Oggi è 22/07/2019

ARTEria

I terremoti e le radici della vocazione solidale dello “sfincione”

Oggi in piazzetta Vaglica per gustare l’antipasto e sostenere la ricostruzione

Pubblicato il 18 settembre 2016

I terremoti e le radici della vocazione solidale dello “sfincione”
Il terremoto del Belìce in una foto d’archivio de L’Unità (da Internet)

I terremoti: quelli in senso figurato! Di questi ultimi Monreale sembra essere il crogiolo ideale. Si pensi alla crisi di Giunta avviata dal Sindaco con encomiabili intenti: azzerare tutto a metà percorso per elevare il profilo, arricchire i programmi e ripartire alla grande! E per assecondare con prontezza le intenzioni si è riunito il direttivo del PD, il partito cittadino che rappresenta (o dovrebbe rappresentare) la fetta più ampia della comunità. Le conclusioni sono state catastrofiche, un vero e proprio terremoto, in senso figurato, appunto. All’inverosimile ipotesi di designare nuovi assessori si è sommata la necessità di sostituire il segretario. Fazioni contrapposte per produrre il nulla; nell’impossibilità di dare nuova apparenza alla logica dei cerchi magici meglio temporeggiare, passeggiando sulle macerie materiali e non. Sulle macerie delle attività culturali avviate, allo sbaraglio, sui binari dell’incompetenza, dell’egocentrismo, dell’infondato sensazionalismo. Sulle macerie di un sistema commerciale che abbassa le saracinesche e ingaggia, a proprie spese, attrazioni notturne nell’illusorio tentativo di avviare il rilancio. Sulle macerie, non metaforiche, di una rete stradale insanabilmente “cariata” e fonte prolifica di incidenti e risarcimenti. Sulle macerie, anch’esse reali, della mancata manutenzione di qualsiasi cosa e della incapacità di rimediare se non mettendo i lucchetti ai cancelli, come al Belvedere e al Cimitero, penalizzando i cittadini, dai più piccoli ai trapassati. Si rincorrono in superficie, sospinti dal vento dell’impossibilità, i frammenti della grandezza maniacale farcita dalle promesse faraoniche e accompagnate dalle note vaganti di un inno cittadino che ha rantolato anziché vagire. Tutto come prima, anzi molto peggio. Ma chi, consapevole del disastro, si affanna in campagna elettorale per procacciarsi voti, dove pensa che stia andando?

C’è da ben sperare per le nuove generazioni, se qualcuno ha realmente pensato quello che ha scritto all’inizio dell’anno scolastico: “[…] A metà mattina i bambini hanno vissuto un’altra emozionante esperienza: la visita del Sindaco che, …”.

I terremoti: quelli veri! Oggi, tuttavia, è il caso di sorvolare… e con il preciso intento di sostenere una nobile iniziativa (indirizzata ai connazionali gravemente colpiti dall’ultimo disastroso evento sismico), ho riportato in superficie taluni ricordi di fatti accaduti a margine del disastroso terremoto verificatosi il 15 gennaio del 1968, a poche decine di chilometri dalla nostra città. Un breve racconto finora accuratamente occultato in attesa che le ipotesi di reato, che potrebbero scaturirne, risultino abbondantemente neutralizzate dalla prescrizione ormai adulta.

Il terremoto del Belìce in una foto d’archivio de L’Unità (da Internet)

Il terremoto del Belìce in una foto d’archivio de L’Unità (da Internet)

La radici della vocazione solidale dello “sfincione”. Erano da poco passate le ore 14 di domenica 14 Gennaio del 1968, quando Rosario, il garzone del bar-pizzeria, risalì dalla cantina, posta due piani più in basso, terrorizzato, pallidissimo, incapace di esprimersi e con in mano una sola bottiglia di birra. Soccorso dal titolare, il signor Mario, e dal barman-pizzaiolo, con un paio di bicchieri d’acqua da bere d’un fiato, finalmente, riuscì a raccontare del fragoroso tuono, del boato assordante che era all’origine della sua precipitosa fuga, in risalita, per le scale del locale. Fu il signor Mario, a quel punto, a percorre al contrario e alla stessa velocità quelle rampe, immaginando scenari post bellici. Bastarono pochi attimi per rasserenarsi, avendo constato che tutto era perfettamente in ordine. Caricata la cassa di birra  abbandonata in bilico sul primo gradino, dalla quale mancava l’unica bottiglia impugnata d’istinto da Rosario per difendersi dalla sonora aggressione, il signor Mario tornò nel locale. Continuò ad interrogarsi sull’incomprensibile comportamento del giovane dipendente, al quale, fino a sera, non fece mancare premurose attenzioni. Qualche ora più tardi, un avventore in procinto di pagare mise al corrente il signor Mario (in quei momenti distratto da un lieve capogiro) di quanto aveva poco prima appreso dai notiziari radiofonici: un terremoto di forte entità aveva colpito i paesi della non distante valle del Belìce, e già si contavano morti e feriti. La notizia allarmò non poco il titolare del bar, tanto che decise di anticipare la chiusura e rientrare a casa, nel paese vicino, per cercare conforto nel calore della famiglia.

I notiziari televisivi tracciavano frettolosi bilanci sul numero già accertato dei morti e su quello, molto più rilevante, dei feriti già affidati alle cure dei sanitari presso gli ospedali della Sicilia occidentale. L’ora tarda e l’affermazione che, dopo l’ultima violenta scossa delle 16,48, il fenomeno sismico sembrava essersi acquietato, invogliarono il signor Mario e i suoi familiari a distendersi sui propri giacigli nel tentativo di prendere sonno.

Il signor Mario saltò dal letto avendo nelle orecchie l’eco insistente di una sorta di esplosione, come quella raccontata nel pomeriggio da Rosario, e gli occhi puntati sulla vicina bacheca piena di oggetti e piccole statuine che, con una sorta di effetto domino, si distendevano, una dopo l’altra, sulle mensole di vetro che le sostenevano. Diede uno sguardo all’orologio che segnava le tre del mattino! Si rese conto che i suoi non erano capogiri e urlò: «È il terremotooo!!!». In un attimo l’intera famiglia gli fu intorno nella camera da letto al terzo piano e, senza discutere, la decisione fu corale: «Scappiamooo!!!». Avvolti ciascuno nel suo plaid, trascorsero la notte nella macchina parcheggiata, tra tante altre, sul margine destro della strada per Partinico, nel tratto rettilineo di contrada Renda. Chi possedeva l’autoradio faceva da megafono coinvolgendo gli altri nella definitiva certezza che, a poche decine di chilometri, era scoppiato il finimondo. Le prime luci dell’alba invogliarono i più a rientrare nelle proprie case. Il signor Mario, lungo il tragitto, fece mente locale ed elaborò il suo piano.

Il bar pizzeria, ubicato sulla statale che porta verso i luoghi del disastro, fu aperto e al personale, urgentemente convocato, fu data disposizione di avviare la macchina del caffè e il forno elettrico a più ripiani. La legna fu messa ad ardere nel forno della pizzeria e l’impastatrice accolse, ruotando, il primo sacco di farina, il lievito e l’acqua necessaria. Fu così avviata la consistente produzione di “sfincione”, senza precedenti in quel locale e mai più ripetuta negli anni successivi. Le prime teglie, appena sfornate, venivano svuotate del contenuto e riportate ad accogliere un nuovo strato di pasta da condire. I capaci vassoi, contenenti lo sfincione ancora caldo, venivano caricati uno sull’altro in macchina, nel cofano e sul sedile posteriore, e, raggiunto il pieno carico, portati verso le periferie del disastro, fin dove era possibile arrivare. Altri vassoi, di tanto in tanto, venivano riposti negli spazi disponibili di altri veicoli in transito. Gli occasionali “corrieri”, di ritorno, raccontavano al signor Mario dell’avida accoglienza riservata al suo sfincione dalle mani impolverate o ricoperte di fango dei numerosi e già stremati soccorritori: gli stessi abitanti dei luoghi colpiti, uomini dell’esercito, delle forze dell’ordine, pompieri e semplici volontari. Tanto bastò perché il signor Mario disponesse che la produzione dello sfincione non fosse interrotta se non a tarda sera, per essere riavviata l’indomani ed il giorno successivo ancora… L’azienda, in quei giorni, fu efficientissima, tutto funzionò perfettamente tranne la cassa che, per disposizione del titolare, non fu mai aperta. A nessuno il signor Mario consentì di pagare un solo caffè e non fu emesso un solo scontrino; senza ragionarci un attimo si era sottratto all’obbligo di pagare la “tassa sulla solidarietà”!

Tracce di affreschi tra i ruderi di Poggioreale, Agosto 2016 (foto di Flavio Messina)

Tracce di affreschi tra i ruderi di Poggioreale, Agosto 2016 (foto di Flavio Messina)

Lo “sfincione” per un mattone. Questo lo slogan dell’iniziativa che si svolgerà nelle prossime ore e per la quale, gli amici dell’Arci Link, mi hanno coinvolto al fine di realizzare la locandina. E proprio lo slogan mi ha indotto, naturalmente, a ripescare la storiella di cui è nobile protagonista il signor Mario (il cui nome è di fantasia), e trovare in essa le probabili radici dell’evento odierno e la certezza di poter affermare che nello sfincione è intrinseca la “vocazione solidale”.

La locandina realizzata da Sergio Mammina per “Lo sfincione per un mattone”

La locandina realizzata da Sergio Mammina per “Lo sfincione per un mattone

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    ARTEria

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..

    Continua a Leggere

  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    ARTEria

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..

    Continua a Leggere

  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    ARTEria

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..

    Continua a Leggere

  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    ARTEria

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    ARTEria

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    ARTEria

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    ARTEria

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    ARTEria

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    ARTEria

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    ARTEria

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    ARTEria

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    ARTEria

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    ARTEria

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    ARTEria

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    ARTEria

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    ARTEria

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    ARTEria

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    ARTEria

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere