Oggi è 17/12/2018

Cronaca

A chi importa degli insegnanti? Professionalità svilite e famiglie smembrate

Tre mesi di ferie, pretendono il posto sotto casa, apostrofati come “capre ignoranti” senza che nessuno batta ciglio o gridi allo scandalo

Pubblicato il 11 agosto 2016

A chi importa degli insegnanti? Professionalità svilite e famiglie smembrate

Monreale, 11 agosto 2016 – E l’America è lontana.

Il dramma è reale ma nessuno sembra accorgersene se non, come sempre, chi lo vive sulla propria pelle.

È estate.

Un’estate strana, dopotutto.

In cui si alternano giornate di afa ad acquazzoni improvvisi. Ma non è solo il clima ad essere caratterizzato dalle incertezze, quest’anno.

È anche il destino di quella categoria sempre più bistrattata e mortificata a livello politico e sociale: gli insegnanti. Già. Proprio loro.

Quelli che “hanno tre mesi di ferie, che pretendono il posto sotto casa, che un giornalista arrogante (Fabrizio Rondolino, ndr) può apostrofare come “capre ignoranti” senza che nessuno batta ciglio o gridi allo scandalo.

Che importa degli insegnanti? A chi importa di loro? In fondo “chi sono” o “cosa sono” per la società … ?

Hanno solo il dovere di educare i nostri figli, di sostituire lo sfacelo e la pseudo-educazione dilagante. Devono “solamente” istruirli, educarli al rispetto e alla civiltà, catturare la loro attenzione e motivarli…

Tutte cose che noi genitori, purtroppo e sempre più spesso, non siamo più in grado di fare.

Deleghiamo ma non giustifichiamo. Anzi.

Sviliamo e, nonostante tutto, pretendiamo.

Che i professori siano capaci. Motivati. Attenti. Disponibili. Preparati. E magari che abbiano anche un bel sorriso. E, grazie alla famigerata 107, probabilmente anche uno sguardo accattivante e una buona dose di avvenenza non guasterebbe.

Il tutto nel sacrosanto interesse dei discenti, sia chiaro. Per favorire la loro concentrazione. Per mantenere desta l’attenzione. E per il buon funzionamento della “Buona Scuola”.

Il resto? Poco conta.

Che un docente debba di punto in bianco fare le valigie e andare via non ha importanza.

E non stiamo parlando di “giovanotti” di belle speranze, pronti a scommettere sul loro futuro e a darsi all’avventura.

Stiamo parlando di gente che ha radici nel proprio paese. Uomini -ma donne, soprattutto – a cui si dà semplicemente un out-out: o vai o resti con un pugno di mosche in mano.

Per essere più precisi sradichi la tua famiglia e la trascini via con te, con tutte le incognite del caso e uno stipendio che a stento ti consente di arrivare a fine mese (e la casa comprata nel paese d’origine? Il mutuo ancora da pagare? E il lavoro del marito? E i genitori che rimarranno soli?) oppure rinunci al tuo lavoro per sempre. Anni di sacrifici in fumo.

Una vita da reinventare, insomma. Solo o con il tuo ristretto nucleo familiare.

Agevolazioni? Nessuna! Nada! Rien de rien come direbbero a Paris.

Spese non previste, di certo: una casa nuova, la babysitter per i figli più piccoli, voli aerei…

Ma tu sei solo il docente precario da una vita…

Ti hanno dato il posto fisso! Cos’altro pretendi? Forse fra 9/10 anni potrai tornare a casa… Forse.

Famiglie smembrate. Incognite…

Che importa? Sei solo un insegnante …

Una volta si inseguiva il sogno americano. Muniti a stento di una valigia di cartone, su un grande piroscafo, che ti portava dall’altra parte del mondo.

Ma era una scelta. Era un sacrificio ponderato. Oggi è il gioco della cabala o un algoritmo a decidere il futuro dei docenti italiani …

… E l’America è, davvero, un miraggio ancora troppo lontano…

Ricevi tutte le news

Giovanni Schimmenti

Nella vita non si può avere sempre tutto. Se pensiamo a quei giovani che cercano un lavoro da anni , ai padri di famiglia che continuano a essere disoccupati , però in cambio ricevono offerte di lavoro da 600 € al mese con orario spezzato. Hanno fatto bene le cosigliere elette alle quali spetta per diritto di essere vicino casa.
Cosa vogliamo di più . Cu è fissa si sta asocasa

11 agosto 2016 | 16:36 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Pubblicato il “calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico”, ma Monreale non è in lista

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - È stato reso pubblico il decreto, rilasciato dall'Assessorato Regionale al Turismo, con cui vengono calendarizzati gli eventi "di grande richiamo turistico". Si tratta di eventi eccellenti che vanno dalle feste di carnevale fino alle rappresentazioni classiche. Le ma..

    Continua a Leggere

  • Famiglie bisognose, mercoledì la distribuzione delle derrate alimentari in contrada Grotte- Favara

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Nella sede dell’associazione “Asfa Sicilia” (Associazione di sostegno alla famiglia) nella villa confiscata alla mafia in contrada Grotte Favara verranno distribuite delle derrate alimentari a favore delle famiglie bisognose del territorio comunale.  L..

    Continua a Leggere

  • Il coro della scuola P. Novelli si esibisce per gli anziani della casa di riposo Benedetto Balsamo

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina i bambini del coro della Direzione Didattica Pietro N..

    Continua a Leggere

  • Era conosciuto come Aldo il pittore. Accanto al corpo del clochard vegliava il suo gatto

    Cronaca

    Palermo, 17 dicembre 2018 - Aid Abdellah, conosciuto come Aldo, è il nome dell’uomo 56enne di origine musulmana che è stato freddato mentre dormiva sotto i portici di piazzale Ungheria. Il clochard è stato trovato agonizzante con una profonda ferita alla testa intorno alle 7,30. A lanciare l’..

    Continua a Leggere

  • Aquino, case popolari di nuovo senza acqua. Inutile l’intervento dei giorni scorsi

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Siamo di nuovo alle prese con le case popolari di via Santa Liberata..

    Continua a Leggere

  • Corsa contro il tempo. SOS cuccioli cercano casa

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina tre cuccioli sono stati trovati all'interno di una sc..

    Continua a Leggere

  • La Parrocchia di San Giuseppe al Malpasso inaugura il suo presepe

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Tra i tanti presepi che in questo periodo abbelliscono chiese e luoghi..

    Continua a Leggere

  • “Un uomo perbene”. A Piazzale Ungheria trovato il corpo senza vita di un senza tetto

    Cronaca

    Palermo, 17 dicembre 2018 - È stato trovato questa mattina senza vita, all’interno di piazzale Ungheria, a Palermo. A pancia sotto. Dalle prime notizie sembra che abbia un foro sulla testa. Intorno un cordolo di Carabinieri, che non permette a nessuno di avvicinarsi.  [gallery ids="8..

    Continua a Leggere

  • Lotta al randagismo, i volontari impegnati nel controllo del territorio. Zingales: “Accolte tutte le domande pervenute dalle associazioni”

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 -L’assegnazione dell’ex Centro Civico Villaggio Montano alle associazioni volontarie di Guardie Ambientali, la..

    Continua a Leggere

  • SRR Palermo Ovest. Domani convocati sindaci per nominare il CDA

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Ennesimo tentativo di andare avanti, e si spera di non assistere più all’ennesima fumata nera. Si terrà domani, martedì 18, in seconda convocazione, la riunione dei soci della SRR Palermo Ovest, chiamati ad eleggere il CDA dell’Ente. Le varie sedute hanno ripropos..

    Continua a Leggere

  • La scuola Morvillo inaugurerà il presepe vivente, un viaggio nei cinque continenti

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Mercoledì 19, alle ore 9, verrà inaugurato il presepe vivente dell..

    Continua a Leggere

  • 35 scuole, 800 studenti. Dagli studenti passa il contrasto al bullismo. La P. Novelli di Monreale capofila del progetto

    Cronaca

    [gallery ids="86312,86313,86314,86315,86316,86317,86318,86319,86320,86321,86322,86323,86324,86325,86326,86327,86328,86329,86330,86331,86332"] Castelvetrano, 16 dicembre 2018 - Ho giurato di non stare mai in silenzio, in qualunque luogo e in qualunque situazione in cui degli esseri umani siano..


  • Giuseppe Marfia, presunto boss di Altofonte, torna in libertà

    Cronaca

    Altofonte, 16 dicembre 2018 - È tornato in libertà Giuseppe Marfia, presunto boss mafioso di Altofonte condannato a 11 anni e 4 mesi di carcere, in seguito all'emissione di numerose condanne con capi d'accusa quali estorsione, detenzione di armi e droga, furto di bestiame, nonché un possibile ruo..


  • Palermo contro Livorno 1-1: una gara spigolosa

    Cronaca

    Palermo, 16 dicembre 2018 - Il Palermo nella sedicesima giornata fallisce la possibilità di allungare la marcia verso la promozione. Una gara spigolosa anche per il continuo cambio di modulo che questa volta non sortisce l’effetto sperato, nonostante il primato della classifica non v..


  • Incendio nel quartiere Pagliarelli. In fiamme i contenitori della spazzatura

    Cronaca

    [gallery ids="86278,86279,86280,86281,86282"] Palermo, 16 dicembre 2018 - Incendiati nelle prime ore di questa mattina un paio di contenitori presenti nel quartiere Pagliarelli. Le fiamme alimentate dalla spazzatura hanno preso forza facilmente. È ignota la natura del rogo.  Nel quartier..


  • Monreale. Consigli comunali disertati. Cantieri di lavoro a rischio

    Cronaca

    Monreale 16 dicembre 2018 - Rischiano di non venire avviati i cantieri di lavoro, che per alcuni mesi dovrebbero dare una boccata d’ossigeno ad una quarantina di disoccupati e alle loro famiglie. Ma che consentirebbero anche di rendere più fruibile una strada comunale, via SM22, e di sistemare i ..


  • Lo accoltella mentre dorme e poi chiama il 118. Omicidio nella notte a Falsomiele

    Cronaca

    Lo ha accoltellato più volte mentre dormiva. Salvatrice Spataro di 45 anni poco prima di chiamare il 118 aveva ucciso il marito Pietro Ferrera. I due litigavano spesso e il clima in casa non era dei migliori. Tanto che i figli piccoli dormivano in casa della nonna. Il delitto è stato commesso..


  • Ingrassia: un chirurgo in congedo, uno in pensione e chiude Ortopedia

    Cronaca

    Palermo, 15 dicembre 2018 - Da ieri l'ospedale Ingrassia ha visto chiudere il reparto di Ortopedia. Non sarà possibile effettuare ricoveri e interventi fino al mese di gennaio. La causa della decisione, presa dal direttore sanitario dell'ASP Salvatore Russo, è da ricercare nel pensionamento e n..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com