Oggi è 21/02/2019

Politica

Le ragioni del Sí al Referendum Costituzionale 

Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinatore monrealese del Comitato per il Sì

Pubblicato il 19 novembre 2016

Le ragioni del Sí al Referendum Costituzionale 

Monreale, 19 novembre 2016 – “Penso che sul referendum costituzionale, nella nostra città, avrebbero potuto essere tante le iniziative politiche a favore del Sì e del No.

E questo non per dividersi in fazioni, come ormai accade sui social, ma sol perché la politica tornasse a essere dibattito oggettivo, riferimento e imput di riflessione per i cittadini, su temi importantissimi. Che influenzano l’oggi e il domani, il presente e il futuro!

Sono convinto che sia giusto metterci la faccia, l’ho sempre fatto, sempre e comunque. E concordo con un mio amico, che pochissimi giorni fa ebbe a dire:”bisogna fare delle scelte, non si può stare sempre dappertutto, evitare per questioni di opportunità. La terra di mezzo è per chi naviga a vista, senza meta, attendendo di approcciare nel primo porto”.

E allora, gentile direttore, le chiedo di ospitare questa mia riflessione, certamente non giuridica perché non ho l’ardire di ergermi a costituzionalista.

Vengo al dunque, facendo prima un veloce salto nel lontano 23 marzo 2002: la manifestazione a Roma per dire no all’abolizione dell’articolo 18.

Io c’ero, con entusiasmo, al fianco di chi mi aveva (stra)convinto che l’abolizione di quell’articolo fosse incostituzionale. Ma ciò che mi aveva convinto di più a manifestare era che i lavoratori sarebbero stati licenziati senza giusta causa.

Inaccettabile, per il presente e il futuro! Quella straordinaria piazza, riuscì a fermare l’abolizione dell’articolo 18!

Che soddisfazione, che bella vittoria, quanta passione! Eravamo convinti che quella battaglia avesse salvato milioni di posti di lavoro! Che ciascuno di noi aveva dato un contributo positivo! A onore del vero, alcuni erano venuti a Roma sol perché Berlusconi era antipatico. Ma questa era l’unica cosa che mi rifiutavo di capire.

Invece, nonostante quella vittoria, la crisi si fece avanti inesorabilmente: non licenziamenti individuali, la crisi di tantissime aziende! Da noi la Fiat, l’edilizia, la Fincantieri, l’Eni di Gela, etc, etc; nel Nord Est, finanche le industrie del Veneto!

Poi da quella crisi, nonostante la battaglia vinta il 23 marzo, emerse quella che molti, per ovvie ragioni, definiscono l’antipolitica: la richiesta di ridurre i benefit e il numero dei parlamentari!

Ed ecco che siamo entrati in uno dei punti nodali: con la nuova riforma, il numero dei senatori potrebbe passare da ben 315 a 100!

Cosa c’entra, in termini di riduzione della spesa che pagano i cittadini? Basti pensare che nel 2015 il senato è costato ben 540 milioni di euro, dei quali 79 milioni 401 mila euro sono stati spesi per le indennità e accessori dei senatori! Questo dato -79 milioni e 401 mila euro- potrebbe certamente essere cancellato portando a 100 il numero dei senatori!

Ma da chi sarebbero eletti i senatori con la nuova riforma? Dai consiglieri regionali, che a loro volta hanno già ricevuto il mandato fiduciario elettivo dei cittadini. E questo, quindi, consentirebbe di evitare ancora ulteriori spese per tenere aperti i seggi, per eleggere i senatori.

A loro volta, i consiglieri regionali non percepirebbero una indennità più alta di quella del sindaco del capoluogo di regione.

Forse, per chi ha accresciuto ancora la rabbia verso la casta, questo non è il migliore di tutti i risultati possibili! Ma è certamente un importante passo, che fino a poco tempo fa si chiedeva a gran voce. E certamente rilanciare, ogni volta, non fa ottenere ciò che un istante prima è stato chiesto. O nella peggiore delle ipotesi, l’ho provato il 23 marzo 2002, ci illude di ottenere qualcosa. Ma è una illusione. Poi c’è la realtà! E’ vero che tutto è migliorabile, ma nulla giustifica il non scegliere con concretezza, decidere di non muovere un primo passo concreto, finendo che sia sempre la storia del “tutto cambia perché nulla cambi”.

O addirittura perché tutto peggiori: l’altra opzione significherebbe autorizzare la casta a rimanere così com’è, a non diminuire il numero dei senatori e a non cambiare molte di quelle cose che oggi ci fanno dire che le cose vanno male, che la politica costa tanto perché tanti sono i politici. In fondo ciò di cui la collettività ha bisogno è più politica e meno politici.

Del tutto cambi perché nulla cambi, in fondo, è una scelta che Monreale già conosce…!”

Massimiliano Lo Biondo, Coordinatore Comitato Monreale per il Sì

Ricevi tutte le news

salvatore macaluso

Cara redazione, io voterò no pur essendo dello stesso partito di Massimiliano. Non starò a dilungarmi su quello che la modifica apporta ma solo tre punti di domanda: 1 perché non si è abolito completamente il senato e passato così al monocameralismo? Perché continuare ad avere 730 parlamentari quando gli USA ne hanno solo 500 x 300 milioni di abitanti? Nella nuova costituzione il ruolo, il peso, e gli ambiti della opposizione sono lasciati ai regolamenti delle camere. E se chi ha la maggioranza decide che esse non abbiano voce in capitolo?

19 novembre 2016 | 19:24 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Si è spenta Suor Severina Ricca, per 17 anni si è presa cura di diversi monrealesi

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Si è spenta oggi alle ore 18, all'età di 91 anni, Suor Severina Ricca, un tempo superiora del Boccone del Povero di Monreale. Per circa 17 anni è stata un punto di riferimento per molti monrealesi. I funerali si terranno venerdì 22 febbraio alle 10 nella Casa..

    Continua a Leggere

  • Incidente sul lavoro a Camporeale. Ferito un anziano agricoltore

    Politica

    Camporeale, 20 febbraio 2019 - Nuovo incidente sul lavoro in provincia di Palermo. A Camporeale Michele Vinci, 63 anni, bracciante agricolo, è rimasto impigliato con la sciarpa alla macchina seminatrice. L’uomo soccorso dai sanitari del 118 è stato trasferito all’ospedale Civico. I medic..

    Continua a Leggere

  • Alessandra Zerbo della “Vanity Models Management” di Francesco Pampa, approda al “Volkswagen International Fashion Week” di Milano

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Per la prima volta una delle modelle della Vanity Models Management, presieduta dal monrealese Francesco Pampa, parteciperà a un evento di così grande respiro nazionale come il “Volkswagen International Fashion Week Autocogliati Milano”. Sarà la giovanissima Al..

    Continua a Leggere

  • In Sicilia 5 mln a fondo perduto per ripristinare i teatri. Gambino (Mosaico): “Non sprechiamo questa opportunità”

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Sono arrivo in Sicilia grossi finanziamenti a fondo perduto per la riqualificazione di teatri e sedi per lo spettacolo, e Roberto Gambino non perde tempo a proporre Monreale come potenziale destinataria di una parte di questi fondi. Lo scorso 17 gennaio è stato emess..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato. Incidente stradale. Un uomo perde la vita

    Politica

    San Giuseppe Jato 20, febbraio 2019 - Si è verificato un gravissimo incidente stradale sulla Strada Provinciale 2, tra San Giuseppe Jato e Camporeale in contrada Cammuca, a pochi chilometri dal Lago Poma. Una Smart è cappottata e un uomo è stato sbalzato fuori dall'abitacolo. L’allarme è st..

    Continua a Leggere

  • Chiro è sparito da circa un mese, 1000 euro a chi lo ritrova

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Era fine gennaio quando Chiro si è allontanato da casa, zona Strazzasiti a Monre..

    Continua a Leggere

  • Apertura serale delle attività commerciali, ancora una proposta da Lo Biondo (#OLTRE): “Ripartiamo dalle potenzialità turistiche”

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Ancora una proposta arriva da Massimiliano Lo Biondo, candidato sindaco di #OLTRE, rivolta in questo caso alle attività commerciali di Monreale. L'idea di #OLTRE è infatti quella di incentivare l'apertura serale delle attività commerciali. "Al calar della sera Monr..

    Continua a Leggere

  • Indennità CDA Biviere. Romanotto: “L’imminente corsa alle urne del 28 Aprile ha posto le condizioni per una risposta mediatica così repentina”

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una nota inviata dai consiglieri comunali Giuseppe Romanotto e Giuseppe La Corte (Lega), in relazione all'articolo pubblicato ieri sulla questione delle indennità del CDA dell'Acquedotto Consortile del Biviere. Apprezziamo la celerità de..


  • Monreale. Forza Italia verso l’opzione Caputo. “Diventerà Bellissima” spaccata tra Capizzi e Arcidiacono

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Forza Italia guarda ad una coalizione di centro destra, in cerca di un candidato, “Diventerà Bellissima” si spacca tra Capizzi e Arcidiacono con posizioni interne inconciliabili, Arcidiacono rischia di prendere il PD ma di tenere fuori l’area di centro destra. ..


  • Verde pubblico, dopo 60 anni Monreale affida una porzione di terreno a Santa Maria La Reale per la bonifica dello spazio

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Dopo 60 anni di diatribe sembra finalmente essere stata risolta la questione che vedeva coinvolti il Comune di Monreale, il Comune di Palermo e la Parrocchia di Santa Maria La Reale, sita poco sopra la Rocca, all’inizio della salita del c..


  • Moscarelli (Lega): Roccamena si sta spopolando, vanno via i giovani e il paese invecchia. Errori e inerzia dell’attuale amministrazione

    Politica

    Roccamena, 20 febbraio 2019 - Nello scorso consiglio comunale a Roccamena si è costituito il gruppo consiliare della Lega, capogruppo Angelo Moscarelli. Il consigliere, durante i lavori d’aula, aveva lamentato di essere stato lasciato solo ad un certo punto dell’esperienza svolta dal 2014 nei b..


  • Pioggia di contributi regionali per l’illuminazione pubblica. Monreale è fuori. Caputo: “Interi quartieri al buio, San Martino senza luce, la circonvallazione più pericolosa della Sicilia”

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Montelepre, Giardinello, Marineo, Bolognetta, Terrasini, San Giuseppe Jato, Piana degli Albanesi, Caccamo, Belmonte Mezzagno, Roccamena, Corleone, Carini, Palermo. Sono questi comuni della provincia di Palermo che potrebbero ricevere un congruo finanziamento dalla Region..


  • Caso Salvini/Diciotti. Costantini (M5S): “Quello di Capizzi un becero tentativo di gettare nell’agone politico l’avversario politico più accreditato”

    Politica

    Monreale, 20 febbraio 2019 - “Ho espresso la mia opinione come libero cittadino e come iscritto ad un Movimento politico che, attraverso strumenti di democrazia diretta, consente a chiunque di poter esprimere il proprio pensiero, trasferendo ai portavoce eletti il compito di farlo proprio e rappre..


  • Capizzi: “La giustizia non va a peso o a misura. La considerazione di Costantini inaccettabile. Non è nessuno per dire se Salvini ha commesso o meno un reato”

    Politica

    Monreale, 19 febbraio 2019 - “Mi permetto di dissentire dal punto di vista e dalla considerazione espressa dal consigliere Fabio Costantini. Non lo dico solo da sindaco o da cittadino, ma soprattutto da avvocato penalista. La giustizia non va a peso o a misura”. Il sindaco di Monreale, Piero ..


  • L’assessore regionale Roberto Lagalla incontra gli studenti al Basile-D’Aleo. “Disponibile per progetto pilota di valorizzazione del mosaico”

    Politica

    Monreale, 19 febbraio 2019 - Si è tenuto questa mattina, presso l’Aula Magna dell’..


  • Giovanni Ferro (Presidente Biviere): “Tutto regolare. Massaro sta restituendo tutte le indennità ricevute, come deliberato nel 2016”

    Politica

    [caption id="attachment_84475" align="alignleft" width="394"] I consiglieri della Lega, Giuseppe Romanotto e Giuseppe La Co..


  • «Si i Murriali?». «No, sugnu Chiuppitanu». Ecco il comune di Pioppo. Storia e disservizi alla base del progetto

    Politica

    - «Si i Murriali?» - «No, sugnu Chiuppitanu».  In una semplice domanda e dentro una semplice risposta risiedono le numerose ragioni che stanno spingendo una comunità, ormai da molti anni, a rivendicare la non appartenenza ad un territorio e la propria identifi..


  • Acquedotto Consortile Biviere. Lega: “L’ex presidente Massaro, prima di candidarsi al consiglio comunale, restituisca le somme percepite indebitamente”

    Politica

    Monreale, 19 febbraio 2019 - “Il Presidente ed i consiglieri dell’Acquedotto Consortile Biviere se non lo hanno già fatto devono restituire le indennità percepite durante il loro mandato”. È questa la finalità dell’interrogazione al Sindaco che hanno presentato ieri i consiglieri dell..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com