’accusa di omissione di atti d’ufficio (I DETTAGLI)

    Cronaca

    Palermo, 17 gennaio 2019 – Si è conclusa positivamente per il primo cittadino di Monreale, Piero Capizzi, una vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto assieme al suo predecessore, Filippo Di Matteo. Per Capizzi, difeso dall’avvocato Giuseppe Botta che aveva scelto il ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com