Oggi è 18/01/2020

ARTEria

Potrei tornare… qualora dovesse valerne la pena! Compermesso

Qui siamo alla frutta e Teomondo Scrofalo umilierà Leonardo da Vinci

Pubblicato il 23 ottobre 2016

Potrei tornare… qualora dovesse valerne la pena! Compermesso

La necessità di assecondare il confronto mi costringe a fare della nota di oggi un’appendice di quella precedente. Già lunedì sera ricevevo un messaggio in privato dal fondatore dell’associazione ArteEos nel quale, con toni accettabili e sentimentalmente coinvolgenti mi scriveva: “Buona sera Sergio… ti scrivo in forma amichevole in quanto fb è una piattaforma social e spero tu non me ne voglia…. questo è quello che ti scrissi il 22 febbraio 2016…. sappi che io credo nel mio operato, ci metto l’anima, ho due figli di 12 e 7 anni e ogni giorno quando riesco a strappare un sorriso ad un pittore che ha voglia di esprimersi e si è dovuto imbattere in un mondo che è diventato anch’esso di squali, per me è come far felici gli stessi miei figli…. non ho mai fatto pagare una mostra e il tuo articolo una lapide al Monumentale, mi fa veramente male… con rispetto, ciao”. Pur rifiutando che il nostro Museo cittadino sia il luogo più adatto ove esporre opere di artisti vittime degli “squali” ai quali “strappare sorrisi”, mi sono immedesimato e ho tentato di rendere ancor più chiare le mie affermazioni. Ho ribadito la personalissima convinzione che “nessuno dei 33 artisti associati ad ArtEos sia destinato a saturare i saggi di Storia dell’Arte che i posteri daranno alle stampe”. Una certezza che indirizzo al mio stesso operato…, figurarsi se nel farlo posso celare intenti offensivi! Se i suoi artisti sono convinti del contrario, buon pro gli faccia! Ho precisato di non aver mai supposto che ArtEos lucri sulle quote associative e di considerare non inerente la sua spontanea discolpa. Ho ribadito, invece,  il mio ritenere assurdo che gli spazi del Museo cittadino siano messi a disposizione di privati dediti all’organizzazione di attività finalizzate alla “vendita” di premi e riconoscimenti o al “noleggio” di pareti ove esporre le opere di artisti a caccia di illusori profitti. Questo l’ho detto, continuo a sostenerlo e spero che non se ne accorgano all’UNESCO! Insomma, ho risposto cordialmente e in  modo pacato e circostanziato, fornendo persino il numero del mio cellulare, con l’invito a proseguire la conversazione di persona, magari per prendere insieme un caffè. Una risposta, la mia, la cui lettura avrebbe richiesto l’impiego di qualche minutino. Ma quando mai! A tappo, dopo qualche istante mi è arrivata la risposta (già pre-confezionata?): “Sarà cosa graditissima anche perché è mia intenzione coinvolgere artisti monrealesi di tutto rispetto… Noi siamo una associazione giovane ma con le idee ben chiare, involutamente mettendo il nostro nome in mezzo a questioni politiche che non ci riguardano, potresti mettere in cattiva luce la nostra totale buona fede… L’obiettivo è certamente creare i presupposti per eventi di spessore, ma se non si inizia da qualche parte è difficile dare credibilità e ti assicuro che progetti ambiziosi presenti nel nostro programma ce ne sono… Convogliamo le idee.. Cresciamo insieme e gli artisti di Monreale vorremmo tanto che fossero coinvolti… L’arte in piccolo e chiaramente in grande deve essere motivo di confronto e non di scontro. Noi con la politica non vogliamo entrarci, ti prego se puoi di rimediare in qualche modo o lo faremo noi, fermo restando che sederci davanti ad un caffè sarebbe cosa gradita… Ti lascio anche il mio cell solo per correttezza e per trasparenza, ci sentiremo presto.” Avendo letto con attenzione, sono in grado di trarre qualche conclusione. All’inizio mi si offriva l’allettante “carota”: “è mia intenzione coinvolgere artisti monrealesi”. E chi se ne fotte!, rispondo oggi, in modo volgare ma efficace, aggirando l’ammiccamento compiacente e il dubbio di essere stato percepito come soggetto concussibile. Subito dopo, il fondatore di ArtEos, altro non ha fatto che confermare la sostanza del mio precedente articolo: “ma se non si inizia da qualche parte è difficile dare credibilità; e ancora “L’arte in piccolo…”. Mi confermava, praticamente, che l’imminente evento di ArtEos al Monumentale non è altro che “un modo per iniziare” in piccolo e non “una grande mostra” come promette, mentendo, l’urlante locandina della mostra. Di seguito, il mio interlocutore, si è sperticato per prendere le distanze dalla politica e dai politici. Ma come ha fatto ad ottenere le chiavi del Complesso Guglielmo II? È stata l’intera Giunta a portargliele fino a casa a sua insaputa? Per concludere, il leader dell’associazione di artisti, mi indirizzava la minacciosa “bastonata”: “ti prego se puoi di rimediare in qualche modo o lo faremo noi”. Rimediare io? E come? Se avessi i poteri del Divino Otelma potrei tentare di infondere in lui e nei suoi associati i requisiti necessari per renderli credibili aspiranti all’ingresso nella futura Storia dell’Arte, ma, purtroppo, non li ho! Continui il presidente ad impegnarsi con la sua associazione e se anche il Sindaco di Parigi dovesse portargli fino a casa le chiavi del Louvre, potrà dire di avercela fatta!

Ma non era ancora finita. Gli eventi si accavallavano e, mentre mi si concedeva una chance per rimediare (“cerca di rimediare in qualche modo o lo faremo noi), loro lo avevano già fatto. Appellandosi al diritto di replica, avevano già instaurato un fitto scambio epistolare con la redazione di Filodiretto. La corrispondenza, così avviata dal presidente dell’ArtEos – “Gentile redazione / Chiedo, in merito all’articolo del dott. Sergio Mammina dal titolo “una lapide al Monumentale”… – proseguiva con contenuti simili a quelli che ho già trascritto in virgolettato e così veniva  conclusa: “… e risparmio tutte le considerazioni personali sulla modalità di ricerca e l’assenza di richieste in merito che fanno la differenza tra un blogger e un giornalista”. Non ho altro da aggiungere, se non puntualizzare qualche piccolo dettaglio. Mai più, il presidente, anteponga alla mia identità il titolo di dott.; non ne posseggo i requisiti, non ho mai detto di possederli e chi me li attribuisce rischia di incorrere nel reato di «millantata facoltà di conferire diplomi di laurea». I leaders di movimenti, di correnti e di associazioni artistiche, non essendo equiparati ai Magnifici Rettori, non possono farlo. In relazione all’affermazione secondo la quale, il non avergli chiesto se i suoi associati fossero già maturi per essere accolti dai libri di Storia dell’arte del terzo millennio, è più da blogger che da giornalista, intendo smentirlo radicalmente: né l’uno, né l’altro. Mi consideri semplicemente un cittadino, contribuente ed elettore (in parte anche ex elettore), che ama non esimersi dall’esternare, ironizzando copiosamente, quel che pensa e che, però, si prende cura nel contenere le azioni nell’ambito della verità, della correttezza, della ragionata motivazione e dell’altrui rispetto. Insomma, un cittadino sensibile al fascino dell’Arte, quella “vera”, e incapace di tollerare che il “rilancio” del Complesso monumentale Guglielmo II e l’impinguamento dei suoi miseri incassi, possa essere affidato ad artisti indiscutibilmente meno titolati di Morandi, Carrà, Guttuso, Marini, Music, Levi, Sironi, Casorati, tanto per citarne alcuni. Tutto qui! Un modo di esprimere me stesso che nulla  ha a che fare con la pratica professionale del lecchinaggio, finalizzato alla ricerca di profitti personali (di qualsiasi genere) e alla conquista di “spazi” (fisici o virtuali) nei quali poter mettere in evidenza se stessi, gli amici e gli affiliati, anche se a titolo gratuito!

Non è la prima volta che mi imbatto in situazioni di questo tipo, ed è una delle cause del sopraggiungere di una certa stanchezza. Da quando, in questo spazio, mi espongo da cittadino pensante e scrivente, ho dovuto vederne e viverne di tutti i colori! Ho incontrato persone che, avendo letto le mie note, incontrandomi, mi invogliano (divertite o solidali) a continuare. Altre che mi hanno detto – “Ti leggo, ma sei troppo lungo” – e alle quali ho risposto: “Leggine soltanto metà” – tanto cosa cambia! Ho aderito all’invito rivoltomi da un assessore, cordiale e gentile, con il quale ci siamo incontrati senza aver capito, sino ad oggi, perché lo abbiamo fatto, tranne l’aver intuito che a promuovere l’incontro era stata l’impiegata solerte e disinteressata. Ho più volte incontrato chi, sentendosi vittima di un’aggressione personale, ha sempre rifiutato il pubblico confronto, e che però, anche recentemente, ha continuato a farfugliare, con la salivazione azzerata, sempre la stessa solfa:  “Basta con questa persecuzione personale, mi hai rovinato troppe domeniche!”. Mi sono imbattuto in tanti che, sui social, hanno commentato pubblicamente, ma anche altri che lo hanno sempre fatto in privato; probabilmente per non compromettersi più di tanto, non si può mai sapere…!

 

A far afflosciare il vaso già quasi vuoto ci si mette anche la cronaca cittadina, inesauribile fonte d’ispirazione per i miei voli a bordo della fantasia, durante i quali osservare, da sopra, la realtà. Siamo arrivati decisamente alla frutta! Le news più recenti raccontano dell’«inaugurazione di un cancello» (lasciato chiuso per un decennio), classificando l’episodio quale rilevante «evento». Adeguarsi a questo stato di cose è assai deprimente e un tantino autolesionistico. Credo sia opportuno fissare uno standard e cestinare tutto ciò che, al disotto di esso, rappresenta soltanto il ridicolo! Ho infruttuosamente tentato di fare la mia parte e ne prendo atto. Continuare a pestare l’acqua nel mortaio sarebbe come voler emulare, ostinatamente, Don Chisciotte: lui con la lancia e io con la penna in lotta contro l’arte a “stento”, quella sospinta  dal vento dell’incompetenza e dell’incapacità. Meglio concedersi una pausa, tanto l’esito è ormai scontato: Teomondo Scròfalo (il pittore kitsch inventato da Ezio Greggio per i suoi sketch nella trasmissione televisiva degli anni ’80 Drive In) qui, a Monreale, avrà decisamente la meglio su Leonardo Da Vinci.

foto_02A costruire efficaci rimedi ci sta già pensando la «buona scuola», quella affidata dal Capo di governo alla Ministra “pronto corsa”. La Ministra scelta con lo stesso “marchio” della casa automobilistica specializzata, sin dal 1927, nella preparazione di auto da competizione: la “Giannini”. La Ministra che a gran velocità, addirittura a due mesi soltanto dall’inizio dell’anno scolastico, riesce a trovare un docente cui assegnare la cattedra, per esempio, di Storia dell’Arte. Il docente appena arrivato in classe, assecondando i ritmi inculcati dalla “casa”, assegna le prime 60 pagine, senza neanche spiegarne i titoli, per poi risultare assente alla lezione successiva. Assenza questa volta non dovuta al godimento dei sacrosanti diritti elargiti dalla legge 104, sia chiaro, bensì alla «velocità della buona scuola». Il docente, arrivato come un razzo, ha superato la sua scuola, quella buona, indirizzandosi speditamente verso lo stadio successivo, quello della «scuola buonissima»: il luogo ideale in cui si sta già alacremente lavorando per forgiare gli assessori del futuro.

Che ci pensino loro. Io preferisco allontanarmi per un po’… forse! Potrei anche tornare, qualora dovesse valerne la pena! Ora scusatemi ma devo proprio andare…! Compermesso!

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Paura a San Martino delle Scale, branco di cani aggredisce un gruppo di passanti

    ARTEria

    Attimi di paura questa mattina a San Martino delle Scale dove un gruppo di cani ha aggredito un gruppo di persone. La vicenda si è consumata in contrada Rinazzo. Una gruppo di persone che passava dalla zona si è visto attaccare da un gruppo di cani randagi che sono soliti stazionare nella zona ..

    Continua a Leggere

  • Ispezione al Comune di Partinico, rischio scioglimento per possibili infiltrazioni

    ARTEria

    Il Comune di Partinico è a rischio scioglimento. L'ultima parola l'avrà la Commissione ispettiva inviata dal Ministro dell'interno per accertare se effettivamente l'attività amministrativa dell'ente sia stata condizionata. Partinico è attualmente amministrata da una Commissione che si è inse..

    Continua a Leggere

  • “Sei un maledetto vecchio …”, la Polizia chiude casa di riposo a una monrealese

    ARTEria

    Aveva perpetrato una serie di azioni vessatorie e mortificanti nei confronti, in particolare, di un anziano degente, peraltro sofferente e disabile. E così è stata chiusa dalla Polizia di Stato, in seguito ad un’ordinanza emessa dal Comune di Palermo, la struttura denominata “AN..

    Continua a Leggere

  • Scompare un ragazzo a Palermo, trovato morto sotto il ponte Oreto

    ARTEria

    Era scomparso da casa da 24 ore ed è stato trovato morto questo pomeriggio sotto il ponte Oreto. Il corpo senza vita d A.P., 30 anni, è stato trovato senza vita. Da ieri mattina era scomparso dalla sua casa nel quartiere Oreto, a Palermo. Il corpo del giovane, che probabilmente si è gettat..

    Continua a Leggere

  • Monreale, incidente sulla circonvallazione: torna a casa il giovane di 17 anni

    ARTEria

    MONREALE - Sta bene G. M., il ragazzo di 17 anni rimasto vittima ieri sera di un brutto incidente sulla circonvallazione di Monreale. Il giovane, originario di Pioppo, viaggiava a bordo di un ciclomotore quando si è scontrato contro una vettura...

    Continua a Leggere

  • Derattizzazione alla media Morvillo, domani scuola chiusa

    ARTEria

    MONREALE - Domani verrà chiusa la scuola media dell’I.C.S. “Francesca Morvillo” di via Biagio Giordano 10. È stata emessa nella tarda mattinata  di oggi l’ordinanza sindacale. La chiusura ..

    Continua a Leggere

  • Dolore ad Altofonte per l’ultimo addio a Marco La Barbera

    ARTEria

    [gallery ids="131424,131425,131426,131427,131428,131429,131430"] ALTOFONTE - Una chiesa stracolma di persone ha atteso questo pomeriggio l’arrivo del feretro di Marco La Barbera, il giovane di 31 anni rimasto

    Continua a Leggere

  • Cacciano nella riserva della Pizzuta, denunciati quattro cacciatori

    ARTEria

    PIANA DEGLI ALBANESI E SANTA CRISTINA GELA - I Carabinieri delle stazioni si Santa Cristina e Piana degli Albanesi, con il supporto di personale del Corpo Forestale Regionale hanno eseguito diversi servizi finalizzati al contrasto del fenomeno del bracconaggio ed al cont..

    Continua a Leggere

  • Traffico illecito di rifiuti nel Palermitano, 13 misure cautelari e 146 indagati

    ARTEria

    Con le accuse di traffico illecito di rifiuti, emissione di fatture false e occultamento di documentazione contabile, il gip del tribunale di Palermo ha emesso altre 13 misure cautelari, obbligo di firma e interdittive, a carico di altri imprenditori del settore e raccoglitori di ferro, i cosiddetti..

    Continua a Leggere

  • Incidente stradale in Circonvallazione, ferito un uomo a bordo di una moto

    ARTEria

    [gallery ids="131359,131360,131361"] MONREALE - Incidente stradale lungo la Circonvallazione di Monreale questo pomeriggio.  L'incidente si è verificato all'altezza del semaforo che si trova all'incrocio con via Venero. Una persona a bordo di una moto, di cui ancora non si conoscono le g..

    Continua a Leggere

  • A Pioppo nascerà un cimitero, il Consiglio chiamato (di nuovo) a votare la variante al PRG

    ARTEria

    Si riunirà lunedì 27 gennaio alle 17.30 il Consiglio comunale del Comune di Monreale. Tra i punti all'ordine del giorno discussi dai consiglieri c'è quello relativo al cimitero c..


  • Bus bloccati da auto in curva, disagi al traffico e all’utenza

    ARTEria

    [gallery ids="131336,131337,131338,131339,131340,131341"] PALERMO - È successo questa mattina quando un bus dell’Amat, in servizio per la linea 106, proveniente dallo Stadio, è rimasto bloccato a causa di due automobili parcheggiate in cur..


  • Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, arriva la smentita: “Di Carlo non è il nuovo presidente”

    ARTEria

    PALERMO - Nessuna nomina a Presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana per Salvatore Di Carlo. È l’assessore al Turismo, Manlio Messina a smentire la notizia pubblicata questa mattina d..


  • Una lingua da proteggere: il dialetto siciliano

    ARTEria

    [gallery ids="131255,131256,131257,131258,131259,131260,131261,131262,131263,131264,131265,131266,131267,131268,131269,131270,131271,131272,131273,131274,131275,131276,131277,131278,131279,131280,131281,131282,131283,131284,131285,131286,131287,131288,131289,131290"]   MONREALE - ..


  • La mafia di Belmonte Mezzagno, le foto degli arrestati

    ARTEria

    [gallery ids="131308,131307,131306,131305"] PALERMO - Sono finiti in carcere in seguito al blitz di questa notte Salvatore Francesco Tumminia e Giuseppe Benigno, mentre Stefano Casella e Antonino Tummina sono stati raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Sono gli uomini al..


  • Salvatore Di Carlo, nuovo Presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana

    ARTEria

    PALERMO - Salvatore Di Carlo è da ieri il nuovo Presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana. Sostituisce il dimissionario Stefano Santoro. Salvatore Di Carlo è professore e avvocato sta..


  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, in carcere il capo della famiglia, Salvatore Francesco Tumminia, e altre 3 persone (VIDEO)

    ARTEria

    [gallery ids="131305,131306,131307,131308"] BELMONTE MEZZAGNO - È Salvatore Francesco Tumminia, secondo gli inquirenti, il nuovo capo del mandamento mafioso di Belmonte Mezzagno. L'uomo era da poco tornato in libertà dopo essere stato condannato per associazione mafiosa a ..


  • “Mi accontento di 50 euro”: È ancora allarme per la truffa dello specchietto

    ARTEria

    PALERMO - Sta diventando sempre più frequente in città la “truffa dello specchietto” e a lanciare l’allarme è proprio Lillo Vizzini, presidente di Federconsumatori di Palermo, che specifica come le zone di Corso Tukory, Via Ernesto Basil..