Oggi è 17/01/2018

Politica

Le ragioni del Sí al Referendum Costituzionale 

Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinatore monrealese del Comitato per il Sì

Pubblicato il 19 novembre 2016

Le ragioni del Sí al Referendum Costituzionale 

Monreale, 19 novembre 2016 – “Penso che sul referendum costituzionale, nella nostra città, avrebbero potuto essere tante le iniziative politiche a favore del Sì e del No.

E questo non per dividersi in fazioni, come ormai accade sui social, ma sol perché la politica tornasse a essere dibattito oggettivo, riferimento e imput di riflessione per i cittadini, su temi importantissimi. Che influenzano l’oggi e il domani, il presente e il futuro!

Sono convinto che sia giusto metterci la faccia, l’ho sempre fatto, sempre e comunque. E concordo con un mio amico, che pochissimi giorni fa ebbe a dire:”bisogna fare delle scelte, non si può stare sempre dappertutto, evitare per questioni di opportunità. La terra di mezzo è per chi naviga a vista, senza meta, attendendo di approcciare nel primo porto”.

E allora, gentile direttore, le chiedo di ospitare questa mia riflessione, certamente non giuridica perché non ho l’ardire di ergermi a costituzionalista.

Vengo al dunque, facendo prima un veloce salto nel lontano 23 marzo 2002: la manifestazione a Roma per dire no all’abolizione dell’articolo 18.

Io c’ero, con entusiasmo, al fianco di chi mi aveva (stra)convinto che l’abolizione di quell’articolo fosse incostituzionale. Ma ciò che mi aveva convinto di più a manifestare era che i lavoratori sarebbero stati licenziati senza giusta causa.

Inaccettabile, per il presente e il futuro! Quella straordinaria piazza, riuscì a fermare l’abolizione dell’articolo 18!

Che soddisfazione, che bella vittoria, quanta passione! Eravamo convinti che quella battaglia avesse salvato milioni di posti di lavoro! Che ciascuno di noi aveva dato un contributo positivo! A onore del vero, alcuni erano venuti a Roma sol perché Berlusconi era antipatico. Ma questa era l’unica cosa che mi rifiutavo di capire.

Invece, nonostante quella vittoria, la crisi si fece avanti inesorabilmente: non licenziamenti individuali, la crisi di tantissime aziende! Da noi la Fiat, l’edilizia, la Fincantieri, l’Eni di Gela, etc, etc; nel Nord Est, finanche le industrie del Veneto!

Poi da quella crisi, nonostante la battaglia vinta il 23 marzo, emerse quella che molti, per ovvie ragioni, definiscono l’antipolitica: la richiesta di ridurre i benefit e il numero dei parlamentari!

Ed ecco che siamo entrati in uno dei punti nodali: con la nuova riforma, il numero dei senatori potrebbe passare da ben 315 a 100!

Cosa c’entra, in termini di riduzione della spesa che pagano i cittadini? Basti pensare che nel 2015 il senato è costato ben 540 milioni di euro, dei quali 79 milioni 401 mila euro sono stati spesi per le indennità e accessori dei senatori! Questo dato -79 milioni e 401 mila euro- potrebbe certamente essere cancellato portando a 100 il numero dei senatori!

Ma da chi sarebbero eletti i senatori con la nuova riforma? Dai consiglieri regionali, che a loro volta hanno già ricevuto il mandato fiduciario elettivo dei cittadini. E questo, quindi, consentirebbe di evitare ancora ulteriori spese per tenere aperti i seggi, per eleggere i senatori.

A loro volta, i consiglieri regionali non percepirebbero una indennità più alta di quella del sindaco del capoluogo di regione.

Forse, per chi ha accresciuto ancora la rabbia verso la casta, questo non è il migliore di tutti i risultati possibili! Ma è certamente un importante passo, che fino a poco tempo fa si chiedeva a gran voce. E certamente rilanciare, ogni volta, non fa ottenere ciò che un istante prima è stato chiesto. O nella peggiore delle ipotesi, l’ho provato il 23 marzo 2002, ci illude di ottenere qualcosa. Ma è una illusione. Poi c’è la realtà! E’ vero che tutto è migliorabile, ma nulla giustifica il non scegliere con concretezza, decidere di non muovere un primo passo concreto, finendo che sia sempre la storia del “tutto cambia perché nulla cambi”.

O addirittura perché tutto peggiori: l’altra opzione significherebbe autorizzare la casta a rimanere così com’è, a non diminuire il numero dei senatori e a non cambiare molte di quelle cose che oggi ci fanno dire che le cose vanno male, che la politica costa tanto perché tanti sono i politici. In fondo ciò di cui la collettività ha bisogno è più politica e meno politici.

Del tutto cambi perché nulla cambi, in fondo, è una scelta che Monreale già conosce…!”

Massimiliano Lo Biondo, Coordinatore Comitato Monreale per il Sì

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, il Prof. Roberto Amato il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici

    Politica

    Monreale, 16 Gennaio 2018 -Il Prof. Roberto Maria Amato è il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici del Comune di Monreale, funzionario della Regione Siciliana con alle spalle una lunga esperienza lavorativa all'interno dell'ente. Nella Sala Rossa di città, alla presenza del sindaco P..

    Continua a Leggere

  • 750° anniversario dedicazione Cattedrale Monreale: il 27 gennaio una Giornata di Studi

    Politica

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - In occasione del 750° anniversario della Dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale, sabato 27 gennaio si terrà una Giornata di Studi presso il palazzo Arcivescovile della cittadina normanna. All'incontro formativo prenderà parte l’a..

    Continua a Leggere

  • Istituto Guglielmo II, aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2018-2019

    Politica

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - Prendono il via oggi le iscrizione per l'anno scolastico 2018-2019 nell'istituto comprensivo "Guglielmo II". Durante il periodo delle iscrizioni, che si conclude il 6 febbraio, sarà possibile visitare la struttura e chiedere chiarimenti ai docenti.  ..

    Continua a Leggere

  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Politica

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..

    Continua a Leggere

  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Politica

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..

    Continua a Leggere

  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Politica

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Politica

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..

    Continua a Leggere

  • Ryanair rivoluziona le regole per il bagaglio a mano

    Politica

    Scatta la rivoluzione dei bagagli a mano su Ryanair, si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Siamo lieti di lanciar..

    Continua a Leggere

  • Al via l’Open week nella scuola Morvillo: organizzati laboratori, mostre e attività didattiche

    Politica

    Monreale, 15 Gennaio 2018 - Si è aperto oggi e si concluderà venerdì 19 Gennaio l’open week che, come ormai da t..

    Continua a Leggere

  • Una cena per 700 poveri del centro di Biagio Conte. Tra gli chef il monrealese Nicola Venturella

    Politica

    Palermo, 15 gennail 2018 - Una cena la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte. A organizzarla è lo chef e pasticcere di Partinico Massimo Giambelluca che ha chiamato a ..

    Continua a Leggere

  • «Cacciatori di storie bellissime». A Monreale i Percorsi Virtuosi di So.Svi.Le. e Maghweb

    Politica

    Monreale, 15 gennaio 2018 - All’interno di Villa Savoia le testimonianze di chi ha puntato sulla bellezza, molto spesso nascosta, del territorio siciliano. Dai Sicani, fino alla Via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, la Sicilia può offrire ancora innumerevoli spunti per convincere i rag..

    Continua a Leggere

  • Monreale a sostegno di Biagio Conte. Padre Elisée incontra il frate laico

    Politica

    Palermo, 15 gennaio 2018 - Tanta è ancora la gente che vive per strada che non ha un tetto, un lavoro, una dignità e sopravvive ai margini della società. Sono gli invisibili, non solo clochard,  costretti a dormire nelle auto o per le vie di Palermo sono anche le famiglie sfrattate, i padri ..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

    Politica

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit. La giunta jatina attiva per il riordino: «Serve fronte comune»

    Politica

    San Giuseppe Jato, 15 gennaio 2017 - I monrealesi che vogliono diventare cittadini di San Giuseppe Jato sono circa 160, tutti residenti nelle borgate di Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. Pagano le tasse alla città normanna ma usufruiscono dei servizi della città a Valle dello Jato


  • Romanotto (Credici Monreale): “Debiti azzerati? Solo a dicembre deliberato ricorso a Fondo di Riserva per 50.000 €”

    Politica

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Azzeramento dei debiti del comune. Un’operazione di risanamento dei conti dell’ente portata come fiore all’occhiello della sua gestione amministrativa dal sindaco di Monreale, Piero Capizzi, e da lui sbandierato in tutti i consessi ..


  • Discipline in lingua straniera, laboratori, buone prassi innovative. É l’Open Day del Pietro Novelli

    Politica

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Anche quest'anno la D.D. "P. Novelli" apre le sue porte alle famiglie, ai bambini, al territorio per far conoscere i dettagli della sua organizzazione didattica: attività laboratoriali curriculari, buone prassi innovative, sperimentazioni inclusive.


  • Monreale. Sfratto al Circolo Italia. Burgio: “Posizione del Sindaco denigratoria e offensiva”

    Politica

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Claudio Burgio è il commissario pro tempore dell’associazione culturale “Circolo Italia”, che ha ricevuto dal comune l’ordinanza di sfratto dai locali di Piazza Vittorio Emanuele 2,4 e 6. Al circolo culturale viene richiesto anche il pagamento di €24.734,35 pi..


  • Quadrante: “Il PD responsabile, abbiamo consentito l’approvazione del “Salva Napoli”. Gestione del Sindaco approssimativa”

    Politica

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Sull'adesione alla procedura di salvataggio dal dissesto finanziario (cosiddetto "Salva Napoli") da parte del comune di Monreale, portata in aula venerdì scorso, il PD si è astenuto, con la sola eccezione del consigliere Ignazio Davì che, divergendo dalla posizione del..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale