Oggi è 23/04/2018

Politica

Referendum. Prof. La Porta: venti motivi per votare NO

Per la validità di questo referendum non è previsto quorum trattandosi di referendum confermativo in materia costituzionale. Pertanto è valido anche se non vota il 50% più uno degli aventi diritto

Pubblicato il 28 novembre 2016

Referendum. Prof. La Porta: venti motivi per votare NO

Monreale, 28 novembre 2016 – Dopo le ragioni del Sì del Comitato per il Sì – Sicilia Futura Monreale, elenchiamo le ragioni per il no, del Prof. Domenico La Porta (Comitato per il no, Monreale).

1) Niente grandi risparmi, solo 50 milioni annui a fronte di spese militari per 60 milioni al giorno. Si poteva risparmiare di più, dimezzando sia la Camera-315 deputati anzicchè 630-sia il Senato-160 senatori anzicchè 320-totale 475 parlamentari contro i 730 (630+ 100) previsti dalla riforma, o anche 400+200.Totale 600 parlamentari.

2) La Camera dei deputati rimane intatta nel numero dei componenti, nei compensi nei privilegi di ogni tipo dei suoi membri. Rimangono, anche se ridimensionate, le spese di gestione del Senato, relative al personale e ai servizi vari.

3) I senatori a vita in carica al momento dell’entrata in vigore della riforma restano a vita e con tutti i compensi e le prerogative di cui godono adesso. Solo per il futuro i cinque senatori di nomina presidenziale resteranno in carica per sette anni senza compensi e senza avere diritto ad un minimo di rimborso spese e non saranno riconfermabili, anche se godranno dell’immunità parlamentare come tutti gli altri membri del nuovo Senato.

4) Inoltre resteranno senatori di diritto e a vita, anche per il futuro, gli ex presidenti della Repubblica, con i compensi e le prerogative di cui godono attualmente.

5) I nuovi senatori manterranno l’immunità parlamentare.

6) I senatori, oltre gli ex presidenti della Repubblica, saranno 100, di cui 5 nominati dal Presidente della Repubblica e 95 eletti dai consigli regionali. Di questi 95, ventuno saranno sindaci, uno per regione, e 74 consiglieri regionali. Non si vede come sindaci e consiglieri regionali avranno il tempo di dedicarsi anche ai compiti che spettano ai senatori.

7) Si riducono gli spazi di partecipazione democratica. Infatti i cittadini non eleggeranno più i senatori; questo fatto, unito all’abolizione, prevista dalla riforma, di un ente elettivo quale la provincia e unito all’elevazione da 50.000 a 150.000 del numero di firme richiesto per presentare una proposta di legge di iniziativa popolare, toglie ai cittadini la possibilità di scegliere i propri rappresentanti e rende più difficoltosa la partecipazione al processo di formazione delle leggi.

8) Prevedendo le modalità di elezione del Presidente della Repubblica da parte del Parlamento, elimina di fatto la possibilità, in un futuro di breve e medio termine, che si possa addivenire all’elezione diretta e popolare del Capo dello Stato, senza che su questo punto importante e delicato ci sia stato un adeguato dibattito nel Parlamento e nel Paese.

9) Stabilendo che dalla settima votazione in poi il quorum dei 3/5 si calcola non più sui componenti dell’assemblea, ma sul numero dei votanti, si facilita l’elezione del Capo dello Stato, che rappresenta l’unità nazionale da parte di una minoranza di parlamentari, che a loro volta rappresentano una minoranza dei cittadini italiani.

10) La previsione che, a richiesta del Governo, i disegni di legge da questo presentato, previa approvazione della Camera entro cinque giorni dalla richiesta, siano esaminati e votati entro 70 giorni, riduce lo spazio di organizzazione autonomo dei propri lavori da parte del Parlamento.

11) Tenendo conto che con l’attuale legge elettorale, l’Italicum, in ogni circoscrizione, peraltro tutte di piccole dimensioni, vengono prima eletti i capilista bloccati scelti dai segretari di partito, si rischia di consegnare tutto il potere ad una sola persona, senza che il nuovo assetto costituzionale preveda i giusti contrappesi. Non può certo rassicurare il progetto di una nuova legge elettorale presentato da una commissione interna del PD. Non basta un foglietto fumoso: se il PD volesse cambiare realmente l’italicum avrebbe una solida maggioranza per farlo.

12) Decisioni importantissime in materie delicatissime, vengono riservate alla sola Camera dei deputati, senza che possa esserci un ripensamento al Senato. E’ la sola Camera che dichiara lo stato di guerra e decide in materia di bioetica.

13) Prevedendo un numero minimo di due senatori per ogni regione, le regioni più popolate sono penalizzate avendo, per lo stesso numero di abitanti, meno rappresentanti di quelle meno popolate.

14) La riforma costituzionale è scritta in maniera poco comprensibile per l’italiano medio, a differenza della Costituzione vigente.

15) La riforma costituzionale è stata approvata da un Parlamento eletto con una legge elettorale, il cosiddetto “Porcellum”, ritenuta illegittima dalla Corte Costituzionale con una sentenza del 2014.

16) La riforma costituzionale è stata approvata con il voto determinante di almeno due formazioni politiche costituite da parlamentari eletti in partiti che hanno votato contro, nonché di singoli parlamentari usciti da partiti contrari alla riforma. E’ il caso del Nuovo Centro Destra, dei Verdiniani e di parlamentari fuoriusciti singolarmente dal Movimento 5 Stelle e da sinistra italiana.

17) I tagli dei compensi dei consiglieri regionali, tagli in base ai quali detti compensi non devono superare quelli del sindaco del comune capoluogo, non si applicano almeno, per il momento, ai consiglieri delle regioni a statuto speciale, Sicilia, Sardegna, Friuli-Venezia-Giulia, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige, creando una grave disparità tra regione e regione.

18) Durante il dibattito parlamentare sulla riforma costituzionale si sono verificati episodi inquietanti, come la sostituzione dei commissari del P.D. nella Commissione Affari Costituzionali dubbiosi con altri allineati con la segreteria, l’uso di strumenti di tecnica parlamentare come la “ghigliottina” e il cosiddetto “supercanguro” per strozzare il dibattito, l’insistenza da parte del premier sul concetto che, in caso di mancata approvazione da parte del Parlamento della riforma Renzi-Boschi, la legislatura sarebbe finita.

19) Lo spazio concesso in Rai prima dell’entrata in vigore della “par condicio” agli interventi a favore del si, comprendendo anche quelli del premier, è stato generalmente maggiore di quello concesso agli interventi a favore del no, facendo intravedere una inquietante deriva autoritaria in caso di vittoria del si.

20) Gli atteggiamenti apparentemente più disponibili del premier, ad esempio su una eventuale modifica dell’Italicum e sul dialogo con i sindacati, sono dovuti da una parte all’avvicinarsi del Referendum, sul cui esito non è per nulla sicuro malgrado il suo ostentato ottimismo, e dall’altro al suo indebolimento in seguito al disastroso risultato per il P.D. delle elezioni amministrative dello scorso giugno. Se vincerà il NO, il premier sarà ancora più debole e pertanto, anche se non si dimetterà, non potrà più assumere gli atteggiamenti arroganti e da uomo solo al comando che aveva assunto in passato.

N.B. Per la validità di questo referendum non è previsto quorum trattandosi di referendum confermativo in materia costituzionale. Pertanto è valido anche se non vota il 50% più uno degli aventi diritto e quale che sia il numero dei votanti. Quindi per bloccare questa pericolosa riforma, è necessario andare a votare e votare NO.

Comitato per il No di Monreale, Domenico La Porta 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Contro il bullismo necessaria una didattica formale, severa, o è la credibilità dell’insegnante la chiave educativa?

    Politica

    Monreale, 22 aprile 2018 - La scuola pubblica è stata sempre connotata, per la sua imprescindibile valenza formativa, tra quelle Istituzioni costantemente nell'occhio del ciclone, in quanto "trave maestra" di ogni struttura sociale che, malgrado i secoli, i rivolgimenti sociali, l'evoluzione antrop..

    Continua a Leggere

  • Palermo vs Avellino  3-0. I rosanero tornano a correre

    Politica

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 22 aprile 2018 - Il Palermo fa di necessità virtù, e in una situazione di emergenza, con l’infermeria affollata e alcune squalifiche di peso, riesce ad ottenere una vittoria  importante e convincente imponendosi per tre reti a zero, contro un Avellino &n..

    Continua a Leggere

  • Parcheggio selvaggio, concerto di clacson e cittadini inferociti. È fondo Cangemi a Monreale (VIDEO E FOTO)

    Politica

    [video width="368" height="656" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2018/04/video-cangemi-1524383251-1.mp4"][/video] [gallery ids="59765,59764,59763,59762"] Monreale, 22 aprile 2018 - Parcheggio selvaggio, concerto di clacson e cittadini inferociti. È fondo Cangemi a Mo..

    Continua a Leggere

  • Partinico. Bracciante accoltellato per motivi di vicinato. Operato al polmone

    Politica

    Partinico, 22 aprile 2018 - Sembra che ad accoltellare il bracciante di 59 anni sia stato F. C., 75 anni, pensionato, che adesso è stato accusato di tentato omicidio. I Carabinieri della compagnia di Partinico sono arrivati alla conclusione dopo le indagini avviate in seguito all’allertamento ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Festa della Liberazione organizzata dall’AUSER

    Politica

    Monreale, 22 aprile 2018 - Anche quest’anno, come di consueto, il Circolo AUSER “Biagio Giordano”di Monreale organizza la celebrazione della Festa della Liberazione. Il concentramento è previsto per le ore 09,30 a Piazza Canale da dove il corteo sfilerà per via Venero, via Aldo Moro, via ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Presentazione del libro su Placido Rizzotto

    Politica

    Monreale, 22 aprile 2018 - Si è tenuta ieri pomeriggio, al Circolo AUSER “Biagio Giordano” di Monreale, presieduto da Luigi Mazzola, assieme all’Associazione Antiracket “Liberi di Lavorare” presieduta da Biagio Cigno e all’ARCILINK di Monreale presieduta da Toni Renda, la presentazione ..

    Continua a Leggere

  • Cgil e Cisl esultano per elezione Rsu. Silvio Russo: «Ora pagare performance dei dipendenti»

    Politica

    Monreale, 21 aprile 2018 - Ieri I dipendenti del comune di Monreale hanno eletto i 12 rappresentati sindacali che avranno il compito di farsi carico per i prossimi tre anni delle esigenze e del rapporto contrattuale con l’amministrazione cittadina. La Cgil FP ha ottenuto 8 seggi, 3 sono andati all..

    Continua a Leggere

  • Piana degli Albanesi. Taglia centinaia di alberi. Corpo Forestale denuncia allevatore

    Politica

    Piana degli Albanesi, 21 aprile 2018 - Gli uomini del Corpo Forestale del distaccamento di Piana degli Albanesi e i Carabinieri hanno denunciato un allevatore, B.F. di anni 40, per il reato di taglio abusivo e danneggiamento aggravato di alberi e sequestrato un’area di 3 ettari circa.

    Continua a Leggere

  • Lucca, tutte le domande che farei al prof bullizzato

    Politica

    Lucca, 21 aprile 2018 - “Prof, non mi faccia incazzare, non mi faccia incazzare”. A urlare davanti alla cattedra è un ragazzo di un istituto tecnico di Lucca. Davanti a lui c’è il suo insegnante 64enne di italiano e storia. Il primo urla, il secondo sta zitto. Il primo ..

    Continua a Leggere

  • La via dei librai, la città che legge al via stamattina sul Cassaro Alto

    Politica

    Palermo, 21 aprile 2018 - Sono iniziate le 72 ore più divertenti e stimolanti dell’anno. La III edizione de LA VIA DEI LIBRAI, La città che legge – ha preso il via questa mattina sul Cassaro Alto. Da oggi e fino a lunedì 23 aprile, dalle 8 alle 24, tre giorni di festa, attività culturali, vi..

    Continua a Leggere

  • Chiusura centro per l’impiego, CISL, CGIL, UILA: disagio per decine di lavoratori forestali

    Politica

    Monreale, 21 aprile 2018 - Una forte preoccupazione è stata espressa dalle segreterie CISL, CGIL, UILA per l'assenza, ad oggi, di una soluzione adeguata al tema degli avvenimenti dei lavoratori forestali che fanno riferimento all’ufficio per l'impiego di Monreale. Con una nota del 12 marzo a..

    Continua a Leggere

  • Chiusa la discarica di Bellolampo, sospesa la raccolta rifiuti a Corleone

    Politica

    Corleone, 20 aprile 2018 - Sono stati chiusi nuovamente i cancelli della discarica di Bellolampo. Con la chiusura si ferma anche la raccolta nel comune di Corleone. A darne comunicazione è stato il Responsabile del III Settore Ing. Giuseppe Gennaro. ..

    Continua a Leggere

  • Coriandoli, musica e maschere per la parata di Primavera: “Monreale in Fiaba” – FOTO

    Politica

    Monreale, 20 aprile 2018 - Per le vie del centro storico coriandoli, maschere, musica ma anche messaggi importanti. Oggi pomeriggio si è svolta la parata di Primavera organizzata dagli assessorati comunali alla Cultura e alla Pubblica Istruzione in sinergia con le scuole del Territorio e con l..

    Continua a Leggere

  • Guzzo e Giuliano: “I risultati della raccolta differenziata sono fallimentari”. Cangemi ha una visione personalistica

    Politica

    Monreale, 20 aprile 2018 - La lunga nota dell'Assessore all'Igiene urbana ha fatto saltare dalla sedia i consiglieri di Forza Italia, Guzz..


  • Salvino e Mario Caputo tornano in libertà. Accolto il ricorso al tribunale del Riesame

    Politica

    Monreale, 20 aprile 2018 - Salvino Caputo e il fratello Mario Caputo tornano in libertà dopo essere stati posti agli arresti domiciliari il 4 aprile scorso su richiesta della Procura di Termini Imerese nell’ambito di presunti illeciti elettorali. Il tribunale del Riesame di Palermo ha proceduto a..

    Continua a Leggere

  • Il 25 aprile 60° Festa di Primavera a San Martino delle Scale

    Politica

    Monreale, 20 aprile 2018 - La Proloco di San Martino delle Scale con il patrocinio del comune di Monreale ha organi..

    Continua a Leggere

  • Cerimonia di premiazione del XIII Concorso nazionale “Tricolore Vivo” in piazza Guglielmo II

    Politica

    Monreale, 20 aprile 2018 - Grande successo ha ottenuto stamane la Cerimonia di premiazione del XIII Concorso nazionale “Tricolore Vivo”. Una manifestazione solenne che ha visto la partecipazione di numerose autorità civili, militari e religiose. Protagonisti veri sono stati gli alunni delle scu..

    Continua a Leggere

  • Salvo Vitale, amico e compagno di Peppino Impastato, lo racconta in un libro. Presentato oggi a Monreale

    Politica

    [gallery ids="59580,59581"] Monreale, 20 aprile 2018 - Stamattina presso la Casa Cultura Santa Cateria di Monreale (ex Ospedale Santa Caterina), il professore Salvo Vitale, ha presentato il suo ultimo libro “Era di Passaggio..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com