Oggi è 18/01/2019

Cronaca

Trump, io monrealese ex studentessa in Usa: “Gli americani hanno ciò che si meritano”

Sofia Rosano, 17 anni di Monreale è tornata da poco dagli Stati Uniti d’America

Pubblicato il 11 novembre 2016

Trump, io monrealese ex studentessa in Usa: “Gli americani hanno ciò che si meritano”

Monreale, 11 novembre – Sofia Rosano, 17 anni di Monreale (Palermo) è tornata da poco dagli Stati Uniti d’America. Lei che ha vissuto per un anno negli Usa, da studente ospite di una famiglia, l’altra mattina si è svegliata con le idee chiare su ciò che è accaduto. Ha aperto gli occhi, ha riavvolto il film dei ricordi, ha sfogliato le immagini raccolte in 365 giorni vissuti in America e non ha avuto dubbi su quanto accaduto. Nulla è avvenuto a caso. E nemmeno di “pancia”. Ecco la sua testimonianza.

“We’re doomed” ,“Siamo condannati”, è stato il primo messaggio che ho letto questa mattina, inviato da una mia amica di Lacey, Washington State, la città in cui ho vissuto per nove mesi l’anno scorso. Un po’ tragica forse, o forse no. “Ognuno ha quello che si merita”è stata la prima cosa che ho pensato mentre correvo a controllare l’andamento delle elezioni su Internet. Si perché, volendo essere forse anche un po’ estremisti, penso che gli americani meritino veramente uno come Trump come loro presidente. Anche se non pensavo fosse neanche lontanamente possibile che qualunque nazione nel 2016 potesse eleggere un razzista, misogino, omofobo, con zero esperienza politica. Ancor di meno se il Paese in questione sono gli Stati Uniti, potenza mondiale che tanto vanta di essere “the land of the free” in cui libertà e diritti uguali per tutti sono le idee base su cui si fonda la loro Costituzione.

Passato lo shock iniziale ho capito che forse la sua vittoria non era così imprevedibile: mi ero semplicemente rifiutata di crederci. L’anno scorso, i segnali avrei dovuto coglierli. Sapevo che la mia famiglia ospitante, alla fine, avrebbe votato per lui, perché “meglio un buffone Repubblicano che una bugiarda come la Clinton”. Ho più volte sentito persone lamentarsi di come entrambi i candidati fossero terribili, e di come forse non andare a votare sarebbe stata la scelta migliore, perché meglio non votare che dare il voto a uno dei due. Vedevo i miei amici e compagni, gran parte maggiorenni, per lo più disinteressatiall’argomento “elezioni”, tranne quei pochi, accaniti, seguaci di Trump, che magari venivano anche a scuola sfoggiando magliette sulle quali “MAKE AMERICA GREAT AGAIN” era scritto a caratteri cubitali, con tanto di faccia del neo presidente stampata. Questi ragazzi andavano in giro vantando di come loro e la loro famiglia appoggiassero la sua candidatura perché “Lui sì che saprà risanare l’economia; “Lui sì che creerà più lavoro”; “Con la sua esperienza in campo economico, l’America tornerà quella di una volta”. E ancora: “Avrà anche dei modi poco ortodossi, ma almeno è brutalmente onesto”.

E la politica estera? E le relazioni internazionali? E il grande muro che pensa di costruire per fermare l’immigrazione? Come tratterebbe quest’uomo con i Paesi più ostili al potere americano, con i suoi “metodi poco ortodossi” forse? Avevo visto i suoi comizi elettorali e vedevo come riusciva a tirar fuori la rabbia da ogni singolo partecipante, come li convinceva che tutto in America andava male e che il Paese stava andando a rotoli: tutti urlavano e applaudivano e sventolavano cartelli, quasi fosse una partita di hockey. Tutte le persone presenti ai suoi comizi erano e sono fermamente convinte che lui sarà per l’America una guida, che lui sia stato la scelta giusta. Non sto parlando di ricchi magnati convinti che Trump li aiuterà a fare i loro interessi, ma di cittadini ordinari, stanchi di vivere in case troppo piccole e con troppi pochi soldi da spendere in quello che ormai è diventato un Paese consumistico fino ai livelli dell’inverosimile.

Eppure mi rifiutavo di credere che una cosa del genere fosse possibile, che la sua candidatura non fosse altro che un grande scherzo e che ci fosse una minima possibilità della sua vittoria. Sono andata a letto la sera dell’8 novembre del tutto convinta che non avrebbe vinto. Perché Hilary Clinton non sarà sicuramente uno stinco di santo, e volendo avrei preferito un altro candidato, ma sicuramente sarà più adatta, più preparata e più sicura su come guidare questo Paese di Donald Trump. Eppure, alla fine ha vinto lui. Perché gli Americani hanno lasciato che vincesse. Perché i ragazzi si sono lasciati influenzare dal parere dei genitori, perché gli indecisiavranno lanciato una monetina, o peggio, saranno rimasti a casa. Perché i voti di chi ha votato il terzo partito sono stati essenziali per la vittoria di Trump, senza i quali avrebbe perso qualche Stato.

Forse non sarei dovuta rimanere sconvolta da una notizia del genere, perché la mentalità americana l’ho conosciuta e vissuta. Ho visto il disinteresse, la disinformazione e la cattiva-informazione di adulti e ragazzi sugli avvenimenti di cronaca, sulla politica interna e non, su qualsiasi argomento andasse al di fuori della routine quotidiana, verso ciò che non li tocca giornalmente. E non sto dicendo che si debba fare di tutta l’erba un fascio e che tutti gli Americani siano con la testa per aria. Sicuramente ci sono tantissime persone negli Stati Uniti che non rispecchiano affatto il tipo di persona che ho appena descritto, ma non sono sicura che la maggioranza della popolazione sia formata da quest’ultime. Tutti questi “difetti” nella mentalità americana erano cose che, i primi mesi, non potevo evitare di notare e che sicuramente non mi aspettavo. Ho conosciuto ragazzi convinti che Venezia fosse la capitale d’Italia; ho sentito professori rispondere alla domanda “ma la conoscenza non è potere?” dicendo che “Questo è solo quello che la scuola vuole insegnarvi, ma nella vita reale sono i soldi il vero potere”.

E per quanto possa sembrare una visione un po’ esagerata e pessimistica ho conosciuto tantissimi altri ragazzi che, venendo da altri Paesi, europei e non, si sono ritrovati spiazzati come me. Col passare dei mesi ho cominciato a farci sempre meno attenzione, anche se forse il fatto di rimanere comunque in contatto con i miei amici e la mia famiglia e di poter comunque avere conversazioni “stimolanti”, in qualche modo con il mio padre ospitante e qualche ragazzo, straniero come me, mi faceva pesare la situazione di meno. Arrivata agli ultimi giorni del mio soggiorno non volevo più andarmene, perché vivere in quella situazione di leggerezza, e direi anche ignoranza, si stava proprio bene.Mi ero lasciata trasportare totalmente in un mondo d’incoscienza, seguendo come i miei amici si comportavano, quello che i miei genitori e la mia famiglia si aspettavano da me.

Tornare in Italia è stato uno shock, mi ci è voluto un bel po’ per riabituarmi. Ho amato l’America ed è stata un’esperienza che mi ha probabilmente segnata a vita, è stato un luogo dove ho conosciuto persone fantastiche e dove ho vissuto tantissime esperienze che mi hanno aperto gli occhi su molte cose. Ma riflettendo su tutto questo capisco che forse l’idea degli Stati Uniti d’America che eleggono come loro presidente un personaggio come Donald Trump non è poi così folle. Continuo a pensare veramente che il popolo americano ha eletto il candidato che meritava, perché alla fine è stato il popolo a eleggerlo, la scelta era in mano sua. Si raccoglie ciò che si semina.

Ripreso da Il Fatto Quotidiano

 

 

Ricevi tutte le news

Giovanni

Mi fa piacere leggere l’intervista di Sofia Rosano . Allora cari amici miei non è vero che i giovani non hanno idee, perché la nostra ConcittadiConcittadina ha le idee abbastanza chiare sulle scelte politiche.

14 novembre 2016 | 21:48 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale. Tossicodipendente arrestato dai Carabinieri. A denunciarlo i suoi stessi genitori

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019 - A presentare formale denuncia presso la stazione dei Carabinieri di Monreale sono stati i suoi stessi genitori. E così F. I., un giovane di 25 anni residente a Monreale in via Aquino Molara, è stato tratto in arresto. I genitori erano stanchi, non riuscivano a sost..

    Continua a Leggere

  • Meteo, da sabato finisce la tregua. Bufera di pioggia in arrivo

    Cronaca

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Preparatevi ad un lungo e persistente periodo freddo e perturbato. Si tratterà di più giorni con temperature sotto media per quasi tutta la Sicilia. Gennaio ricorda a tutti che è il mese invernale per eccellenza. Da sabato finisce la tregua anticiclonica, piogg..

    Continua a Leggere

  • Blitz nel circo Sandra Orfei, sequestrata una tigre. Aveva il microchip di un altro animale

    Cronaca

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Oggi I Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo, a seguito di un controllo amministrativo presso una struttura circense, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, V.C. classe 1974, gestore del circo presente in città, poiché deteneva un esemplare di panth..

    Continua a Leggere

  • Collegio di Maria, arrivano i ringraziamenti ma manca il nome del sindaco. “Le stufe sono state prese dalla Dirigente”

    Cronaca

    Monreale, 17 gennaio 2019 -Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in Redazione da parte di un gruppo di mamme che si sono battute affinché i figli potessero avere quello che una scuola normale offre. I genitori delle classi IV e V F dell'istituto Pietro Novelli chiedevano all'amministrazione u..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Cantieri di lavoro. Chi verrà chiamato (All’interno la graduatoria definitiva)

    Cronaca

    Monreale, 17 gennaio 2019 - È stata pubblicata la graduatoria (CLICCA QUI PER LEGGERLA) definitiva dei soggetti che verranno occupati nei cantieri di lavoro per il Comune di Monreale.

    Continua a Leggere

  • Centri per l’impiego, 4mila posti di lavoro disponibili

    Cronaca

    La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’..

    Continua a Leggere

  • Ecco tutti i vantaggi dei servizi di carrozzeria online

    Cronaca

    17 gennaio 2019 - Avete appena subìto un danno alla carrozzeria della vostra auto e non sapete cosa fare? La vostra officina di fiducia è chiusa, oppure è semplicemente lontana anni luce dal luogo in cui state patendo il problema di cui sopra? Ebbene, questo è l'articolo che fa al ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, emergenza loculi. Il sindaco procede alle estumulazioni anche di loculi con concessioni a 99 anni. Le opposizioni “Mancanza di progettualità e lungimiranza”

    Cronaca

    Roccamena, 17 gennaio 2019 - “Ampliamento del cimitero comunale e sistemazione dell’esistente”. È uno dei punti programmatici con il quale il sindaco Ciaccio nel 2014 aveva vinto le amministrative del comune di Roccamena, alla guida della lista "Noi per Roccamena”. In paese quello della ..

    Continua a Leggere

  • Assolto perché il fatto non sussiste. Il sindaco Capizzi scagionato dall’accusa di omissione di atti d’ufficio (I DETTAGLI)

    Cronaca

    Palermo, 17 gennaio 2019 – Si è conclusa positivamente per il primo cittadino di Monreale, Piero Capizzi, una vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto assieme al suo predecessore, Filippo Di Matteo. Per Capizzi, difeso dall’avvocato Giuseppe Botta che aveva scelto il ..

    Continua a Leggere

  • Finanziaria regionale. Salta l’accordo in Commissione Bilancio. Fava: “Spettacolo imbarazzante per il Governo”

    Cronaca

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Si fa sempre più concreta la possibilità che venga autorizzato un altro mese di bilancio provvisorio. In commissione bilancio infatti non si trova l'accordo sul collegato e l'aula viene rinviata addirittura a data da destinarsi. I deputati riceveranno la convocazione al ..

    Continua a Leggere

  • Forestali senza stipendio, presidio Flai-Cgil sotto l’UST. Pisa: “Siamo stanchi delle false promesse del Governo regionale”

    Cronaca

    Palermo, 16 gennaio 2019 - Nonostante le rassicurazioni i pagamenti e gli adeguamenti contrattuali non sono arrivati nè entro l'anno nè entro il 16 gennaio. Per problemi finanziari la Regione non ha pagato gli stipendi agli operai forestali della provincia di Palermo. Oggi sotto la sede dell'Uffic..

    Continua a Leggere

  • Centro per l’Impiego, domani torna operativo lo sportello

    Cronaca

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da domani mattina sarà operativo l'ufficio per l’impiego di Monreale. Nella sede di via Venero verranno offerti i servizi di accoglienza, orientamento e consulenza, incontro domanda e offerta placement, inserimento lavoratori disabili e categorie protette, promozione t..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, tragedia sfiorata: crollati i solai di una palazzina

    Cronaca

    San Cipirello, 16 gennaio 2019 - Crollo la scorsa notte in una palazzina a San Cipirello. Il peso di un grosso recipiente d’acqua ha fatto collassare i solai di una costruzione a due piani dove c’è una sartoria. Il crollo è avvenuto nella notte e in quel momento non c’era nessuno. I ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Strisce blu: da oggi pagamento anche tramite l’App di Poste Italiane

    Cronaca

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da oggi anche i cittadini di Monreale potranno pagare la sosta sulle strisce blu in maniera più veloce. È stato abilitato il pagamento dei ticket per la sosta oraria sulla piattaforma di PostePay+. Sarà sufficiente scaricare dal proprio smartphone l’App Postepay, cli..

    Continua a Leggere

  • Centro di raccolta di Fiumelato. Contenitori tra il fango? A breve sarà un lontano ricordo

    Cronaca

    [gallery ids="89150,89151,89152,89153,89154,89155,89156,89157"] Monreale, 16 gennaio 2019 - Da quando è stato istituito il centro di raccolta dei rifiuti differenziati all’ex Casello di Fiumelato per servire una parte della zona periferica di Monreale, tante sono state le lamentele dei residen..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Salme in attesa nel deposito del cimitero. Vittorino: “A breve procediamo con la tumulazione”

    Cronaca

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Sulle condizioni in cui versa il cimitero monrealese abbiamo più volte scritto. Come in diverse occasioni alcuni cittadini hanno deciso di armarsi di attrezzi e buona volontà per ripulire e dare decoro al luogo. Mimmo Vittorino, neo assessore con delega ai servizi cimit..

    Continua a Leggere

  • Quartiere Carmine, tentato furto di rame. Staccata la grondaia della chiesa

    Cronaca

    [gallery ids="89086,89085,89084"] Monreale, 15 gennaio 2019 -I ladri sono riusciti solo a staccare la grondaia ma non l'hanno portata via. Ancora una volta per pochi euro nel cuore della città avviene una manomissione ad un impianto pubblico. Un tentato furto di rame è avvenuto nel weekend all'..

    Continua a Leggere

  • L’assessore Potenza incontra i dirigenti scolastici. Stilato il calendario delle iniziative

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2019 - Si è svolto stamane in Sala Rossa un primo incontro, promosso dall’assessore alla Pubblica Istruzione Serena Potenza, con i Dirigenti Scolastici degli istituti monrealesi, che ha avuto come obiettivo la programmazione di alcune iniziative sulla legalità, ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com