Oggi è 17/12/2018

Cronaca

IL 25 Novembre Monreale si fa “Centro”. Il percorso del “Centro d’Ascolto Donna” nel contrasto alla violenza di genere

Il centro offre consulenza legale, psicologica e socio-assistenziale con personale specializzato, direttamente presso la sede Caritas

Pubblicato il 25 novembre 2016

IL 25 Novembre Monreale si fa “Centro”. Il percorso del “Centro d’Ascolto Donna” nel contrasto alla violenza di genere

Monreale, 25 Novembre 2016 – “Mentre il trauma può essere l’inferno sulla terra, il trauma risolto è il dono degli dei, un viaggio eroico che appartiene a ognuno di noi”

Peter A. Lavigne

Di donne traumatizzate, vittime di soprusi fisici e psicologici il mondo è pieno. Ma raccontare delle donne di Monreale non è semplice se si considera che nonostante la crescita culturale avvenuta nell’ultimo cinquantennio Monreale rimane “paese” con tutte le sue chiusure e le sue contraddizioni. Oggi per il mondo ricorre una data particolare, è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e per Monreale non è un giorno qualsiasi vista la consapevolezza che oramai da decenni ha la parte sana del paese dell’importanza del messaggio del 25 Novembre. Già un primissimo passo Monreale lo ha compiuto nel 2008 un progetto pilota chiamato “Eva” ha aperto le sue porte alle donne in difficoltà e ha lavorato sul territorio attraverso attività mirate allo sradicamento degli stereotipi di genere, nelle scuole, e di consapevolezza del sé nelle parrocchie.

Questo non è stato un momento isolato e si è stati capaci nonostante le difficoltà date dalla resistenza di uno zoccolo duro di creare un tessuto filo dopo filo, una rete che non si è più disfatta ma che nel suo rapporto sinergico ha dato sostegno alle donne mute, alle donne fragili e questa rete quasi come un tappeto elastico le ha non solo salvate dal vuoto e dal precipizio ma le ha rilanciate verso nuove possibilità, verso una nuova vita. Oggi, a distanza di 8 anni da quel primo progetto, a Monreale è presente la voglia di tutelare e preservare le donne vittime di violenza. L’ Associazione DonnAttiva” con il Centro d’Ascolto “Donna” continua il suo impegno a vari livelli nel contrasto alla violenza di genere.
La Presidentessa Ina Modica “ è firmataria di un Protocollo d’intesa operativo con la Caritas Diocesana , rappresentata da Don Ferdinando Toia, per la realizzazione delle attività del Centro di Ascolto Antiviolenza, volto alla realizzazione e all’organizzazione di diversi eventi ed iniziative di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere”.

“La Caritas Diocesana, continua la dott.ssa Modica, è stata ed è per il nostro centro un punto di forza e di sostegno. Attraverso questa proficua  collaborazione  il nostro Centro ha avuto una sede con  locali idonei e supporto logistico in tutti quei casi in cui è stato necessario offrire assistenza alle utenti. Ina Modica conclude esprimendo la massima gratitudine all’arcivescovo Monsignor Pennisi che ha creduto e crede nel lavoro svolto dall’associazione e a Don Ferdinando Toia che supporta con entusiasm ogni attività.

La dottoressa  Palma responsabile scientifica del Centro d’ascolto nella sua dichiarazione delinea un quadro della realtà locale: “Monreale insiste su di un ambito territoriale molto ampio e potrebbe, pertanto, rappresentare il contesto ideale per l’implementazione di  un Laboratorio sperimentale che attui interventi di fronteggiamento del fenomeno e al contempo di prevenzione dello stesso.”

Il centro di ascolto “Donna” ha l’obiettivo primario di accogliere le richieste di aiuto delle donne per un primo incontro di chiarimento e di individuazione dei problemi con un immediato orientamento nei percorsi da intraprendere per la loro risoluzione. Le utenti possono avvalersi di consulenza legale, psicologica e socio-assistenziale richiedendo un appuntamento, con il personale specializzato del centro di ascolto, direttamente presso la sede Caritas di via villa Veneto che ospita il centro.

“ Il Centro di ascolto rappresenta, comunque, solo il primo step poiché la definizione di un intervento efficace ed efficiente necessita di focalizzare l’attenzione per agire concretamente su almeno quattro macroaree:

1) La Strutturazione di una rete locale che, mettendo in sinergia tutti gli stakeholder che a diverso titolo sono chiamati in causa nel fronteggiamento della problematica, uniformi, coordini e integri le prassi operative di intervento evitando sovrapposizione e frammentazione.

2) Implementare progetti di prevenzione primaria che agiscano, in primis sulla scuola, recependo il profondo cambiamento di prospettiva, che la Convenzione di Istanbul ci offre, quando identifica nella modificazione della cultura dei generi il reale presupposto di quell’evoluzione culturale necessaria e sufficiente a condurre le nuove generazioni lontane dal fenomeno della violenza di genere.  Ciò, peraltro, poggia sul paradigma teorico di riferimento degli studi condotti, nell’ambito delle neuroscienze, sull’intelligenza emotiva. Una moltitudine di dati sperimentali dimostrano che la violenza origina da gravi carenze relative all’autocontrollo, alla capacità di gestire la propria collera e all’empatia.

3) Attuare iniziative di sensibilizzazione nei confronti dei media perché è il “come” raccontiamo gli eventi che fa sì che quello stesso evento possa assumere, nell’immaginario collettivo, questo o un diverso significato. Con una generalizzazione impropria possiamo affermare che ciò che rende la cifra stilistica di un evento è il “modo” con cui viene comunicato.

4) Infine, implementare modalità di ricerca che, raccogliendo dati statistici quali-quantitativi disaggregati, possano restituire un reale, e nello specifico ancorato al territorio, quadro teorico di riferimento del fenomeno.”conclude la dott.ssa Palma.

“Le utenti seguite in questo nuovo anno di lavoro sono state accompagnate nel percorso di presa di coscienza del problema e del  distacco dal soggetto abusante. Hanno trovato il coraggio di denunciare ed di intraprendere il percorso di realizzazione dell’autonomia personale, allontanandosi dal contesto che le opprimeva e trovando una nuova forza per reagire.” afferma l’avvocato Rosaria Messina.
“Molte utenti  si rivolgono al Centro d’ascolto per avere delle informazioni  sulle procedure, sulle dinamiche , sui rischi di una denuncia. In molte donne  soprattutto nelle realtà  socio-culturali più disagiate prevale la paura che la denuncia possa determinare l’allontamento dai figli, altre manifestano la dipendenza economica dal soggetto maltrattante e quindi l’incapacità di rendersi autonome “ continua l’avvocato Messina.
Ancora molto lavoro deve essere fatto per riuscire a sensibilizzare il territorio e tutte quelle donne che per paura o spesso per vergogna non riescono a superare questi ostacoli avvalendosi del nostro supporto e della nostra assistenza.
Noi crediamo nella forza delle donne che non si abbattono e che consapevolmente scelgono la direzione da dare alla propria esistenza.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Pubblicato il “calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico”, ma Monreale non è in lista

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - È stato reso pubblico il decreto, rilasciato dall'Assessorato Regionale al Turismo, con cui vengono calendarizzati gli eventi "di grande richiamo turistico". Si tratta di eventi eccellenti che vanno dalle feste di carnevale fino alle rappresentazioni classiche. Le ma..

    Continua a Leggere

  • Famiglie bisognose, mercoledì la distribuzione delle derrate alimentari in contrada Grotte- Favara

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Nella sede dell’associazione “Asfa Sicilia” (Associazione di sostegno alla famiglia) nella villa confiscata alla mafia in contrada Grotte Favara verranno distribuite delle derrate alimentari a favore delle famiglie bisognose del territorio comunale.  L..

    Continua a Leggere

  • Il coro della scuola P. Novelli si esibisce per gli anziani della casa di riposo Benedetto Balsamo

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina i bambini del coro della Direzione Didattica Pietro N..

    Continua a Leggere

  • Era conosciuto come Aldo il pittore. Accanto al corpo del clochard vegliava il suo gatto

    Cronaca

    Palermo, 17 dicembre 2018 - Aid Abdellah, conosciuto come Aldo, è il nome dell’uomo 56enne di origine musulmana che è stato freddato mentre dormiva sotto i portici di piazzale Ungheria. Il clochard è stato trovato agonizzante con una profonda ferita alla testa intorno alle 7,30. A lanciare l’..

    Continua a Leggere

  • Aquino, case popolari di nuovo senza acqua. Inutile l’intervento dei giorni scorsi

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Siamo di nuovo alle prese con le case popolari di via Santa Liberata..

    Continua a Leggere

  • Corsa contro il tempo. SOS cuccioli cercano casa

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina tre cuccioli sono stati trovati all'interno di una sc..

    Continua a Leggere

  • La Parrocchia di San Giuseppe al Malpasso inaugura il suo presepe

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Tra i tanti presepi che in questo periodo abbelliscono chiese e luoghi..

    Continua a Leggere

  • “Un uomo perbene”. A Piazzale Ungheria trovato il corpo senza vita di un senza tetto

    Cronaca

    Palermo, 17 dicembre 2018 - È stato trovato questa mattina senza vita, all’interno di piazzale Ungheria, a Palermo. A pancia sotto. Dalle prime notizie sembra che abbia un foro sulla testa. Intorno un cordolo di Carabinieri, che non permette a nessuno di avvicinarsi.  [gallery ids="8..

    Continua a Leggere

  • Lotta al randagismo, i volontari impegnati nel controllo del territorio. Zingales: “Accolte tutte le domande pervenute dalle associazioni”

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 -L’assegnazione dell’ex Centro Civico Villaggio Montano alle associazioni volontarie di Guardie Ambientali, la..

    Continua a Leggere

  • SRR Palermo Ovest. Domani convocati sindaci per nominare il CDA

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Ennesimo tentativo di andare avanti, e si spera di non assistere più all’ennesima fumata nera. Si terrà domani, martedì 18, in seconda convocazione, la riunione dei soci della SRR Palermo Ovest, chiamati ad eleggere il CDA dell’Ente. Le varie sedute hanno ripropos..

    Continua a Leggere

  • La scuola Morvillo inaugurerà il presepe vivente, un viaggio nei cinque continenti

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Mercoledì 19, alle ore 9, verrà inaugurato il presepe vivente dell..

    Continua a Leggere

  • 35 scuole, 800 studenti. Dagli studenti passa il contrasto al bullismo. La P. Novelli di Monreale capofila del progetto

    Cronaca

    [gallery ids="86312,86313,86314,86315,86316,86317,86318,86319,86320,86321,86322,86323,86324,86325,86326,86327,86328,86329,86330,86331,86332"] Castelvetrano, 16 dicembre 2018 - Ho giurato di non stare mai in silenzio, in qualunque luogo e in qualunque situazione in cui degli esseri umani siano..


  • Giuseppe Marfia, presunto boss di Altofonte, torna in libertà

    Cronaca

    Altofonte, 16 dicembre 2018 - È tornato in libertà Giuseppe Marfia, presunto boss mafioso di Altofonte condannato a 11 anni e 4 mesi di carcere, in seguito all'emissione di numerose condanne con capi d'accusa quali estorsione, detenzione di armi e droga, furto di bestiame, nonché un possibile ruo..


  • Palermo contro Livorno 1-1: una gara spigolosa

    Cronaca

    Palermo, 16 dicembre 2018 - Il Palermo nella sedicesima giornata fallisce la possibilità di allungare la marcia verso la promozione. Una gara spigolosa anche per il continuo cambio di modulo che questa volta non sortisce l’effetto sperato, nonostante il primato della classifica non v..


  • Incendio nel quartiere Pagliarelli. In fiamme i contenitori della spazzatura

    Cronaca

    [gallery ids="86278,86279,86280,86281,86282"] Palermo, 16 dicembre 2018 - Incendiati nelle prime ore di questa mattina un paio di contenitori presenti nel quartiere Pagliarelli. Le fiamme alimentate dalla spazzatura hanno preso forza facilmente. È ignota la natura del rogo.  Nel quartier..


  • Monreale. Consigli comunali disertati. Cantieri di lavoro a rischio

    Cronaca

    Monreale 16 dicembre 2018 - Rischiano di non venire avviati i cantieri di lavoro, che per alcuni mesi dovrebbero dare una boccata d’ossigeno ad una quarantina di disoccupati e alle loro famiglie. Ma che consentirebbero anche di rendere più fruibile una strada comunale, via SM22, e di sistemare i ..


  • Lo accoltella mentre dorme e poi chiama il 118. Omicidio nella notte a Falsomiele

    Cronaca

    Lo ha accoltellato più volte mentre dormiva. Salvatrice Spataro di 45 anni poco prima di chiamare il 118 aveva ucciso il marito Pietro Ferrera. I due litigavano spesso e il clima in casa non era dei migliori. Tanto che i figli piccoli dormivano in casa della nonna. Il delitto è stato commesso..


  • Ingrassia: un chirurgo in congedo, uno in pensione e chiude Ortopedia

    Cronaca

    Palermo, 15 dicembre 2018 - Da ieri l'ospedale Ingrassia ha visto chiudere il reparto di Ortopedia. Non sarà possibile effettuare ricoveri e interventi fino al mese di gennaio. La causa della decisione, presa dal direttore sanitario dell'ASP Salvatore Russo, è da ricercare nel pensionamento e n..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com