Oggi è 25/03/2019

Politica

Referendum. Prof. La Porta: venti motivi per votare NO

Per la validità di questo referendum non è previsto quorum trattandosi di referendum confermativo in materia costituzionale. Pertanto è valido anche se non vota il 50% più uno degli aventi diritto

Pubblicato il 28 novembre 2016

Referendum. Prof. La Porta: venti motivi per votare NO

Monreale, 28 novembre 2016 – Dopo le ragioni del Sì del Comitato per il Sì – Sicilia Futura Monreale, elenchiamo le ragioni per il no, del Prof. Domenico La Porta (Comitato per il no, Monreale).

1) Niente grandi risparmi, solo 50 milioni annui a fronte di spese militari per 60 milioni al giorno. Si poteva risparmiare di più, dimezzando sia la Camera-315 deputati anzicchè 630-sia il Senato-160 senatori anzicchè 320-totale 475 parlamentari contro i 730 (630+ 100) previsti dalla riforma, o anche 400+200.Totale 600 parlamentari.

2) La Camera dei deputati rimane intatta nel numero dei componenti, nei compensi nei privilegi di ogni tipo dei suoi membri. Rimangono, anche se ridimensionate, le spese di gestione del Senato, relative al personale e ai servizi vari.

3) I senatori a vita in carica al momento dell’entrata in vigore della riforma restano a vita e con tutti i compensi e le prerogative di cui godono adesso. Solo per il futuro i cinque senatori di nomina presidenziale resteranno in carica per sette anni senza compensi e senza avere diritto ad un minimo di rimborso spese e non saranno riconfermabili, anche se godranno dell’immunità parlamentare come tutti gli altri membri del nuovo Senato.

4) Inoltre resteranno senatori di diritto e a vita, anche per il futuro, gli ex presidenti della Repubblica, con i compensi e le prerogative di cui godono attualmente.

5) I nuovi senatori manterranno l’immunità parlamentare.

6) I senatori, oltre gli ex presidenti della Repubblica, saranno 100, di cui 5 nominati dal Presidente della Repubblica e 95 eletti dai consigli regionali. Di questi 95, ventuno saranno sindaci, uno per regione, e 74 consiglieri regionali. Non si vede come sindaci e consiglieri regionali avranno il tempo di dedicarsi anche ai compiti che spettano ai senatori.

7) Si riducono gli spazi di partecipazione democratica. Infatti i cittadini non eleggeranno più i senatori; questo fatto, unito all’abolizione, prevista dalla riforma, di un ente elettivo quale la provincia e unito all’elevazione da 50.000 a 150.000 del numero di firme richiesto per presentare una proposta di legge di iniziativa popolare, toglie ai cittadini la possibilità di scegliere i propri rappresentanti e rende più difficoltosa la partecipazione al processo di formazione delle leggi.

8) Prevedendo le modalità di elezione del Presidente della Repubblica da parte del Parlamento, elimina di fatto la possibilità, in un futuro di breve e medio termine, che si possa addivenire all’elezione diretta e popolare del Capo dello Stato, senza che su questo punto importante e delicato ci sia stato un adeguato dibattito nel Parlamento e nel Paese.

9) Stabilendo che dalla settima votazione in poi il quorum dei 3/5 si calcola non più sui componenti dell’assemblea, ma sul numero dei votanti, si facilita l’elezione del Capo dello Stato, che rappresenta l’unità nazionale da parte di una minoranza di parlamentari, che a loro volta rappresentano una minoranza dei cittadini italiani.

10) La previsione che, a richiesta del Governo, i disegni di legge da questo presentato, previa approvazione della Camera entro cinque giorni dalla richiesta, siano esaminati e votati entro 70 giorni, riduce lo spazio di organizzazione autonomo dei propri lavori da parte del Parlamento.

11) Tenendo conto che con l’attuale legge elettorale, l’Italicum, in ogni circoscrizione, peraltro tutte di piccole dimensioni, vengono prima eletti i capilista bloccati scelti dai segretari di partito, si rischia di consegnare tutto il potere ad una sola persona, senza che il nuovo assetto costituzionale preveda i giusti contrappesi. Non può certo rassicurare il progetto di una nuova legge elettorale presentato da una commissione interna del PD. Non basta un foglietto fumoso: se il PD volesse cambiare realmente l’italicum avrebbe una solida maggioranza per farlo.

12) Decisioni importantissime in materie delicatissime, vengono riservate alla sola Camera dei deputati, senza che possa esserci un ripensamento al Senato. E’ la sola Camera che dichiara lo stato di guerra e decide in materia di bioetica.

13) Prevedendo un numero minimo di due senatori per ogni regione, le regioni più popolate sono penalizzate avendo, per lo stesso numero di abitanti, meno rappresentanti di quelle meno popolate.

14) La riforma costituzionale è scritta in maniera poco comprensibile per l’italiano medio, a differenza della Costituzione vigente.

15) La riforma costituzionale è stata approvata da un Parlamento eletto con una legge elettorale, il cosiddetto “Porcellum”, ritenuta illegittima dalla Corte Costituzionale con una sentenza del 2014.

16) La riforma costituzionale è stata approvata con il voto determinante di almeno due formazioni politiche costituite da parlamentari eletti in partiti che hanno votato contro, nonché di singoli parlamentari usciti da partiti contrari alla riforma. E’ il caso del Nuovo Centro Destra, dei Verdiniani e di parlamentari fuoriusciti singolarmente dal Movimento 5 Stelle e da sinistra italiana.

17) I tagli dei compensi dei consiglieri regionali, tagli in base ai quali detti compensi non devono superare quelli del sindaco del comune capoluogo, non si applicano almeno, per il momento, ai consiglieri delle regioni a statuto speciale, Sicilia, Sardegna, Friuli-Venezia-Giulia, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige, creando una grave disparità tra regione e regione.

18) Durante il dibattito parlamentare sulla riforma costituzionale si sono verificati episodi inquietanti, come la sostituzione dei commissari del P.D. nella Commissione Affari Costituzionali dubbiosi con altri allineati con la segreteria, l’uso di strumenti di tecnica parlamentare come la “ghigliottina” e il cosiddetto “supercanguro” per strozzare il dibattito, l’insistenza da parte del premier sul concetto che, in caso di mancata approvazione da parte del Parlamento della riforma Renzi-Boschi, la legislatura sarebbe finita.

19) Lo spazio concesso in Rai prima dell’entrata in vigore della “par condicio” agli interventi a favore del si, comprendendo anche quelli del premier, è stato generalmente maggiore di quello concesso agli interventi a favore del no, facendo intravedere una inquietante deriva autoritaria in caso di vittoria del si.

20) Gli atteggiamenti apparentemente più disponibili del premier, ad esempio su una eventuale modifica dell’Italicum e sul dialogo con i sindacati, sono dovuti da una parte all’avvicinarsi del Referendum, sul cui esito non è per nulla sicuro malgrado il suo ostentato ottimismo, e dall’altro al suo indebolimento in seguito al disastroso risultato per il P.D. delle elezioni amministrative dello scorso giugno. Se vincerà il NO, il premier sarà ancora più debole e pertanto, anche se non si dimetterà, non potrà più assumere gli atteggiamenti arroganti e da uomo solo al comando che aveva assunto in passato.

N.B. Per la validità di questo referendum non è previsto quorum trattandosi di referendum confermativo in materia costituzionale. Pertanto è valido anche se non vota il 50% più uno degli aventi diritto e quale che sia il numero dei votanti. Quindi per bloccare questa pericolosa riforma, è necessario andare a votare e votare NO.

Comitato per il No di Monreale, Domenico La Porta 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Dopo più di 10 anni si candida a sindaco di Monreale, “lasciando i partiti alla Rocca”. Intervista a Roberto Gambino (VIDEO)

    Politica

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=EHfvrUi6SJk&feature=youtu.be[/embed] Monreale, 25 marzo 2019 - Roberto Gambino, 51 anni, laureato in psicologia, è un dipendente dell’ASP di Palermo, dove si occupa di progettazione e formazione. In passato è stato segretario della s..

    Continua a Leggere

  • Una passeggiata con … Roberto Gambino. Progetto civico, alleanze, tempo pieno nelle scuole, scelta degli assessori. “Ecco perché sono sceso in campo”

    Politica

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=byAq4QVEnzo&feature=youtu.be[/embed] Monreale, 24 marzo 2019 - Roberto Gambino si candida a sindaco di Monreale. Nel corso della consueta passeggiata ci spiega le peculiarità del suo progetto civico, nato con l’intento di lasciare i partiti alla Rocca..

    Continua a Leggere

  • Per Arcidiacono l’avversario da battere è Capizzi, il sindaco del dissesto

    Politica

    Monreale, 24 marzo 2019 - Capizzi è l’avversario da battere, Capizzi è il sindaco del dissesto. È questo il messaggio dato, ripreso, rimodulato in tutti modi, e che è effettivamente passato nel corso dell’apertura della campagna di Alberto Arcidiacono svoltasi ieri pomeriggio presso la Sala ..

    Continua a Leggere

  • 2° Step #granidiSicilia: le caratteristiche delle principali varietà di grano siciliano

    Politica

    Monreale, 22 marzo 2019 - Siamo giunti al secondo step del nostro viaggio tra i grani antichi di Sicilia. In questa fase cercheremo di approfondire le proprietà delle principali varietà di..


  • Confisca dei beni della famiglia di Riina, presente anche una villa a Mazara del Vallo

    Politica

    Corleone, 24 marzo 2019 - Si allunga la lista dei beni confiscati agli eredi di Totò Riina, l’ex capo di Cosa nostra deceduto il 17 novembre 2017. Come detto ieri in un

    Continua a Leggere

  • Da Monreale in Cina. Una pigna di Niccolò Giuliano donata da Musumeci al presidente cinese

    Politica

    Monreale, 24 marzo 2019 - Un pezzo di Monreale farà bella mostra di sé nella residenza del Presidente cinese Xi Jinping. Una pigna realizzata dal maestro Niccolò Giuliano è stata scelta dal presidente della regione siciliana, Nello Musumeci, tra i doni offerti al presidente in visita a P..

    Continua a Leggere

  • Aquino, caos davanti alla scuola Veneziano: serve un presidio

    Politica

    Monreale, 24 marzo 2019 -"Dopo avere preso atto personalmente e ascoltato lamentele e proteste di alcuni genitori di alunni e di collaboratori scolastici dell'I.C. Veneziano - plesso di Aquino, mi faccio portavoce al fine di richiedere, con ogni consentita urgenza, la presenza di un pre..

    Continua a Leggere

  • Via Salita Caputo, i residenti puliscono le aree abbandonate

    Politica

    [gallery ids="95646,95645,95644,95643,95642,95641,95640,95832,95833,95834,95835,95836,95838,95839"] Monreale, 24 marzo 2019 - I turisti che si recano a visitare il Santuario del SS. Crocifisso portano con sé, oltre la bellezza e la storia del luogo, il ricordo  dell'erba alta, dei rifiuti e..

    Continua a Leggere

  • Arcidiacono: “È l’alba di un giorno nuovo”. Tantissime le persone all’apertura della campagna elettorale

    Politica

    [gallery ids="95844,95845,95846,95847,95848,95849,95850,95851,95852,95853,95854,95855,95856,95858,95859,95860,95861,95862,95863,95864,95865,95866,95867,95868,95869"] Monreale, 23 marzo 2019 - Si è aperta ufficialmente questo pomeriggio la candidatura di Alberto Arcidiacono a sindaco del comune d..

    Continua a Leggere

  • Maenza si difende e presenta querela contro ignoti. Aiutò a sistemare la Villa comunale

    Politica

    Monreale, 23 marzo 2019 - "Il volontariato è un valore fondamentale per ogni comunità e non posso consentire che possa diventare argomento di scontro e di lotta politica o di contrapposizione. Ecco perché ho deciso di conferire mandato allo studio legale Caputo per presentare una querela contro i..

    Continua a Leggere

  • Oggi pomeriggio il candidato sindaco Alberto Arcidiacono si presenta agli elettori

    Politica

    Monreale, 20 marzo 2019 - Si terrà questo pomeriggio, alle ore 17,00, l’apertura della campagna elettorale di Alberto Arcidiacono, candidato sindaco di Monreale alle prossime amministrative del 28 aprile. Sono quattro i movimenti che hanno deciso di sostenere Arcidiacono. Diventerà Bellissima..

    Continua a Leggere

  • Mafia, confiscati beni per un milione e mezzo di euro agli eredi di Totò Riina

    Politica

    Corleone, 23 marzo 2019 - I militari del Ros e della compagnia carabinieri di Corleone hanno dato esecuzione a un decreto di confisca emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo dal Tribunale nei confronti del capo mafia Salvatore Riina e degli eredi Antonina Bagarella, Giuse..

    Continua a Leggere

  • Pulisce 50 metri di strada in cui abita, a qualcuno non va giù e sparpaglia i rifiuti

    Politica

    [gallery ids="95784,95783,95782,95781"] Monreale, 23 marzo 2019 - Perché aspettare che qualcuno faccia quello che potremmo fare noi? Perché aspettare sempre che siano gli altri a compiere il primo passo? Perché dobbiamo vivere in mezzo ai nostri rifiuti dando la colpa di quello che ci sta atto..

    Continua a Leggere

  • Giannetto: “Nessun tentativo dell’amministrazione Capizzi di avviare il tempo pieno”

    Politica

    Monreale, 23 marzo 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una nota inviata dal consigliere comunale Rosanna Giannetto, candidata di "Monreale bene comune" a sostegno del candidato sindaco Roberto Gambino, in occasione delle amministrative del 28 aprile. "Leggo con stupore


  • Europei Under 21, Davide Sbrighi testimonial con Andrea Pirlo

    Politica

    Monreale, 22 marzo 2019 - L’obiettivo sarà quello di promuovere e diffondere il rispetto, il tifo corretto e l’inclusione tra i giovani studenti. Il giovane monrealese


  • Pioppo, strisce pedonali assenti davanti alle scuole. La denuncia del candidato sindaco Benedetto Madonia

    Politica

    Pioppo, 22 marzo 2019 - La situazione è critica - afferma Benedetto Madonia, a capo del Movimento civico Occupiamoci di Monreale - molti attraversamenti pedonali nel territorio sono pericolosi, soprattutto nei pressi delle scuole". "Non ci occupiamo, in questo periodo, solo di campagna elettoral..


  • Licenziamento Russo, interviene Cracolici: “La Cgil ci ripensi, si coprirebbe di ridicolo se il provvedimento venisse censurato”

    Politica

    Monreale, 22 marzo 2019 -In seguito al servizio della trasmissione l’Arena Di Massimo Giletti, andato in onda su La7, Sandro Russo prima è stato sospeso e poi licenziato dal Caf Cgil in cui lavorava. Quel consiglio dato per ottenere il reddito di cittadinanza gli è costato oltre il lic..


  • Monreale, scuola a tempo pieno. Gambino: “Chiedo a Capizzi e Potenza un confronto pubblico con me e Giannetto”

    Politica

    Monreale, 22 marzo 2019 - "Affermare, come ha fatto Rosanna Giannetto, che nel t..


  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com