Oggi è 16/08/2018

Cultura

Diversità e genialità: un binomio possibile…le riflessioni di un’insegnante

Il mondo artistico e scientifico è costellato di personalità “anomale”, alle quali la disabilità non ha impedito, anzi ha enfatizzato la genialità di virtuosismi talentuosi

Pubblicato il 17 ottobre 2016

Diversità e genialità: un binomio possibile…le riflessioni di un’insegnante

Monreale, 17 ottobre 2016 – Sono un’insegnante di sostegno da ventiquattro anni…un’insegnante abituata a ricercare strategie, a sperimentare situazioni educative, a favorire riflessioni che accorcino le distanze ideologiche e concettuali tra diversità e normalità, tra realtà e pregiudizio, tra razionalità e sentimento.

Amo il mio lavoro al punto tale che credo sia ormai indissolubilmente esplicativo del mio modo di essere e di agire, costantemente alla ricerca e alla valorizzazione dell’individualità, della particolarità, della diversità nella normalità che favorisca, in chi muove i primi passi nella vita e nella società, un progressivo superamento di pregiudizi, al fine di maturare una flessibilità di pensiero che renda il più possibile i cittadini in fieri, uomini e donne liberi dal condizionamento sociale e dalla discriminazione su basi stereotipate. Grazie al mio lavoro ho conosciuto dal vivo ogni risvolto, sia negativo che positivo, legato alla diversità evidenziata dallo stato di disabilità. Ho dolorosamente compreso cosa significhi realmente non essere in grado di muoversi, ascoltare e parlare come la gente comune, quella  considerata per convenzione “normale” e venire respinti o, peggio, essere ignorati a causa della propria diversità. Al contrario ho imparato che a volte la disabilità stringe la mano alla genialità e ciò che appare irrimediabilmente imperfetto è in grado di generare bellezza, armonia e suggestioni uniche.

Il mondo artistico e scientifico è costellato di personalità “anomale”, alle quali la disabilità non ha impedito, anzi ha enfatizzato la genialità di virtuosismi talentuosi. D’altronde ogni cosa o individuo può celare aspetti endogeni decisamente sorprendenti: il fiocco di neve, ad esempio, è uno degli elementi naturali più fragili ed eterei: minuto, indifeso, esile  nella sua rarefatta inconsistenza. Eppure, osservato attentamente al microscopio, lo stesso insignificante fragile agglomerato di cristalli svela un’altra identità, evidenzia la sua elegante natura estetica e appare complesso, prezioso…quasi un gioiello di delicata fattura e bellezza.  Esattamente come un fiocco di neve molte cose e un buon numero di individui non sono sempre come appaiono ad un occhio superficiale, ma si svelano solo agli sguardi più acuti, attenti e desiderosi di andare oltre la coltre della mera apparenza.

In realtà la società ci abitua sin da piccoli al mito ostentato e visibile dell’efficienza a tutti costi, della perfezione standardizzata, della potente efficacia offerta da nervi saldi e da un carattere forte, opportunamente temprato e spavaldo, che allontani ogni barlume di possibile fragilità. Spesso però questa “forza” è il  sorprendente frutto di reiterati condizionamenti, che celano o mistificano quella che potrebbe essere l’autentica e profonda essenza dell’essere umano, attraverso un costante e artificioso adeguamento a canoni rigidi, aridamente predefiniti. La diversità riveste, quindi, nell’immaginario collettivo, un’accezione abbastanza negativa, deficitaria, sofferente, di evidente fragilità. In realtà non ci si  sofferma quasi mai a riflettere sulla constatazione di una condizione comune a tutti indistintamente, che sottolinea come, almeno una volta nella vita, capiti a ciascuno di noi di sentirsi diverso per un verso o per un altro, ma a volte è proprio questo percepirsi inadeguati l’input che  conduce alla ricerca di altre vie, alla sperimentazione di situazioni mai vissute, perfino alla realizzazione di innovativi progetti, utili per la collettività, magari scegliendo di percorrere non l’unica strada immediatamente disponibile, la più ovvia e semplice, ma quella più complessa, dai tratti non perfettamente lineari, spesso sconosciuta o alternativa.

Si pensi come i tumulti e le passioni creative legate all’arte prescindano dalla perfezione o “normalità” di chi la esercita. Sono davvero tanti i protagonisti dell’arte, della letteratura, della scienza che, nella loro evidente diversità, hanno prodotto Capolavori Assoluti, dimostrando uno strepitoso talento. Lo stesso Giacomo Leopardi se fosse esistito in quest’epoca, in pieno delirio di efficienza corporea e mentale, legata a enfatizzare soprattutto la prestanza fisica e la “furbizia” caratteriale, sarebbe stato etichettato come un disadattato, un individuo fragile e strano di cui “diffidare”. Tra gli artisti, letterati e scienziati del passato o contemporanei con disabilità conclamata, vorrei citarne qualcuno, giusto per confutare ciò che ho sostenuto fino adesso.

Ecco allora alcuni grandi personaggi, che hanno reso questo nostro Mondo un posto migliore:

VINCENT VAN GOGH

Van Gogh è un pittore  di origine olandese la cui vita complessa e tumultuosa è famosa a tutti grazie a delle lettere scritte al fratello. Divenne celebre solo dopo la sua morte: in vita ebbe pochi riconoscimenti e riuscì a sopravvivere grazie all’apporto economico di suo fratello Theo. Il fratello faceva il mercante d’Arte e cercò in ogni modo di stimolare l’attività artistica di Van Gogh. Affetto da un perenne stato di alterazione, a tratti anche violenta, dovuta alla malattia mentale, Van Gogh, ormai in preda a dei veri e propri deliri, si recise addirittura un orecchio. Questo episodio è diventato famoso in un dipinto che lo ritrae con tale orecchio fasciato. La  sua vita dedicata all’Arte lo ha condotto ad un’ irreversibile instabilità mentale, anche perchè alla sua preziosa arte non veniva mai riconosciuto il reale valore. Morì giovanissimo, a soli 37 anni. Oggi le sue opere hanno un valore inestimabile.

DINO CAMPANA

Dino Campana fu uno dei grandi protagonisti della poesia italiana del XX secolo. Fin da piccolo mostrò disturbi comportamentali che comunque non gli impedirono di seguire regolarmente i vari cicli scolastici. I suoi disturbi furono causati soprattutto da un difficile rapporto con la madre. Il poeta durante la sua giovinezza cercò di fuggire dal paese natio e dalla famiglia compiendo dei viaggi che lo condusse fino in Argentina. Questi viaggi non fecero altro però che aggravare la sua salute mentale. Malgrado tutto il grande poeta riuscì a lasciarci pregevoli opere, raccolte nei famosi “Canti orfici”.

MICHEL PETRUCCIANI

Michel Petrucciani è stato un grande pianista jazz di nazionalità francese. Era nato in una famiglia  appassionata di questo genere musicale, infatti il padre era un chitarrista jazz molto conosciuto in Francia. Michel nasce con una grave malformazione che limita il suo sviluppo fisico. Nonostante la disabilità fisica Petrucciani riesce a diventare un grande pianista e dimostra sempre, durante i concerti, una grande padronanza della tastiera. L’handicap fisico Michel lo ha considerato come un vantaggio perchè lo ha costretto a concentrarsi solo sulla musica.

GLENN GOULD

Glenn Gould fu un altro grande pianista. Assolutamente  geniali sono le sue interpretazioni delle opere di Bach. I suoi comportamenti eccentrici sono da riferirsi a delle anomalie a livello psichiatrico: il musicista soffriva, infatti, della sindrome di Asperger. Questa sindrome, a differenza dell’autismo a basso funzionamento, non contempla dei deficit cognitivi.Tanti individui Asperger, infatti, riescono ad emergere e ad avere successo, anche perchè steretipicamente ossessionati dai loro stessi interessi.

STEVIE WONDER

Stevie Wonder è un eccellente e famosissimo musicista americano, cieco dalla nascita. Durante gli anni settanta ha effettuato  delle interessanti sperimentazioni musicali molto originali, mentre negli anni novanta è diventato più commerciale e decisamente più popolare. Stevie ha ispirato molti musicisti contemporanei e i suoi brani, ancora attuali, sono diventati dei veri e propri cult.

JOHN NASH

John Nash è un famoso matematico che ha vinto il premio nobel per l’economia nel 1994. Attraverso i suoi studi di matematica è riuscito a proporre dei metodi che potevano migliorare l’economia mondiale. Nash ha sofferto per lungo tempo di una forma di schizofrenia che gli ha impedito di proseguire i suoi studi. Ha subito diversi ricoveri ospedalieri ed è riuscito solo in parte a guarire la sua schizofrenia grazie all’appoggio di sua moglie Alicia.

Concludo con una riflessione molto personale, quindi opinabile: non credo, come tutti, che, nel mondo reale, esistano o siano mai esistite due vite uguali, delle idee perfettamente sovrapponibili o opinioni completamente identiche, così come è acclarata l’ipotesi scientifica che non possano esistere due impronte uguali,  due capelli o  due pietre perfettamente speculari. Pertanto non è sicuramente l’omologazione indifferenziata, ispirata da una composta perfezione formale, la forza che muove le leggi della natura e del mondo, non è l’ostentazione di una efficienza inoppugnabile che genera l’armonia e la bellezza, non sono i percorsi accuratamente studiati e progettati quelli che enfatizzano i veri presupposti di un’autentica innovazione. La più vera e creativa forza universale è quella in grado di mettere in crisi l’ovvietà, in grado di avviare vibranti moti del cuore, di macerare la mente e l’anima: essa sa, infatti, riconosce il tormento e l’estasi, sa mescolare i più sublimi accordi della vita con le sofferenze più acute, le uniche leve umane capaci di sovvertire certe ipocrite finzioni chiamate esistenze, le più potenti energie catalizzatrici capaci di rappresentare l’identità costruttiva del più creativo agire dell’uomo, tra semplicità e contraddizioni…quella ineludibile,  preziosa, arricchente diversità che ci rende profondamente e irrimediabilmente umani e che ci permette di legarci indissolubilmente gli uni agli altri senza la necessità di inutili gerarchie basate sulle prestazioni e su fuorvianti chimere sostenute solo dalla sterile necessità di affermazione sociale di quello “status” di prestigio che spesso si dimostra insensibile e distratto verso le situazioni umane più precarie e verso le più ingiuste, dolorose e penalizzanti barriere mentali.

“Tutto questo parlare di uguaglianza. La sola cosa che le persone hanno davvero in comune è che dovranno tutti morire.”

Bob Dylan

Ricevi tutte le news

Francesco Noto

Cara professoressa, sono un collega ( in pensione ! ) e ho avuto modo di lavorare, durante la mia lunga carriera, con molti insegnanti di sostegno. Alcuni li ricordo per il grande amore col quale si rapportavano con gli alunni, altri per la grande professionalità nell’approcciare e risolvere situazioni molto problematiche, altri perché svolgevano la propria funzione come se fosse un lavoro come un altro. Con questi mi è capitato di litigare. Ho molto apprezzato il tuo scritto perché ho trovato in esso quella sintesi perfetta tra ” cuore e ragione ” della quale tu stessa parli. Ho amato anche la freschezza ( rasenti quasi la poesia quando scrivi dei fiocchi di neve! ) del tuo argomentare. Penso proprio che i tuoi alunni siano fortunati ad averti. BRAVA! BRAVA!

17 ottobre 2016 | 20:15 | Rispondi
salvatore

Gentile professoressa ho letto con grande interesse il suo scritto e lo condivido completamente. Nella nostra bella isola ancora dobbiamo combattere per la piena integrazione a livello scolastico nonché l’integrazione ed inclusione sociale delle persone con disabilità. Pur essendo il Garante della persona disabile in Sicilia una carica quasi invisibile , sono convinto che facendo rete si possa raggiungere un buon risultato. La ringrazio per la sua bellissima riflessione. Salvatore Porrovecchio

18 ottobre 2016 | 18:11 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale. Incendio sul Monte Caputo. Intervento dei vigili del fuoco

    Cultura

    Monreale, 17 agosto 2018 - Un principio d'incendio sul Monte Caputo è stato segnalato al centralino dei vigili del fuoco di Palermo. Le fiamme si sono sviluppate a Monreale, in via strada Vicinale San Martino, vicino ad alcune villette, qualche minuto prima della mezzanotte. Sul posto si sono reca..

    Continua a Leggere

  • Rita Borsellino: “solo” una donna, una mamma, una nonna che ha creduto in tanti di noi

    Cultura

    Scrivo queste righe mentre mi trovo al confine tra Georgia e Arzebajgian, in un monastero ortodosso che da secoli sopravvive qui nelle montagne. La preghiera di questi monaci, la loro fede così sconfinata, mi aiuta a pensare in questo momento a Rita Borsellino, giunta all’ultima tappa del suo cam..

    Continua a Leggere

  • Il Quartiere Pagliarelli scrive all’assessore Mattina: “Sostanziale incoerenza tra i valori che dice di possedere e la sua azione politica”

    Cultura

    Palermo, 16 agosto 2018 -In risposta alla lettera dell’Assessore Giuseppe Mattina del Comune di Palermo, pubblicata da altra testata giornalistica 

    Continua a Leggere

  • Venerdì i funerali di Rita Borsellino, oggi e domani la camera ardente

    Cultura

    La camera ardente per un ultimo saluto a Rita Borsellino è stata allestita presso la Casa della memoria operante del Centro studi Paolo Borsellino a partire da giovedì 16 agosto dalle 11.00 alle 20.00 e venerdì dalle 7.00 alle 9.00 (via Bernini n. 52 – Palermo).  <..

    Continua a Leggere

  • Ciammarita (Partinico). A ferragosto 4 extracomunitari vittima di un caso di razzismo

    Cultura

    Partinico, 16 agosto 2018 - Ennesimo caso di razzismo a Partinico. È stata presentata formale denuncia ai Carabinieri dai responsabili di una comunità di accoglienza de comune palermitano dopo che 4 giovani ospiti del centro sono rimasti vittima di un caso di maltrattamento, sembra a sfondo razzis..

    Continua a Leggere

  • Come si scrive il curriculum: consigli e suggerimenti

    Cultura

    16 agosto 2018 - Il curriculum, si sa, è il primo mezzo con cui ci si presenta a un'azienda per la quale si è interessati a lavorare: esso può essere paragonato a un biglietto da visita attraverso il quale viene raccontato il percorso di studi del candidato e viene descritta..

    Continua a Leggere

  • È morta a 73 anni Rita Borsellino. Sorella del giudice Paolo Borsellino

    Cultura

    È morta Rita Borsellino, 73 anni, la sorella del giudice Paolo Borsellino, ucciso nella strage di via D’Amelio il 19 luglio 1992. Rita Borsellino era malata da tempo e negli ultimi mesi le sue c..

    Continua a Leggere

  • Duomo di Monreale. Aperta ai visitatori la passeggiata sulla terrazza Settentrionale (LE IMMAGINI)

    Cultura

    [gallery ids="73629,73630,73631,73632,73633,73634,73635,73636,73637,73638,73639,73640,73641,73642,73643,73644,73645,73646"] Monreale, 15 agosto 2018 - Da lunedì 13 agosto i numerosi turisti a passeggio sul tetto della Cattedrale di Monreale potranno prolungare la camminata lungo una sezione fino..

    Continua a Leggere

  • Bisacquino, il 16 agosto arriva Generation of Talent

    Cultura

    Bisacquino, 14 agosto 2018 - La cornice è quella delle grandi occasioni, piazza Triona l’indomani del Ferragosto. Alle 21,30 i talenti che si esibiranno sono tra i più promettenti. Il presentatore è una garanzia, Antonio Pandolfo, attore, autore, cabarettista e regista. Il premio è tra i più ..

    Continua a Leggere

  • Acquapark di Monreale, i Carabinieri trovano 14 lavoratori in nero

    Cultura

    Monreale, 14 agosto 2018 - I carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Palermo hanno multato la società che gestisce l’Acquapark di Monreale perché su 30 dipendenti, 14 risultavano in nero. Tra loro anche un minorenne che sarebbe stato impiegato senza la prevista visita medica preventi..

    Continua a Leggere

  • L’ombra della mafia sul mercato ortofrutticolo di Palermo. Confiscati beni per 150 milioni di euro

    Cultura

    Nuovo colpo alla mafia a Palermo. Appena lo scorso venerdì gli uomini della dalla Dia di Palermo hanno messo a segno la maxi-confisca da 400 milioni di euro a carico dell’ex deputato regionale Giuseppe Acanto. .Oggi è toccato ai fratelli Angelo e Giuseppe Ingras..

    Continua a Leggere

  • Incastrati dal contenuto dei sacchetti: 10 multe per l’abbandono di rifiuti in via Aldo Moro

    Cultura

    Monreale, 13 agosto 2018 - Dieci multe per abbandono di rifiuti nel comune di Monreale verranno elevate dalla Polizia municipale. Sono quindi dieci i trasgressori che sono stati individuati dagli operatori della ditta Mirto che anche oggi si sono messi a rovistare tra i sacchetti abbandonati in via ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, 56 precari comunali rinnovano il contratto fino a fine anno

    Cultura

    Monreale, 13 agosto 2018 - I lavoratori precari del comune di Monreale ottengono la prosecuzione del contratto fino al 30 dicembre 2018. La notizia arriva in seguito al provvedimento adottato dalla giunta municipale guidata dal sindaco Piero Capizzi. Sono 56 i dipendenti beneficeranno dell rinnovo d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, amministrative 2019: giochi aperti nel centrodestra. Spuntano i primi nomi. E intanto la Lega si organizza

    Cultura

    Monreale, 13 agosto 2018 - A meno di un anno dalle consultazioni amministrative del 2019, che vedranno gli elettori monrealesi impegnati ad eleggere uomini e donne da portare al governo della città, dopo avere assistito ad un certo fermento politico prevalentemente all’interno dell’area di cent..

    Continua a Leggere

  • Il sindaco di Piana degli Albanesi in Kosovo, nominato Consigliere Politico del Primo Ministro

    Cultura

    [gallery ids="73511,73512,73513,73514"] Piana degli Albanesi, 13 agosto 2018 - Rosario Petta, il primo cittadino di Piana degli Albanesi, è stato nominato Consigliere Politico del Primo Ministro della Repubblica del Kosovo. 

    Continua a Leggere

  • Meteo, Ferragosto a rischio pioggia

    Cultura


  • Chiude l’Ecocentro. L’associazione Antiracket Liberi di Lavorare minaccia la Class action

    Cultura

    Monreale, 13 agosto 2018 - Quello che sta accadendo in questi giorni a Monreale credo possa configurarsi in una beffa ai cittadini per non definirla con un altro sinonimo equivalente. Mi riferisco al servizio di raccolta differenziata che si sta attuando in questi giorni nella nostra cittadina,..

    Continua a Leggere

  • Emergenza idrica, quattrocento milioni per efficienza dighe in Sicilia

    Cultura

    Oltre 400 milioni di euro per mettere in piena efficienza le dighe dell’Isola. Questo il piano di lavoro del governo regionale, concordato nel corso di un incontro tenutosi a Palermo tra il presidente della Regione Nello Musumeci e il dirigente generale della Direzione dighe del ministero delle In..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com