Oggi è 16/07/2018

Cronaca

Trump, io monrealese ex studentessa in Usa: “Gli americani hanno ciò che si meritano”

Sofia Rosano, 17 anni di Monreale è tornata da poco dagli Stati Uniti d’America

Pubblicato il 11 novembre 2016

Trump, io monrealese ex studentessa in Usa: “Gli americani hanno ciò che si meritano”

Monreale, 11 novembre – Sofia Rosano, 17 anni di Monreale (Palermo) è tornata da poco dagli Stati Uniti d’America. Lei che ha vissuto per un anno negli Usa, da studente ospite di una famiglia, l’altra mattina si è svegliata con le idee chiare su ciò che è accaduto. Ha aperto gli occhi, ha riavvolto il film dei ricordi, ha sfogliato le immagini raccolte in 365 giorni vissuti in America e non ha avuto dubbi su quanto accaduto. Nulla è avvenuto a caso. E nemmeno di “pancia”. Ecco la sua testimonianza.

“We’re doomed” ,“Siamo condannati”, è stato il primo messaggio che ho letto questa mattina, inviato da una mia amica di Lacey, Washington State, la città in cui ho vissuto per nove mesi l’anno scorso. Un po’ tragica forse, o forse no. “Ognuno ha quello che si merita”è stata la prima cosa che ho pensato mentre correvo a controllare l’andamento delle elezioni su Internet. Si perché, volendo essere forse anche un po’ estremisti, penso che gli americani meritino veramente uno come Trump come loro presidente. Anche se non pensavo fosse neanche lontanamente possibile che qualunque nazione nel 2016 potesse eleggere un razzista, misogino, omofobo, con zero esperienza politica. Ancor di meno se il Paese in questione sono gli Stati Uniti, potenza mondiale che tanto vanta di essere “the land of the free” in cui libertà e diritti uguali per tutti sono le idee base su cui si fonda la loro Costituzione.

Passato lo shock iniziale ho capito che forse la sua vittoria non era così imprevedibile: mi ero semplicemente rifiutata di crederci. L’anno scorso, i segnali avrei dovuto coglierli. Sapevo che la mia famiglia ospitante, alla fine, avrebbe votato per lui, perché “meglio un buffone Repubblicano che una bugiarda come la Clinton”. Ho più volte sentito persone lamentarsi di come entrambi i candidati fossero terribili, e di come forse non andare a votare sarebbe stata la scelta migliore, perché meglio non votare che dare il voto a uno dei due. Vedevo i miei amici e compagni, gran parte maggiorenni, per lo più disinteressatiall’argomento “elezioni”, tranne quei pochi, accaniti, seguaci di Trump, che magari venivano anche a scuola sfoggiando magliette sulle quali “MAKE AMERICA GREAT AGAIN” era scritto a caratteri cubitali, con tanto di faccia del neo presidente stampata. Questi ragazzi andavano in giro vantando di come loro e la loro famiglia appoggiassero la sua candidatura perché “Lui sì che saprà risanare l’economia; “Lui sì che creerà più lavoro”; “Con la sua esperienza in campo economico, l’America tornerà quella di una volta”. E ancora: “Avrà anche dei modi poco ortodossi, ma almeno è brutalmente onesto”.

E la politica estera? E le relazioni internazionali? E il grande muro che pensa di costruire per fermare l’immigrazione? Come tratterebbe quest’uomo con i Paesi più ostili al potere americano, con i suoi “metodi poco ortodossi” forse? Avevo visto i suoi comizi elettorali e vedevo come riusciva a tirar fuori la rabbia da ogni singolo partecipante, come li convinceva che tutto in America andava male e che il Paese stava andando a rotoli: tutti urlavano e applaudivano e sventolavano cartelli, quasi fosse una partita di hockey. Tutte le persone presenti ai suoi comizi erano e sono fermamente convinte che lui sarà per l’America una guida, che lui sia stato la scelta giusta. Non sto parlando di ricchi magnati convinti che Trump li aiuterà a fare i loro interessi, ma di cittadini ordinari, stanchi di vivere in case troppo piccole e con troppi pochi soldi da spendere in quello che ormai è diventato un Paese consumistico fino ai livelli dell’inverosimile.

Eppure mi rifiutavo di credere che una cosa del genere fosse possibile, che la sua candidatura non fosse altro che un grande scherzo e che ci fosse una minima possibilità della sua vittoria. Sono andata a letto la sera dell’8 novembre del tutto convinta che non avrebbe vinto. Perché Hilary Clinton non sarà sicuramente uno stinco di santo, e volendo avrei preferito un altro candidato, ma sicuramente sarà più adatta, più preparata e più sicura su come guidare questo Paese di Donald Trump. Eppure, alla fine ha vinto lui. Perché gli Americani hanno lasciato che vincesse. Perché i ragazzi si sono lasciati influenzare dal parere dei genitori, perché gli indecisiavranno lanciato una monetina, o peggio, saranno rimasti a casa. Perché i voti di chi ha votato il terzo partito sono stati essenziali per la vittoria di Trump, senza i quali avrebbe perso qualche Stato.

Forse non sarei dovuta rimanere sconvolta da una notizia del genere, perché la mentalità americana l’ho conosciuta e vissuta. Ho visto il disinteresse, la disinformazione e la cattiva-informazione di adulti e ragazzi sugli avvenimenti di cronaca, sulla politica interna e non, su qualsiasi argomento andasse al di fuori della routine quotidiana, verso ciò che non li tocca giornalmente. E non sto dicendo che si debba fare di tutta l’erba un fascio e che tutti gli Americani siano con la testa per aria. Sicuramente ci sono tantissime persone negli Stati Uniti che non rispecchiano affatto il tipo di persona che ho appena descritto, ma non sono sicura che la maggioranza della popolazione sia formata da quest’ultime. Tutti questi “difetti” nella mentalità americana erano cose che, i primi mesi, non potevo evitare di notare e che sicuramente non mi aspettavo. Ho conosciuto ragazzi convinti che Venezia fosse la capitale d’Italia; ho sentito professori rispondere alla domanda “ma la conoscenza non è potere?” dicendo che “Questo è solo quello che la scuola vuole insegnarvi, ma nella vita reale sono i soldi il vero potere”.

E per quanto possa sembrare una visione un po’ esagerata e pessimistica ho conosciuto tantissimi altri ragazzi che, venendo da altri Paesi, europei e non, si sono ritrovati spiazzati come me. Col passare dei mesi ho cominciato a farci sempre meno attenzione, anche se forse il fatto di rimanere comunque in contatto con i miei amici e la mia famiglia e di poter comunque avere conversazioni “stimolanti”, in qualche modo con il mio padre ospitante e qualche ragazzo, straniero come me, mi faceva pesare la situazione di meno. Arrivata agli ultimi giorni del mio soggiorno non volevo più andarmene, perché vivere in quella situazione di leggerezza, e direi anche ignoranza, si stava proprio bene.Mi ero lasciata trasportare totalmente in un mondo d’incoscienza, seguendo come i miei amici si comportavano, quello che i miei genitori e la mia famiglia si aspettavano da me.

Tornare in Italia è stato uno shock, mi ci è voluto un bel po’ per riabituarmi. Ho amato l’America ed è stata un’esperienza che mi ha probabilmente segnata a vita, è stato un luogo dove ho conosciuto persone fantastiche e dove ho vissuto tantissime esperienze che mi hanno aperto gli occhi su molte cose. Ma riflettendo su tutto questo capisco che forse l’idea degli Stati Uniti d’America che eleggono come loro presidente un personaggio come Donald Trump non è poi così folle. Continuo a pensare veramente che il popolo americano ha eletto il candidato che meritava, perché alla fine è stato il popolo a eleggerlo, la scelta era in mano sua. Si raccoglie ciò che si semina.

Ripreso da Il Fatto Quotidiano

 

 

Ricevi tutte le news

Giovanni

Mi fa piacere leggere l’intervista di Sofia Rosano . Allora cari amici miei non è vero che i giovani non hanno idee, perché la nostra ConcittadiConcittadina ha le idee abbastanza chiare sulle scelte politiche.

14 novembre 2016 | 21:48 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Caldo africano, ancora poche ore poi ci sarà un calo termico

    Cronaca

    Monreale, 16 luglio 2018 - Tra la tarda sera e la mattina di domani arriverà carico di frescura il Maestrale, quindi si tornerà a temperature normali. Ma il caldo africano è sempre lì. Si attende una nuova visita per il fine settimana. Da valutare intensità e durata. La perturbazione farà a..

    Continua a Leggere

  • Monreale. La mostra di Padre Pio si rivela un flop economico. Pochi visitatori. Chiusura anticipata al 31 luglio

    Cronaca

    Monreale, 16 luglio 2018 - Nel business plan era stato stimato un afflusso di ben 7.000.000 (proprio così, sette milioni) di visitatori. Ma i numeri di questo primo mese hanno ribaltato nettamente le stime. E così gli organizzatori della mostra "La Grande luce Padre Pio tra Scienza e Fede”, inau..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia, 28 arresti. Molti sono insospettabili

    Cronaca

    Palermo, 16 luglio 2018 - Maxi operazione antimafia della guardia di finanza. Sono finite in carcere 24 persone e quattro ai domiciliari.

    Tra questi Giuseppe Corona cassiere di un bar di fronte al porto, ma che secondo  le indagini del nucleo specia..

    Continua a Leggere

  • Aiutano i più bisognosi, nasce a Monreale una nuova realtà: “La Casa delle gioie”

    Cronaca

    Monreale, 15 luglio 2018 - Si occupano delle famiglie bisognose, sostengono le neo mamme ad organizzare l'arrivo del nascituro. Al momento non hanno una sede ma sperano di allestirla a breve, tra i loro programmi futuri é prevista anche l'apertura di una ludoteca, dove vorrebbero organizzare il dop..

    Continua a Leggere

  • Conferisci bottiglie e guadagni, accade a San Cipirello. Presto a Monreale e San Giuseppe Jato

    Cronaca

    San Cipirello, 15 luglio 2018 - A San Cipirello chi ricicla le bottiglie riceverà da oggi buoni spesa da utilizzare nei negozi convenzionati. Questo accada grazie a Legambiente Palermo. Obiettivo del piccolo centro jatino è quello di continuare a incrementare il record di raccolta differenziata, ..

    Continua a Leggere

  • Inferno tra Monreale e Altofonte. Pompieri, forestali e Protezione civile a lavoro fino a notte fonda

    Cronaca

    Monreale, 15 luglio 2018 - Ci sono volute diverse ore per domare le fiamme di un vasto incendio che si è sviluppato ieri tra i territori di Monreale e Altofonte. Il rogo, partito da Cozzo Paparina, in contrada Buttafuoco, nei pressi di Poggio San Francesco, è stato segnalato ai centralini dei v..

    Continua a Leggere

  • Verifica dei loculi al Cimitero di San Martino. Domani la consegna dei moduli

    Cronaca

    Monreale, 14 luglio 2018 - Continua a rimanere alta l'attenzione sul cimitero degli orrori di San Martino delle Scale.  Da domani alcuni volontari inizieranno a distribuire i moduli per la verifica dei loculi. Il gruppo sarà presente in piazza a San Martino e vicino l’ingresso del paese. ..

    Continua a Leggere

  • Corleone, maltrattava i bimbi all’asilo: maestra rinviata a giudizio

    Cronaca

    Corleone, 14 luglio 2018 - Con l'accusa di avere maltrattato i bambini di scuola materna, era stata sospesa dall'esercizio di pubblico ufficio una maestra. L'episodio era accaduto a Corleone dove i Carabinieri hanno hanno eseguito un'ordinanza di misura cautelare della sospensione dall'esercizi..

    Continua a Leggere

  • Incendio a Poggio Ridente. Evacuate alcune abitazioni

    Cronaca

    Palermo, 14 luglio 2018 - Intorno alle sette del mattino un Canadair è decollato dall'aeroporto di Trapani per un intervento antincendio su Poggio Ridente. Ancora in corso le operazioni.  L'incendio non è di vaste proporzioni, ma le fiamme lambiscono alcune abitazioni che per questo s..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, 18 sindaci vogliono impugnare l’ordinanza di Musumeci sull’avvio della differenziata

    Cronaca

    San Cipirello, 14 luglio 2018 - "Raccolta differenziata sì ma la Regione Siciliana ci metta nelle condizioni di farla, realizzando più impianti di raccolta". È il messaggio che spediscono 18 sindaci della provincia di Palermo al governatore della Sicilia Nello Musumeci dopo che ieri si sono riuni..

    Continua a Leggere

  • L’importanza dei tavolini da salotto: perché è importante non sottovalutarli

    Cronaca

    Nella scelta di un tavolino da salotto, sono cinque i principali aspetti che meritano di essere valutati in vista di un acquisto indovinato e soddisfacente: le dotazioni, l'identità cromatica, i materiali, le dimensioni e il design. Tra soluzioni tradizionali e alternative mod..

    Continua a Leggere

  • Il Movimento «Il Mosaico» si riempie di tessere. I nomi dei gruppi di lavoro

    Cronaca

    Monreale, 13 luglio 2018 - Si è tenuto martedì 10 luglio, a Chiasso Cavallaro, un primo incontro pubblico del Movimento Il Mosaico in cui gli iscritti e i simpatizzanti hanno avuto ..

    Continua a Leggere

  • Piazzale Candido, il centro di raccolta sotto casa ma i rifiuti vengono lasciati per strada

    Cronaca

    Monreale, 13 luglio 2018 - Cumuli di immondizia a due passi dalla postazione mobile di piazzale Candido. Succede a Monreale nelle vicinanze di via Venero, dove questa mattina gli operatori della ditta Mirto hanno trovato una discarica di sacchetti, nonostante il centro d..

    Continua a Leggere

  • Un luogo speciale che si chiama Cidma

    Cronaca

    Corleone, 13 luglio 2018 - A Corleone, a casa nostra, c’è un posto insolito e affollato che si chiama C.I.D.M.A. Il giorno della sua inaugurazione, il 12 dicembre del 2000, io avevo appena nove anni e un compito importante per l’occasione: ero stata scelta tra i miei compagni per omaggiare il ..

    Continua a Leggere

  • 394° Festino Santa Rosalia, gli eventi di venerdì 13 luglio

    Cronaca

    Palermo, 13 luglio 2018. Ecco il programma completo della quarta giornata del 394esimo Festino di Santa Rosalia, inserito nel programma di Palermo Capitale della Cultura 2018 e diretto da Lollo Franco e Letizia Battaglia.

    L’organizzazi..

    Continua a Leggere

  • “Ci aspettavamo l’assoluzione”. L’intervista al poliziotto Guido Ferrante

    Cronaca

    Monreale, 13 luglio 2018 - “Bisogna andare avanti, non bisogna arrendersi”. Il giorno dopo la sentenza di condanna a 6 anni, il poliziotto monrealese Guido Ferrante è ancora incredulo. Assieme all’avvocato Luca Benedetto Inzerillo si aspettava..


  • Monreale, abbandonati in campagna 10 cuccioli, ora cercano una casa (LE IMMAGINI)

    Cronaca

    [gallery ids="70616,70615,70614,70613,70612,70611,70610,70609,70608"] Monreale, 13 luglio 2018 - Messi in una scatola e abbandonati nelle campagne di Ficuzza. Si tratta di 10 cuccioli di meticcio, di cui 7 hanno meno di 20 giorni di vita. Lunedì è stata la Guardia forestale a trovare gli animal..


  • Caputo: “Ridotti gli ingressi al Chiostro. Amministrazione comunale, priva di prestigio, autorevolezza e strategia in tema di turismo”

    Cronaca

    Monreale, 13 luglio 2018 – “Storie di ordinario caos in una Monreale oramai priva di guida amministrativa e senza una precisa strategia turistica”. La critica è mossa da Salvino Caputo, rappresentante del Movimento Orgoglio Siciliano, che non nasconde la sua intenzione di rientrare in prima p..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com