Oggi è 18/01/2018

Chiesa

Santa Rosalia salvò Monreale dal terremoto e dalla peste

La giovane Santa sostò in una grotta nella contrada di Santa Rosalia. Oggi verrà celebrata la messa in suo onore

Pubblicato il 4 settembre 2016

Statua del '700 di Santa Rosalia
Santa Rosalia salvò Monreale dal terremoto e dalla peste

Mentre ogni anno Monreale giorno 11 febbraio festeggia San Castrense, patrono che mai conobbe la città, le testimonianze storiche in realtà raccontano che la patrona e protettrice era un donna: Santa Rosalia.

Mappa di un agrimensore del '600 in cui è segnata la cappella dedicata a Santa Rosalia

Mappa di un agrimensore del ‘600 in cui è segnata la cappella dedicata a Santa Rosalia

Il 21 maggio del 1626 l’Arcivescovo Venero insieme ad una moltitudine di popolo della città, alla porta di San Michele, tra gioia e commozione avevano ricevuto la reliquia (una parte di femore) della religiosa. Tra archi trionfali e fontane zampillanti la reliquia fu portata in cattedrale ed esposta. In seguito il pretore e i giurati di quegli anni stabilirono che due volte l’anno, il martedì dopo la Pentecoste e il 4 settembre, si doveva celebrare festa solenne in onore della Santa. In realtà gli eventi che diedero inizio al culto rosaliano a Monreale furono altri ed hanno radici lontane, ma la loro scarsa notorietà li ha portati nell’ombra. Nell’archivio storico diocesano, nella memoria storica degli anziani e in quella di qualche appassionato, sono custodite le testimonianze che raccontano la presenza e la storia della Santa nel luogo, ed è proprio nelle immagini del passato che si capisce come la zona più sacra al culto è stata sempre quella della contrada Buarra, quella che oggi è conosciuta come contrada Santa Rosalia.

Ma perché proprio quella contrada fuori dalla città porta il nome della Monaca? Sono due gli avvenimenti per cui il luogo venne scelto. Ritornando da Quisquina a Monte Pellegrino la Santa si rifugiò per circa quattro mesi in una grotta nella contrada di Buarra, in seguito prese il nome di Costa Rusulia, e secondo i racconti dei preti che si susseguirono dovrebbe essere adiacente all’attuale chiesa. Ed è proprio lì che in suo favore è sgorgata la sorgente “acqua della monaca” che detiene tuttora il nome. Così che quel posto divenne per la città il luogo più sacro al culto della Santa. Inoltre, in ricordo della liberazione della peste, esattamente nella zona in cui visse la monaca sorse una cappelletta rotonda con un altare ed un quadro in affresco raffigurante la Madonna, S. Castrense e S.Rosalia. Intorno al 1575 a causa dell’epidemia di peste che coinvolse il territorio di Monreale si decise di costruire un secondo lazzaretto fuori le mura, esattamente nella contrada di Buarra, scelto perché un sito molto arieggiato e salubre e pure a cagione di una pietosa fiducia alla Santa che lì si rifugiò. Fortunatamente il nuovo lazzaretto non venne usato, e in coincidenza nella cittadina arrivava voce del ritrovamento delle ossa di Santa Rosalia. Quel piccolo santuario lontano dal paese in aperta collina, ombreggiato dai carrubi e dagli ulivi dalla primavera all’autunno, cominciò ad attrarre a sé larghi drappelli di devoti che accorrevano a sciogliere voti e a fare preghiere.

Ma esiste un altro evento che lega Monreale al culto della Santa. Nel 1751 il Monte Caputo tremò fortemente e il popolo di Monreale non ebbe più pace, così l’arciprete don Alberto Greco Carlino invitò il popolo a recarsi in pellegrinaggio nella cappelletta sorgente nel vallone della Monaca per ricorrere al suo aiuto. Appena furono fuori dalla porta dello Spasimo don Carlino disse: “Io vi dico che quando avremo cominciato la fabbrica di un tempio più degno della nostra Protettrice, tremori non ne avremo oltre. E in segno che voi accettate la proposta, pigli ora ognuno di voi una pietra e mi segua”. Caricati ognuno di una pietra pregando si avviarono verso il vallone della monaca.

DSCN3956Nel tempo sorse, 1751, una grande e artistica chiesa dominante rivolta verso la città quasi a protezione, con un pregevole altare in marmo collocato in fondo allo abside, sotto una bellissima statua di marmo scolpita dal palermitano Ignazio Marabitti. Fedeli alla tradizione e al luogo in quel tempo, come avviene adesso al Santuario di Monte Pellegrino, ogni anno a settembre migliaia di devoti di tutte le età e condizioni accorrevano per esprimere alla Santuzza la loro profonda devozione godendosi la caratteristica festa campestre che si celebrava in suo onore. La testimonianza del passaggio della Santa, durante il suo viaggio verso il Pellegrino, è fornita dal dipinto su tela che sovrasta l’altare dell’attuale chiesa.

Mappa con pianta del Santuario di Monreale

Mappa con pianta del Santuario di Monreale

Una pianta della chiesa, custodita nell’Archivio Storico Diocesano di Monreale, segna la via Crucis del Carlino e mostra ben otto stazioni lungo via Venero, dove ancora oggi è possibile vedere qualcuna di queste cappellette prive però dell’affresco che le caratterizzava. La mappa riporta anche il cimitero pubblico, perché in devozione alla Santa nel 1877 al centro venne posizionata una statua opera dello scultore D’Amore che la rappresenta.

Traccia della venerazione della Santa si ha anche nella cattedrale di Monreale. Lo scrittore Cascini racconta: “C’era una mensola sostenente l’ottava trave ad oriente che portava il dipinto della monaca, avviluppata sino alla cintola da un mantello color cenere e di qua e di là due rose con lettere iniziali S.R.”. Anche il Mancusi lascia testimonianza del culto tributatole, raccontando che nel 1629 la terza trave della Nave della chiesa Cattedrale denunciava delle rovine e quando venne calata giù nella sua facciata si videro dei dipinti tra cui il busto di S. Rosalia vestita con abito monacale nero con una rosa alla mano sinistra e  con una ghirlanda di rose in testa. Non si conosce l’epoca nella quale sia stata dipinta la Santa nel Duomo, è probabile come scrive Gravina che fosse stata fatta in epoca vicina ai Normanni con i quali si crede avesse un parentado.

Contrada Santa Rosalia Monreale

Contrada Santa Rosalia Monreale

I monrealesi volsero sempre lo sguardo al colle nelle situazioni di calamità da cui furono provati nei secoli, come se da quella collina in mezzo al verde potesse giungere loro l’aiuto sperato. Storia o leggenda di certo non si sa, comunque sia andata tra culto e bellezza del paesaggio, la contrada di Santa Rosalia ha tutte le potenzialità per divenire nuovamente meta di pellegrini e ammiratori.

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, al via il Capizzi quater. Paola Naimi potrebbe a breve entrare in giunta

    Chiesa

    Monreale, 17 gennaio 2018 - Potrebbe nascere già domani il Capizzi quater. La città di Monreale, lo ricordiamo, è da prima di Natale priva dell’organo di governo, in seguito al passo indietro deciso dal Partito Democratico che ha ritirato i suoi due assessori, Nadia Battaglia e..

    Continua a Leggere

  • Reportage sui neomelodici e minacce a Meridionews. La solidarietà dell’Ordine dei Giornalisti

    Chiesa

    "L'Ordine dei giornalisti di Sicilia è vicino ai colleghi della testata online Meridionews di Catania, oggetto di violenti attacchi dopo la pubblicazione di un servizio sui cantanti neomelodici etnei". Lo dice l'Ordine in una nota. "


  • Alunni senza mensa scolastica. Il Comune di Partinico sospende il servizio

    Chiesa

    Partinico, 17 Gennaio 2018 - Non inizia nel migliore dei modi l’anno scolastico per le scuole di Partinico che hanno a disposizione il servizio mensa. Il Comune dal primo Gennaio ha sospeso il servizio di refezione per cinque istituti scolastici, la causa sarebbe legata alla manca..


  • “La dura memoria della Shoah”, il 25 gennaio la presentazione del libro a Casa Cultra

    Chiesa

    Monreale, 17 Gennaio 2018 - Un approccio nuovo alla storia della Shoah, costruito con anni di studi specifici e di esperienza didattica dedicata all’argomento. Un testo per le scuole, pensato per studenti e docenti, ma anche per tutti gli appassionati di Storia. Nonostante rappres..


  • Monreale, tragico incidente domestico. Una donna cade dalle scale e muore

    Chiesa

    Monreale, 17 gennaio 2018 - Sale le scale di casa, cade e muore. È accaduto a Monreale nel pomeriggio dello scorso 13 gennaio. La vittima è una signora monrealese, M. A. di 74 anni. La tragedia si è consumata in via Baronio Manfredi, all’interno della sua residenza. La signora, secondo quant..


  • Ruba l’insegna di Corleone, nei guai un turista tedesco. «Innamorato della città»

    Chiesa

    Corleone, 17 gennaio 2018 - Stava smontando l'insegna che riporta il nome della città di Corleone per portarlo a casa come souvenir. Ad essere stato colto con le mani nel sacco è stato un turista tedesco che, armato di di cacciavite, ha deciso di rubare la targa con la grossa scritta «Corleone»...


  • Via Esterna San Nicola in frana, intervengono i Vigili del Fuoco /FOTO

    Chiesa

    [gallery ids="49180,49181,49187,49188,49189,49190,49191,49192"] Monreale, 17 gennaio 2017 – Ancora nessun provvedimento è stato preso nei confronti di via Esterna San Nicola dove più di


  • Monreale, irregolarità nella depurazione delle acque. L’allarme di Legambiente

    Chiesa

    Monreale, 17 gennaio 2018- Sono 324 le irregolarità nella depurazione delle acque siciliane e 228 su 390 Comuni non depurano come si dovrebbe o non hanno ancora reti fognarie. L’allarme è stato lanciato da Legambiente Sicilia che ha studiato i dati pubblicati sul Portale dell’Acqua


  • Palermo, Parco Villa Filippina: dal Vintage al Carnevale tutti gli appuntamenti

    Chiesa

    Palermo, 17 Gennaio 2018 - Con il suo spettacolare portico Nasce Parco Villa Filippina, all’interno della storica villa monumentale al centro di Palermo. A due passi dal Tetro Massimo, il giardino della Villa settecentesca si estende per oltre 10.000 mq e si candida a Parco urbano, aprendosi alla ..


  • Musica dal vivo, recite, caccia di sport e visita al Museo mineralogico. Porte aperte all’Antonio Veneziano

    Chiesa

    Monreale, 17 Gennaio 2018 - Musica dal vivo, recite, caccia di sport, giochi al Pc e visita al Museo ..


  • Circolo di Cultura Italia. Burgio: “Offriamo un canone di 200 € al mese. In linea con gli altri affitti del comune”

    Chiesa

    Monreale, 17 gennaio 2018 - Duecento euro. E’ quanto offre l’associazione “Circolo di Cultura Italia” per il canone di affitto dei locali del comune di piazza Vittorio Emanuele, nel centro storico di Monreale. Una proposta per sanare il contenzioso apertosi con l’amministr..


  • Monreale, il Prof. Roberto Amato il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici

    Chiesa

    Monreale, 16 Gennaio 2018 -Il Prof. Roberto Maria Amato è il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici del Comune di Monreale, funzionario della Regione Siciliana con alle spalle una lunga esperienza lavorativa all'interno dell'ente. Nella Sala Rossa di città, alla presenza del sindaco P..


  • 750° anniversario dedicazione Cattedrale Monreale: il 27 gennaio una Giornata di Studi

    Chiesa

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - In occasione del 750° anniversario della Dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale, sabato 27 gennaio si terrà una Giornata di Studi presso il palazzo Arcivescovile della cittadina normanna. All'incontro formativo prenderà parte l’a..


  • Istituto Guglielmo II, aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2018-2019

    Chiesa

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - Prendono il via oggi le iscrizione per l'anno scolastico 2018-2019 nell'istituto comprensivo "Guglielmo II". Durante il periodo delle iscrizioni, che si conclude il 6 febbraio, sarà possibile visitare la struttura e chiedere chiarimenti ai docenti.  ..


  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Chiesa

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..


  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Chiesa

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..


  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..


  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale