Oggi è 24/03/2019

Cronaca

Esodo prof, basta bugie. Perché mancano le cattedre al Sud

L’esodo o l’esilio dei docenti potrà essere fermato quando avremo a che fare con un governo che ritorna a mettere in primo piano la questione istruzione al Sud

Pubblicato il 11 agosto 2016

Esodo prof, basta bugie. Perché mancano le cattedre al Sud

Palermo – Al ministero dell’Istruzione si offendono se lo chiami “esodo”Fabrizio Rondolino che con ogni probabilità non è mai emigrato per un posto di lavoro ha preso letteralmente per i fondelli le migliaia di docenti costretti a lasciare i figli per una cattedra al Nord. Il sottosegretario Davide Faraone, palermitano che dovrebbe ben conoscere il dramma di chi lascia la Sicilia non certo per un posto da parlamentare, ma per 1100 -1300 euro al mese, si è affrettato nei giorni scorsi con un post sulla sua pagina Facebook a “fare un po’ di chiarezza” sulla mobilità di maestri e professori: secondo i dati del sottosegretario che fa un bilancio tra “rientri” e “esiliati”, per quanto riguarda la scuola primaria, in Sicilia torneranno 1.100 docenti ma ne partiranno 800; in Puglia 600 riabbracceranno i parenti ma 550 dovranno far le valige per il Nord; in Campania la differenza tra gli uni e gli altri è solo di 200 persone e in Calabria 540 tornano a casa a fronte di 400 che emigrano. Una vittoria? Una sconfitta?

Di là della sterile e inutile polemica di un Rondolino (#Rondolinochi?) che ha usato come termine di paragone la tragedia dei migranti per vergognarsi di chi chiama deportazione quella dei docenti; di là dei bilanci fatti da Faraone, delle polemiche sull’algoritmo, di quelle sulla chiamata diretta e sulla gestione degli ambiti, mi sarei aspettato una riflessione in più: perché in Italia vi sono ancora così tanti docenti costretti a partire, ad andare a 1200 chilometri lontano da casa per poter svolgere il loro lavoro? Una risposta l’ha data uno che di scuola se ne intende sul serio, Andrea Gavosto, direttore della Fondazione “Giovanni Agnelli” sulle pagine di “La Repubblica”: la questione demografica. La popolazione scolastica aumenta al Nord mentre al Sud è in costante diminuzione. Il direttore aggiunge: “L’emigrazione degli insegnanti nei prossimi anni resterà un fenomeno largamente inevitabile”.

E qui mi permetto di dissentire con l’amico Gavosto: l’esodo o l’esilio dei docenti potrà essere fermato quando avremo a che fare con un governo che ritorna a mettere in primo piano la questione istruzione al Sud. Finora il ministero ha fatto il gioco delle tre carte con la riforma della 107 al posto di fare un serio investimento. Proviamo a guardare qualche dato. Il tempo pieno al Sud ancora non esiste: tra le prime dieci province più scoperte solo una (Aosta) è al Nord le altre sono al Sud (Ragusa, Trapani, Teramo, Reggio Calabria, Palermo, Agrigento, Campobasso, Catania, Frosinone). In Molise le percentuali di classi con il tempo pieno sono il 7,6%; in Sicilia l’8,1%; in Campania l’11,2% mentre in Lombardia, Toscana e Lazio si supera il 40% (dati “Atlante dell’infanzia”, Save The Children)

Altra questione: i bambini sotto i tre anni presi in carico dai servizi socio educativi per la prima infanzia sono inesistenti al Sud. In Calabria solo il 2,1%, in Campania il 2,6%. La situazione migliora in Sicilia dove si arriva al 5,5% ma sempre distanti dal 21,8% della Toscana, del 26,8% dell’Emilia Romagna. Senza parlare dell’abbandono scolastico che nonostante gli sforzi degli ultimi anni lascia ancora il Sud, in particolare Sicilia e Calabria, in uno stato di emergenza. A chi pontifica in questi giorni dalla poltrona di un Palazzo o da quella di una redazione basterebbe fare un giro in un quartiere come quello di Danisinni a Palermo per capire: “Qui quelli che arrivano alle superiori si contano sulle dita di una mano”, mi racconta fra Mauro, parroco del quartiere.

È chiaro che di fronte a questi dati abbiamo bisogno di invertire la tendenza, di un serio investimento nel tempo pieno, nei nidi, nella lotta alla dispersione scolastica che si fa solo con più risorse umane. Chi governa sa bene che tra qualche settimana chi è costretto ad abbandonare la propria terra si metterà il cuore in pace, accetterà questa situazione, userà strategicamente qualche giorno di malattia per restare con i propri cari quando li potrà raggiungere. Le polemiche passeranno come ogni anno ma la questione resterà aperta. Nessuno finora si è deciso a curare questo cancro prima che sia troppo tardi.

Ripreso dal Blog de Il Fatto Qutodiano

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Per Arcidiacono l’avversario da battere è Capizzi, il sindaco del dissesto

    Cronaca

    Monreale, 24 marzo 2019 - Capizzi è l’avversario da battere, Capizzi è il sindaco del dissesto. È questo il messaggio dato, ripreso, rimodulato in tutti modi, e che è effettivamente passato nel corso dell’apertura della campagna di Alberto Arcidiacono svoltasi ieri pomeriggio presso la Sala ..

    Continua a Leggere

  • 2° Step #granidiSicilia: le caratteristiche delle principali varietà di grano siciliano

    Cronaca

    Monreale, 22 marzo 2019 - Siamo giunti al secondo step del nostro viaggio tra i grani antichi di Sicilia. In questa fase cercheremo di approfondire le proprietà delle principali varietà di..


  • Confisca dei beni della famiglia di Riina, presente anche una villa a Mazara del Vallo

    Cronaca

    Corleone, 24 marzo 2019 - Si allunga la lista dei beni confiscati agli eredi di Totò Riina, l’ex capo di Cosa nostra deceduto il 17 novembre 2017. Come detto ieri in un

    Continua a Leggere

  • Da Monreale in Cina. Una pigna di Niccolò Giuliano donata da Musumeci al presidente cinese

    Cronaca

    Monreale, 24 marzo 2019 - Un pezzo di Monreale farà bella mostra di sé nella residenza del Presidente cinese Xi Jinping. Una pigna realizzata dal maestro Niccolò Giuliano è stata scelta dal presidente della regione siciliana, Nello Musumeci, tra i doni offerti al presidente in visita a P..

    Continua a Leggere

  • Aquino, caos davanti alla scuola Veneziano: serve un presidio

    Cronaca

    Monreale, 24 marzo 2019 -"Dopo avere preso atto personalmente e ascoltato lamentele e proteste di alcuni genitori di alunni e di collaboratori scolastici dell'I.C. Veneziano - plesso di Aquino, mi faccio portavoce al fine di richiedere, con ogni consentita urgenza, la presenza di un pre..

    Continua a Leggere

  • Via Salita Caputo, i residenti puliscono le aree abbandonate

    Cronaca

    [gallery ids="95646,95645,95644,95643,95642,95641,95640,95832,95833,95834,95835,95836,95838,95839"] Monreale, 24 marzo 2019 - I turisti che si recano a visitare il Santuario del SS. Crocifisso portano con sé, oltre la bellezza e la storia del luogo, il ricordo  dell'erba alta, dei rifiuti e..

    Continua a Leggere

  • Arcidiacono: “È l’alba di un giorno nuovo”. Tantissime le persone all’apertura della campagna elettorale

    Cronaca

    [gallery ids="95844,95845,95846,95847,95848,95849,95850,95851,95852,95853,95854,95855,95856,95858,95859,95860,95861,95862,95863,95864,95865,95866,95867,95868,95869"] Monreale, 23 marzo 2019 - Si è aperta ufficialmente questo pomeriggio la candidatura di Alberto Arcidiacono a sindaco del comune d..

    Continua a Leggere

  • Maenza si difende e presenta querela contro ignoti. Aiutò a sistemare la Villa comunale

    Cronaca

    Monreale, 23 marzo 2019 - "Il volontariato è un valore fondamentale per ogni comunità e non posso consentire che possa diventare argomento di scontro e di lotta politica o di contrapposizione. Ecco perché ho deciso di conferire mandato allo studio legale Caputo per presentare una querela contro i..

    Continua a Leggere

  • Oggi pomeriggio il candidato sindaco Alberto Arcidiacono si presenta agli elettori

    Cronaca

    Monreale, 20 marzo 2019 - Si terrà questo pomeriggio, alle ore 17,00, l’apertura della campagna elettorale di Alberto Arcidiacono, candidato sindaco di Monreale alle prossime amministrative del 28 aprile. Sono quattro i movimenti che hanno deciso di sostenere Arcidiacono. Diventerà Bellissima..

    Continua a Leggere

  • Mafia, confiscati beni per un milione e mezzo di euro agli eredi di Totò Riina

    Cronaca

    Corleone, 23 marzo 2019 - I militari del Ros e della compagnia carabinieri di Corleone hanno dato esecuzione a un decreto di confisca emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo dal Tribunale nei confronti del capo mafia Salvatore Riina e degli eredi Antonina Bagarella, Giuse..

    Continua a Leggere

  • Pulisce 50 metri di strada in cui abita, a qualcuno non va giù e sparpaglia i rifiuti

    Cronaca

    [gallery ids="95784,95783,95782,95781"] Monreale, 23 marzo 2019 - Perché aspettare che qualcuno faccia quello che potremmo fare noi? Perché aspettare sempre che siano gli altri a compiere il primo passo? Perché dobbiamo vivere in mezzo ai nostri rifiuti dando la colpa di quello che ci sta atto..

    Continua a Leggere

  • Giannetto: “Nessun tentativo dell’amministrazione Capizzi di avviare il tempo pieno”

    Cronaca

    Monreale, 23 marzo 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una nota inviata dal consigliere comunale Rosanna Giannetto, candidata di "Monreale bene comune" a sostegno del candidato sindaco Roberto Gambino, in occasione delle amministrative del 28 aprile. "Leggo con stupore


  • Europei Under 21, Davide Sbrighi testimonial con Andrea Pirlo

    Cronaca

    Monreale, 22 marzo 2019 - L’obiettivo sarà quello di promuovere e diffondere il rispetto, il tifo corretto e l’inclusione tra i giovani studenti. Il giovane monrealese


  • Pioppo, strisce pedonali assenti davanti alle scuole. La denuncia del candidato sindaco Benedetto Madonia

    Cronaca

    Pioppo, 22 marzo 2019 - La situazione è critica - afferma Benedetto Madonia, a capo del Movimento civico Occupiamoci di Monreale - molti attraversamenti pedonali nel territorio sono pericolosi, soprattutto nei pressi delle scuole". "Non ci occupiamo, in questo periodo, solo di campagna elettoral..


  • Licenziamento Russo, interviene Cracolici: “La Cgil ci ripensi, si coprirebbe di ridicolo se il provvedimento venisse censurato”

    Cronaca

    Monreale, 22 marzo 2019 -In seguito al servizio della trasmissione l’Arena Di Massimo Giletti, andato in onda su La7, Sandro Russo prima è stato sospeso e poi licenziato dal Caf Cgil in cui lavorava. Quel consiglio dato per ottenere il reddito di cittadinanza gli è costato oltre il lic..


  • Monreale, scuola a tempo pieno. Gambino: “Chiedo a Capizzi e Potenza un confronto pubblico con me e Giannetto”

    Cronaca

    Monreale, 22 marzo 2019 - "Affermare, come ha fatto Rosanna Giannetto, che nel t..


  • Bagheria. Arrestato Pietro Erco, autore dell’omicidio di Vincenzo Urso (VIDEO DELL’OPERAZIONE)

    Cronaca

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=ISxYhOAODtM&feature=youtu.be[/embed] Bagheria, 22 marzo 2019 - È stato arrestato Pietro Erco, un 56enne di origine napoletana, ma da anni residente a Trabia, con l'accusa di omicidio volontario premeditato, aggravato dall'uso delle armi e del metodo maf..


  • Presentato ieri il libro “Il Piccolino” di Dariush Baghi. Attuale storia di una famiglia che va avanti nonostante le incertezze del presente

    Cronaca

    Monreale, 23 marzo 2019 - Ieri, presso il Circolo di Cultura Italia, si è ..


  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com