Oggi è 16/01/2018

Chiesa

L’Abbazia dei cento monaci (Parte seconda)

La Chiesa di Monreale diventa un “Principato Ecclesiastico”. L’abate – arcivescovo controlla le Chiese di Catania e di Siracusa

Pubblicato il 20 novembre 2016

L’Abbazia dei cento monaci (Parte seconda)

 

Monreale, 20 novembre 2016 – Parte seconda del documento pubblicato il 13 novembre a firma di Natale Sabella

E così, come avvenne per l’abbazia di Cava, per i monasteri Basiliani, di rito greco – bizantino, Guglielmo assegna all’abbazia di Monreale, a sei anni dall’insediamento dei monaci, ulteriori possedimenti che si vanno ad aggiungere ai precedenti, concedendo ulteriori diritti e privilegi e conferendo patrimoni  immobiliari in diversi luoghi e città del Regno.

Un accrescimento di ricchezza materiale che ha come conseguenza un aumento del potere e un rafforzamento dell’abbazia Monrealese, sotto il piano economico, giuridico e politico, fino a che la Chiesa di Monreale diventa un “Principato Ecclesiastico”, autonomo e indipendente.

E sarà forse per questi motivi che Guglielmo II inizia a sottrarre alle maggiori Chiese dell’Isola parte dei beni, ne riduce la giurisdizione a favore della prediletta Chiesa di Monreale.

Il progetto di Guglielmo appare chiaro, evidente, logico, sin dal principio. Rendere quanto più stabile un territorio “ricco e produttivo”, non facile da gestire e amministrare, ricorrendo se necessario,  anche all’uso della forza.

Un progetto che diventa possibile attuare, non tanto prevedendo un avamposto militare, ma piuttosto un centro stabile, (per l’appunto una abbazia) dal quale impartire azioni di comando ed alle quali far seguire azioni di controllo.

Motivo che porta Guglielmo a sottomettere le Chiese di Catania prima, (Papa Lucio III) e Siracusa dopo, (Papa Clemente III), alla Chiesa basilica metropolitana di Monreale.

Fattori tutti favorevoli ad accrescere e rendere visibilmente potente, autorevole, finanche “temibile”, l’abate – arcivescovo di Monreale, Signore spirituale e temporale, investito del mero e misto imperio, maggiore prerogativa che il sovrano Normanno poteva a quel tempo concedere.

Un principe – arcivescovo che governa per diritto regale con potere pieno sulle  popolazioni ricadenti sui territori di appartenenza dell’arcivescovado di Monreale, un comprensorio di terre, tra valli, monti e colline, animato da corsi d’acqua, alimentato da ricche sorgenti, parte di un entroterra, situato nella Sicilia Occidentale, produttivo, abitato da coloni e villani, disseminato di casali e mulini, percorso da tracciati di percorrenza pubblica, attraversato da strade alberate. Un territorio il cui paesaggio è molto diverso da quello attuale, per varietà e tipologie di impianti colturali adottati, dagli Arabi di Sicilia.

Diverso nella portata di fiumi e nei corsi d’acqua, nelle quantità di polle  sorgive, ridotte e impoverite, alcune non più esistenti.

Una realtà feudale che Guglielmo scompone, seleziona e divide in Divise, nelle quali il casale è il luogo dello svolgersi delle attività umane, sociali e di lavoro, “motore” dell’economia rurale agricola, delle attività del commercio e delle attività manuali ed artigianali. Realtà nella quale il castello, il maniero, fanno parte integrante di un sistema difensivo ancora più ampio.

Luogo nel quale si ritrovano a stanziare musulmani avversi alla Corona, giunti da altre parti dell’isola, che si sono insediati nelle città di Jato e Entella, centri urbani attivi al tempo della fondazione della Cattedrale di Monreale.

Due centri che pur distanti tra loro hanno in comune la presenza di etnie  provenienti originariamente dall’Oriente Islamico, rimasti in contatto con i centri d’Africa e d’Egitto. Entroterra, via di accesso e di collegamento all’Agrigentino, ai porti bagnati del mare d’Africa. Un distretto soggetto a rivolte e guerriglie, focolaio che si riaccende ogni qual volta vengano messi in discussione gli interessi delle comunità che in esso stanziano, soprattutto quando giunge il tempo di rendere i servizi e pagare i tributi al Signore feudale.

Una sorta di “riserva”, nella quale i musulmani giunti da rifugiati si sono insediati e hanno fatto sì che questo territorio diventasse produttivo e rigoglioso, un territorio alquanto controverso, al quale mancano riferimenti “Occidentali”, posto tra la Valle dello Jato, l’Alta Valle del Belice e il Vallo di Mazara.

Un’area feudale da rimettere in sesto e che ha bisogno quanto prima di essere gestita, governata e mantenuta secondo le regole e il diritto feudale. E allora, chi, se non un’abbazia adeguatamente attrezzata ed organizzata potrà sovrintendere e porre sotto  controllo un comprensorio sconfinato, vasto quale quello Monrealese?

Chi più dei monaci di Cava ha la forza, la determinatezza, le capacità, il carattere di porre in campo azioni indirizzate a trasformare il territorio ed a far convergere i proventi e gli introiti ricavati all’abbazia di Monreale?

Chi meglio dei monaci di Cava può provvedere al mantenimento, ai bisogni, alle necessità del monastero e sostenere la maggiore chiesa dell’isola, la Metropolitana chiesa di Monreale?

E chi se non i monaci Cluniacensi potrà rendere “migliore” una realtà,  che ha  bisogno di essere quanto prima “Occidentalizzata”?

Adesso mi si consenta di prendere in prestito la frase dello psicanalista Statunitense, Robert Hopke, “nulla nasce per caso”, che ci aiuta a comprendere le ragioni che portano Guglielmo II a vedere i monaci di Cava come coloro che più di altri possono guidare l’abbazia di Monreale.

A tal proposito farò riferimento ad un episodio accaduto nel 1174, pressappoco coincidente con l’arrivo dei due monaci Cavensi a Monreale. Un episodio riportato dalle cronache del tempo che ci consente di capire qualcosa in più, ma non tutto, che sintetizzo nel modo che segue: Guglielmo, soggiornando a Salerno, si ammala in modo grave: dolori intestinali insopportabili lo affliggono, (calcoli!!, forse, dissenteria?).

In quella circostanza riceve le cure dei monaci dell’abbazia di Santissima Trinità di Cava, fino a che non è guarito, episodio successivo a quando si trovava  nella città di Taranto.

E’ indubbio che le cure premurose che Guglielmo ricevette dai monaci di Cava hanno finito con il determinare una maggiore attenzione nei confronti dei monaci, ma non al punto tale da far pensare che questo evento sia stata la causa determinante nell’affidare l’abbazia di Monreale ai monaci di Cava.

Un evento che certamente si poteva concludere in modo tragico con la morte del sovrano, che Guglielmo intese valutare come presagio, segno favorevole che gli ha consentito di guarire dalla malattia e continuare a regnare, che sembrerebbe incoraggiare Guglielmo a che il monastero e la sua amata Chiesa venisse affidata ai Benedettini di Cava, come segno di riconoscimento e gratitudine.

Giunti a questo punto, è il caso di guardare indietro nel tempo in modo da  comprendere l’importanza dei rapporti che i Sovrani e Principi Normanni avevano intrattenuto con i monaci di Cava, prima ancora di Guglielmo, e come immensa e grande era la devozione che Principi, Papi e Sovrani riversavano nei confronti del  Sacro luogo di Cava.

Un fatto di grande importanza che non va trascurato, punto da cui partire che consente di chiarire meglio le cose e mettere al suo posto il pezzo mancante del nostro puzzle.

Il legame tra la monarchia Normanna e i monaci di Cava, risale prima dell’intronizzazione di Guglielmo II, a Ruggero II, e prima ancora ai Principi Normanni, che in diverse occasioni hanno mostrato la loro grande benevolenza concedendo all’abbazia donazioni, privilegi e diritti.

E questo per il fatto che l’Ordine monastico Cavese è custode fedele di un luogo da molto tempo ritenuto Sacro e Santo, la Grotta Arsicia, eremo del nobile monaco Alferio Pappacarbone, (divenuto Santo), monaco dell’abbazia di Cluny, che si era trasferito a Cava dei Tirreni, fondatore dell’abbazia di Cava nell’anno 1011, che aveva avuto in visione la Santissima Trinità sotto le sembianze di tre raggi luminosi, provenienti da un solo punto della roccia.

Un episodio che porterà fama, lustro, notorietà al Sacro Luogo ed alla Congregazione Cavese.

E fu proprio grazie a questi ottimi rapporti intrattenuti tra la monarchia Normanna e l’Ordine Cavense, che l’abate B. Benincasa, legato al re Guglielmo II, finì col cedere ed inviare all’abbazia di Monreale cento monaci con servitori al seguito (non menzionati nelle cronache ufficiali), che attraversano il Mare Tirreno e la vigilia del ventuno marzo del 1174 giungono in Sicilia, in una terra dove non erano mai stati.

Questo è quanto avvenne all’incirca tredici anni prima della scomparsa improvvisa del cristiano e credente Guglielmo II re di Sicilia, che Dante annovera fra le cinque anime dei giusti nel Canto XX nel Paradiso della Divina Commedia (cielo di Giove) e che gli storici finirono con l’appellare con “buono”.

Sappiamo pure che i contatti e i rapporti tra l’Abbazia di Santa Trinità di Cava ed il monastero Benedettino di Monreale non si interruppero, anzi continuarono, sappiamo pure che a seguito dell’inaspettata morte di Guglielmo II, la situazione mutò improvvisamente in negativo. 

Come del resto, siamo al corrente che le abbazie rimasero legate ad un filo invisibile che le riconduce all’Abbazia di Cluny, nella regione di Borgogna, al centro della Francia, e ad una figura di rilievo, Henri de Blois. E’ da Cluny, la strada che conduce alla badia di Cava, che da più di un millennio propaga la luce della Fede di Cristo da quel sacro luogo dal quale un raggio splendente si è spinto sino a raggiungere e ad illuminare un’altra nuova e grande, religiosa e spirituale abbazia: quella di Monreale.

di Natale Sabella – architetto all rights riserved

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, il Prof. Roberto Amato il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici

    Chiesa

    Monreale, 16 Gennaio 2018 -Il Prof. Roberto Maria Amato è il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici del Comune di Monreale, funzionario della Regione Siciliana con alle spalle una lunga esperienza lavorativa all'interno dell'ente. Nella Sala Rossa di città, alla presenza del sindaco P..

    Continua a Leggere

  • 750° anniversario dedicazione Cattedrale Monreale: il 27 gennaio una Giornata di Studi

    Chiesa

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - In occasione del 750° anniversario della Dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale, sabato 27 gennaio si terrà una Giornata di Studi presso il palazzo Arcivescovile della cittadina normanna. All'incontro formativo prenderà parte l’a..

    Continua a Leggere

  • Istituto Guglielmo II, aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2018-2019

    Chiesa

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - Prendono il via oggi le iscrizione per l'anno scolastico 2018-2019 nell'istituto comprensivo "Guglielmo II". Durante il periodo delle iscrizioni, che si conclude il 6 febbraio, sarà possibile visitare la struttura e chiedere chiarimenti ai docenti.  ..

    Continua a Leggere

  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Chiesa

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..

    Continua a Leggere

  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Chiesa

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..

    Continua a Leggere

  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..

    Continua a Leggere

  • Ryanair rivoluziona le regole per il bagaglio a mano

    Chiesa

    Scatta la rivoluzione dei bagagli a mano su Ryanair, si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Siamo lieti di lanciar..

    Continua a Leggere

  • Al via l’Open week nella scuola Morvillo: organizzati laboratori, mostre e attività didattiche

    Chiesa

    Monreale, 15 Gennaio 2018 - Si è aperto oggi e si concluderà venerdì 19 Gennaio l’open week che, come ormai da t..

    Continua a Leggere

  • Una cena per 700 poveri del centro di Biagio Conte. Tra gli chef il monrealese Nicola Venturella

    Chiesa

    Palermo, 15 gennail 2018 - Una cena la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte. A organizzarla è lo chef e pasticcere di Partinico Massimo Giambelluca che ha chiamato a ..

    Continua a Leggere

  • «Cacciatori di storie bellissime». A Monreale i Percorsi Virtuosi di So.Svi.Le. e Maghweb

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - All’interno di Villa Savoia le testimonianze di chi ha puntato sulla bellezza, molto spesso nascosta, del territorio siciliano. Dai Sicani, fino alla Via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, la Sicilia può offrire ancora innumerevoli spunti per convincere i rag..

    Continua a Leggere

  • Monreale a sostegno di Biagio Conte. Padre Elisée incontra il frate laico

    Chiesa

    Palermo, 15 gennaio 2018 - Tanta è ancora la gente che vive per strada che non ha un tetto, un lavoro, una dignità e sopravvive ai margini della società. Sono gli invisibili, non solo clochard,  costretti a dormire nelle auto o per le vie di Palermo sono anche le famiglie sfrattate, i padri ..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit. La giunta jatina attiva per il riordino: «Serve fronte comune»

    Chiesa

    San Giuseppe Jato, 15 gennaio 2017 - I monrealesi che vogliono diventare cittadini di San Giuseppe Jato sono circa 160, tutti residenti nelle borgate di Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. Pagano le tasse alla città normanna ma usufruiscono dei servizi della città a Valle dello Jato


  • Romanotto (Credici Monreale): “Debiti azzerati? Solo a dicembre deliberato ricorso a Fondo di Riserva per 50.000 €”

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Azzeramento dei debiti del comune. Un’operazione di risanamento dei conti dell’ente portata come fiore all’occhiello della sua gestione amministrativa dal sindaco di Monreale, Piero Capizzi, e da lui sbandierato in tutti i consessi ..


  • Discipline in lingua straniera, laboratori, buone prassi innovative. É l’Open Day del Pietro Novelli

    Chiesa

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Anche quest'anno la D.D. "P. Novelli" apre le sue porte alle famiglie, ai bambini, al territorio per far conoscere i dettagli della sua organizzazione didattica: attività laboratoriali curriculari, buone prassi innovative, sperimentazioni inclusive.


  • Monreale. Sfratto al Circolo Italia. Burgio: “Posizione del Sindaco denigratoria e offensiva”

    Chiesa

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Claudio Burgio è il commissario pro tempore dell’associazione culturale “Circolo Italia”, che ha ricevuto dal comune l’ordinanza di sfratto dai locali di Piazza Vittorio Emanuele 2,4 e 6. Al circolo culturale viene richiesto anche il pagamento di €24.734,35 pi..


  • Quadrante: “Il PD responsabile, abbiamo consentito l’approvazione del “Salva Napoli”. Gestione del Sindaco approssimativa”

    Chiesa

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Sull'adesione alla procedura di salvataggio dal dissesto finanziario (cosiddetto "Salva Napoli") da parte del comune di Monreale, portata in aula venerdì scorso, il PD si è astenuto, con la sola eccezione del consigliere Ignazio Davì che, divergendo dalla posizione del..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale