Oggi è 21/07/2018

Scuola

Autismo, questo sconosciuto!

Le riflessioni di un’insegnante di sostegno: andare oltre le barriere dell’ isolamento e della discriminazione

Pubblicato il 13 novembre 2016

Autismo, questo sconosciuto!

Monreale, 13 novembre 2016 – “Sono autistico e vivo in un piccolo mondo tutto mio, un mondino fiorito e colorato la cui lingua è il linguaggio del cuore. La chiave della sua porta d’accesso è l’amore. Amami, solo così mi capirai e imparerai come farti capire da me.”

Jean Paul Malfatti

La sindrome autistica, così come spesso viene descritta dal racconto di alcuni episodi, caratterizzati tutti dall’oggettiva difficoltà di includere chi ne è affetto in un sistema efficace e adeguato di relazioni sociali in ambito scolastico, sembra quasi concretizzarsi come una “peculiarità umana” di sofferenza davvero acuta e irrecuperabile, una condizione di estremo “impedimento sociale” che si palesa agli occhi dei “profani”, di chi ne ignora le caratteristiche reali, come una realtà patologica gravissima, irreversibile, spesso incompatibile con le normali modalità relazionali che si attuano a scuola all’interno delle varie classi. Condizione che, di fatto, per alcuni, escluderebbe la possibilità per il soggetto autistico del sacrosanto diritto di poter aspirare ad avere una vita normale, poiché spesso riconosciuto inadeguato, unico responsabile dell’eventuale mancata serenità in classe e magari anche dell’incolumità di chi si trova a dover interagire con lui. Nulla di più infondato…nulla di più pretestuoso, nulla di più falso.

In realtà l’autismo è talmente multiforme nelle sue caratteristiche peculiari da generare, a priori, diffidenza, se non addirittura paura, in chi non riesce o non vuole comprendere le dinamiche sottese a specifici comportamenti, apparentemente eccentrici o inadeguati. L’autismo è una sindrome che va profondamente conosciuta e capita, con delicatezza e rispetto, con una dose doppia di empatia, di voglia di interagire, di scoprire mondi “alternativi” ma ugualmente degni di essere abitati dall’amore…dalla vita, in ogni sua infinitesimale sfaccettatura e anche dalla propensione a comprendere una diversa percezione della realtà, una cosiddetta “anormalità” che riesce, se conosciuta, ad insegnare tanto e a far riflettere tutti noi considerati “normali”.

La cosa che colpisce e addolora è che frequentemente ci si sofferma solo sulle caratteristiche negative più eclatanti, sull’ipotetica violenza di alcune reazioni, sulle urla, sulle stranezze, senza sforzarsi di comprendere le autentiche motivazioni da cui, spesso, tali reazioni hanno origine o vengono inconsapevolmente enfatizzate.

L’autismo è un po’ come l’Oceano Infinito delle sindromi, di quelle sindromi che contemplano differenti, a volte incomprensibili modalità relazionali, percepite da alcuni come limitanti, talmente limitanti da sdoganare, in sporadici casi estremi, l’esclusione sociale, paventata come triste ultima razio, travestita da radicale ma necessaria pratica educativa.

Per fortuna esistono fondati e corretti modi di pensare e di agire, ormai accertati nella prassi quotidiana, che smentiscono tale pregiudizio aberrante, infatti, come ho già avuto modo di affermare in alcune occasioni di riflessione e confronto, il segreto risiede nell’impegno concreto finalizzato all’inclusione, nel crederci veramente, nel non erigere barriere invalicabili, nel navigare senza fermarsi neppure dinnanzi a quelle “Colonne d’Ercole” imposte da tutte le supposizioni legate a conoscenze fittizie prive di fondamento educativo.

Ecco allora alcuni basilari e modesti consigli su specifiche modalità educative adeguate, finalizzate all’integrazione scolastica e sociale del soggetto autistico e alla piena consapevolezza da parte della società, nel voler finalmente considerare la diversità non come mero ostacolo da eludere, ma come risorsa, come conoscenza di altri contesti comunicativi e relazionali arricchenti per ciascun individuo.

Quindi diventa naturalmente auspicabile, nella prassi didattico-educativa, fruire di accortezze che risultano davvero imprescindibili:

1) AVERE ASPETTATIVE ALTE

Non dare per scontato che un individuo non sia in grado di fare qualcosa solo perché affetto da autismo. Non farsi influenzare dall’eventuale quoziente intellettivo basso, perché è molto difficile misurarlo esattamente nelle persone con tale sindrome. Gli alunni con autismo possono impiegare più tempo a intraprendere o portare a termine determinate attività o necessitare continuamente di aiuto, ma bisogna aspettarsi sempre traguardi positivi da essi e non scusare o giustificare i loro comportamenti negativi, pensando che ne siano ormai definitivamente vittime, tanto da non poter essere aiutati a evitarli o modificarli.

2) USARE UN APPROCCIO POSITIVO

Cercare di essere sempre positivi e stare attenti ad ottenere comportamenti appropriati. Quando l’alunno si comporta bene, è necessario rinforzare tali comportamenti con elogi verbali specifici, ad esempio “Mi piace come stai seduto!”, oppure “Hai scritto bene, bravo!”. Per ottenere  comportamenti sempre più adeguati, potrebbe essere utile offrire altri rinforzi, insieme agli elogi verbali o anche fisici (una lieve pacca sulla spalla, una carezza sulla testa, un batti cinque etc.), ad esempio attività rinforzanti (un giocattolo, un particolare cibo, il break da una attività impegnativa). È, comunque, fondamentale trovare i rinforzi più graditi, giusti e adeguati al singolo alunno.

3) PARLARE IN MODO LENTO, CHIARO E SPECIFICO

È importante ricordare che le persone con autismo possono avere dei problemi a decodificare le modalità comunicative più complesse, il linguaggio ridondante. Risulta decisamente utile, spesso necessario, parlare piano e in modo chiaro affinché il bambino riceva tutte le indicazioni verbali, ricercando il contatto oculare, per assicurarsi che colga anche i suggerimenti non verbali. Bisogna essere molto specifici nell’uso del linguaggio, evitando di usare astrazioni finché non si è certi che l”alunno sia in grado di comprenderle.

4) NON ALZARE LA VOCE, AFFERRARE IL BAMBINO

Alzare la voce, afferrare un bambino che sta scappando, sembrano un modo naturale per ottenere arrendevolezza o evitare pericoli, ma i bambini con autismo possono manifestare una ipersensibilità sensoriale, e quindi non tollerare urla e rumori e stimoli tattili energici. Ecco perché spesso ci si sorprende di alcune reazioni eccessive, magari anche violente che appaiono sostanzialmente prive di fondata motivazione: in realtà è davvero necessario, sempre con il proficuo e essenziale contributo della famiglia, scoprire i limiti sensoriali del bambino, quali stimoli lo infastidiscono, in maniera che, evitandoli, si disinneschino le fonti del disagio che determinano quel comportamento agitato e “sopra le righe” apparentemente incomprensibile.

5) PREPARARE LA CLASSE, spiegare agli altri bambini le caratteristiche del loro compagno, magari anche il perché di certe bizzarrie o comportamenti strani. Creare un’aura di curiosità mista ad empatia, magari con l’ausilio di storie o video (meraviglioso quello francese “Mon petit frère de la lune”). Far comprendere anche le potenzialità del bimbo autistico, i suoi punti di forza e soprattutto coltivare lo spirito di solidale collaborazione tra tutti.

Concludo suggerendo un ultimo personalissimo consiglio: un bambino con la sindrome autistica ha soprattutto bisogno d’amore, di essere accolto, compreso e accettato. Andando oltre le oggettive difficoltà, cercando di ascoltare il suo “cuore” senza ombra di pregiudizio, si potrà finalmente imparare a vedere il mondo dal suo punto vista … e sarà una grande SCOPERTA.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, incendio minaccia villette a Giacalone. Sul posto i Forestali con pochi mezzi

    Scuola

    Monreale, 21 luglio 2018 - Questo pomeriggio a Monreale un grosso incendio ha minacciato diverse abitazioni, a peggiorare la situazione è stato non solo il vento che ha alimentato le fiamme ma anche la grave carenza di mezzi in dotazione alle squadre antincendio. Il rogo si è sviluppato in loca..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Applausi per il concerto di Silvia Vaglica e Stephen Vaglica (LE IMMAGINI)

    Scuola

    [gallery ids="71429,71430,71431,71432,71433,71434,71435,71436,71437,71438,71439,71440,71441,71442,71443,71444,71445,71446,71447"] Monreale, 21 luglio 2018 - Un caloroso pubblico ha assistito ieri sera all’interno del duomo di Monreale al concerto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana nel duomo d..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Il belvedere riaperto a cittadini e visitatori. Oggi l’inaugurazione (LE FOTO)

    Scuola

    [gallery ids="71407,71408,71409,71410,71411,71412,71413"] Monreale, 21 luglio 2018 - Dopo circa sette anni è stato ufficialmente riaperto questa mattina il belvedere della villa di Monreale. Un risultato ottenuto grazie alla collaborazione di tanti volontari che nel corso degli ultimi mesi ..

    Continua a Leggere

  • Vuoi visitare il Chiostro di Monreale? Devi pagare un sovrapprezzo per la mostra di Jan Fabre. Lo stop della Regione

    Scuola

    Monreale, 21 luglio 2018 - I visitatori del Chiostro di Monreale obbligati a pagare un supplemento anche se non interessati a una mostra allestita al suo interno. La Regione stoppa il provvedimento dopo che all'interno del monumento monrealese si è è registrato un brusco calo di accessi. Le polemi..

    Continua a Leggere

  • “Non portate i vostri rifiuti a Palermo”. Orlando scrive anche a Monreale

    Scuola

    Palermo  21 luglio 2018 - Il Sindaco Leoluca Orlando ha scritto una lettera, indirizzata ai sindaci dei Comuni limitrofi alla Città di Palermo e per conoscenza al Presidente della Regione siciliana e commissario ai rifiuti, al Prefetto di Palermo, all’Assessore Regionale ai Rifiuti ed al Dir..

    Continua a Leggere

  • Declassamento dell’ospedale di Corleone. Sindaci, sindacati e movimenti preoccupati

    Scuola

    Corleone, 21 luglio 2018 - Il corleonese dice No al taglio all’Ospedale dei Bianchi di Corleone.  La Commissione Straordinaria del Comune di Corleone, i Sindaci di Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Giuliana, Marineo, Prizzi, Roccamena, i rappresentanti sindacal..

    Continua a Leggere

  • Cementificazione e consumo suolo, in Sicilia è allarme 

    Scuola

    20 luglio 2018 - Continua la cementificazione in tutta Italia, e per la Sicilia si rinnova il rischio di dissesto idrogeologico a causa dell’erosione del terreno: la conferma arriva dall’ultimo rapporto Ispra, che evidenzia come un quarto del suolo naturale perduto a li..

    Continua a Leggere

  • Belvedere di Monreale, per domani prevista l’apertura alle 10,00

    Scuola

    Monreale, 20 luglio 2018 - Dopo l’input dato dal sopralluogo e dalla conseguenziale relazione tecnica redatta dal Prof. Giuseppe Schicchi e dal Prof. Manlio speciale, rispettivamente Direttore e Curatore dell’Orto Botanico di Palermo, dopo aver aperto e ridato ai visitatori circa 40 m. di affacc..

    Continua a Leggere

  • Un impianto di gestione di rifiuti pericolosi scoperto a Palermo. Legami con il mercato nero dei metalli

    Scuola

    [gallery ids="71299,71300"]

    I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e forestale del Centro Anticrimine Natura di Palermo, supportati dai colleghi della Compagnia Carabinieri di San Lorenzo, hanno sequestrato – all’interno di un p..

    Continua a Leggere

  • XXXI Festival Organistico San Martino delle Scale. Sabato 21 luglio iniziano i concerti

    Scuola

    Monreale, 12 luglio 2018 - Il XXXI Festival Organistico di San Martino delle Scale, come tradizione, avrà inizio il giorno precedente la festa “esterna” di San Benedetto, che quest’anno coincide con sabato 21 luglio; anche quest’anno il programma avrà protagonista lo storico “organetto L..

    Continua a Leggere

  • La legalità non ha età

    Scuola

    [gallery ids="71281,71279,71278,71277,71276,71275,71274,71269,71268,71267,71266,71264,71263,71262,71260,71259"] Palermo, 20 luglio 2018 - La manifestazione "Coloriamo via d'Amelio", che da ormai diversi anni ha luogo a Palermo giorno 19 Luglio per commemorare l'anniversario di morte di Paolo Bors..

    Continua a Leggere

  • Stephen e Silvia Vaglica con l’Orchestra Sinfonica in concerto al Duomo di Monreale

    Scuola

    Monreale, 20 luglio 2018 - Arriva dall’America anche se ha origini monrealesi e viene a realizzare un suo grande desiderio, quello di esibirsi al Duomo di Monreale, uno dei siti più belli del mondo inserito nel patrimonio dell’Unesco. Questa sera, alle ore 21,00, Stephen Vaglica, uno dei musici..

    Continua a Leggere

  • Monreale, scatta la tagliola sui rifiuti. Telecamere nascoste, vigili e carabinieri contro gli incivili

    Scuola

    Monreale, 19 luglio 2018 - Coloro che continuano a perseverare con il conferimento selvaggio di rifiuti indifferenziati nel territorio saranno beccati dalle telecamere nascoste disseminate nel territorio. Le immagini saranno trasmesse al comando dei vigili urbani che faranno scattare sanzioni salati..

    Continua a Leggere

  • RESPINTO L’APPELLO DEI PRECARI DEL COMUNE, confermata la sentenza di primo grado

    Scuola

    Monreale, 19 luglio 2018 - Nell’udienza che si è tenuta stamani al Tribunale di Palermo, la Corte d’Appello ha pienamente confermato la sentenza di primo grado: dunque, è stato ancora una volta respinto il ricorso presentato nel 2013 da un folto gruppo di dipendenti precari del C..

    Continua a Leggere

  • Strage di via d’Amelio, per ricordare Borsellino non servono le passerelle dei politici

    Scuola

    Oggi a Palermo alle 16,58 come ogni anno sarò in via D’Amelio per fare memoria di Paolo Borsellino e degli agenti di scorta Agostino CatalanoEmanuela&nbs..

    Continua a Leggere

  • Frate Mauro Billetta: “Fare memoria non significa vivere di nostalgia”

    Scuola

    Danisinni (Palermo), 19 luglio 2018 - Mauro Billetta è il frate cappuccino da diversi anni alla guida della parrocchia di Sant'Agnese, nel popoloso quartiere di Danissini, a pochi passi da piazza Indipendenza. Giornalmente alle prese con emergenze sociali, si trova..

    Continua a Leggere

  • Il 2018 sarà un’estate calda tra amichevoli di lusso e calciomercato 

    Scuola

    Chi l’ha detto che il Mondiale di Russia è stato l’evento calcistico più importante dell’estate? Senza voler sminuire un torneo come la Coppa del Mondo, ma dal punto di vista di Paesi come Italia, Olanda o la stessa Germania, che si è fermata alla fase a gironi, già durante le scorse setti..

    Continua a Leggere

  • Palermo: aprire e promuovere una nuova attività nel settore turistico

    Scuola

    Certe regioni italiane, da sempre, sono oggetto di grande interesse da un punto di vista turistico. Non a caso, la Sicilia rappresenta da sempre una delle destinazioni più apprezzate sia dai turisti italiani che da quelli stranieri. Città come Palermo dimostrano di essere ancora oggi particolarmen..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com