Turismo, Monreale esclusa dai fondi dalla Regione mentre i commercianti si autotassano

Caputo:  “Una amministrazione isolata e priva di autorevolezza”

 

Monreale, 13 settembre – “Ancora una volta la Monreale nonostante la sua vocazione turistica, la bellezza dei monumenti e l’inserimento nei siti Unesco, è stata esclusa dai progetti finanziati dall’Assessorato Regionale al Turismo per la realizzazione in Sicilia di grandi eventi culturali, teatrali e musicali”. A dichiararlo è Salvino Caputo (Orgoglio Siciliano).

L’Assessorato al Turismo ha pubblicato in questi giorni il decreto che contiene i progetti finanziati ai sensi della circolare 15043 del 12 giugno 2015, che invitava i Comuni a presentare progetti da finanziare nei settori del Turismo; in seguito a tale provvedimento la Regione ha finanziato 119 progetti, anche beneficiando Comuni la stessa vocazione turistica di Monreale, ma che si sono premurati di presentare progetti ammissibili.

“Questa clamorosa esclusione – ha dichiarato Salvino Caputo – è l’ulteriore dimostrazione non soltanto della totale mancanza di programmazione da parte della attuale amministrazione comunale a tutti i livelli, ma è il segno della mancanza di autorevolezza e prestigio nei confronti della Regione, oltre al fatto che la Città di Monreale è priva di riferimenti politici ed istituzionali a livello regionale e nazionale”.

Caputo reputa assurdo che i commercianti si autotassino al fine di realizzare manifestazioni ed eventi per attirare turismo in città e dare slancio alle attività commerciali mentre l’amministrazione perde il finanziamento di importanti eventi che certamente avrebbero rilanciato Monreale.

“È un peccato – ha concluso Caputo – leggere di comuni che hanno ottenuto consistenti finanziamenti, pur non essendo a vocazione turistica, ma che invece hanno avuto la sensibilità e l’attenzione di predisporre progetti che poi sono risultati ammissibili. La verità è che mentre il Sindaco è imbrigliato in lotte intestine e non ha l’autorevolezza e la capacita’ di sganciarsi dalle logiche correntizie e di bottega, Monreale langue in condizioni di desolazione, isolamento ed abbandono”.

 

1 Commento
  1. Gaetano scrive

    Ora la palla passa alla magistratura. Aspettiamo tutti con ansia il risultato delle indagini al fine di restituire dignità ai lavoratori e trasparenza ai cittadini .

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.