Diversamente abili: “Questa volta lotterò per avere i miei diritti”

Di seguito riportiamo la lettera di sfogo di Maria Antonella Serio mamma di un bambino di nove anni, diversamente abile che frequenta la scuola primaria Benedetto D’Acquisto a Pioppo

Pioppo, 13 ottobre 2016 – Non è bastata alle casse comunali, la sospensione del servizio di assistenza igienico sanitaria ai bambini diversamente abili che frequentano le scuole di Monreale, adesso a rischio anche il servizio di assistenza all’autonomia e comunicazione che per i diversamente abili rappresenta una figura di imprescindibile importanza. A quanto pare, a partire dal 20 Ottobre il servizio sarà interrotto.  A comunicarlo in via ufficiosa ad un genitore è stata la cooperativa Amanthea che presso il comune di Monreale svolge prestazioni di assistenza.

Di seguito riportiamo la lettera di sfogo di Maria Antonella Serio mamma di un bambino di nove anni, diversamente abile, che frequenta la scuola primaria Benedetto D’Acquisto a Pioppo. A lui e a tutti i bambini che convivono con la diversità, potrebbe essere negato un diritto fondamentale. Il diritto allo studio.

“Un po’ di tempo è passato, eppure, il senso di indignazione che provo oggi è certamente piu forte, di tanti anni fa, quando inesperta, ignorata, da tutti, decisi di chiedere aiuto ad un amico allora Consigliere Comunale, non potrò mai dimenticare le polemiche di allora, ricorderete tutti il famoso cancello, che spesso negli anni è stato mensionato, si parlava di abbattimento di barriere architettoniche. Tutti pronti a giudicare, ma nessuno ad aiutare, quando il problema non è tuo è facile puntare il dito, ma occorre vivere le situazioni, per poter mettere parola.

L’argomento in questione è la disabilità, certo una questione importante, ma che riguarda pochi, perchè per fortuna sono pochi i bambini diversamente abili che frequentano le nostre scuole, a pochi importa cosa significhi per i nostri figli e per i loro genitori, ogni giorno combattere contro il muro dell’indifferenza e dell’ignoranza. Certo tutto ciò cambia se siamo in periodo pre elettorale, allora li le cose si che cambiano, perche tutti sono gentili e attenti ai problemi, tutti sono sensibili, solo per apparire. Poco importa se vai a scuola e hai di fronte delle scale per accedere a scuola, oppure se hai il posto riservato per accompagnare il bambino, però è sempre occupato, o ancora se ti cambiano scuola per abbattere queste benedette barriere e poi ti trovi chi puntualmente posteggia davanti il cancello. Ogni giorno ingoi un rospo, e poi un altro, e poi un altro ancora, ma nessuno dice nulla, perchè ovviamente il problema non è loro.

Da settembre mi trovo nuovamente ad assistere a situazioni a dir poco spiacevoli, fino ad oggi sono quasi rimasta in silenzio ad attendere, ma adesso è arrivato il momento in cui non posso piu tacere, sono letteralmente stanca della situazione politica del Comune di Monreale, sono stanca dei teatrini di potere, di tutte le cose che non vanno. Il Comune da Settembre nonostante le rettifiche effettuate dalla Dirigente scolastica della scuola di Pioppo, ha tolto l’assistente igienico sanitaria ai nostri figli, appellandosi a cose assurde, nonostante diverse comunicazioni scritte, pur sapendo la gravita della situazione non ha ancora risposto alle nostre richieste.

Oggi mi arriva la comunicazione non ufficiale, che dal 20 ottobre sarà sospeso anche il servizio delle assistenti all’autonomia e comunicazione, figura essenziale per mio figlio ad oggi, perché il Comune non ha soldi, mi sta forse chiedendo di lasciare mio figlio a casa? Adesso in maniera anche io non ufficiale, comunico al Comune, e a chi lo rappresenta, che a noi non importa proprio nulla se non avete soldi, farete altri tagli, questo non è un nostro problema, sicuramente saprete come fare, di certo non toccherete i nostri figli, e il loro diritto allo studio. Non si possono assolutamente prendere decisioni del genere durante l’anno scolastico in corso, senza dare comunicazioni ai genitori spiegando i motivi che di certo non possono essere di carattere economico.

Invece di scrivere articoli botta e risposta sui consigli Comunali, sulle nomine degli Assessori, lavorate, perchè ben poco è servito far approvare un progetto già esistente, inerente il garante dei diversamente abili, e poi lavarsene le mani, questa per me rappresenta solo uno sfogo perchè di certo non finirà cosi, questa è la mia risposta non ufficiale alla comunicazione non ufficiale ricevuta oggi. Questa volta andrò dritta per la mia strada e lotterò per avere i miei diritti”.

10 Commenti
  1. Giacalone Sonia scrive

    Mi chiamo Sonia Giacalone e sono mamma di due bambine che vanno ancora alla scuola materna…sono piccole e vedono il loro mondo a colori. Sto cercando di insegnare loro il rispetto altrui e dico sempre di credere in loro stesse perché nulla deve fermare i loro sogni…perché è facile sognare se vivi “normalmente” la tua vita…ditemi voi, cari rappresentanti del nostro comune, come può una madre con un figlio “speciale” che non riesce a far tutto da solo, dirgli di sognare, se i primi voi, che dovreste garantire un futuro a quel bambino, vi tirate in dietro nascondendovi dietro un dito….credo che di sprechi di denaro ce ne siano sufficienza e avrete sicuramente dove andare a racimolare quei “fondi che vi mancano”. Lo studio è un diritto di tutti…di tutti!!!!! E non sarete di certo voi a porre dei limiti a questo bambino. Come monrealese…come donna…e soprattutto COME MADRE sono letteralmente indignata da questa istituzione…aprite le menti….e anche i portafogli!!! Per quanto mi riguarda, qualsiasi iniziativa verrà presa contro questa decisione, lotterò in prima linea, di fianco a queste mamme.

  2. danilo scrive

    È inammissibile che accada tutto ciò.Un bambino non può essere privato dell assistenza che gli spetta di diritto.
    Il comune di monreale inizi a tagliare le spese inutili…qualche cantante in meno di cui nn si sente l esigenza durante la festa del SS Crocifisso…oppure si decurtino gli stipendi e poi vedrete che i soldi si trovano.
    Cmq se ci sarà da lottare per una cosa che spetta di diritto…Ci saremo tutti

  3. Cangialosi claudia scrive

    Il comune e tutta la giunta dovrebbe camminare a testa bassa ma sarebbe comunque un privilegio visto che c’è chi non può neanche camminare . Mi sento rabbrividire al pensiero che in una scuola italiana si possa , per colpa di quattro burattini che si fingono politici ,sostituire il futuro di un bambino che ha diritto di studiare con 4 lampioni da cambiare e due marciapiedi da risanare. SIETE RIDICOLI! La signora fa bene a combattere per il diritto di suo figlio allo studio e sicuramente troverà molti suoi concittadini pronti a camminare fino al comune di Monreale , dritto difronte a codesti “uomini di potere” …. Claudia !

  4. Marika scrive

    Sono madre di una ragazza disabile, condivido e sostengo la Sig.ra Antonella Serio, una madre coraggiosa che lotta per quello che una politica sbagliata ed indifferente le ha tolto…il diritto allo studio per suo figlio. Sono indignata e schifata della politica Monreale ..tutti bravi a promettere e bravissimi a non fare nulla…la mia più totale solidarietà a questa Madre, a questa Donna che può insegnarvi cosa significa rispetto…#io sto con antonella serio.

  5. Loredana scrive

    Salve sono la Dott.sia Loredana Cortigiani, come Assistente All’autonomia e Comunicazione, condivido lo stato di vergogna della Signora Antonella Serio. Mi vergogno per voi di una simile iniziativa a svantaggio di bambini speciali, famiglie e operatori. Il benessere di un popolo si evince dalla civiltà che la politica dovrebbe avviare per i propri cittadini. Invece l’inciviltà, il degrado e lo stato d’abbandono oltre al disinteresse regna sovrano. Vergognatevi perché i diritti dei bambini non si toccano. Pensate meno a feste e teatrini politici e occupatevi delle problematiche dei minori disabili. Lascerete tanti operatori a casa che possono fare la differenza in termini di aiuto per dei bambini che ogni giorno lottano come guerrieri. Pensate che voi sarete la causa del peggioramento delle condizioni di vita di bambini e delle loro famiglie.

    1. CLAUDIA scrive

      Grande mamma….grande donna….grande amica!!! Cosa aggiungere alle parole di Maria Antonella Serio… Condividete ….commentate…taggate…..perché tutti devono essere al corrente di questo schifo….! …facciamo girare la realtà che si sta creando….il disagio, i diritti che si sbriciolano tra le mani dei bambini ,che già da anni seguiamo …. vergogna! Far partire un servizio e poi sostarlo perché non ci sono i fondi….ma non vi vergognate??? Parliamo di bambini che hanno bisogno di noi,bambini che vanno seguiti,bambini che devono frequentare l’ambiente scolastico come tutti…. non penso siate sulla buona strada….se i genitori volteranno il mondo io da “OPERATRICE IGIENICO ” vi dico anticipatamente che sarò con loro qualsiasi guerra abbia inizio….

  6. Rosa scrive

    Sono sconcertata e indignata, nel leggere una cosa del genere.
    Si parla tanto di uguaglianza e poi?
    I primi a fare discriminazione sono i così detti signori che stanno seduti comodi nelle loro poltrone, a decidere cosa poter eliminare per evitare lo spreco.
    I bambini tutti hanno diritto allo studio, a sognare e soprattutto a non sentirsi diversi per colpa di decisioni, che non hanno senso, che sono discriminanti.
    È vero quando non si vive una situazione si fa presto a dire.
    Eppure quando voi cari politici hanno bisogno sono tutti presenti VERGOGNA.
    Quando non c’è campagna elettorale dovreste essere presenti.
    Vi mancano i fondi? Ecco siate presenti davanti le scuole, a fare le multe per chi non rispetta le regole.
    Togliere i servizi è già grave, negare il diritto allo studio è la cosa più disumana e inconcepibile.

  7. CLAUDIA scrive

    Grande mamma….grande donna….grande amica!!! Cosa aggiungere alle parole di Maria Antonella Serio Condividete ….commentate…taggate…..perché tutti devono essere al corrente di questo schifo….! gente….facciamo girare la realtà che si sta creando….il disagio, i diritti che si sbriciolano tra le mani dei bambini ,che già da anni seguiamo …. vergogna! Far partire un servizio e poi sostarlo perché non ci sono i fondi….ma non vi vergognate??? Parliamo di bambini che hanno bisogno di noi,bambini che vanno seguiti,bambini che devono frequentare l’ambiente scolastico come tutti…. non penso siate sulla buona strada….se i genitori volteranno il mondo io da “OPERATRICE IGIENICO ” vi dico anticipatamente che sarò con loro qualsiasi guerra abbia inizio….

  8. CLAUDIA scrive

    Grande mamma….grande donna….grande amica!!! Cosa aggiungere alle parole di Maria Antonella Serio… Condividete ….commentate…taggate…..perché tutti devono essere al corrente di questo schifo….! …facciamo girare la realtà che si sta creando….il disagio, i diritti che si sbriciolano tra le mani dei bambini ,che già da anni seguiamo …. vergogna! Far partire un servizio e poi sostarlo perché non ci sono i fondi….ma non vi vergognate??? Parliamo di bambini che hanno bisogno di noi,bambini che vanno seguiti,bambini che devono frequentare l’ambiente scolastico come tutti…. non penso siate sulla buona strada….se i genitori volteranno il mondo io da “OPERATRICE IGIENICO ” vi dico anticipatamente che sarò con loro qualsiasi guerra abbia inizio….

  9. Vincenzo Mirto scrive

    È davvero uno schifo. Siamo davvero tutti indignati

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.